Amato: “Il nostro Dio non si offende per una vignetta”

“Noi siamo abituati a un Dio che non si offende se appare in qualche vignetta”. Lo dice nell’Aula del Senato il ministro dell’Interno, Giuliano Amato, nel suo intervento sulle mozioni dopo gli attacchi a Benedetto XVI per il discorso di Ratisbona. “Con alcuni miei amici islamici ho mostrato una vignetta che ho trovato divertente. Nella vignetta -dice Amato- vi e’ un triangolo che rappresenta il nostro Dio e che dice “che cosa mai mi e’ venuto in mente quando ho inventato le religioni”. Io l’ho trovato molto divertente, ma capisco che per altri sia un modo irriverente di trattare la divinita’. Ma non accetto che questo possa scatenare moti violenti che mettono in pericolo la incolumita’ delle persone”.

Lancio AGI