Archivi Giornalieri: giovedì, dicembre 21, 2006

Comunicato stampa UAAR sulla morte di Piergiorgio Welby

L’Unione degli Atei e degli Agnostici Razionalisti ricorda Piergiorgio Welby e le sue ultime battaglie: battaglie combattute sul suo corpo per difendere la dignità della vita umana e il diritto dei malati gravi a scegliere l’eutanasia. La morte di Piergiorgio Welby non ci ha colto inattesi. Dopo tre mesi di richieste ai giudici e di pronunciamenti contrari, ma soprattutto dopo anni di sofferenze vissute vegetando nel suo letto attaccato a un respiratore artificiale, Welby ha finalmente ottenuto il rispetto delle… Leggi tutto »

La morte di Welby: vasta eco in tutto il mondo

La notizia della morte di Piergiorgio Welby è sulle home page dei siti giornalistici di tutto il mondo. In particolare segnaliamo il New York Times, Le Monde, El País. L’audio della conferenza stampa con il medico, la sorella di Welby e i dirigenti radicali che hanno aiutato Welby a morire è disponibile sul sito dell’associazione Luca Coscioni.

Nuova sezione sul sito UAAR: ‘Etica’

È stata pubblicata sul sito UAAR una nuova sezione: ‘Etica‘. Lo scopo è di dare voce a chi vive serenamente senza seguire alcuna morale religiosa: e ciononostante non è affatto più ‘immorale’, come vorrebbe invece un luogo comune che sta pericolosamente prendendo piede. Proprio per questo motivo è stato pubblicato anche un confronto tra la morale cattolica e l’etica non religiosa: è un primo tentativo ed è senz’altro migliorabile. Ogni contributo sarà ben accetto.

Laicità allo sbando

Secondo un sondaggio svoltosi tra i lettori di ‘Repubblica’, il 71,7% dà ragione al ministro Fioroni, che ha chiesto che nella aule non scompaiano i simboli natalizi, poiché “i valori del Natale sono universali e non offendono le altri fedi religiose”. Solo il 28,3% ha risposto che “la scuola pubblica è laica: sarebbe meglio non ostentare simboli religiosi”. Risultato agghiacciante, poiché il campione era ristretto ai lettori di un giornale laico. Ormai non si tratta nemmeno più di battersi per… Leggi tutto »

Eutanasia clandestina: il parlamento ha detto no all’indagine conoscitiva

Il Parlamento non procedera’ ad una indagine conoscitiva sull’eutanasia clandestina ma ad una serie di audizioni ad esperti, medici, associazioni dei malati per affrontare tutte le tematiche legate ai temi dell’accanimento terapeutico e delle cure nella fase terminale della vita. La decisione e’ stata annunciata dal presidente della Commissione Affari sociali della Camera, Domenico Luca’ al termine dell’ufficio di presidenza delle Commissioni Affari sociali e Giustizia intergrate dai rappresentanti dei gruppi parlamentari. Fonte: Alice News Ora hanno sottomano un caso… Leggi tutto »

Gli auguri di D’Agostino a Welby

Nel giorno della morte di Piergiorgio Welby, su “Avvenire” è sttao pubblicato un articolo dell’ex presidente del Comitato Nazionale di Bioetica, Francesco D’Agostino. Leggerlo ora, a mio modo di vedere, getta ancor più nel ridicolo una persona che, molto semplicemente, *non* è in grado di capire. E probabilmente non lo sarà mai. Che cosa veramente “vuole” Piergiorgio Welby? Intendo: cosa vuole lui, proprio lui, Welby (e non l’associazione che egli presiede o la parte politica che lo annovera tra i… Leggi tutto »

Vera Pegna su Welby e laicità

Il Manifesto di ieri ha pubblicato un articolo di Vera Pegna, rappresentante federazione umanista europea presso l’Osce. Nonostante lo sviluppo odierno in merito a Welby, ci sembra interessante pubblicarne almeno l’inizio. Un concetto quasi del tutto assente nel dibattito che riguarda la richiesta di Piergiorgio Welby di porre fine alla propria vita di intollerabili sofferenze è quello della laicità dello stato. Eppure se la richiesta di Piergiorgio Welby non viene accolta è perché la nostre legge in materia di eutanasia, lungi… Leggi tutto »

Calderoli: in Italia siamo quasi all’ateismo di Stato

Roberto Calderoli, cosa c’è secondo lei dietro questo assurdo attacco ai presepi? «Bisogna distinguere. Da una parte, infatti, c’è chi vorrebbe l’eliminazione dei presepi in nome di un presunto rispetto delle altre religioni. Nel caso di quanto accaduto ieri alla Camera, invece, siamo in presenza di un vero e proprio attacco alla famiglia tradizionale che peraltro testimonia quanto sia falsa la lotta per i Pacs di quelli che affermano di volere soltanto il riconoscimento dei diritti delle coppie di fatto… Leggi tutto »