Vera Pegna su Welby e laicità

Il Manifesto di ieri ha pubblicato un articolo di Vera Pegna, rappresentante federazione umanista europea presso l’Osce. Nonostante lo sviluppo odierno in merito a Welby, ci sembra interessante pubblicarne almeno l’inizio.

Un concetto quasi del tutto assente nel dibattito che riguarda la richiesta di Piergiorgio Welby di porre fine alla propria vita di intollerabili sofferenze è quello della laicità dello stato. Eppure se la richiesta di Piergiorgio Welby non viene accolta è perché la nostre legge in materia di eutanasia, lungi dall’essere laica, è basata su pregiudiziali di carattere religioso. Così come lo sono le attuali insulse elucubrazioni sulla famiglia e le coppie di fatto, persino in materia di successione. Nel caso di Welby basta chiedersi a chi appartenga la vita di ciascuno di noi, se a noi stessi o allo stato e che cosa significhi la libertà di coscienza sancita dalla nostra Costituzione per capire che la nostra legge conculca la libertà di coscienza di chi è perfettamente in grado di intendere e di volere. Purtroppo non credo che le posizioni accomodanti dei nostri politici verso le gerarchie vaticane siano interamente dettate da opportunismo. Temo siano il frutto di una cultura intrisa di confessionalismo che non discerne il primo dei diritti umani che è la libertà di decidere della propria vita da un’inconsapevole subalternità ideologica ai precetti della dottrina morale cattolica. In questo senso le dichiarazioni rilasciate dal Presidente della repubblica in queste ultime settimane sono emblematiche, ma non sorprendenti. Non sorprendenti dato che Giorgio Napolitano ha fatto parte della Convenzione dell’Unione europea che ha redatto la bozza del trattato costituzionale europeo la quale tace sul principio della laicità delle istituzioni e riconosce alle chiese un ruolo istituzionale. E Benedetto XVI giustamente se ne rallegrò. Non sorprendenti poiché Napolitano si rivolge al Papa chiamandolo «Santità», appellativo nient’affatto protocollare e tanto meno laico che denota particolare riverenza e soggezione. […]

Testo integrale sul sito del Manifesto

2 commenti

Giuseppe Murante

..e speriamo che i compagni del manifesto ne traggano spunto per una maggiore e piu’ puntuale attenzione ai temi della laicita’ dello stato e dei diritti dei non credenti……

tadeo

compagni lasciati in pace le statuine con la pornostar Moana Pozzi, non cambia niente, non fa ridere, fa piangere ilritardo mentale di………

Commenti chiusi.