Libertà religiosa: lancio ANSA su audizione UAAR

Funerali civili dignitosi con adeguate ”sale del commiato”, non imposizione dei funerali religiosi nel caso di funerali di Stato, ora di religione alternativa a quella cattolica, che abbia le stesse ”opportunita”’ di questa e esprima anche le posizioni di atei e agnostici. Queste le proposto della Unione degli atei e degli agnostici razionalisti italiani, davanti alla commissione affari costituzionali della Camera nell’ambito della discussione della legge sulla liberta’ religiosa Spini-Boato. Le proposte sono state illustrate alla comissione dal segretario dell’Uaar, Giorgio Villella, durante una audizione che Villella definisce ”molto importante” e ”decisamente costruttiva”: ”doveva durare mezz’ora – ha commentato con soddisfazione Villella – e invece si e’ protratta per due ore”. Circa i funerali Villella ha sottolineato la necessita’ di spazi dignitosi, dove l’addio possa avvenire in modo significativo”. Riguardo invece all’ora di religione, ha rimarcato il fatto che ”attualmente l’ora di religione cattolica e’ garantita dalla Stato ed e’ tutta sulle sue spalle, quella alternativa invece e’ sulle spalle della scuola, e spesso non si riesce a darle una consistenza effettiva”. Sul matrimonio non religioso, ha osservato che ”i matrimoni civili ormai non sono piu’ un problema, pero’ la Chiesa vuole imporre il suo modello quando la maggioranza delle coppie non si sposa neppure in chiesa”. Villella, che davanti ai parlamentari presenti all’audizione (”pochi, ma molto attenti e partecipi”, ha commentato) ha anche sollevato il problema di un riconoscimento esplicito a livello di legge fondamentale delle associazioni atee (ha portato l’esempio della Costituzione tedesca), ha insistito sul riconoscimento sociale degli atei: ”se neppure ci nominano – ha detto – sembra che non ci siamo”.

Lancio ANSA