Verona: il circolo UAAR contesta un contributo della giunta provinciale

LETTERA APERTA AI CONSIGLIERI PROVINCIALI

Richiamiamo la vostra attenzione sulla delibera della Giunta provinciale n.162 del 23/8/2007 nella parte in cui ha deciso di erogare un contributo straordinario di 10.000 euro all’Associazione turistico culturale “Scoprendo l’Italia” di San Severino Marche (Macerata).

Non ci è dato sapere attraverso quali percorsi carsici detta associazione sia entrata in rapporto con un qualche componente la Giunta. Non sappiamo neppure se un qualche componente della Giunta abbia dato un’occhiata al sito internet dell’associazione per conoscere di che cosa si trattasse. Dal sito dell’associazione si apprende che essa è stata fondata due anni fa da cinque signori: una coppia cilena residente a San Severino Marche, un altro signore del medesimo comune, una signora cilena residente a Padova, casalinga, ed una signora di Porto San Giorgio. I cinque soci hanno sborsato la quota associativa di 100 euro, costituendo il capitale sociale di 500 euro. Con queste modeste risorse, si legge nel sito, “L’Associazione Turistica Culturale Sportiva Scoprendo l’Italia nasce con l’intento di far conoscere questa stupenda nazione all’ Eccellentissimo Corpo Diplomatico accreditato presso la Santa Sede”. Encomiabile scopo per i tre cileni ed i due italiani, se lo facessero con le modeste risorse dell’associazione.

Lo scopo dell’associazione non ha nulla a che vedere con le condizioni previste dall’articolo 10, comma 2, del regolamento provinciale che disciplina l’erogazione di contributi straordinari: 1) interventi umanitari e solidaristici a favore di comunità in condizioni di particolare bisogno (e detta associazione non è sicuramente una comunità); 2) iniziative straordinarie, di particolare rilievo, ecc. L’iniziativa per la quale l’associazione ha chiesto i soldi della provincia dovrebbe essere di carattere ordinario per la finalità dell’associazione stessa.

Nel sito dell’associazione, nella sezione “prossimi eventi” si legge: “GIUGNO/LUGLIO 2007: Da Sabato 30 a Lunedì 2, Viaggio Culturale nella Città di Verona per assistere nella celebre Arena, alla Boheme di Giacomo Puccini ed alla Aida di Giuseppe Verdi.” All’epoca della programmazione, non era nota la data dell’insediamento del vescovo Zenti. Il viaggio è stato organizzato per altri motivi. I viaggi dell’associazione Scoprendo l’Italia sono a pagamento, come si può vedere dal modulo di prenotazione collocato nel sito.

La Giunta provinciale e l’Assessore proponente hanno dimostrato una scarsa diligenza e sono caduti in un madornale errore nel motivare il contributo di 10.000 euro all’associazione Scoprendo l’Italia di San Severino Marche: “Visita del corpo diplomatico accreditato presso la santa sede in occasione dell’ingresso del nuovo vescovo di Verona.” Si trattava di un normale viaggio turistico, pur non essendo l’associazione promotrice una agenzia di viaggio e ciò lascia ancora più perplessi. Un viaggio con due pullman ed un’automobile.

Il funzionario responsabile del servizio ha espresso parere contrario sulla legittimità del contributo. L’istanza dell’associazione sarebbe addirittura inammissibile. L’associazione non ha chiesto un contributo, bensì che la Provincia provveda direttamente al pagamento del conto dell’albergo. Siamo al di fuori delle competenze dell’Ente. “Si evidenzia l’assenza della progettazione di un evento o di un’iniziativa. Infatti, l’investitura del nuovo vescovo non è certamente ad iniziativa dell’associazione richiedente.”

Pertanto, si chiede ai Consiglieri di trovare il modo di bloccare l’esecuzione della delibera. Qualora l’esecuzione sia già avvenuta, si chiede ai Consiglieri di attivarsi perché i membri della Giunta rimborsino l’Ente di tasca propria. Crediamo che alimentare l’antipolitica con questi provvedimenti sia sempre un errore. Un minimo di correttezza istituzionale comporterebbe le dimissioni dell’assessore competente.

Circolo UAAR di Verona

Archiviato in: Senza categoria

5 commenti

dv64

Da non crederci, poi i veneti si lamentano di non ricevere dallo stato in proporzione a quanto versano. Se la destinazione delle risorse è poi questa…

claudio

fossero solo i veneti, questi hanno ramificato in ogni luogo, pure nella cara umbria, notoriamente di sinistra.

Commenti chiusi.