Mesic in guerra con la Chiesa

Sempre più vicina la data delle elezioni politiche in Croazia. La campagna elettorale si colora con il conflitto aperto tra il presidente della repubblica, Stjepan Mesic, e i vertici della Chiesa cattolica, sospettati di favorire il partito di governo, HDZ
Il presidente croato Stjepan Mesic è entrato in un forte conflitto con la Chiesa cattolica croata, dicendosi contrario all’impegno da quest’ultima assunto nella campagna elettorale per le politiche del prossimo 25 novembre. Mesic, in quanto capo supremo delle forze armate, ha persino minacciato di impedire al vescovo Juraj Jezerinac, ordinario militare, di entrare negli stabilimenti dell’esercito croato se dovesse continuare con le sue prediche ad essere favorevole a certe opzioni politiche. Gli editorialisti della stampa concordano sul fatto che Jezerinac con le sue uscite ha favorito in modo aperto l’Unione democratica croata (HDZ), il partito dell’attuale premier Sanader.
“Finché il vescovo Juraj Jezerinac coprirà la funzione di ordinario militare, io non posso destituirlo, ma se dovesse continuare a immischiarsi nella campagna elettorale, a prescindere da chi appoggia, posso impedirgli di entrare negli edifici militari e sarà meglio che non mi costringa a fare una mossa del genere”, ha detto Mesic in modo risoluto.
Il vescovo Juraj Jezerinac durante la messa del 4 novembre nella chiesa della Madonna di Fatima a Belaj, vicino a Karlovac, nella Croazia centrale, ha detto che “le promesse di alcuni partiti sono sataniche”. “Fratelli e sorelle, siamo in campagna elettorale. Si sentono le vecchie promesse che ci offrono il paradiso in terra senza Dio. Alcuni, con la loro macchina di propaganda, ci promettono che se dovessero arrivare al governo non ci sarà più il catechismo nelle scuole. Daranno più libertà ai giovani e alle leggi che ci libereranno dalla droga. Non siamo ancora così ingenui e il nostro mondo non è così imbecille per non sapere da dove arriva e dove porta tutto ciò”, ha detto Jezerinac, e anche se non ha spiegato a che partito si riferisce, i credenti, secondo quello che hanno scritto i media, hanno capito che si riferiva al SDP, il Partito social democratico, principale avversario del HDZ alle elezioni. […]

L’articolo completo è raggiungibile sul sito osservatoriobalcani.org 

Archiviato in: Generale