Nessun aiuto Ue per Hirsi Ali

E’ scappata negli Stati Uniti nel 2006, e lì vuole restare. A Washington si sente protetta, in Europa ha paura di morire. Teme ritorsioni da parte del mondo islamico, un mondo a cui si è sempre opposta, a cui si sente legata solo per il colore della sua pelle. Ayaan Hirsi Ali, nata a Mogadiscio 38 anni fa, è scappata dalla Somalia da giovanissima per fuggire in Olanda, dove ha costruito con passione la sua carriera politica nell’ambito dell’impegno a favore dei diritt umani, in particolare delle donne.
In seguito alla morte di Theo Van Gogh, regista del cortometraggio «Submission» di cui lei stessa scrisse il testo, la deputata olandese ha iniziato a temere per la sua stessa vita e si è trasferita negli Stati Uniti. La scorta che la seguiva dal 2004 le viene negata nel 2007, quando l’Aja decide di destinare le forze armate soltanto ai residenti sul suolo nazionale.
Hirsi Ali sperava che l’Europa le venisse incontro. Con il sostegno dell’europarlamentare socialista francese, Benoit Hamon, l’ex deputata aveva fatto appello all’Unione europea perchè finanziasse la sua protezione. «Non voglio morire, amo la vita», aveva dichiarato nel corso di un accorato appello al Parlamento europeo, in seguito al quale aveva ricevuto anche l’appoggio del sottosegretario francese ai diritti umani, Rama Yade.
Ma gli eurodeputati europei che si sono spesi per la sua causa e firmato l’appello sono stati solo 144, troppo pochi: sarebbero servite almeno 350 firme. «Su questa vicenda si è confusa la difesa dell’Islam con la libertà d’espressione», ha lamentato Hamon nel commentare il fallimento del tentativo. «Dopo aver proclamato solennemente la carta dei diritti fondamentali, l’Europa deve intervenire» ha dichiarato l’eurodepuatato, perchè «non è accettabile che Hirsi Ali venga minacciata di morte».
Temendo di non riuscire a ottenere le firme necessarie, lo scorso febbraio Hamon propose una soluzione alternativa al finanziamento diretto: «lanciare un’azione pilota, volta a proteggere anche altri cittadini europei minacciati per ciò che hanno detto». L’iniziativa avrebbe potuto essere finanziata da uno speciale pacchetto di 50 milioni di euro a disposizione del Parlamento europeo, che venne utilizzato già nel 2004 per sostenere le vittime dell’ attentato di Madrid, ma anche questo tentativo non è decollato.

Fonte: laStampa.it

Archiviato in: Senza categoria

22 commenti

Andrea Ortale

Speriamo che qualche iniziativa vada in porto… io continuo a dare il mio contributo mensile ad un fondo che contribuisce a pagare la sua scorta.

davide

Finchè l’Europa non prende in modo unanime la scelta di richiamarsi a quei valori che l’hanno resa tale, che discendono dal pensiero illuminista e dalla lotta per la libertà e l’autodeterminazione dei popoli non potrà mai avere quel ruolo internazionale per cui è nata. Sarà solo un soggetto economico, ma non politico- culturale

Asatan

Già l’Europa deve scegliere se divenire un’entità politica matura e laica oppure seguire l’esempio dei suoi stati membri più retrogradie scivolare in un secondo medioevo.

davide

ad Asatan
Con quanto avevo detto intendevo non solo riguardo alle ipotetiche radici giudaico-cristiane, ma anche il mettere i diritti umani al di sopra degli aspetti economici (per esempio non cedere quando la Cina minaccia ritorsioni riguardo al dalai lama a Bruxelles)

Silvio

Gli eurodeputati sono maestri nello sperpero di denaro pubblico, almeno stavolta qualcuno ha mostrato un minimo di buon senso: con i miei soldi non verranno pagati poliziotti europei in trasferta in USA (alberghi, voli, stipendi) per scortare questa adorabile signorina nei suoi tour per promuovere i suoi libri!

A chi non piace pagare per la scorta per Magdi Allam (incluso il sottoscritto), per coerenza faccia lo stesso discorso per questa ex-musulmana che ha perso la fede alla tenera età di 33 anni (nonstante si trovasse da parecchi anni in Olanda)

davide

@ Silvio
dove ha costruito con passione la sua carriera politica nell’ambito dell’impegno a favore dei diritti umani, in particolare delle donne.
Non prendertela ma il ragionamento che hai fatto sembra tanto simile a quelli di un tuo illustre omonimo che corre per le elezioni politiche di aprile. Quali sono le radici dell’Occidente secondo te? Per me è tutta la cultura dei diritti umani e della dignità del singolo individuo che discende da Voltaire e gli altri suoi contemporanei. Forse secondo te chi si impegna in favore di certe cose deve essere lasciato solo? Non credi che la differenza tra Magdi Allam che provoca e basta e questa donna che si impegna per la difesa dei diritti umani sia piuttosto evidente?

Opus Mei

Anch’io sono del tutto d’accordo con davide.

Temo che i politici europei stiano dimostrando una preoccupante pavidità verso il fondamentalismo islamico (vedi anche tante reazioni al caso “Fitna”), a scapito dei diritti che sono (quelli si, non la “radici giudaico-cristiane”!) la base dell’Europa moderna.

Magar

Non che io sia politicamente d’accordo al 100% con Ayaan Hirsi Ali, ma la scorta la pagherei pure a (bleah!) Calderoli, se fosse seriamente minacciato da dei fanatici violenti, in base al principio della libertà d’opinione e di espressione. A maggior ragione andrebbe data alla Hirsi Ali, che non è il Verde Cavadenti Padano.

Barbara

Purtroppo l’Unione Europea è sempre stata unione di nome ma non di fatto!

Vash

Il problema è che i politici europei sono troppo preoccupati a farsi amici gli islamici per paura di attentati, quindi preferiscono lasciare che si prendano quella donna piuttosto che porre rimedio. E’ un atteggiamento estremamente vigliacco e spero davvero di aver giudicato male, altrimenti sarebbe una cosa intollerabile!

Silvio

@davide

se per te impegnarsi per i diritti umani significa andare in giro a raccontare che “Maometto era un pedofilo” (sic!) allora siamo davvero messi molto male!
Non vedo il nesso tra le denunce dello stile di vita di un profeta conquistatore e i discorsi finemente argomentati di Odifreddi, Hitchens, Harris, Dawkins.

Ti ricordo che la signorina Hirsi Ali ha mentito spudoratamente per ottenere lo stato di rifugiata in Olanda, inclusi i benefici economici pagati dai contribuenti olandesi. Ora che è ricca e famosa può pagarsi la scorta, in alternativa può vivere in un bunker.

Boniomo

@davide
Se difendere i diritti umani, su cui siamo d’accordo, significa dare giudizi categorici ed escludenti su Magdi Allam capisco molte cose e molti pregiudizi.

lacrime e sangue

@Silvio
Vediamo… viene mandata in Europa per sposare un tizio in matrimonio combinato – scappa – deve farsi una nuova identità per non essere rintracciata dai parenti che ha disonorato…
Soluzioni:
1) darsi fuoco, per far contento Silvio, che così non sborserà mai soldi per lei
2) cambiare identità ed essere accolta da un qualunque stato europeo dove non la possano rintracciare
3) farsi trovare ed ammazzare dal fidanzato che ha rifiutato e/o dai parenti maschi della propria famiglia, la stessa famiglia che l’aveva infibulata e indottrinata all’islam

Quello che ti brucia è la sua “ricchezza”: non ti importa nulla del fatto che le hanno tagliato un pezzo di carne in mezzo alle gambe per far contento un dio macellaio, che per essere apostata è stata condannata a morte, che per aver detto e scritto che l’Islam è una religione patriarcale e retrograda, violenta e superstiziosa, è stata ricondannata a morte.

Complimenti per la tua frase migliore: “Ora che è ricca e famosa può pagarsi la scorta, in alternativa può vivere in un bunker.”

tadeuz

Sivio
Perche i musulmani in Europa?,non vogliamo utopie totalitarie ne ritorni nostalgici fasciste.
Quale realta?…, L’identita’ della chiesa cattolica?, o L’ Europa culturalmente ilumminista vera; lo e’ politicamente oggi?…..

paolo dianzini

@tadeuz
Se entrerà la Turchia il 25% della popolazione europea sarà islamica, nel giro di due generazioni con l’attuale incremento di nascite diventeremo più della metà della popolazione e allora ne vedremo delle belle.

Salam alaikun

Tormentor

Silvio: è stata la stessa hirsi ali ayaan prima ancora di essere eletta in parlamento ad ammettere di aver mentito per avere l’asilo politico, e nessuno ai tempi si era scandalizzato più di tanto (gran parte dei richiedenti asilo mentono), guarda caso però dopo l’omicidio di Theo Van Gogh visto il clima che si era creato in Olanda e divenuta lei stessa un personaggio scomodo è rispuntato questo “scandalo”…

Inoltre sono le stesse fonti islamiche a sostenere che Maometto a 50 e passa anni sposò come terza moglie una bambina di 6 anni (matrimonio che venne consumato 3 anni dopo), ma non mi risulta che la Ali sia andata in giro a sbandierare questo fatto più di tanto mentre al contrario il suo impegno a favore delle donne islamiche sue ex-correligionarie è acclarato.

Commenti chiusi.