La Chiesa cattolica tedesca dovrà vendere parte delle sue proprietà

La Chiesa cattolica tedesca dovrà vendere o affittare il 25% delle sue proprietà entro la fine di questo anno per annullare i suoi debiti. I due milioni di fedeli in meno negli ultimi 10 anni significano meno entrate per la Chiesa e anche molti posti vuoti nei 24.500 edifici che possiede la Chiesa cattolica in Germania. Sono anni che i cattolici sperano di trasferire le chiese a comunità religiose idealmente vicine alla loro o a chi ha progetti compatibili con le loro idee, spiega Stefan Förmer, portavoce dell’Arcivescovo di Berlino: “Noi speriamo di poter continuare ad usare quei luoghi come spazi per eventi in modo che la gente ci si riunisca, non come a una messa, ma almeno in un museo o una galleria d’arte, questo sarebbe l’ideale”. Ma non si può speculare molto con edifici enormi, di forma inutilizzabile ed terrificanti costi di manutenzione, molti dei quali sono anche legati da vincoli e restrizioni in quanto parte del patrimonio storico. Poco a poco la comunità cattolica ha dovuto abbandonare le sue pretese. […]

Traduzione parziale di un articolo pubblicato su El Pais

Archiviato in: Generale

42 commenti

Capitan Spaulding

“I due milioni di fedeli in meno negli ultimi 10 anni significano meno entrate per la Chiesa”

in italia invece sembra succedere il contrario: i fedeli sono sempre meno ma le entrate sempre di più… misteri della fede!

RingoDePalma

Dove si firma per diventare tedeschi?

Scherzi a parte (ho provato a studiare tedesco e non mi sono trovato assolutamente a mio agio), una Chiesa cattolica più “povera” (ma sempre nell’ordine delle centinaia di miliardi di euro) vuol dire una Chiesa meno potente e meno graffiante, meno disposta a tirar fuori le unghie in un posto che non è una sua “roccaforte”.
A quando un maxipignoramento nostrano?

Kaworu

ah, quanto sarebbe bello se le cose funzionassero così anche in italia…

steve

La chiesa cattolica tedesca è la più ricca al mondo, dopo quella USA. Ma la riduzione dei contribuenti della tassa (volontaria) dell’1% li sta mettendo in crisi.

A parte queto la crisi di vocazioni in Germania è devastante.

Anticlericale89

Questa notizia mi rincuora dopo aver letto i furti della chiesa tramite 8X1000,sembra che piu’a nord si va’piu’ possibilita’hai di incontrare gente civile

ren

Da noi invece lo stato (grazie alle trovate contabili di politici cattolici) prende una cifra astronomica, un miliardone di euro dalle entrate fiscali e le dirotta senza autorizzazione da parte dei più (il meccanismo della redistribuzione non è nemmeno conosciuto dal 95% dei cittadini) nelle casse del Vaticano. Chi non vorrebbe campare da Re o Imperatore per tutta la propria esistenza e fare il rafting in cascate e fiumi di danaro, sorgenti inesauribili di spreco di denaro pubblico? Furbi i monsignori. Paragonati ai porporati moderni Richelieu e Mazarino erano dei dilettanti.

Nifft

@Kaworu
“ah, quanto sarebbe bello se le cose funzionassero così anche in italia…”

Mi è venuta questa idea:

L’Italia è la testa d’ariete della Chiesa cattolica nell’Europa laica. La funzione principale del governo Italiano non è quello di governare l’Italia, ma quello di sostenere la Chiesa e di offrire un trampolino di lancio nel suo tentativo di penetrare nel resto d’Europa. Se non ci fosse l’Italia, la Chiesa sarebbe destinata presto ad estinguersi.

Roberto Grendene

Da noi, invece, oltre allo Stato (con l’8×1000) e gli interventi dei beni culturali (condivisibili), pagano pure i comuni!

date una occhiata alla Campagna oneri:
http://www.uaar.it/uaar/campagne/oneri/

e guardate se il vostro comune e’ gia’ stato censito e quanto eroga:
http://www.uaar.it/uaar/campagne/oneri/oneri-onus-comune.pdf
E se non c’e’, e’ perche’ non e’ stato ancora “indagato” dai nostri volontari, mooolto difficilmente perche’ usando la propria autonomia ha deciso che l’edilizia di culto non e’ una priorita’ nella manutenzione del proprio territorio.

Ciao
Roberto Grendene

stefano

🙂 in italia invece non pagano manco le tasse 🙂 ma si sa nella republichina della banane marce siamo rimasti alla controriforma…

wolf

Due milioni di cattocredenti negl’ultimi 10 anni, bene! Si vede che la gente in Deutschland usa la testa!

Giovanna

@ stefano

Il fatto è che tra il marciume delle nostre banane di controriforme se ne continuano a fare…

wolf

@stefano
Concordo con te viviamo in piena controriforma di (poco) santa romana chiesa.
In questi giorni ho immaginato se dopo un terremoto come quello avvenuto in Cina avessero estratto dopo molti giorni dall’evento sismico dei sopravvissuti dalle macerie, tutti a gridare al miracolo, all’intervento di padre pio e di qualche altro santo, della madonna ecc. e poi trasmissioni televisive dalla mattina alla sera!

Anticlericale89

A proposito di calo dei credenti…ho bisogno di un consiglio per la campagna “sbattezzati!”allora espongo il problema:Io sono figlia di una fanatica cristiana e di un ex ateo ora musulmano laico zapaterista e femminista(non so’come concili il tutto,misteri della fede.)cmq io e mia sorella oggi fervente cattolica 15enne,nasciamo e mio padre decide insieme a mia madre di non battezzarci.pero’dopo aver saputo che il battesimo puo’essere officiato di nascosto,anche dai nonni,ho domandato a mia madre(la fanatica cattolica)se avrebbe potuto essere cosi’ e lei ha iniziato un discorso stranissimo ed era in leggera difficolta’”sai i nonni ci tenevano ti voleveno bene cosi’ci eravamo accordati con un prete e 2persone che facevano da padrini”io a questo punto la guardavo molto male e lei cambia tono”ma poi non si e’fatto niente perche’e’saltato tutto”e mi ha convinto veramente poco,anche consideranno che varie volte le ho parlato dello sbattezzo e sa’che lo farei subito;quindi,la mia domanda e’:qualcuno puo’dirmi se esiste un modo per scoprirlo?come risolvo questo problema?Io che ho sempre avuto la certezza di non essere stata battezzata sono rimasta leggermente traumatizzata,adesso mi sento strana con un peso terribile addosso e un incertezza snervante,anche perche’del mio non battesimo ero davvero orgogliosa,da atea anticlericale mi sentivo piu’libera piu’in linea con me stessa,e’come se mi sentissi sporca so’che a qualcuno sembrera’un esagerazione ma e’cosi’che mi sento.Help me!!

darik

nifft:
Mi è venuta questa idea:
………L’Italia è la testa d’ariete della Chiesa cattolica nell’Europa laica. La funzione principale del governo Italiano non è quello di governare l’Italia, ma quello di sostenere la Chiesa e di offrire un trampolino di lancio nel suo tentativo di penetrare nel resto d’Europa. Se non ci fosse l’Italia, la Chiesa sarebbe destinata presto ad estinguersi.”

nifft, questa è una constatazione non un’idea!
l’idea (geniale) sarebbe quella di trovare il modo per uscire da questa sudditanza.
😉 darik

piersky

Bella notizia…ma è così un pò dappertutto, le religioni (specie quelle cristiane sono in contrazione, quelle islamiche lo saranno non appena quei popoli avranno maggiore libertà di espressione e democrazia!!)

OFF TOPIC:
Sono molto felice che quì in Gran Bretagna il parlamento ha SONORAMENTE bocciato tre emendamenti reazionari al FERTILITY BILL:
1)Questo significa più libertà di ricerca (l’emendamento di caratere restrittivo, appoggiato dai solitici politici cattolici nei TORY e nei Labour, è stato affossato 300 e passa a 160!!!)
2)Possibilità anche per le coppie lesbiche e per le single di accedere alla fecondazione assistita
3) Il limite per l’aborto è rimasto a 24 settimane!!!

E’ stata una grande vittoria per Gordon Brown (che è un pò in difficoltà in questi giorni) e, soprattutto, per un paese civile e laico come questo!!!…un paese dove le chiese sono vuote e la religione sta, letterarmente, sparendo

Druso

Deutschland über alles!!!!!!!!!
L’europa unita conta stati come la Spagna, la Germania, la Francia, etc… a volte mi chiedo: si vergognano di averci nel club?

Anticlericale89

Druso scrive:

“L’europa unita conta stati come la Spagna, la Germania, la Francia, etc… a volte mi chiedo: si vergognano di averci nel club?”

Certo che si vergognano,mia sorella e’stata in repubblica ceca con la scuola,e sapessi che opinione hanno di noi li’,ci credono rincogljo….dietro il calcio(li’li prendevano in giro con cose tipo:forza palermo!ma agli italiani cosa succede allo stadio?ma dicono che rivolete il presidente del milan al governo e’vero(periodo crisi prodi,dopo la manifestazione a s.giovanni del nano e mafie varie)io quest’estate faccio le capitali scandinave spero di migliorare la mia pronuncia inglese tanto mo’ capelli li ho biondi metto le lentine e cerco di confondermi fra la popolazione locale il piu’possibile(sara’bello per un po’appartenere alla gente civile,eh vai oggi salto un ora di religione niente scuola!)

Marco.g

@Nifft & Darik

A me sembra che l’Italia per la chiesa cattolica più che la testa d’ariete sia l’ultima spiaggia…

Giovanna

quoto Marco.g

W Germania, Scandinavia, Spagna, UK, Francia e tutta l’Europa civile e LAICA!!!
Non mi meraviglierei affatto se l’UE lasciasse questa repubblica delle banane marce alla deriva verso una completa talebanizzazione …

Valentino Salvatore

Il sistema di finanziamento alle chiese in Germania è ben diverso da quello italiano: è anche per questo che sono in rosso. Lì mi sembra ti detraggano dalle tasse la quota che d’ufficio va alla tua confessione religiosa di riferimento; se non vuoi che accada, vai da chi di dovere e ti fai togliere dagli elenchi – perdendo al contempo i “benefici” tipici dell’appartenenza ad una chiesa, anche in termini di sacramenti.
Se la Chiesa in Italia si finanziasse per proprio conto o con un sistema tipo quello tedesco, penso che la quota dei cattolici e l’incidenza del clero – gonfiate a livello mediatico e di “percezione” – avrebbero un certo calo, considerando anche solo l’attenzione per il portafogli dei nostri concittadini.

Flaviana

Signori miei, io sto in Germania e ovviamente non essendomi qualificata come appartenente ad alcuna confessione non pago questo balzello, posso dirvi pero´che ci sono tanti baciapile tedeschi che dichiarano di non avere alcuna confessione per risparmiarsi ( piu´che giustamente) questi quattrini. Percui non crediate siano pia´laici di noi ( certo io sto in Baviera, profondo sud molto piu´del nostro) l fatto e´che hanno uno Stato che consente loro di farlo, e quando si tratta di quattrini buttati i miei amici tedeschi sono molto sensibili!

GIANNI

@ Anticlericale89

dove sta il problema?..se non credi nel battesimo vuol dire che ti hanno solamente bagnato con un pò di acqua e recitato alcune parole incomprensibili e senza valore (per te)…..

Kattochè?

« Se il popolo italiano deporrà la “ragione”, i chierici, in base agli accordi presi tra Mussolini, Gasparri, Craxi e Casaroli, occuperanno tutta l’Italia assieme a gran parte dell’Europa. Una CORTINA DI FERRO cadrà sopra questo enorme territorio controllato dal Vaticano, dietro il quale le “idee e la libertà di pensiero” verranno massacrate. »…

chiericoperduto

proviamo a chiedere agli italiani di devolvere il loro 8xmille in forma volontaria alla chiesa, come in Germania.
Proviamo a mettere l’ora di religione veramente facoltativa alla prima od all’ultima ora della mattinata con possibilità di entrata posticipata od uscita anticipata.
Proviamo a togliere la tangentina sui proventi da oneri di urbanizzazione che tanti comuni d’Italia devolvono “per luoghi di culto”.
Proviamo a vedere allora cosa resta della chiesa..

Flaviana

@gianni e anticlericale 89
un corno! per chi vive e lavora in Germania ed Austria e dichiara di essere non credente senza pero´avere fatto un’operazione ufficiale di sbattezzo, puo´costare la richiesta degli arretrati da ripagare alla chiesa da parte del fisco di questi paesi, quindi , anche se ti dissoci, quel po´di acqua sporca che ti hanno buttato in testa quando eri in fasce, ti segna. eccome.Bisogna state sempre in guardia, molti nostri connazionali non sono al corrente di questo bidone, se qualcuno di voi pensa di venire a lavorare da queste parti non ritenga sia sufficente scrivere sul formulario di iscrizione “keine Konfession”. Bisogna stare sempre in guardia.

Augusto

@ Druso
Anch’io come altri in questo blog vivo all’estero, in Spagna precisamente. Da un lato mi fa piacere constatare che le radici non si sono mai tagliate e che perciò esiste un interesse o preoccupazione spontaneo/a x la sorte della nostra gente. Dall’altro, come ben si sa, lo stereotipo di “pizza, mafia e mandolino” non è mai morto all’estero, anzi se ne aggiungono altri (Berlusconi e Bossi sono le macchiette, i rifiuti di Napoli, i Rom, ecc.). Ogni volta che diciamo la nostra nazionalità x qualsiasi motivo sia burocratico o no, non possiamo non sfuggire a commenti ironici e battute derisorie, seguiti da ilarità dirompente. Certo che come italiani ci sentiamo negli ultimi posti nella considerazione internazionale. Chi dovremmo ringraziare x tutto ciò? La cultura e l’educazione sono alla base di una società civile e si manifestano nel comportamento della gente. In Italia abbiamo una cultura e un’educazione di stampo giudaico-cristiana come nel resto d’Europa, anche quella del nord. Ma, accidenti, che differenza di comportamento! Sarà dovuto all’ignoranza, al menefreghismo, alla superficialità, al tradizionale poco senso dello stato degli italiani? Temo di sì. Finchè noi non ci evolveremo culturalmente, il potere forte (in questo caso, la chiesa cattolica) che risiede proprio nello “stomaco” d’Italia (gli altri paesi europei hanno altro nello stomaco), sempre avrà la meglio e vivrà a nostre spese. Chissà che un giorno, dopo una lunga e difficile digestione, si riuscirà ad espellerla del tutto! Quoto ancora una volta Ren, sempre molto lucido. Se l’UAAR fa una campagna di vera informazione sull’ 8 x 1000, benvenuta e benvenute siano tutte le altre che svolgono questa funzione. Anch’io dal paese che mi ospita contribuisco nella misura in cui sia possibile, x esempio parlando e informando la mia gente che vive lì in Italia. È dura andare controcorrente ma non c’è altra via d’uscita. Ci vuole tempo e pazienza x risollevare l’autostima affinchè cambi il comportamento di un paese che non ha nulla da invidiare agli altri, anzi. Saluti a tutti.

Flaviana

@ Augusto

vedo che come tutti gli italiani all’estero, anche tu vivi la tua´”italianitá” con dignitá,comepochi di quelli rimasti nel nostro Paese. Io non mi sono mai sentita tanto italiana, come da quando ho lasciatol’Italia.
Per come ci vedono all’estero, posso parlare solo per la Germania, ovvio, penso che si sentano molto divisi, da una parte hanno una stampa spazzatura molto diffusa( ho visto in un vecchio articolo riportato il parere della Bild-Zeitung, e chiedo a Raffaele, pse non la citate é il peggio del peggio, un giornale cosi´,non lo abbiamo nemmeno in Italia) e quindi sono prevenuti, ma poi , grazie a tutti i contatti che hanno con Italia ed Italiani, sovente si ricredono. Posso solo dire ch ei tempi in cui i lavoratori italiani venivano alloggiati nei conteiner, sono finiti da un pezzo. Ora parlano male di me degli “Auslaender” ( stranieri), e dire ch eio il mio accento maccheronico mica l’ho perso! Ci vuole tempo, agire di piu´e lagnarsi di meno, brutta caratteristica di casa nostra.

stefano

x GIANNI

bravo, la solita scusa banale per giustificare un atto quantomeno discutibile! visto che hai la battuta pronta, perchè non mi dici come mai un bambino viene battezzato dopo pochi giorni di vita e non a 18 anni, in piena età della ragione???? te lo dico io, perchè a quel punto avrebbe sviluppato un senso critico e giudicherebbe quel ridicolo rito inutile e stupido, certo per la santa cattolica romana chiesa va bene così visto che il calcolo dei cattolici lo si fa in base ai BATTESIMI e non in base ad una statistica matematica condotta sulla popolazione adulta, BATTEZZATA E CATTOLICIZZATA quando è ancora in fasce, ma che in età adulta potrebbe sviluppa convinzioni religiose totalemente diverse orientandosi quasi sempre verso l’agnosticismo, l’ateismo o lo scetticismo.
come al solito “money as usual” recitava il titolo di un album dei Dire Straits…solo soldi, per la chiesa contano quelli e basta.

adelphi

@ Anticlericale89

ciao ti consiglio di leggere dare l’anima di adriano prosperi e capirai bene che il battesimo è solo una spruzzatina d’acqua. certo capisco che non vuoi essere segnata come cattolica in un registro parrocchiale. prova a scoprire la verità e se fosse così fatti cancellare.

cullasakka

Anticlericale89

Ti basta andare dal parroco ed esprimergli la preoccupazione di essere stata battezzata o meno, così controllerà nel registro dei battezzati.

Marco.g

@GIANNI

Infatti il problema non è il battesimo, è il registo dei battesimi. Anche i valdesi sono battezzati, ma non sono iscritti nello stesso registro…
Nessuno ha da ridire sul fatto che i valdesi, pur essendo battezzati, NON siano iscritti nei registri dei battesimi delle parrocchie cattoliche, e ci mancherebbe. E allora per quale motivo dovrebbero essere iscritti gli atei?

iononcistopiù

In Italia la crisi di liquidità il vaticano non la rischia di certo…e dire che avrebbero da “vendere”,tra le altre cose, 1/4 degli immbili di interesse storico di Roma…notizia tra l’altro che potrebbe essere una stima molto per difetto.
Negli anni 70 a quanto pare pubblicare questa notizia (1/4 immobili di Roma….) costò il posto ad un direttore di settimanale (l’Europeo) che pubblicò la notizia!!
seguite questo link: http://www.danielemartinelli.it/2008/05/14/vaticano-e-ior-diavoli-con-la-tonaca/

Anticlericale89

cullasakka scrive:

Anticlericale89

Ti basta andare dal parroco ed esprimergli la preoccupazione di essere stata battezzata o meno, così controllerà nel registro dei battezzati.

ehm,il problema e’che se mia madre mi ha fatto bettezzare non me lo dice magari(i cattolici sono sempre onesti ricorda)e io non sapro’mai la parrocchia…ecco mi serviva sapere se c’e’qualche registro pubblico su internet magari,o se posso fare qualche azione legale per saperlo GIANNI scrive:

@ Anticlericale89

dove sta il problema?..se non credi nel battesimo vuol dire che ti hanno solamente bagnato con un pò di acqua e recitato alcune parole incomprensibili e senza valore (per te)…..

Il battesimo e’solo una spruzzata d’acqua ma la chiesa kla considero UNA MIA NEMICA;NEMICA DELLA DEMOCRAZIA E DELLA LIBERTA?;E ANCHE DELLA FELICITA….e aggiungi il fatto che mi sento presa in giro da tutti anche da mio nonno che era il mio mito ed e’morto anni fa’ e’come se mi avessero un po’tradito anzi e’un tradimento bello e buono,perche’non dirlo?era un segreto in questi anni?se io l’altroieri fossi morta in un incidente sarei morta con la consapevolezza di non ricevere funerale cattolico,e ora scopro che potrebbe non essere cosi’,e se io non avessi posto ieri una domanda a mia madre sulla possibilita’di essere stata battezzata dai nonni di nascosto ora non avrei questa situazione di incertezza un po’destabilizzante,cmq oltre tutto calcola che e’come se i tuoi familiari ti avessero tradito.

enrico mini

Checchè ne dica GIANNI il battesimo di un neonato è per me una delle peggiori violenze che possano essere effettuate su un essere umano. E’un marchio che in maniera subdola e assolutamente immorale permette alla chiesa cattolica di lucrare alle spalle di una persona che non è in grado di esprimere un proprio credo nè di difendersi.
Io mi sono pentito mille volte di aver permesso che i miei figli venissero battezzati (adesso non lo permetterei assolutamente), anche se adesso entrambi, presa coscienza, si sono prontamente sbattezzati. Io ho chiesto loro scusa per questa violenza cui li ho sottoposti.

Python

@Anticlericale 89

Io quando mi sono sbattezzato ho scritto al parroco della parrocchia dove era avvenuto il battesimo, però la conferma scritta dell’avvenuta annotazione mi è arrivata dal “Servizio per la disciplina dei sacramenti” della diocesi di Milano.

Quindi se non hai idea di quale sia la parrocchia ma perlomeno sai qual è la diocesi, secondo me puoi fare un tentativo scrivendo direttamente lì, immagino che ogni diocesi abbia un servizio del genere e possa poi fare una indagine presso le varie parrocchie (penso che dovresti anche indicargli il periodo di tempo nel quale possa essere presumibilmente avvenuto il battesimo).
Scrivi con raccomandata AR, altrimenti fan finta di niente.

Io perlomeno un tentativo lo farei, capisco la tua rabbia.

Augusto

Sbattezzo SUBITO! Occorre togliere terra sotto i piedi dello strapotere della CCR.

Augusto

Forse il fatto di risiedere all’estero (Flaviana, Pirsky, altri ed io) e grazie al dibattito aperto su questo blog (ed altri, chissà), ci hanno fatto diventare “corrispondenti dall’estero” non ufficiali però sinceramente spontanei. Rispettando questo nostro ruolo, possiamo essere nello stesso tempo moderatori oltre che apportatori di informazioni di vita vissuta, nonchè stimolo e incoraggiamento x i nostri connazionali in patria. Incoraggiare è a volte difficile però sicuramente più valido ed effettivo che lamentarsi, non trovate?

Commenti chiusi.