Usa: professore omofobo marchia a fuoco un alunno ritenuto gay

Episodio shock in una scuola dell’Ohio, dove un insegnante di scienze, immediatamente licenziato, ha marchiato a fuoco un alunno con una croce, predicando in classe contro gli omosessuali. Il docente, come riferisce Tgcom.it, John Freshwater, era stato invitato più volte in passato a rimuovere la Bibbia dalla sua cattedra e di smettere di predicare agli alunni contro l’omosessualità. “La Bibbia afferma che l’omosessualità è un peccato”, ripeteva ad ogni occasione. “Essere gay è una scelta e tutti i gay sono peccatori”, ha detto più volte ai suoi alunni di terza media l’invasato insegnante di scienze. Alcune settimane fa Freshwater aveva usato un apparecchio che sviluppa calore, usato nelle lezioni di scienze, per marchiare a fuoco un alunno con una croce. La scuola media di Mount Vernon lo ha sospeso ed avviato una procedura di licenziamento.

Fonte: Sicilia Informazioni

Dopotutto, una lettura coerente della Bibbia non può condurre a idee molto diverse in materia di omosessualità (seppure non necessariamente – sia chiaro – a reazioni simili a quelle del professore statunitense), nonostante odierne edulcorazioni, ambiguità e interpretazioni “moderniste”, fin troppo stiracchiate e politicamente corrette che lasciano tranquillamente da parte dati francamente imbarazzanti (va detto con chiarezza, anche di una parte dello stesso movimento gay che cerca di conciliare cose difficilmente conciliabili). Bisogna considerare infatti che quel testo è frutto della società e dei tempi in cui è stato redatto…