Chiesa anglicana: Williams frena su ordinazioni di vescovi gay

Durante la chiusura della conferenza di Lambeth, l’arcivescovo di Canterbury Williams ha chiesto formalmente che non vengano consacrati altri vescovi gay, cedendo alle pressioni dei più conservatori e invitando a riflettere ulteriormente sulla questione per non creare spaccature insanabili tra gli anglicani. Nel 2003 venne consacrato vescovo Gene Robinson per la chiesa americana, nonostante fosse un omosessuale dichiarato e la diocesi canadese di New Westminster autorizzò le prime nozze gay, fatti che suscitarono gran fermento nel clero e nella comunità anglicana. Si parla inoltre di rinnovati contatti tra il Vaticano e le componenti più tradizionaliste della gerarchia anglicana.

Archiviato in: Senza categoria

17 commenti

Lucia

E facciamolo ‘sto scisma! Che palle!
Bacchettoni si, bacchettoni no… Cavolo, non è difficile: ci sono due posizioni inconciliabili in contrasto, quale altra soluzione c’è alla diatriba tra conservatori e progressisti??
Il silenzio??

gigetta

per l’origine che ha avuto la chiesa anglicana a mio avviso dovrebbe evitare di fare la “puritana” o si sono dimenticati del concubino che per sposare la sua cara Anna Bolena ha fatto tutto quel gran rumore? è nata da uno scandalo ben più grave dell’ordinazione di un prete gay in questo caso la chiesa cattolica può anche parlare la chiesa Anglicana invece dovrebbe farci il sacrosantissimo di finirla.

Druso

I romani dicevano: dividi et impera.
Cristiani e mussulmani, con la scusa di avere divergenze, tendono da sempre allo scisma (basta consultare un qualunque libro di storia per vedere quanto amore si scambiavano le varie confessioni islamiche e quelle cristiane). Di questo passo, con mia somma gioia, faranno la fine del PCI….

fabio l'anticristo

tanto un gay in meno o uno in più non fa la differenza…sono gia tanti

Lorenzo

Ma chissene se il vescovo è gay? Ha fatto voto di castità no?
Se non erro, la stessa chiesa ha sempre ammesso che l’omosessualità, sia essa una scelta o meno, c’è.. la cosa importante è controllarla e non tramutarla in fatti concreti. Ovvero: se sei gay cerca di guarire, altrimenti non manifestare in alcun modo la tua tendenza.
Un vescovo gay a maggior ragione che motivo ha di fare tanto scalpore? E’ pur sempre un’essere umano..

Ernesto

@ Lorenzo
Nella chiesa anglicana americana (detta episcopale) i preti possono accasarsi.

Cmq è rivelatorio che i vescovi conservatori siano quasi tutti africani e siano capeggiati da un ugandese.

vime

Non ho mai capito queste seghe mentali della Chiesa. Facciamo un esempio:

Se per dimagrire rinuncio a una torta di MELE la mia dieta è giusta e benedetta dal Signore.
Ma se per dimagrire rinuncio a una torta di PERE, allora la mia dieta non va più bene, dovrei vergognarmi e nascondermi perché la mia vocazione, la mia rinuncia ecc. ecc. non valgono quanto quella degli altri???????

Ernesto

Non ci siamo capiti: i vescovi episcopaliani possono avere consorti legittime/-i, a differenza del clero cattolico.

sunrise

@ Gigetta:
secondo me, vista l’ipocrisia millenaria, le amanti, i figli illegittimi, i concubini e le concubine che storicamente costellano la storia e i tantissimi preti gay e/o pedofili, anche la chiesa cattolica farebbe bene a tacere… e comunque ordinare dei sacerdoti gay non dà l’automatico assenso a matrimoni omosex, o no?

giovanni da livorno

Secondo me (e riprendo un concetto che ho già espresso in un altro post di questo sito) il primate anglicano ha fatto bene ad assumere una posizione attendista e prudente.

Bene da un punto di vista di “opportunità” non da punto di vista di “giustizia”, naturalmente.

E’ importante infatti che la CCAR non assorba parte della Chiesa anglicana, come sarebbe accaduto se l’arcivescovo di Canterbury avesse insistito sulle ordinazioni gay.

Uno scisma nella chiesa anglicana sarebbe pericoloso perchè finirebbe col rafforzare la Chiesa cattolica.

Ed aumenterebbe, di conseguenza, il suo peso politico nel paesi anglosassoni.

Invece è importante che, la CCAR abbia la minore influenza possibile lì come altrove.

Se s. Romana Chiesa potesse interferire con maggior forza in Inghilterra ed in America, tante leggi laiciste che in quei paesi fortunamente passano, potrebbero non passare……

La Chiesa anglicana (e quella episcopale) sono fra quelle che meno si ingeriscono nella legislazione degli stati, mentre quella cattolica è (insieme all’islamismo) quella che si ingerisce di più.

Il nostro interesse è che la CCAR non si rafforzi a spese di altre confessioni meno invadenti e certamente più cristiane di lei!

Saluti. GdL

gianfranco

Williams frena?
farebbero bene ad accelerare invece. Con Rosberg e Nakajima non navigano in ottime acque…

gigetta

@ sunrise
credo che in uno Stato come il nostro per permettere il matrimonio alle coppie omossessuali sarà necessario modificare la Costituzione (questo non avverrà almeno finchè sarò in vita io) noi possiamo aspirare solo ai Pacs o Dico che dir si voglia ma il matrimonio è praticamente escluso a priori nel nostro ordinamento. in Inghilterra non saprei se la chiesa anglicana apre all’ordinazione palese dei gay potrebbe non avere niente in contrario al matrimonio tra gli stressi e una chiesa che è di ampie vedute rende chiaramente più semplice la creazione di leggi più liberali perchè la religione in un modo o in un altro influisce sempre sulle leggi degli stati.

fresc ateo

MAGARI POTREBBERO RIPIEGARE SULLE SUORE LESBICHE ???? SUORE VESCOVE
HO INFONDO ANCHE LORO HANNO UN’ANIMA.

_iBliS_88

Io non capisco, le Scritture parlano chiaro anzi chiarissimo: i froci finiscono dritti dritti a bruciare all’Inferno, sotto calde e piacevoli docce di magma fuso, a mollo in profumatissime pozze di fango bollente, tra miasmi venefici al delicato profumo di zolfo.

Io non me la prendo con i preti-stregoni: fanno quello che è stato loro raccomandato di fare quando andavano ,ancora bambini, a fare il catechismo dalle suore.
Io me la prendo coi gay che vogliono farsi preti-stregoni, che si fanno preti-stregoni: che gli hanno raccontato al catechismo a questi?!? Che Dio-è-buono-e-perdona-tutti-non-importa-quello-che-fai-importa-quello-che-sei-eccetera?
Hanno sbagliato Dio,è evidente, hanno sbagliato chiesa; Dio non è gay-friendly, la Chiesa non ne parliamo; a essere omosessuali si diventa automaticamente nemici di Dio, del Dio unico, del Dio-di-Mosè-di-Abramo-di-Giacobbe-eccetera-amen. Se vuoi fare il finocchio fatti buddhista, e lascia perdere le estrosità, le stramberie, le incoerenze.

I testi sono chiari.
SCRIPTA MANENT.

Il resto è televisione.

Lucia

@ _iBliS_88

Secondo questo ragionamento allora neanche le suore dovrebbero esistere… Insomma il levitico & Co. non sono molto women-friendly.

gigetta

ma poi la visione ufficiale della chiesa non è condivisa da tutti i rappresentanti del clero notare l’intervista doppia tra don Benzi e don Barbero. è questione ditempo le pressioni all’interno della chiesa cambieranno un pò la visione restrittiva che ha il vaticano dell’ omosessualità.

http://it.youtube.com/watch?v=BuN0aKm6CDs&feature=related

bellissima la definizione di transessuale di Benzi lo credo che poi l’idea che si diffonde è confusa. secondo don benzi i transessuali devono curarsi, non si possono sposare in chiesa e in chiesa lui non li sposerebbe mai.

Commenti chiusi.