Radio Maria: leggi favorevoli ai gay aumentano diffusione Aids

La dottoressa Chiara Atzori, specialista di malattie infettive, tiene su Radio Maria uno spazio periodico in cui riceve telefonate e risponde alle domande degli ascoltatori. Rispondendo la settimana scorsa ad una ascoltatrice che si chiedeva se “legalizzare l’omosessualità” (come se si trattasse di una “droga leggera”) potesse aumentare la diffusione dell’Aids, la dottoressa ha risposto che “non sia ragionevole negare che nei paesi dove è avvenuta la normalizzazione dell’omosessualità, e quindi in qualche modo la depatologizzazione intesa come… così, equiparazione, un modo di essere come un altro, i risultati sanitari sono stati devastanti”, accennando a non meglio precisati “studi epidemiologici” degli USa e della Gran Bretagna. Secondo la dottoressa quindi la “normalizzazione dell’omosessualità” – con conseguente estensione dei diritti – “non fa altro che incrementare anche i comportamenti cosiddetti esplorativi”, dato che “in quel tipo di orientamento esiste una tendenza alla promiscuità, a comportamenti autodistruttivi, narcisistici, all’abuso di droghe, ecc.”. Sarebbe proprio la “normalizzazione” dei gay a incentivare “una gravissima forma di immaturità”, a incentivare “a livello educativo […] dei modelli che non sono buoni”. Atzori ci tiene a precisare che “dobbiamo essere realistici, al di là del credo religioso”: la concessione dei diritti agli omosessuali trasmetterebbe modelli educativi che fanno considerare “normale” l’omosessualità, che invece viene definita “una ferita”, una “patologia”.
Da segnalare che l’audio dell’intervento della dottoressa Atzori, è stato giudicato “inappropriato” e prontamente rimosso da YouTube (dove pare sia in vigore, come su altri canali “liberi”, una forma di sottile censura selettiva, in particolare su temi religiosi), ma è ancora disponibile sul blog Razionalismo vs Religione.

Archiviato in: Generale