Archivi Giornalieri: lunedì, ottobre 13, 2008

Indonesia, fondamentalisti islamici vogliono vietare i costumi da bagno

Il parlamento dell’Indonesia, paese a maggioranza islamica, sta discutendo se approvare un progetto di legge “anti-pornografia” presentato da esponenti fondamentalisti. Se approvato, tutti coloro che si presenteranno in spiaggia in costume da bagno potranno essere puniti; sotto i rigori della legge potrebbe cadere anche chi “generi desiderio sessuale con atti o immagini”. Il progetto prevede altresì che l’entità della pena sia discrezionale. Contro la proposta di legge ha manifestato la minoranza balinese, a maggioranza induista, che rischia di essere processata… Leggi tutto »

Catania: patente tolta a gay, ricorso avvocatura di Stato

In luglio il tribunale civile di Catania ha condannato il ministero dei Trasporti e quello della Difesa a versare 100.000 euro di risarcimento ad un giovane omosessuale, Danilo Giuffrida, che qualche anno fa aveva dichiarato il proprio orientamento sessuale durante la visita di leva e al quale per questo era stata sospesa la patente di guida con la motivazione “disturbi all’identità sessuale”. L’avvocatura dello Stato ha però deciso di fare ricorso al Tar. Il giovane aveva fatto causa e il… Leggi tutto »

Caso Englaro e la questione della trasfusione

Il cardinale e arcivescovo di Milano Luigi Tettamanzi, ieri a Valgreghentino (Lecco) ha affermato sul recente aggravarsi della condizioni di Eluana Englaro che “su questa triste vicenda così tragica occorrono maggior silenzio e rispetto, perché la curiosità e l’esposizione mediatica distrae dai veri problemi che dobbiamo affrontare”. Sul fatto della decisione dei medici di non ricorrere alla trasfusione, prosegue: “E’ un campo in cui non il vescovo interviene ma il medico secondo scienza e coscienza, nel rapporto tipico che lo… Leggi tutto »

Firenze: don Cantini condannato dalla Chiesa

Don Lelio Cantini, il parroco della chiesa Regina della Pace (fino al 2005), accusato per abusi sessuali per fatti avvenuti tra il 1973 e il 1987 e denunciato nel 2004 dai parrocchiani, è stato ufficialmente condannato anche dalla Chiesa e ridotto allo stato laicale, con decreto papale – che impone anche l’obbligo di dimora vigilata “in spirito di preghiera e penitenza” in una residenza che è stata definita dall’arcivescovo di Firenze, sotto pena di scomunica in caso di disobbedienza. Le… Leggi tutto »