Archivi Giornalieri: giovedì, ottobre 16, 2008

Uganda: la battaglia contro l’AIDS alla prova dei fondamentalisti cristiani

Nel corso degli anni Novanta l’Uganda ha conseguito risultati brillantissimi nella battaglia contro l’AIDS, condotta sottolineando l’importanza dell’uso del preservativo e la necessità di rispettare le vittime dell’epidemia. Come sottolinea Anne Perkins in un interessante articolo pubblicato dal Guardian, negli ultimi anni la situazione si è però complicata: sono infatti scesi in campo i fondamentalisti cristiani, che sono progressivamente riusciti a ottenere i favori del presidente Museveni e, soprattutto, della first lady. Ancora più importante, tuttavia, è stato l’ingentissimo supporto… Leggi tutto »

Regno Unito: induisti vogliono cremazioni all’aperto

Il caso è giunto alla corte suprema inglese. Davender Kumar Ghai, un guaritore sessantanovenne di Newcastle, a capo di un gruppo che unisce induisti e sikh, vuole che sia possibile effettuare anche nel Regno Unito il rito compiuto da quasi quattro millenni nel subcontinente indiano: la cremazione del corpo del defunto. Ovviamente non si sta parlando della cremazione effettuata nei numerosi forni pubblici attivi in territorio anglosassone, ma della pira all’aperto, su cataste di legno, che in India e Nepal… Leggi tutto »

Canada: candidato cristiano sostiene che i gay debbano essere uccisi

David Popescu, un fondamentalista cristiano che si è candidato, come indipendente, alle elezioni federali canadesi, è stato invitato lo scorso 29 settembre a un dibattito pre-elettorale presso una scuola secondaria di Sudbury. Nel corso dell’evento, rispondendo a una domanda sui matrimoni omosessuali, ha sostenuto che “gli omosessuali dovrebbero essere giustiziati”. L’indomani, Popescu ha giustificato le proprie affermazioni affermando che la sua posizione è la medesima della Bibbia. Sulla vicenda è stata avviata un’inchiesta dalla polizia: le conclusioni saranno rese note… Leggi tutto »

Il Vaticano e l’origine trascendente dei diritti umani

Il 14 ottobre mons. Francesco Follo, osservatore permanente della Santa Sede presso l’Unesco, è intervenuto nel corso della sessione del Consiglio Esecutivo per commemorare il sessantesimo anniversario della Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo. Il prelato ha ovviamente insistito molto sul diritto alla libertà religiosa, definita “una libertà con gli altri e attraverso gli altri, e quindi anche con l’Altro, con l’Assoluto”: non ha tuttavia omesso di ricordare come sia necessario non cedere “alla tentazione di interpretazioni relativistiche dei diritti umani”…. Leggi tutto »

I cattolici del dissenso chiedono il sacerdozio femminile

E’ cominciata ieri la settimana di mobilitazione in favore del sacerdozio femminile indetta dall’organizzazione cattolica Noi Siamo Chiesa. Tra le prime iniziative: la partecipazione all’udienza papale del mercoledì vestite come le antiche diaconesse cristiane, e la consegna di un appello al sinodo dei vescovi in corso di svolgimento in Vaticano. Il documento, per la precisione, è stato consegnato ai gendarmi pontifici, in quanto al gruppo è stato inibito l’accesso ai palazzi apostolici. Il sacerdozio e l’episcopato femminile sono accettati dalla… Leggi tutto »

Protestantesimo, laicità e ateismo

Nev, l’Agenzia di stampa della Federazione delle Chiese Evangeliche in Italia, informa che domenica 19, su RAIDUE, all’una di notte circa, la rubrica Protestantesimo manderà in onda un servizio su “Le sfide del nostro tempo: laicità e ateismo”. Replica lunedì 20, sempre su RAIDUE all’una di notte circa. Le trasmissioni sono disponibili anche sul sito della RAI, attraverso il link alla pagina www.fedevangelica.it/servizi/ssrtv041.php.

Lo sbattezzo a Verona

All’inizio di novembre 2005 era apparso sul Corriere di Verona un articolo, in cui si diceva che nella diocesi c’erano 4/5 sbattezzi all’anno. Vi si riportava l’affermazione del vicario vescovile, Carlo Fiorio, che era necessario compilare un modulo della Cei. Falso, non esisteva e non esiste un modulo Cei. C’era e c’è il modulo UAAR. Il 23 dicembre 2005 ben 12 cittadini di Verona si recavano in vescovado, tutti muniti del modulo UAAR per lo sbattezzo, debitamente compilato. Fu il… Leggi tutto »

Benedetto XVI: scienza e società hanno bisogno della religione

Il papa sostiene ancora una volta, in occasione dei dieci anni dall’enciclica Fides et Ratio, che la scienza “non è in grado di elaborare principi etici” e che deve accoglierli in sè come “necessari per debellare le sue eventuali patologie”: servirebbe per questo la filosofia e in particolare la teologia. Il papa spiega che a volte “la spinta al guadagno” o “l’arroganza di sostituirsi al Creatore” (forma di “hybris della ragione”) indirizzano la scienza verso ricerche discutibili o pericolose. Benedetto… Leggi tutto »