Archivi Giornalieri: mercoledì, novembre 19, 2008

12 dicembre, Roma: l’UAAR organizza un convegno di studio sul Concordato

12 dicembre 2008, Roma, sala della pace di Palazzo Valentini (sede della Provincia di Roma) l’UAAR – Unione degli Atei e degli Agnostici Razionalisti organizza un convegno nazionale di studio su L’articolo 7 della Costituzione sessant’anni dopo: interpretazioni odierne e prospettive future a confronto PROGRAMMA DEL CONVEGNO 10:00 Saluto del Segretario UAAR Raffaele Carcano 10:15 Adele Orioli (resp. iniziative giuridiche UAAR) – Apertura dei lavori 10:30 Sergio Lariccia, Sapienza Università di Roma – Laicità dello Stato: le prospettive di un… Leggi tutto »

Bagnasco: “In Italia Chiesa contrasta secolarizzazione”

Il cardinal Bagnasco, arcivescovo di Genova e presidente Cei, durante la sua prolusione all’università Europea di Roma sul futuro della Chiesa in Italia, afferma: “La Chiesa nel nostro Paese è viva nonostante il processo di secolarizzazione l’abbia investita, senza peraltro travolgerla; anzi, essa conserva un’indubbia presenza sulla scena pubblica e allo stesso tempo è capillarmente diffusa tra la gente”. Infatti il cattolicesimo italiano ha “alcune caratteristiche” peculiari rispetto a quello europeo. Per prima cosa, “l’Italia rappresenta un terreno favorevole per… Leggi tutto »

Continua il gelo tra ebrei e cattolici

Il ripristino della preghiera del venerdì santo, voluto da papa Ratzinger, continua a non andar giù agli ebrei italiani: per quanto depurato dal riferimento ai “perfidi giudei” e al loro “accecamento”, contiene comunque un’implorazione a Dio affinché illumini le loro menti e si convertano al cattolicesimo. Per questa ragione Giuseppe Laras, presidente dell’Assemblea rabbinica italiana, ha comunicato ieri che ogni collaborazione con la Chiesa cattolica è sospesa: non vi saranno pertanto iniziative comuni il prossimo 17 gennaio, data in cui… Leggi tutto »

Danimarca, pedocirconcisioni a rischio

L’infibulazione è vietata, la circoncisione no. Come rende noto il sito Al Nord del mondo, in Danimarca si sta cominciando a discutere dell’argomento: sia il Consiglio Etico che il Consiglio Nazionale per i Bambini hanno criticato questa pratica menomativa, dichiarando che il ragazzo dovrebbe essere messo in grado di decidere da solo (per la legge danese, dal quindicesimo anno in poi). La proposta ha finora ricevuto il consenso di parlamentari liberali, socialdemocratici e verdi.

Iran: oscurati 5 milioni di siti “immorali”

Il consigliere del procuratore generale iraniano, Adbul Samad Khorramabadi, ha annunciato che l’Iran ha oscurato 5 milioni di siti che creerebbero “danni sociali” e che sono qualificati come immorali e anti-sociali, per “difendere la comunità dai nemici che usano il web per cercare di invadere la nostra identità religiosa”. Internet verrebbe usato, continua il consigliere iraniano, dal “nemico […] per provare a danneggiare i valori della comunità islamica iraniana”.

Chiesa e omosessualità: inchiesta sui corsi di “guarigione” dei gay

Segnaliamo un’inchiesta di Saverio Tommasi ed Ornella De Zordo sui corsi di guarigione che vengono organizzati, con l’avallo della Chiesa cattolica ma in maniera abbastanza discreta, per “guarire” gli omosessuali, sulla scia di pratiche simili già diffuse negli Stati Uniti in cui si affiancano teorie pseudo-scientifiche a concezioni religiose.

Arabia Saudita: se non preghi, lavori socialmente utili

Una recente sentenza di un giudice saudita potrebbe diventare un precedente: un lavoratore asiatico è stato condannato a pulire cinque moschee perché la polizia religiosa ha scoperto che non partecipava alle preghiere del venerdì durante il periodo del pellegrinaggio alla Mecca. Il condannato verrà seguito e controllato dai servizi sociali durante lo svolgimento delle mansioni, per una decina di giorni. Per altri casi simili, le pene erano ben più gravi: dalle punizioni corporali al carcere.

Palermo: Forza Nuova, bambole insanguinate contro aborto

Il partito di estrema destra Forza Nuova, per protestare contro la legge sull’interruzione di gravidanza, ha spedito a sei giornali di Palermo delle bambole insanguinate, coperte di interiora d’animale, con annessi volantini propagandistici in cui si parla di “genocidio legalizzato”. Contrari alla provocazione sia il centrodestra che il centrosinistra; in particolare, Fini parla di “inquietante e intollerabile forma di violenza derivante da un fanatismo che desta allarme nelle istituzioni”, mentre Veltroni di “vile e inquietante […] macabra e minacciosa campagna”…. Leggi tutto »