Archivi Giornalieri: venerdì, gennaio 23, 2009

Obama punta a reintrodurre fondi per gruppi pro choice

Il nuovo presidente statunitense Barack Obama ha intenzione di sbloccare i fondi federali a favore delle organizzazioni pro choice, come aveva già anticipato nel programma elettorale. Il blocco dei fondi era stato introdotto da Reagan nel 1984, tolto da Clinton e reintrodotto in seguito da Bush. Obama si è pronunciato in merito il giorno dopo l’anniversario dei 36 anni dalla sentenza Roe v. Wade, attraverso la quale la Corte Suprema rese legale l’interruzione di gravidanza. Il nuovo presidente degli Usa… Leggi tutto »

Fairbanks: i gesuiti accusati di confinare in Alaska i preti “a rischio”

Negli ultimi tempi in Alaska l’Ordine dei Gesuiti ha ricevuto molte denunce per abusi sessuali, portati alla luce dal vertiginoso numero di Fairbanks. I Gesuiti sono stati accusati di confinare nel Paese i preti ritenuti “a rischio” Nei piccoli paesi dell’Alaska infatti, non era garantita l’applicazione della legge all’epoca dei fatti segnalati, non era possibile denunciare gli abusi subiti dai bambini e le strutture sanitarie non erano così organizzate da rilevare queste violenze.

Un nuovo fan per Ratzinger e Tettamanzi: Dario Fo

“Il Pontefice sembra ‘proporre’ Gesù Cristo e la fede cristiano-cattolica come uno dei percorsi buoni (per quanto concerne il suo ministero, il percorso privilegiato) per ‘trovare la via verso il Futuro’”. Sono parole di Dario Fo, pubblicate sul Messaggero del 17 gennaio. Il 20 gennaio, invece, intervistato sul quotidiano del PRC Liberazione, ha detto di star lavorando a un’opera su sant’Ambrogio (per il quale ha parlato di “comunismo ante litteram”). L’intervista si è conclusa con questa affermazione: “Anche Tettamanzi mi… Leggi tutto »

Per Eluana forse una clinica

La presidente della casa di riposo “La Quiete di Udine”, Ines Domenicali, si è detta pronta ad accettare il ricovero di Eluana Englaro. Si starebbero tuttavia ancora valutando le varie procedure, anche legali, legate all’accoglienza della donna: e il consiglio di amministrazione, che per il momento si è espresso favorevolmente, dovrà nuovamente pronunciarsi in merito. La presidente ha altresì affermato di aver ricevuto, dopo che la notizia era divenuta di dominio pubblico, numerose lettere e telefonate di ringraziamento, ma anche… Leggi tutto »

Giuramento-bis per Obama: e senza Bibbia, questa volta

Il giudice della Corte suprema John Roberts aveva commesso un errore nel pronunciare la formula del giuramento di martedì. I molti consigli legali che suggerivano di rifarlo hanno convinto Obama a ripetere in privato il rito. Che in questa occasione si è svolto senza Bibbia: con il risultato di rinfocolare l’accusa che il neo-presidente USA sia, in segreto, un ateo. Nei giorni scorsi la teocon Ann Coulter l’aveva già pubblicamente accusato di essere un “piccolo sporco ateo”. E non servirà… Leggi tutto »

Esperimenti ariani di Mengele in una città brasiliana

Joseph Mengele, il famigerato medico nazista che lavorò nel campo di concentramento di Auschwitz, non è riuscito a continuare i suoi esperimenti in Europa, così ci provò in Brasile. Il risultato: una cittadina, Candido Godoi, è stata trasformata in una città ariana. Il medico ha infatti curato per diversi anni le donne in gravidanza del borgo, e i figli partoriti per anni sono stati gemelli biondi con occhi azzurri. Questa la dichiarazione di Jorge Camarasa, storico argentino che si interessa… Leggi tutto »

Il padre di Tommy in coma irreversibile: la moglie pronta a chiedere l’eutanasia

Da 6 mesi il padre di Tommy, il bambino noto alla stampa per il rapimento del 2006 finito in tragedia, è in coma vegetativo a causa di un infarto. L’agosto scorso il cuore ha smesso di pompare per ben 40 minuti, e in questo lasso di tempo il cervello è stato privo di ossigeno. Poi ha ripreso la contrazione, ma Onofri non si è più ripreso. Ora non è più attaccato alle macchine, respira da solo e mangia grazie a… Leggi tutto »

Qualche riflessione sull’avvio della campagna ateobus UAAR

«Qualcuno può stupirsi di fronte all’affermazione che in Italia non si è liberi (o lo si è molto scarsamente) di essere atei, eppure è una verità tra le meno difficili da dimostrare». Sono parole del giurista Carlo Cardia, e risalgono al 1973. Nonostante dal 1984 non vi sia più una religione di Stato, e nonostante la Corte Costituzionale abbia stabilito che «il nostro ordinamento costituzionale esclude ogni differenziazione di tutela della libera esplicazione sia della fede religiosa sia dell’ateismo» (sentenza… Leggi tutto »