Archivi Giornalieri: martedì, giugno 9, 2009

Papozze (RO): il maresciallo fa togliere i manifesti UAAR

Le forze dell’ordine che entrano in azione per tutelare il “sentimento religioso” della popolazione. Non è accaduto in Iran, o in Arabia Saudita. E’ accaduto questa mattina a Papozze, in provincia di Rovigo, dove a cura di un socio UAAR erano stati affissi dei manifesti dell’associazione, con la scritta “La cattiva notizia è che Dio non esiste. Quella buona, è che non ne hai bisogno”. Il maresciallo dei carabinieri ha comunicato al socio UAAR di aver fatto togliere tutti i… Leggi tutto »

Certificato di battesimo per la scuola

Al numero 18 di via Provolo, a Verona, c’è la scuola paritaria per l’infanzia Fortunata Gresner delle suore della Compagnia di Maria, la stessa compagnia del Provolo. Due giovani genitori, che abitano nella zona, vanno per iscrivere il figlio a detta scuola. Oltre alla certificazione di rito delle altre scuole, occorre anche il certificato di battesimo. Il figlio non è battezzato, in quanto è lasciato libero di scegliere quello che vorrà al compimento della maggiore età. I genitori sono davanti… Leggi tutto »

“Il flop dei nuovi atei” secondo Haught e “Avvenire”

Il quotidiano dei vescovi italiani Avvenire pubblica oggi un’intervista al teologo americano John Haught, autore del libro Dio e il nuovo ateismo (Queriniana, pp. 167, euro 13,80). Secondo Haught, autori come Richard Dawkins, Sam Harris e Christopher Hitchens, paragonati a “cristiani fondamentalisti”, sarebbero giudicati da Friedrich Nietzsche, Albert Camus e Jean-Paul Sartre “deboli e codardi come i credenti in Dio, dato che si aggrappano a valori assoluti” quali la verità scientifica e i diritti umani. Secondo l’autore, “il problema è… Leggi tutto »

Conferenza sull’intoccabilità

Alla presenza di una platea internazionale (compresa una rappresentanza UAAR) inizia oggi a Londra una conferenza sull’intoccabilità. La BBC ha dedicato all’evento un articolo. Secondo Babu Goginemi, dirigente indiano dell’IHEU (l’internazionale etico-umanista di cui fa parte anche l’UAAR), “ci sono importanti politici dalit, in india, ma nulla è cambiato. La risposta sta nel provvedere all’istruzione dei dalit e nel dare loro più potere”.

Uk: sondaggio, le scuole religiose ritenute “divisive”

Secondo un sondaggio realizzato da Accord Coalition, il 57% della popolazione del Regno Unito ritiene che le scuole religiose finanziate dallo Stato indeboliscano la coesione sociale. Il 72% del campione ritiene che i lavoratori da esse impiegati non debbano essere selezionati in base all’appartenenza confessionale, mentre il 75% pensa che dovrebbero impartire insegnamenti anche sulle altre religioni, nonché sulle convinzioni non religiose.

Vigevano (PV): morto l’uomo in coma

E’ morto l’uomo in coma il cui seme era stato prelevato per fecondare la moglie. Nei giorni scorsi il Tribunale di Vigevano aveva detto “no” a tale pratica in quanto, a suo dire, non vi è certezza che questo sia stato il desiderio dell’uomo (cfr. Ultimissima del 4 giugno).

Ateobus censurati anche in Austria, mentre in Ungheria circola un anti-ateobus

Stop agli ateobus anche in Austria. Secondo l’authority per i trasporti pubblici viennesi, è fatto divieto di pubblicare messaggi politici e religiosi sui mezzi pubblici della capitale. La notizia è tratta da der Standard. In Ungheria, invece, è stata lanciata una raccolta fondi per finanziare un anti-ateobus, che sta regolarmente circolando. Il messaggio suona più o meno “Se veramente Dio non esistesse, dovremmo cominciare a preoccuparci”. Secondo il promotore, se cacciassimo quel poco che é rimasto di Dio nel mondo,… Leggi tutto »

Manifesti UAAR a Reggio Emilia

Anche a Reggio Emilia sono stati affissi i manifesti UAAR 6 x 3 con lo slogan “La cattiva notizia è che Dio non esiste. Quella buona, è che non ne hai bisogno”, già censurato su tutti gli autobus pubblici italiani.