Roma, approvato il percorso del Gay Pride

Dopo mesi di polemiche e la presentazione di un ricorso al TAR, la questura di Roma ha finalmente approvato il percorso del RomaPride, il cui motto, quest’anno, è Parità Dignità Laicità. La manifestazione si svolgerà sabato 13: partirà alle 16.30 da piazza della Repubblica e raggiungerà piazza Navona. Sarà presente una delegazione del circolo UAAR di Roma. Maggiori informazioni sul sito RomaPride2009.

Archiviato in: Generale, UAAR

23 commenti

takeshi

Sarà contento il santo padre? Un uomo così mascolino non può approvare il gay pride.

peppe

Sono contento del risultato ottenuto dal movimento.

Questo provvedimento con cui i percorsi delle manifestazioni, soprattutto se invise alla chiesa, possono essere arbitrariamente modificati, negati o pretestuosamente imposti o rimandati sine die porta lo zampino dell’intolleranza cattolica: il pretesto degli islamici che si sono permessi di pregare sul “suolo cristiano” ha dato l’alibi ai catto-talebani e ai loro politic servi per ridimensionare al ribasso i diritti di tutti, minoranze e non credenti.

stefano

è il colmo, una settimana di funerali di CW a reti unificate PAGATI COL NOSTRO CANONE e tutti zitti, e per l’autorizzazione di un corteo festoso e pacifiko c’è voluto addirittura un ricorso al Tar…in che misero paese viviamo.

Rocco

Come in Russia, che devono far ricorso per poter manifestare. Già, avevo dimenticato, siamo anche noi in una democrazia guidata

Viano di Vagli

Marcateo: anche quelli dell’ UAAR sono convinti di aver vinto tutte le volte che lo ricevono in quel sito.

Kaworu

@viano

come sei fallocentrico

@for all the gods

è scritto, è Parità Dignità Laicità

Stefano Grassino

@ Kaworu

è scritto, è Parità Dignità Laicità.

Abbi pazienza Kaworu cara, va bè che io e te siamo in sintonia al 99% ma stavolta non la mando giù: mi vorresti dire che ho la stessa dignità e sono allla pari di Viano di Vagli?

roberta

@Viano di Vagli
anche quelli dell’UAAR sono convinti…
un linguaggio cosi’ greve non si addice a un cattolico ^_^

roberta

@Stefano Grassino
pare che abbiamo tutti lo stesso DNA a TRIPLA elica…lo dice il papa…

Lionheart

Vorrei solo dire a Viano e a tutti quelli che si domandano perchè l’ UAAR si interessa al mondo gay di rileggersi (ma l’hanno mai fatto?) lo statuto dell’associazione e in particolare il punto 1 dell’ Articolo 2

1. I valori a cui si ispira l’attività dell’UAAR sono: l’eudemonismo; la razionalità; il laicismo; il rispetto dei diritti umani; la democrazia; il pluralismo; l’uguaglianza; la valorizzazione delle individualità; le libertà di coscienza, di espressione e di ricerca; il principio di pari opportunità nelle istituzioni per tutti i cittadini, senza distinzioni basate sul sesso, sull’identità di genere, sull’orientamento sessuale, sulle concezioni filosofiche o religiose, sulle opinioni politiche, sulle condizioni personali e sociali.

Il linguaggio usato da Viano e simili poi, indica una non conoscenza dei fatti e una estrema dipendenza da luoghi comuni errati e fantasiosi.
Ad ogni modo io spero sempre che riescano a chiarirsi le idee.
Ciao

Viano di Vagli

Stefano Grassino/per tutti gli dei: te lo devo spiegare io che Cavour voleva risparmiare prendendo due piccioni con una fava? Se non ti fosse chiaro, ha risposto a due persone che non considera certo uguali con un solo invio.

takeshi

@marcateo

Ah, non sei omofobico? Come no. Guardati un po’ dentro.

Ma non hai ancora capito che tutelare i diritti delle minoranze è importante per tutti? Sei non credente o non cattolico? Allora qui nella repubblica delle banane, alias Vaticalia sei in monoranza. Se le battaglie per i diritti di pochi, che siano i gay o le lesbiche, i non credenti, i non cattolici, non si fanno insieme, siamo fottuti. Poi fai come ti pare. Un giorno in cui i tuoi diritti saranno calpestati anche altri potrebbero fare il tuo bel discorso altruistico. Sono sicuro che i polacchi dicevano: noi che centriamo, quando i nazi portavano via gli ebrei, fino a che i nazi non hanno cominciato a portare via anche loro per il solo fatto di essere polacchi. 🙄

massimo

…Testo molto citato, ma, soprattutto in questi casi, è bene ricordarlo
(sono, com’è noto, parole di Bertold Brecht):

“Prima di tutto vennero a prendere gli zingari e fui contento, perché rubacchiavano.

Poi vennero a prendere gli ebrei e stetti zitto, perché mi stavano antipatici.

Poi vennero a prendere gli omosessuali, e fui sollevato, perché mi erano fastidiosi.

Poi vennero a prendere i comunisti, ed io non dissi niente, perché non ero comunista.

Un giorno vennero a prendere me, e non c’era rimasto nessuno a protestare.”

Ivo Mezzena

come al solito i cattolici si sentono padroni di tutto e di tutti!
Una piccola vittoria per il Gau Pride 2009!

FabioFLX

@massimo: solo una precisazione. L’attribuzione di quel brano è stato corretto, perché a quanto pare appartiene a Martin Niemöller.

Avalon

@ Roberta
Individuata la sequenza di basi che esprime l’influenza dello spirito nel corredo genetico: è CAG ATA.

(di Luca Formenti)

🙂

massimo

@ FabioFLX

…In tal caso (come spesso succede nella tradizione manoscritta, in cui un errore si riproduce “di penna in penna” o “di tastiera in tastiera”, sulla rete), Martin Niemöller è un antesignano di Hans Kung ‘à l’évangélique’… (ovvero, pensò e disse cose ampiamente compatibili con la sua non-cattolicità!)

strozzapreti

Almeno uno striscioncino piccino piccino ateo lo mettiamo con la brutta notizia?

Commenti chiusi.