Archivi Giornalieri: lunedì, luglio 20, 2009

Una commissione filo-cattolica per gli embrioni congelati (e le linee guida sulla legge 40?)

Il sottosegretario al Welfare, Eugenia Roccella, già presentatrice del Family Day, ha reso noto su Avvenire del 17 luglio di aver costituito una commissione di 11 esperti che studierà “le problematiche degli embrioni in sovrannumero, non utilizzati per trattamenti di fecondazione assistita e conservati nei centri specializzati”. Due soli laici (Santosuosso e Redi) faranno parte del gruppo: gli altri nove componenti saranno infatti il presidente Francesco D’Agostino (Unione giuristi cattolici e Pontificia accademia per la vita); Franco Cuccurullo (cfr. Ultimissima… Leggi tutto »

Veronesi: l’altruismo innato dell’homo sapiens

Il Corriere della Sera ha pubblicato un interessante articolo sull’altruismo scritto da Umberto Veronesi. Secondo il noto oncologo, che riprende diversi recenti studi accademici, la nostra specie sarebbe “per sua natura” caratterizzata da un senso di genero­sità e di altruismo. Circostanza che smentirebbe la necessità, ribadita a ogni pie’ sospinto dai leader di ogni fede, che le comunità umane debbano basarsi sulla religione per poter continuare a essere coese.

La Cassazione: è vietato manifestare davanti a una chiesa

Fuori dalla chiesa dove si svolgevano i funerali di un lavoratore socialmente utile, suicidatosi dandosi fuoco durante una manifestazione di protesta, un gruppo di lavoratori aveva dato vita a una nuova contestazione. La vicenda ha avuto luogo diversi anni fa nel napoletano, ma ha avuto lunghi strascichi giudiziari e si è conclusa in Cassazione. La Suprema Corte, secondo quanto riporta Quotidiano.net, ha condannato nove manifestanti a pene variabili ai sensi dell’articolo 405 del codice penale (Turbamento di funzioni religiose del… Leggi tutto »

Crocifisso vicentino su cima pakistana?

Un articolo pubblicato il 16 luglio sul Giornale di Vicenza informa dell’imminente avvio di un progetto curato delle sezioni vicentine del Cai e dalla onlus “Montagne solidarietà” di Avio. L’iniziativa prevede la realizzazione di un acquedotto in un villaggio pakistano, dal quale partirà poi la scalata a un Seimila ancora inviolato. Raggiunta la vetta, è previsto il collocamento di “un simbolico crocefisso dono dei ceramisti di Nove”.

Lituania, approvata legge omofobica

Il parlamento lituano ha approvato nei giorni scorsi, con una maggioranza di 87 voti favorevoli contro 6 contrari, una legge che limita la diffusione tra i minori di informazioni concernenti l’omo e la bisessualità. Il parlamento ha dovuto esprimersi nuovamente dopo che il presidente della repubblica baltica, Valdas Adamkus, aveva posto il veto al provvedimento (cfr. Ultimissima del 24 giugno). Il gruppo parlamentare liberale ha preannunciato di voler sottoporre la legge al giudizio della Corte costituzionale: una decisione salutata con… Leggi tutto »

Francia, polemiche per i crocifissi nei licei privati

Nelle scuole pubbliche francesi non è consentito esporre il crocifisso: non così nelle private. Ma presso i licei privati si svolgono gli esami di maturità, gestiti da commissioni pubbliche. Inevitabile che prima o poi scoppiasse il caso, cosa puntualmente avvenuta nei giorni scorsi presso il liceo Saint-André di Choisy-le-Roi, in Val-de-Marne. Come riporta Libération, due insegnanti hanno infatti tolto i crocifissi durante le prove d’esame, ma i simboli cattolici sono stati prontamente ricollocati sui muri l’indomani.

Chiesa anglicana in crisi finanziaria: si pensa al taglio dei vescovi

Anche la Chiesa anglicana sta risentendo della crisi finanziaria, e pensa pertanto a tagliare il numero dei vescovi. Se ne è discusso in un sinodo generale, dal quale è emerso che, sebbene il numero dei fedeli e dei pastori sia calato, non altrettanto è accaduto per i vescovi, che costano alle casse della comunità quasi 22 milioni di sterline (circa 25,5 milioni di euro) tra stipendi, staff e mantenimento delle relative residenze. Il sinodo, riporta il Guardian, ha anche chiesto… Leggi tutto »

India, Gujarat: più di cento morti per consumo di alcool clandestino

Nello stato indiano del Gujarat (circa 50 milioni di abitanti) l’assunzione di alcolici è proibita: al potere c’è infatti il Bharatiya Janata Party, un partito integralista indù. Il proibizionismo non ne ha interrotto il consumo: ha solo reso clandestina la produzione. Nei giorni scorsi, riporta il Financial Times, almeno 122 persone sono morte e oltre 300 sono state ricoverate in ospedale per aver bevuto alcolici illegali.