Verona: educazione alla sessualità (cattolica)

Al Dirigente Scolastico dell liceo Girolamo Fracastoro
Marcello Schiavo
Verona

Egregio Professore,
nel sito dell’istituto da Lei diretto siamo venuti a conoscenza del vario e vasto programma realizzato a favore degli studenti durante lo scorso anno scolastico. Non possiamo non congratularci con Lei e con i Suoi collaboratori. Siamo rimasti, però, colpiti dal fatto che l’educazione alla sessualità sia stata realizzata in collaborazione con l’Iner di Verona. Tra gli scopi dell’Iner troviamo l’educazione alla regolazione naturale della fertilità; la divulgazione dei metodi di regolazione naturale della fertilità e l’educazione al valore della sessualità nella visione antropologica cristiana e quello di operare conformemente ai principi dell’etica cristiana. L’Iner è un istituto ideologicamente schierato, che non accetta i metodi chimici e meccanici (cioè quelli generalmente usati) per prevenire gravidanze indesiderate. Riteniamo che agli studenti debbano essere presentati tutti i metodi anticoncezionali, senza scelte ideologiche ed etiche di parte a favore degli uni piuttosto che degli altri, lasciando che siano gli eventuali interessati a fare le scelte ritenute più opportune. Del resto, se non siamo stati informati male, in precedenti anni scolastici il Suo istituto si era avvalso della collaborazione di un consultorio familiare pubblico, che dà maggiori garanzie di imparzialità e appare più idoneo a parlare sia agli studenti che si avvalgono sia a quelli che non si avvalgono dell’Irc.
Nell’augurarci che queste nostre considerazioni siano tenute presenti nella programmazione del nuovo anno scolastico, Le porgiamo distinti saluti.

Verona, 20 agosto 2009

Silvio Manzati (coordinatore del circolo UAAR di Verona, verona@uaar.it)

Archiviato in: Generale, UAAR

58 commenti

Emanuela

Che cosa sarebbe la “visione antropologica cristiana”?
Mia sorella si sta per laureare in antropologia e non ne ha mai sentito parlare….

enrico mini

Mi sembra quasi un oltraggio a Girolamo Fracastoro far tenere all’Iner (contraria anche ai profilattici ecc.) dei corsi di educazione sessuale.

mocipenso

“(cioè quelli generalmente usati)”, leggasi, che funzionano.

Bravissimi!

tomaraya

a dei liceali imbufaliti dagli ormoni che gli stanno scoppiando certi discorsi sono un potente incentivo a trasgredire la claustrofobica visione antropologicamente cristiana del sesso. ma poi i metodi di contraccezione naturale non sono molto attendibili o sbaglio? che vogliono, un bell’incremento delle gravidanze tra le ragazzine come succede nelle zone più cristiane degli usa, e come non succede invece nelle ultrasecolarizzate democrazie europee?

agnese l'apostata

in pratica,una gradissima presa per i fondelli,ovvero,come far schizzare verso l’alto i tassi di gravidanze adolescenziali.ma che genii della malavita lavorano all’iner????!!!!
è prevista anche la dispensina “le donne,malvagie tentrici”?

fabrizio

Ma Fracastoro non era quello del poema scientifico Siphylis? Proprio nella “sua “scuola si aggira l’uso dei preservativi?!

maxalber

Emanuela scrive:
21 Agosto 2009 alle 16:39
Che cosa sarebbe la “visione antropologica cristiana”?
Mia sorella si sta per laureare in antropologia e non ne ha mai sentito parlare….
—————————–
Io nel vocabolario leggo che “Antropologia culturale” è lo studio delle strutture culturali dei diversi gruppi etnici e sociali.
Io la interpreto perciò come visione culturale da parte del gruppo sociale “cristiani”.
Tu hai capito il significato della frase, no?
Come lo avresti espresso (tu o tua sorella)?

Giulio 69

Fermiamoci un momento però. La stessa lettera dice che l’istituto si è avvalso della collaborazione dell’Iner. Non è detto che i corsi li abbiano fatti loro.

Se l’Iner è stata contattata per tenere delle lezioni sull’astinenza e quelle robe li, e altre lezioni sull’uso del preservativo, diaframma, ecc. le hanno tenute personale del consultorio io non ci vedrei niente di male o sbagliato. Come dice anche la lettera è giusto dare ai ragazzi tutte le informazioni e tutti i punti di vista.

Non sto difendento nessuno qui, voglio solo dire che dalla lettera non si capisce che comportamento abbia tenuto l’istituto.

Cardinal Bagnato

Ma delle belle lezioni sulle cicogne ed i cavoli no? Non corrispondono ad una visione antropologica cristiana? 🙂

myself

“Se l’Iner è stata contattata per tenere delle lezioni sull’astinenza e quelle robe li, e altre lezioni sull’uso del preservativo, diaframma, ecc. le hanno tenute personale del consultorio io non ci vedrei niente di male o sbagliato. Come dice anche la lettera è giusto dare ai ragazzi tutte le informazioni e tutti i punti di vista.”

La lezioni sull’astinenza vanno bene perchè così si danno tutti i punti di vista? Suvvia allora perchè non parlare anche della castrazione e/o delle cinture di castità!

Se si tratta di informare dei ragazzi sulla sessualità la prima informazione da dare è che il sesso è un bisogno fisiologico e psicologico e che non ha nulla a che fare con le panzane cristiane!

agnese l'apostata

@giulio 69
ma sì!allora studiamo il creazionismo nell’ora di scienze!facciamo parlare qualche missino di resistenza o uno sbirro sul sessantotto!viva il revisionismo!non capisco perchè certe pagliacciate debbano avere dignità,e non mi riferisco solo alle ore scolastiche,tolgono spazio agli argomenti seri.e basta ingenuità,ormai sei adulto,castità e anticoncezionali non saranno MAI presentati come equivalenti da questa gente
@cardinal bagnato
cavoli e cigogne?cacchio…stanotte raid nei campi e a sterminare i malefici uccellacci…

Vituzzo

Io personalmente a questi qua gli cementerei la bocca. Ma si rendono conto di tutti i danni che causano?

La cosa che piú mi fa arrabbiare che questa gente (non so se é valido anche per quelli dell’iner, ma é parecchio diffuso tra le persone molto devote) é la prima a trasgredire a tutte le c@@zzate che insegna. Secondo me NON HANNO IL DIRITTO di dire niente nemmeno sull’astinenza e su queste cose, perché causano solo dei sensi di colpa inutili.
Ho ascoltato tanto questa brodaglia ipocrita e in genere dicono che si deve fare sesso solo quando si é sposati (ma a quanto pare non sono per niente in grado di capire che un bambino nato da una coppia sposata per via del mancato uso dei metodi “chimici e fisici” puó essere un problema semplicemente perché firmare le carte del matrimonio non mette automaticamente nella condizione economica e sociale di poter allevare un figlio.)
Anche sui sentimenti sono piuttosto superficiali, secondo me anche il grande Rocco Siffredi riuscirebbe a essere molto piú professionale.
E, naturalmente, si dimenticano una cosa molto importante: L’etá per crescere é quella, dopo sara molto iú dura. (E non ne ho le prove ma secondo me anche puó essere anche dannoso).

myself

“ma sì!allora studiamo il creazionismo nell’ora di scienze!facciamo parlare qualche missino di resistenza o uno sbirro sul sessantotto!viva il revisionismo!non capisco perchè certe pagliacciate debbano avere dignità”
@agnese l’apostata

Sono pienamente d’accordo, poi -come dici poco dopo- non si capisce perchè mai dovremmo avere tutto questo rispetto e tutta questa pazienza di sentire le farneticazioni cattoliche quando i cattolici sono i primi che censurano le idee altrui!

Giulio

@myself
@agnese

Mi spiace ma questa volta non sono d’accordo con voi. Si parla sempre in questo forum di parita’ di trattamento, ma in questo caso non vale? “Certe pagliacciate” hanno dignita’, primo perche’ tutte la pagliacciate hanno dignita’, secondo perche’ non per tutti sono pagliacciate. E “questa gente” chi sarebbe? i cattolici? e chissenefrega se non sono equivalenti per loro.

La scuola dovrebbe offire un’educazione piu’ variegata possibile. Altrimenti chi decide cosa si puo’ insegnare e cosa no? State cadendo nello stesso errore dei cattolici. Voi sapete quello che ‘ giusto insegnare. Proprio quello che rimproveriamo a loro

myself

“Mi spiace ma questa volta non sono d’accordo con voi. Si parla sempre in questo forum di parita’ di trattamento, ma in questo caso non vale?”
@Giulio
No, non vale perchè non si sta parlando della libertà di esprimere la propria opinione su un giornale, scrivendo un libro, parlando in tv… o con un manifesto su un autobus, libertà inviolabile. Si sta parlando dell’istruzione pubblica e di condizionare le giovani menti, la scuola deve insegnare la versione ufficiale, provata, maggiormente condivisa e imparziale di ogni materia, e lo stesso vale per l’educazione sessuale, e la versione provata è che i profilattici funzionano, le preghiere e i metodi naturali no.

Paul M.

Complimenti al circolo di Verona per la lettera. 😉
Andate forte lassu’ 😀
Un caro saluto a tutti voi 😉

Giulio

@agnese

La “versione ufficiale” e “maggiormente condivisa”. E’ la stessa cosa che dicono loro, solo che per loro “ufficiale” significa “che viene da Dio” e maggiormente condivisa, beh dato che siamo tutti cattolici in Italia (per loro) e’ ovvio che sia condivisa.

Sono d’accordo che le preghiere non funzionino, ma non puoi negare che l’astinenza funzioni. Magari e’ impraticabile (ce lo vedo un adolescente che si trattiene…) ma per funzionare funziona.

Vituzzo

Il fatto della libertá é relativo, se non permetti a uno che ha oltre 4 g/l di alcol nel sangue (ai limiti della perdita di conoscenza) di guidare un TIR di 42 tonnellate, non lo limiti nella libertá di movimento, semplicemente eviti che faccia un sacco di danni.

Bisognerebbe fare uno studio approfondito se a distanza di un certo tempo (diciamo all’etá 30 anni) sono sessualmente piú soddisfatte le persone che hanno sentito parlare di preservativi e dell’importanza delle emozioni senza tabú e divieti inutili e chi ha dovuto ascoltare la veritá dei cattolici. Secondo me il risultato sarebbe sconcertante.

myself

“Secondo me il risultato sarebbe sconcertante.”
@Vituzzo

Per chi?

yarlaim

Ma i veronesi non sono quelli che hanno gridato allo scandalo per un burkini? Che è una schifezza, intendiamoci.
Ma mica siano tanto diversi loro, con le loro cazzate integraliste cristiane.
Guerra intra-integralisti.

Lorenzo Galoppini

“Magari e’ impraticabile (ce lo vedo un adolescente che si trattiene…) ma per funzionare funziona.”

Se é impraticabile che senso ha? Specie quando ci sono altre vie ben più praticabili.

maxalber

@ giulio
guarda che la logica del tuo ragionamento puo’ portare a dire che poiche’ i sostenitori della terra piatta hanno pari dignita’ di quelli della terra tonda allora dobbiamo dare a entrambi la stessa dignita’ scienntifi ca e concedere ai due gruppi spazi equivalenti.
E’ questo il tuo messaggio?

myself

“Se é impraticabile che senso ha? Specie quando ci sono altre vie ben più praticabili.”

Esattamente, l’astinenza sessuale per limitare le nascite non ha nessun senso, e anzi è dimostrato che fa male alla salute.

Poi si deve osservare che i cattolici non predicano l’astinenza sessuale come mezzo per limitare le nascite indesiderate, bensì predicano l’astinenza sessuale e basta! Infatti se il loro discorso fosse solo per limitare le nascite allora non si spiegherebbe come mai sia contrari anche alla masturbazione che non può certo portare a una gravidanza.

Giulio

@maxalber

No, perche’ la terra piatta e’ dimostrato essere falso dalle foto. L’astinenza, si puo’ essere d’accordo o no, ma funziona come contraccettivo. Io non sono d’accordo, ma non e’ questo il punto.

Con questo concludo. Ho detto la mia e questo mi basta.

Alla prossima

Vituzzo

Sono convinto che chi ha avuto le giuste informazioni e non solo quelle impartite dalla chiesa viva meglio e dubito di sbagliarmi.

myself

Io affermo che la castrazione è il miglior contraccettivo, provate a smentirmi!!

kundalini444

cioè… hanno insegnato agli studenti il “metodo naturale della regolazione della fertilià” ma non gli hanno insegnato a usare il preservativo e la pillola??? Anzi magari gli hanno insegnato che NON si deve usarli????

Poveri adolescenti… speriamo che qualcuno in famiglia gli faccia almeno intravedere la REALTA’…

andrea

grazie silvio! sint’ende silvio manzati dell’uaar di verona mica “altri”.

Sandra

Giulio scrive: “La scuola dovrebbe offire un’educazione piu’ variegata possibile. Altrimenti chi decide cosa si puo’ insegnare e cosa no? State cadendo nello stesso errore dei cattolici. Voi sapete quello che ‘ giusto insegnare. Proprio quello che rimproveriamo a loro”

Non sono d’accordo Giulio. La scuola non puo’ affidare come in questo caso 6 ore di “educazione alla sessualita’” in collaborazione con questo istituto.
L’astinenza funziona senz’altro come contraccettivo, cosi’ come un’alimentazione priva di grassi puo’ evitare malattie cardiovascolari. Ma stiamo parlando a ragazzi, ad adolescenti. Non so se tu hai occasione di frequentarne, ma se solo ti ricordi come eravamo non puoi obbiettivamente pensare che l’autodisciplina sia una caratteristica di quell’eta’. Sappiamo benissimo che avranno rapporti sessuali cosi’ come che fumeranno e che berranno. Non possiamo fare lezioni sull’astinenza a scuola! L’impostazione “morale” (non si fuma, non si beve e non si fa sesso) non puo’ venire dalla scuola. La scuola informa sulle conseguenze degli eccessi, e su come evitare le conseguenze estreme di certi comportamenti, uno di queste e’ una gravidanza indesiderata. Se guardi i dati europei su istruzione sessuale e gravidanze tra minorenni vedrai che c’e’ un effetto innegabile tra informazione e comportamento. E ho usato apposta il termine istruzione per differenziarlo dall’educazione! Stiamo parlando di adolescenti, non di bambinetti a cui si deve spiegare che il fuoco scotta!

myself

“Sono convinto che chi ha avuto le giuste informazioni e non solo quelle impartite dalla chiesa viva meglio e dubito di sbagliarmi”
@Vituzzo
OK, ma ci dici quali sono queste giuste informazioni?

enrico mini

Io mi sono fatto vasectomizzare anni fa (scomunica più scomunica meno, un giorno le conterò) ma … per ciò che riguarda le malattie sessualmente trasmissibili? Questi stanno giocando sulla pelle dei ragazzi, anche i loro, o cosa?

myself

“per ciò che riguarda le malattie sessualmente trasmissibili?”
@enrico mini

Il loro ritornello è sempre lo stesso: niente sesso! :-/

Danx

Ovvio che vogliono un aumento delle gravidanze (indesiderate, purtroppo). Lo scopo della religione cattolica, come quello di molte altre, è di moltiplicare le proprie genti a dismisura per conquistare il mondo.
Sono dei poveri pazzi!

Danx

In 2^ superiore il prof d’italiano ci portò a lezioni di educazione sessuale. Ad insegnarci alcune cose c’erano due giovani dottoresse. Finalmente abbiamo smesso di ridere del sesso e iniziato a parlarne, seppur timidamente, seriamente.
Se fossero state 2 missionarie cattoliche (o chiamatele come volete), ora saremmo ancora super timidi e super ignoranti.

Lorenzo Galoppini

Ma poi perchè mai, razionalmente parlando, si dovrebbe insegnare agli adolescenti l’astinenza che, oltre ad essere praticamente impossibile da recepire da parte loro (ma non solo da parte loro…), priva le persone di un piacere fondamentale della vita, probabilmente il migliore di tutti, necessario anche alla salute e allo sviluppo psicofisico, quando invece esistono altri metodi di contraccezione ben più semplici che non comportano assolutamente la privazione di questo piacere fondamentale, quali i profilattici????? E’ semplicemente irrazionale ed illogico, ad essere buoni!!!!
Perchè mai scegliere la via peggiore, più difficile e faticosa, quando se ne può scegliere un’altra più semplice e comoda???? Questa é banalissima LOGICA! Se non si capisce questo, beh…………………..

Massi

La “sessualità cattolica” comincia con l’astinenza e finisce in violenza.

Ivo Mezzena

Io ho avuto tre anni alle medie un professore che ci ha insegnato “visione antropologica cristiana” cioè: Il sesso è male, se ti tocchi subirai le peggior cose, la masturbazione è il peccato peggiore, mai pensare ai piaceri della carne, ecc….

“visione antropologica cristiana” significa lezioni di insicurezza, sensi di colpa, disagio con la propria sessualità.

Vituzzo

Per “giusto” intendo un programma serio, fatto da medici e psicologi e non da preti e/o insegnanti devoti, un programma che basa le indicazioni sulle azioni da fare/non fare sulle conseguenze che hanno e non su quello che qualche amico immaginario gli ha detto/ordinato.

Tacchino volante

Una canzone ancora attuale:

Comunque alla scuola media statale hanno
iniziato un piano di educazione sessuale sembra
impossibile, eppure e’ vero, ed e’ voluto dal
ministero.
Non ci credete? Andate e vedete, hanno gia’
stanziato due miliardi per comprare i cavoli.
Ma questo fatto dell’educazione sessuale non
e’ ben visto dalla nazione;
morte alla pillola atea e nociva! Per
l’aspirina si gridi evviva.

F. Guccini – Talkin’ sul sesso (da Opera Buffa – 1973)

Paul M.

Primo, Dovrebbero insegnare la sessualita’ a tutti i preti pedofili e suini che il Vaticano manda a spasso per il mondo come missionari.

Secondo, le persone dovrebbero riflettere se sia effettivamente utile, imparare la sessualita’ da persone che fanno voto di castita’ o comunque si autoimpongono un comportamento sessuale fatto di rinunce, regole, e sacrifici che portano conseguentemente a frustrazioni e disagi.

Terzo, penso che l’educazione sessuale corretta non debba essere insegnata dagli amici dei cattotalebani (magari nell’ora di religione!!!) ma da professori (vincitori di concorsi pubblici) di schienze, biologia, o simili.

Quarto,
“L’Iner è un istituto ideologicamente schierato, che non accetta i metodi chimici e meccanici (cioè quelli generalmente usati) per prevenire gravidanze indesiderate.”

…Ossia?!…Cosa propongono nel concreto per prevenire le gravidanze indesiderate!?!?…ASTINENZA o “SALTO DEL GAMBERO” poco prima dell’eiaculazione??? OGINOKNAUS (che fa’ tanto anni ’70) o SESSO DOPO MATRIMONIO (benedetto da sacra romana chiesa, ovvio!)???
Ma tutti questi cattolobotomizzati, si rendono conto che l’eta’ media dei primi rapporti sessuali scende ogni anno!?!?
Dove vivono su marte!?!?
Perche’ continuano a far gestire i programmi della scuola pubblica da cattolici e non da laici!?!?
Quando finiranno le loro ingerenze!?!?!

fresc ateo

L’ALTRA ECO …..SESSO, VINO E ROK E ROL .ALLA FACCIA DEI PRETACCI.

MicheleB.

Il clero cattolico ha trovato un rimedio infallibile contro le gravidanze indesiderate: basta che il/la partner non sia sessualmente maturo/a.

agnese l'apostata

sì sì l’astinenza funziona come contraccettivo.anch’io la uso,tra un rapporto e l’altro
@giulio
ma hai presente che questi starnazzano sulla libertà d’espressione solo per i propri interessi?e in così poche ore vuoi lasciare parlare anche sti qua?
e poi i cattivi sono gli islamici e il loro idiotissimo burkini!invece va bene una pseudo educazione sessuale ridicola e tutta la doppia morale che ne deriva!
a me a scuola non hanno mai fatto alcun tipo di educazione sessuale,mai…

stefani f.

e sì che l’istituo è intitolato a Gerolamo Fracastoro celebre medico razionalista rinascimentale, il primo che cominciò a curare seppure empiricamente gli avvelenamenti alimentari (ingestione di funghi velenosi ecc.)…

stefani f.

“contronatura è ogni specie di pervertimento dell’istinto natuarale; la peggiore specie di contronatura è il prete, esso insegna la contronatura” – Nietzche

Asatan

@Giulio

Predicare l’astinenza non è educazione sessuale, è indottrinamento cattolico. Se proprio vogliono farlo lo facciano durante le ore di IRC non durante le ore di educazione sessuale.
Oltetutto porre i cosideti “metodi naturali di contraccezione” sullo stesso piano dei contraccettivi meccanici e chimiei E’ CRIMINALE. Scientificamente parlano i “metodi naturali” hanno tassi di successo risibili e sono una delle maggiorni cause di gravidanze non desiderate.
Queste IDIOZIE non sono nè scienza ne educazione, ma pura ideologia cattolica volta a creare gravidanze indesirate. Hai presente quanti figli del metodo ogino-knaus ci sono in giro?
Io mi rifiuto inoltre di accettare che questa gentaglia CRIMINALE vada ad insegnare che non solo il preservativo non protegge da gravidanze indesirate (scientificamente ha un tasso di successo\sicurezza del 97%), ma che anzi oltre a non proteggere dallo HIV ne aumenta le probabilità di contagio.
Qui non parliamo di varietà nell’offerta formativa. Parliamo di offrire ai ragazzi da un lato strumenti scientificamente validi per vivere serenamente la propria sessualità in sicurezza e dall’altra favole e frottole che li mettono a rischio.

Detto papale papale se i cattolici amano tanto mettere in pericolo i propri figli in nome di dio li mandino alle loro masdre private, a loro spese senza impedire al resto della popolazione di studiare seriamente. Inolte una volta che si prendono HIV\sifilide\gonorrea\1candida\ecc a causa del loro delirio religioso che li fù sco..para senz apreservativi si curino a spese loro senza prendere un soldo da SSN. Stesso discorso per le gravidanze causate dal loro imbecille uso di matodi non funzionanti e scientificamente improbabile. Visto che magrado abbiano acesso a dati realti, SCELGONO di mettersi a rischio rincorrendo le loro superstizioni che si arrangino da soli.

stefani f.

insisto che una buona educazione sessuale implica la conoscenza del proprio corpo, si per i maschi che per le femmine, e deve iniziare dalle scuole elementari! oggi l’età media del prmo rapporto è attorno ai 12 anni ma le ragazzine fino ai 18-21 anni sono ancora convinte che le lavande vaginali con la COCA COLA 🙁 preservino dalle gravidanze.

Giacomo Grippa

Bisognerebbe rimarcare e ritornare a rimarcare che in una scuola pubblica non è possibile avere un preside Schiavo degli indirizzi religiosi del particolare Istituto incaricato.
Eppoi si continua a parlare di imperante spirito anticristiano, di bavaglio ai cattolici…!!!
Se la lettera ha garbati toni smorzati,
non si smorzi l’azione alla Manzati.

agnese l'apostata

@stefani f.
beh,io su un bellissimo forum di cioè(la rivista per ragazzine)tra le altre cose ho letto:
A)ma masturbarsi impedisce di provare piacere durante il vero rapporto sessuale?
B)mi faccio del male se mi masturbo col getto della doccia?
C)come lo masturbare il mio ragazzo?(se venite a trovarmi ve lo faccio vedere io,ma mi sentirei pedofila a rispondere così)
D)dove si trova l’imene
E)DOVE SI TROVA LA CLITORIDE!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
e a rispondere a quest’ultima “vieni da me che te lo mostro io” mi sarei condannata alla galera da sola

Vituzzo

@ Asatan

Ma pensi che a questi qua glie ne freghi qualcosa delle possibili malattie?
Assolutamente no. Tanto da fare di tutto contro i vaccini che potrebbero evitarle. Anzi, le usano come metodo di terrorismo.
(Vedi: Sam Harris: Letter to a christian nation)

Massi

Cos’è l’astinenza o la castità nei confronti della vita eterna?
L’astinenza eterna!

stefani f.

x agnese l’apostata

appunto

questo è il penoso stato in cui versa l’educazione sessuale in italia.

Asatan

@Vito

E’ proprio quel che dicevo e quel che mi fà più incavolare. NOn ti riordi, qualche anno fà, la perla papale sul fatto che se il bravo maritino va a zoc.cole e prende l’HIV la moglia comunque deve farlo senza preservativo perchè col guanto è contro natura?
Per non parlare delle idiozie CRIMINALI sul fatto che il preservativo non solo non serve per prevenire lo HIV ma anzi facilita il contagio.
Una di quelle che mi fà più imbufalire è l’opposizione alla vaccinazione per lo HPV (che fà venire il cancro del collo ell’utero). La scusa? NOn avendo più paura del cancro le ragazze sarebbero incitate a fornicare promiscuamente. Come se AIDS, Sifilide e Gonorrea non facessero paura. Anche lì se il bravo maritino contagia la moglie chi se ne frega!! Tanto è l’essere inferiore chiamato donna che male che vada viene sventara e castrata (o crepa se la diagnosi arriva tardi).

Alla fin fine le stupidate ecclesiali vanno a danneggiare principalmente le ragazze: in molte malattie sessuali statisticamente è puù facile che sia l’uomo a contagiare la donna (e alcune ammazzano solo le donne come lo HPV), le gravidande inesirate, poi, sono SEMPRE un rogna che è la ragazza a dovere sistemare.

stefani f.

un paio di mesi fa parlavo di sesso con un ragazzo, amico di famiglia, 22nne che mi disse;

“quando faccio l’amore con la mia fidanzata preferisco farlo in piedi 🙂 così lei non rimane incinta” 😉

mah…

Commenti chiusi.