Il papa striglia l’ambasciatrice olandese: no ai matrimoni gay, le autorità riconoscano il ruolo della religione

Non è forse stato il debutto che si immaginava, quello della nuova ambasciatrice dei Paesi Bassi presso la Santa Sede, Henriette Johanna Cornelia Maria van Lynden-Leijten. Il papa, nel riceverla, ha attaccato duramente una delle conquiste laiche olandesi, il matrimonio omosessuale, sottolineando come riconoscimenti di questo tipo “rischiano di innescare conseguenze sociali tali da non consentire lo sviluppo umano integrale”. Benedetto XVI, conscio delle statistiche religiose, che mostrano come la maggioranza relativa della popolazione non appartenga ad alcuna religione, ha altresì evidenziato come la maggioranza degli olandesi appartenga comunque a una chiesa cristiana: circostanza che, unita ai fenomeni migratori, “rende indispensabile che le autorità civili riconoscere il posto della religione nella società dei Paesi Bassi”.

Archiviato in: Generale