Archivi Giornalieri: giovedì, luglio 1, 2010

Christopher Hitchens ha il cancro

Il giornalista e scrittore Christopher Hitchens, autore di Dio non è grande, ha un cancro all’esofago e dovrà sottoporsi a un ciclo di chemioterapia. L’ha annunciato lui stesso ieri, insieme alla decisione di cancellare le date della presentazione della sua ultima fatica letteraria, l’autobiografia Hitch-22.

Crocifisso: le esternazioni del card. Herranz

Marco Ansaldo ha intervistato per Repubblica il cardinale Julián Herranz Casado: tema, il crocifisso. Il porporato ha dichiarato che, nel caso fosse confermata la sentenza dello scorso novembre, saremmo di fronte “non soltanto a un gesto di cristofobia più o meno larvata e di inciviltà, ma anche a una manifestazione di fondamentalismo laicista” (le stesse dichiarazioni le aveva rilasciate la scorsa settimana, cfr. Ultimissima del 23 giugno). Secondo Herranz, “il concetto di neutralità religiosa, cui si richiama questa sentenza, è… Leggi tutto »

Sulla fine del mondo umano (niente paura)

Bruno Gualerzi* Così come la consapevolezza della fine individuale non la rende meno inevitabile, allo stesso modo tutti gli sforzi, pur doverosi, per rendere più vivibile la vita sul pianeta, rispettando l’ambiente, assecondando la natura invece di violentarla, non saranno verosimilmente in grado di evitare la fine di una qualsiasi vivibilità dell’umanità intera sul pianeta. Basta un terremoto, un’eruzione vulcanica, le conseguenze di una anche minima variazione del clima, tutti fenomeni che fanno parte del ‘respiro’ della terra, sia che… Leggi tutto »

Flavio Oreglio e l’UAAR

Flavio Oreglio ha pubblicato sul suo blog, ospitato dal sito del Fatto Quotidiano, un lungo articolo dal titolo Un punto di partenza fondamentale: la laicità. Metà dell’intervento è dedicato all’UAAR: prendendo spunto dalla censura a suo tempo subito sull’ateobus genovese, Oreglio definisce l’Unione una “associazione affascinante che propone spunti di analisi interessantissimi”, “contraddittoria” però nella sua “intima costituzione”: “cosa ci fanno gli agnostici con gli atei? Come direbbe Di Pietro: che ci azzeccano?” A suo dire, “gli atei dovrebbero farsi… Leggi tutto »

Niente nozze senza conversione? Salvini: “odioso razzismo religioso”

Sulla vicenda della coppia altoatesina che non si può sposare perché il consolato del Marocco non dà il nulla osta (cfr. Ultimissima del 20 giugno) è intervenuto ieri il magistrato Guido Salvini su Epolis. Secondo Salvini, “sarebbe bene che un ritocco al codice civile sancisse in modo chiaro che il nulla-osta religioso non serve perché in Italia non vige la Sharia”. La coppia, scrive il magistrato, sarebbe “vittima di un odioso razzismo religioso. Non so se è politicamente corretto scriverlo… Leggi tutto »

Nuovo sondaggio sul sito UAAR

Un nuovo sondaggio è stato pubblicato oggi sulla home page del sito UAAR. La domanda è la seguente: “La Padania ha accusato la campagna UAAR sui crocifissi di favorire l’islam e di minare l’identità collettiva. Che ne pensi?” Sei le opzioni tra cui scegliere la risposta preferita: – La Padania ha ragione – La Padania ha parzialmente ragione: favorisce l’islam – La Padania ha parzialmente ragione: mina l’identità collettiva – La Padania ha torto: uno stato laico non favorisce nessuno… Leggi tutto »

Bolzano, vescovo esonera parroco dopo anni: “ha ammesso abusi su minori”

Il vescovo di Bolzano-Bressanone Karl Golser ha recentemente esonerato dal suo incarico don Alois Kranebitter, parroco di Pennes, Sonvigo e Riobianco (frazioni di Sarentino). Il sacerdote che ora ha 74 anni, ha ammesso di aver abusato di 4 bambine delle prime classi elementari, tra gli anni Sessanta e Ottanta, ed il vescovo gli ha ingiunto il trasferimento in una struttura dove non sarà più a contatto con minori. Secondo quanto riportato su Alto Adige, ci sarebbero fedeli e preti che… Leggi tutto »

Palio di Siena, bufera su artista islamico del ‘drappellone’

Gli organizzatori del Palio di Siena hanno affidato la realizzazione del ‘drappellone’ per la corsa che si disputerà domani, in onore della Madonna di Provenzano, all’artista di origine libanese e fede islamica Ali Hassoun. Già La Padania aveva duramente attaccato questa scelta, con un articolo dal titolo Le mani dei musulmani sul Palio di Siena, in evidenza sulla prima pagina dell’edizione del 9 giugno. L’autore del pezzo, Marco Gargini, aveva scritto: “prima la moschea di Colle Val d’Elsa, adesso anche… Leggi tutto »