Archivi Giornalieri: martedì, luglio 27, 2010

Festa PD annulla serata con Don Zauker

Il PD di Zambra, in provincia di Pisa, ha deciso di annullare la serata con il Don Zauker Talk Show, in programma venerdì 30. Ne danno notizia gli stessi autori sul sito di Don Zauker, specificando “che il parroco di Zambra e l’ala cattolica del partito, pur senza aver mai visto il DZTS, si sono opposti alla nostra presenza, ritenuta non opportuna”. Gli autori hanno chiesto che il rimborso previsto sia devoluto a Emergency. Al posto della serata con Don… Leggi tutto »

Usa, gruppi religiosi vogliono mantenere National Day of Prayer

Una trentina di organizzazioni religiose statunitensi promettono battaglia per imporre il rispetto del National Day of Prayer. La mobilitazione di queste associazioni segue la decisione di un giudice distrettuale del Winsconsin Barbara Crabb, che lo scorso aprile si era espressa contro il National Day of Prayer (Ultimissima del 17 aprile), perchè rappresenta una violazione della laicità dello stato. Durante questa ricorrenza, introdotta negli anni Cinquanta, le più alte cariche dello stato infatti invitano pubblicamente i cittadini alla preghiera e vengono… Leggi tutto »

Notti brave dei preti gay, card. Vallini torna su inchiesta

Il cardinale e vicario di Roma Agostino Vallini, intervistato da Il Messaggero, torna sull’inchiesta di Panorama che ha fatto emergere alcune storie di preti omosessuali. Secondo Vallini, le inchieste per pedofilia e il caso dei preti gay “hanno provocato una perdita di credibilità e fiducia verso la Chiesa con conseguenze sul piano spirituale che nessuno può calcolare”. Il vicario prospetta la “purificazione del corpo sacerdotale con operazioni chirurgiche necessarie, da fare con coraggio e determinazione” per dare nuova credibilità alla… Leggi tutto »

Porta Pia torna papalina? Secondo “Repubblica”, celebrazioni concordate con il Vaticano

Un articolo di Orazio La Rocca pubblicato oggi su Repubblica lancia un’accusa molto pesante nei confronti del presidente della Repubblica Giorgio Napolitano: avrebbe concordato con il Vaticano l’organizzazione delle celebrazioni del XX settembre, che quest’anno cadono a una ridotta distanza temporale da quelle per l’Unità d’Italia. In particolare, si sostiene che dalle manifestazioni ufficiali saranno espunti tutti gli studiosi in odore di anticlericalismo: sarebbe stato lo stesso Napolitano “a “suggerire” al Campidoglio di arrivare a una commemorazione “condivisa” con la… Leggi tutto »

Studio USA sulla correlazione inversa tra intelligenza e religiosità

Numerose ricerche hanno evidenziato in modo praticamente univoco come vi sia una correlazione significativa tra il quoziente d’intelligenza e l’incredulità: minore la religiosità, più alta l’intelligenza (o, quantomeno, i risultati nei test d’intelligenza). Una ricerca di cui dà notizia il sito Epiphenom ha confermato a sua volta la correlazione, ma ne avrebbe individuate almeno due altre ancora più significative: alti quozienti di intelligenza sarebbero inversamente proporzionali al settarismo, mentre il grado di religiosità sarebbe inversamente correlato all’abilità  di utilizzare correttamente… Leggi tutto »

Mons. Babini: “meglio preti pedofili che preti gay”

Torna agli onori della cronaca mons. Giacomo Babini, vescovo emerito di Grosseto, e ci ritorna con dichiarazioni rilasciate anche questa volta al sito Pontifex. Diventato famoso a livello internazionale per aver definito “campagna sionista” le critiche formulate nei confronti della Chiesa per la gestione dei casi dei religiosi pedofili (cfr. Ultimissima dell’11 aprile), Babini propone ora l’ergastolo per i preti gay, perché l’omosessualità, dice, è “una vera perversione contro natura”. Anzi, precisa, “l’omosessualità in un prete, se tradotta in pratica… Leggi tutto »

India: 200 donne uccise ogni anno perché ritenute streghe

La Rural Litigation and Entitlement Kendra, una ONG con base a Dehra Dun, in India, ha denunciato che nello stato asiatico ogni anno circa 200 donne vengono uccise perché ritenute “streghe”. Il dato, riporta il Times of India, sarebbe ripreso dalle statistiche dell’ufficio nazionale per il crimine. Le zone dove più frequentemente accadono questi delitti sono le più povere e arretrate del paese.