Archivi Giornalieri: lunedì, dicembre 6, 2010

Indonesia, cresce il numero dei non credenti

Nonostante nella costituzione indonesiana ci sia un articolo che recita “tutte le persone hanno il diritto di culto in accordo alla loro religione o credo”, è innegabile che nel paese il conflitto interreligioso sia in aumento. In questo clima, scrive il Jakarta Globe, la piccola comunità dei non credenti non si accontenta più di stare in silenzio, e sta prendendo una posizione chiara su quello che percepiscono essere un sistema arcaico e repressivo. I non credenti in Indonesia sono ancora… Leggi tutto »

Blogger arrestato, l’UAAR scrive al governo palestinese

In merito all’arresto del blogger Waleed Khalid Hasayin (cfr. Ultimissime del 9 novembre e del 14 novembre), e facendo seguito quanto già fatto dall’IHEU, l’organizzazione internazionale che raggruppa le associazioni umaniste, atee e laiciste di tutto il mondo, anche l’UAAR ha scritto a Salam Fayyad, primo ministro palestinese, per chiedere l’immediato rilascio del giovane. Riproduciamo in calce il testo del messaggio. La redazione Mr. President, I’m writing to You in my capacity as secretary of UAAR (Union of Rationalist Atheists… Leggi tutto »

Albenga (SV): matrimonio vietato ma legale

Il sito savonaeponente.com dà notizia che una donna di Albenga ha sposato in cattedrale e in modo del tutto legale un immigrato clandestino di nazionalità marocchina, nonostante un decreto del 2008, fortemente voluto dalla Lega, vieti espressamente il matrimonio di un’italiana con un immigrato clandestino, in quanto celebrato spesso solo allo scopo di ottenere un permesso di soggiorno. Malgrado le apparenze, non vi è stato nulla di illegale poiché si è trattato di un matrimonio concordatario, ovvero di un matrimonio… Leggi tutto »

I canadesi sovrastimano la loro partecipazione religiosa

Dalle news del sito di Richard Dawkins, che rimanda ad un articolo del quotidiano on line The Vancouver Sun, si viene a conoscenza di un’interessante indagine condotta da ricercatori dell’Università del Michigan con l’obiettivo di verificare la reale partecipazione alle funzioni religiose di un certo numero di fedeli di diversa nazionalità. I ricercatori hanno effettuato 400 sondaggi, in un periodo di 30 anni, coinvolgendo 750.000 persone. Agli intervistati che avevano dichiarato di seguire regolarmente le funzioni religiose (due o tre… Leggi tutto »