Olanda, il cardinale Simonis ha protetto un prete pedofilo?

Lo scorso anno il cardinale Simonis suscitò scalpore quando asserì che la Chiesa cattolica olandese nulla avrebbe saputo circa gli abusi sessuali commessi, secondo le accuse, da membri del clero citando in tedesco la scusa usata dei nazisti dopo la seconda guerra mondiale (cfr. Ultimissima del 5 aprile 2010). Ora, informa il sito della BBC, è accusato dai media olandesi di aver protetto un prete pedofilo. Il cardinale ha ammesso di essere stato a conoscenza delle accuse a carico del prete quando ne ordinò il trasferimento alla parrocchia di Amersfoort, senza però informarne la nuova parrocchia né monitorare il comportamento dell’accusato, ha sostenuto Radio Netherlands. Qui il prete, stando alle accuse, si sarebbe reso colpevole di un nuovo abuso. Il cardinale, che ha definito l’evento “deplorevole”, ha dichiarato che il prete si era sottoposto a un percorso terapeutico e di averlo creduto cambiato. Non gli risultano anzi accuse dalla parrocchia prima dello scorso mercoledì.
Secondo Erwin Meester, dichiaratosi vittima del prete, il cardinale avrebbe tuttavia protetto consapevolmente un pedofilo. Sei persone, riporta ancora Radio Netherlands, hanno denunciato alla polizia abusi subiti fra il 1987 e il 2008.

Gianluca Giachè

Archiviato in: Generale, Notizie