L’UE chiede all’Ungheria di fermare la campagna anti-aborto

La Commissione Europea, scrive European Women’s Lobby, ha richiesto il ritiro della campagna pubblicitaria anti-aborto in atto in Ungheria (in parte finanziata dall’Unione Europea), che mostra un feto e le parole “lasciami vivere”. La vice-presidente della Commissione, Viviane Reding, ha commentato che “questa campagna non è in linea con il Programma progresso e con il progetto sottoposto alla Commissione dalle autorità ungheresi”. La decisione è stata presa dopo l’interessamento di diverse
organizzazioni non governative, tra le quali la Hungarian Women’s Lobby e la European Humanist Federation (cui l’UAAR aderisce, cfr. Ultimissima del 25 maggio).

Massimo Redaelli

Archiviato in: Generale, Notizie

94 commenti

Paul Manoni

Beh, visto che malauguratamente, hanno finito pure per finanziarla questa campagna anti-aborto, mi auguro che facciano il possibile per fermarla.
Ma da quando l’UE finanzia questo genere di cose??? 😯

goim

speriamo piuttosto che gli aborti smettano, visto che non sono altro che un suicidio di massa della specie umana…oltretutto,non hanno motivo di esistere,visto che uccidono dei bimbi( e non dite che non è così,visto che ogni stato al mondo ha leggi differenti sull’aborto e sul tempo massimo in cui abortire,quindi non si può dire che la scienza abbia dimostrato scientificamente che l’embrione non è un bimbo,altrimenti non ci sarebbero grandissime ,riguardo a come e quando considerare il bimbo degno di vivere, differenze tra stato e stato)dire quando e come uccidere un bimbo è solo una convenzione tra uomini, non avvalorata da uno straccio di legge scientifica,altrimenti non ci sarebbe tutta questa diversità di opinioni da stato a stato e ,cosa più importante, la medicina riguardo all’aborto è stata a dir poco presuntuosa,visto che voleva decidere, e non ci è riuscita nei fatti, quando l’embrione non è una persona, ma , se i medici fossero state persone oneste,avrebbero dovuto dire che questa discussione non riguardava loro per niente,visto che il concetto di persona è stato inventato dalla Chiesa Cattolica e da quella Ortodossa.cioè , volete sapere quando un essere è una persona?chiedete alla Chiesa,altrimenti,ogni discussione riguardo al termine “persona”, non ha alcun senso di esistere, e quindi voi decidete riguardo a quando uccidere un bimbo non prendendo atto che la vostra visione delle cose non tiene conto del fatto principale:che il concetto stesso riguardo cui dibbatete,cioè di”persona”, è un concetto dei Cristiani.

Kaworu

inizio a pensare che proprio non ci arrivi…

(tra l’altro impara a far periodi più brevi. aiuta a rendere più comprensibile quel che scrivi)

Kaworu

magari me lo puoi dire tu comunque:

1) in italia esattamente i pro life cosa stanno facendo per far si che gli asili (nido e non) pubblici si moltiplichino e le liste di attesa non durino fino all’ingresso all’università del pargolo?

2) in italia che cosa stanno facendo i pro life contro leggi vergognose tipo quella per privatizzare gli insegnanti di sostegno (cosa che relegherà i bambini disabili a casa o in qualche istituto… magari cattolico…)?

3) in italia cosa stanno facendo i pro life per le morti sul lavoro? siamo un paese che ha un triste primato, sai?

iniziamo con poco va’.

goim

“in italia esattamente i pro life cosa stanno facendo per far si che gli asili (nido e non) pubblici si moltiplichino e le liste di attesa non durino fino all’ingresso all’università del pargolo?”

mi dovrei ricordare a memoria ogni cosa che fanno i prolife? a parte il fatto che non c’entra con l’aborto questa cosa che hai detto, a parte nel caso che tu abbia una faccia così tosta da dire che bisogna abortire qualora non ci siano posti all’asilo, vorrei sapere che razze di domande fai?cioè..io non so se ti rendi conto…comunque, aiutano, coi soldi pure. mi ricordo di un ospedale a milano che aiutava..eccome se aiutava!

“2) in italia che cosa stanno facendo i pro life contro leggi vergognose tipo quella per privatizzare gli insegnanti di sostegno (cosa che relegherà i bambini disabili a casa o in qualche istituto… magari cattolico…)?”

certo,questa sarebbe una giustificazione per abortire?
in secondo luogo, di questo si occupano già le istituzione a favore dei disabili…che sono associazioni, guarda un pò prolife…

“in italia cosa stanno facendo i pro life per le morti sul lavoro? siamo un paese che ha un triste primato, sai?”

allora, si dovrebbero abortire secondo te anche i futuri operai, per evitare che si uccidano in fabbrica? no, perchè, sai, altrimenti non capisco cosa cacchio c’entra no col discorso.

hai messo in mezzo 80 miliardi di discussioni, hai chiamato in causa le associazioni prolife( di cui tu ignori sicuramente la funzione) per ogni problema in italia, dimentichi che le associazioni che combattono a favore dei disabili, sono già prolife, e hai praticamente difeso l’aborto adducendo come punti di forza in tuo favore baggianate che vorrebbero, non lo so, dire che gli aborti vanno bene perchè ci sono pochi posti all’asilo ?oppure hai solo messo in mezzo discussioni disparate, fuorvianti , atte a distrarre dalla tua palese ignoranza riguardo l’argomento?
ma dici sul serio ?altro che atei amanti della vita, vergogna.

Kaworu

per me “pro life” ha un determinato significato.

se per te pro life significa solo “impedire a delle donne di decidere della propria vita”, meglio he cambino nome.

ma del resto stuprare le parole è un lavoro in cui i cattolici sono dei veri esperti.

Kaworu

personalmente comunque, amo la vita. che prevede libertà di scelta.

evidentemente non è un amore condiviso da chi pretende di decidere per altri (quando ovviamente la cosa fa comodo ed è a “fatica zero”).

goim

“se per te pro life significa solo “
impedire a delle donne di decidere della propria vita”, meglio he cambino nome.” per me prolife significa impedire che le donne decidano della vita e della morte dei figli. una volta esistevano i pater familias che uccidevano i figli e li si biasimava. ora, per il semplcie fatto che a ucciderli sono le donne che dovrebbero portarli in grembo per dar loro la vita, si applaude a una tale nefandezza. e poi ilò bello che giri la frittata…ma fai ridere.guarda, solo ridere.
la libertà di scelta ha un senso se esiste la vita, senza la vita non c’è alcuna scelta da fare e voi,oltretutto, avete l’arroganza di levare agli altir la libertà di vivere e di scegliere e vorreste pure passare per la parte lesa…ma da, chi, da dei bambini?

non vi fate ribrezzo quando vedete il riflesso di voi allo specchio ?

goim

io kaworu, amo le persone come te. prima adducete delle pseudo motivazioni scientifiche e filosofiche, poi quando vi viene dato torto, mostrate la vostra vera faccia e i vostri veri moventi e giustificate quello che fate con delle motivazioni di comodo” gli asili”, ” i morti sul lavoro” , che , tra l’altro, non c’entrano nulla…pietà, nemmeno rabbia mi sale quando leggo tale ipocrisia.

Francesco

Per goim
Solo la donna puo’ decidere se abortire o no e solo per se stessa.
Se non capisci un concetto cosi’ semplice sei un incivile.

Kaworu

@goim

io miravo a farti capire che di “pro life” in quegli individui spregevoli non c’è assolutamente niente.

non hai capito? pazienza.

le donne e solo le donne devono avere diritti sul loro corpo.

goim

X kaworu:prima mira alla padronanza della lingua italiana e a farti capire quando parli, poi potrai mirare a farmi capire quel che vuoi.

Kaworu

purtroppo la padronanza della lingua italiana deve possederla anche chi legge.

altrimenti non ci si capisce.

Kaworu

riproviamo:

quegli individui non sono “pro life”, ovvero “per la vita”.

sono semplicemente contro la libertà di scelta delle donne sul loro corpo.

della vita poi non gliene frega niente, dato che smettono di interessarsi a quelle donne, al loro corpo e al prodotto di ciò non appena viene tagliato il cordone ombelicale.

essere “Pro life” per delle persone oneste non è questo, essere pro life per delle persone oneste dovrebbe equivalere ad occuparsi della qualità della vita delle persone, adoperandosi per renderla sempre migliore.

vabbè io ci ho provato di nuovo, vediamo stavolta…

goim

“sono semplicemente contro la libertà di scelta delle donne sul loro corpo. ”
se ti fa piacere pensarlo,fai pure.illuditi.
resta il fatto che uccidere gente non significa avere libertà del suo corpo, ma significa uccidere gente. puoi usare la retorica becera che vuoi, ma non ne cavi nulla.

“al prodotto di ciò non appena viene tagliato il cordone ombelicale.”

si chiamano bambini…quel prodotto hanno un nome.

voi uccidete i bimbi o lo permettete e lodate ciò,altro che rispetto della donna.

Kaworu

qui di illuso ne vedo uno solo, ma non è che sia un problema mio.

personalmente rispetto le donne e i loro bambini, e rispetto la libertà di scelta delle donne.

a me non importa se una donna sceglie di abortire oppure no (nel caso non ti fosse chiaro, nessun “pro choice” va nei consultori a fare violenza psicologica sulle donne per farle abortire… il contrario invece avviene coi pro life, e personalmente questi esseri mi disgustano).

a me importa solo che una donna scelga consapevolmente.

soprattutto che scelga.

capisco che per un servo la scelta non sia contemplata, ma non tutti hanno scelto di ipotecare il proprio cervello e lasciar pensare altri al posto loro.

puoi usare la retorica becera che vuoi, ma non ne caverai nulla.

goim

certo, l’importante è scegliere. se poi sono i bimbi a pagarne le conseguenze non è colpa delle donne che hanno abortito. chi se ne frega dei bimbi! è molto più importante che la donna possa uccidere i figli , altrimenti non gli viene data la possibilità di scegliere se uccidere o meno una persona! mica possiamo permetterci che una madre non abbia la licenza d’uccidere i nostri figli!…

e poi sono io quello che fa retorica.
kaworu, ma sta zitta.

Kaworu

purtroppo i bambini pagano conseguenze decisamente più pesanti quando vengono messi al mondo non voluti.

ma mi rendo conto che della sofferenza delle persone reali a te e ai pro life non freghi assolutamente nulla.

mi spiace che sia così e che tu non riesca a capire.

goim

“purtroppo i bambini pagano conseguenze decisamente più pesanti quando vengono messi al mondo non voluti.”
OGNUNO HA DIRITTO DI VIVERE E NESSUN’ALTRO PUO’ LEVARGLIELO!
CHE RAZZA DI AFFERMAZIONE è: UCCIDIAMO I FIGLI, TANTO NON LI AMERANNO? UNA PERSONA HA SENSO E DIGNITà SOLO SE I SUOI GENITORI LA AMANO?
ALLORA SE NESSUNO MI AMA GLI ALTRI HANNO DIRITTO DI UCCIDERMI?

“ma mi rendo conto che della sofferenza delle persone reali a te e ai pro life non freghi assolutamente nulla. ”

non mi esprimo, perchè sei solo una pazza.

“mi spiace che sia così e che tu non riesca a capire.”
mi dispiace che viviamo in uno stato in cui assassini come te vorrebbero pure che le loro vittime gli dicessero grazie,visto che sono state liberate dal diritto di vivere.

vergogna.

Kaworu

goim, vedo che o non vuoi capire, o non sei in grado di capire.

in entrambi i casi qualsiasi spiegazione è tempo perso.

se vuoi ci riprovo per l’ennesima volta, ma mi aspetto lo stesso identico risultato.

ok proviamo…

“OGNUNO HA DIRITTO DI VIVERE E NESSUN’ALTRO PUO’ LEVARGLIELO!”

è curioso il fatto che i cosiddetti pro life siano anche pro pena di morte.

è altrettanto curioso che i cosiddetti pro life siano contro i diritti delle donne che a quanto pare non hanno il diritto di vivere come tutti gli altri, ma possono a comodo essere considerati contenitori senza diritti.

ancora più curioso è il fatto che della vita di quei bambini una volta nati non freghi più nulla a nessuno.

“CHE RAZZA DI AFFERMAZIONE è: UCCIDIAMO I FIGLI, TANTO NON LI AMERANNO? ”

no. è un “siccome i bambini hanno il diritto di avere dei genitori decenti che li amino, è meglio se quei genitori sono convinti di volerli anzichè condannarli a vivere male” (sorvolando sui vari “morire da piccoli tra sofferenze assortite”).

capisco che la differenza a te non importi.

“UNA PERSONA HA SENSO E DIGNITà SOLO SE I SUOI GENITORI LA AMANO?”

sposti il fulcro del problema. tra l’altro sembra che per i pro life una persona abbia senso e dignità se non è una donna. se è una donna, la sua dignità può tranquillamente essere nascosta sotto il tappeto in virtù di quello che vogliono gli uomini come te.

“ALLORA SE NESSUNO MI AMA GLI ALTRI HANNO DIRITTO DI UCCIDERMI?”

ovviamente no, e lo slippery slope non attacca. e nemmeno le maiuscole.

ma personalmente non vedo la necessità di creare nuovi infelici. probabilmente non hai idea delle sofferenze dei bambini non voluti (sia che si trovino per loro sfortuna a vivere con la stessa famiglia che non li ha voluti, sia che vengano messi in un orfanotrofio).

vedo che poi non capisci che la questione non è “uccidere” ma “far vivere al meglio”.

“non mi esprimo, perchè sei solo una pazza.”

dev’essere la proverbiale coerenza cattolica questa, dato che prima ti esprimi e poi dici che non ti esprimi.

in ogni caso mi spiace ma i pazzi sono quelli come te che pretendono di togliere diritti alle donne in nome di non meglio specificati dei.

ma sinceramente a me sembra tutta una questione di invidia.. e un voler controllare qualcosa (la riproduzione) su cui avete un controllo minimo.

“mi dispiace che viviamo in uno stato in cui assassini come te vorrebbero pure che le loro vittime gli dicessero grazie,visto che sono state liberate dal diritto di vivere.”

ho come la sensazione che tu non abbia ben presente il significato delle parole che usi. sembra più ginnastica a caso sulla tastiera, o forse ti stai preparando per prendere il posto di teologo cattolico.

le vostre vittime, tue e di tutti gli individui beceri e spregevoli come te, sono le donne. su cui (o meglio, sul corpo delle quali) volete avere un controllo totale ed esercitare potere di vita o morte.

“vergogna.”

detto da uno come te, fa solo piacere. fa capire che si è dalla parte giusta 😉

Kaworu

I bambini morti e quelli mai nati vengono universalmente amati e compianti, solo la sofferenza dei bambini vivi è di continuo, stranamente, minimizzata.
Alice Miller

questa frase riassume bene l’atteggiamento tuo e dei pro life.

ma immagino che nemmeno questa verrà capita.

attendo qualche isterismo in lettere maiuscole.

Mapo

Insomma, allora voi non volete che chi è contrario all’aborto possa esprimere la sua opinione attraverso una campagna pubblicitaria? Voi volete avere il diritto di fare le campagne pubblicitarie atee sugli autobus e poi non volete che coloro che sono contrari all’aborto possano fare anche loro pubblicità? Ma allora voi siete democratici solo quando vi pare!

FSMosconi

Una cosa semplice semplice:

1) Anzitutto è stata l’UE e non l’UAAR. C’è differenza.
2) Si tratta del diritto della donna di poter decidere della propria gravidanza, in di per cui
3) Puoi lamentarti quanto vuoi e non abortire, ma lascialo fare agli altri

Difficle? A me non pare…

kleber al salim jones

E della vita della di terzi……. Andrebbe penalizzata con 30’anni di galera.

FSMosconi

@Kleber

Tu credi all’anima, tu lo faresti.
Il problema è solo e unicamente tuo.
Smentisci prego…

Kaworu

sono d’accordo, andrebbero messi in galera questi pro life che vogliono decidere della vita delle donne (quindi di terzi).

Francesco

Chi è contrario all’aborto puo’ esprimere la sua opinione attraverso una campagna pubblicitaria ma non pagata dai governi con i soldi di tutti contrari e favorevoli, il vizio di fare i porci comodi vostri con i soldi degli altri non lo perderete mai vero, fa parte della vostra cultura come appendere cadaveri nei luoghi che non appertengono solo a voi ma a tutti.

Roberto Grendene

hai letto la notizia?
questi esprimono promuovono una ideologia religiosa con soldi pubblici

la pubblicità sugli autobus promossa dall’uaar, invece, erano soldi dell’associazione o di donatori che avrebbero finanziato i comuni (o comunque il trasporto pubblico)

Sandra

Basta che se la paghino. E’ che chissà perché, ci tengono così tanto alla vita, ma la loro mano finisce sempre nelle tasche degli altri….

Federico Tonizzo

Ok: per quel poco a cui serve l’UE, e per quel tanto che ci costa, faccia almeno questo…

Batrakos

Lobby è un termine di per sè non connotato negativamente, come è d’uso da noi ove con lobby si pensa a qualche potere occulto e danaroso che dirige la società senza renderlo esplicito.
Altrimenti, come qua per la ‘lobby delle donne’, credo che il termine vada inteso come ‘gruppo di pressione su un determinato punto che si vuol ottenere’, dunque non ha nessuna accezione negativa.
In questo senso possiamo dire che anche l’UAAR oppure i Comitati Referndari sono lobbies.
Almeno credo che il senso sia quello.

hexengut

esistono- e resistono da millenni – per fortuna dell’umanità, “le donne”.

Batrakos

Proprio in queste ultimissime si leggeva che l’Ungheria ha modificato la sua Costituzione in senso nazionale identitario (direi filofascista) e con stretto legame alla religione.
Dunque, reputo difficile che ascolti l’UE e fermi la campagna anti aborto.

Sandra

La campagna costa 416mila euro, in gran parte pagata con soldi UE. Che almeno se li facciano restituire, e li usino per una campagna di contraccezione!

giuseppe

Che palle questa unione europea che pretende di interferire su tutto. Il massimo del ridicolo é protestare con chi difende la vita. Siamo messi molto male.

Kaworu

ad avere in giro gente come quei sedicenti pro life (of shit)?

sicuramente.

non li ho mai visti difendere la vita, li ho visti solo cercare di rovinarne quante più possibile.

Sandra

Il fatto è che l’UE finanzia questa campagna per l’80%, secondo quanto dichiarato dal governo ungherese. Come mai chi difende la vita ha il braccino sempre così corto?

Francesco

Per giuseppe.
Troppo comodo che diciate che difendete la vita, voi volete solo schiavizzare le donne.

giuseppe

Le donne le volete schiavizzare voi, usandole come cavie per fare i porci comodi e traumatizzandole a vita con l’aborto.

Kaworu

detto da un individuo che vuole traumatizzare a vita le donne imponendogli una gravidanza che non vogliono e togliendogli la possibilità di decidere sul loro corpo…

sai che questa si chiama proiezione, giuseppe?

Francesco

per giuseppe
le donne volete schiavizzare voi, ed esistono donne che sono rimaste traumatizzate perche’ sono state costrette a non abortire, voi preferite fargli fare le serve ma se e’ necessario le usereste come cavie. La donna deve decidere se deve o non deve abortire e’ puo decire solo per se stessa, concetto semplice da capire basta un po di cervello.

giulio

@ Francesco
Siete la religione più violentemente misogina al mondo ex aequo con l’islam, per la vostra chiesa le donne sono solo incubatrici fatte per sfornare figli, i vostri preti sono arrivati a scominicare donne che abortivano per sopravvivere, per loro un embrione di una sola cellula vale di più di una donna adulta, crepi pure la donna (che tanto essendo già battezzata andrà in paradiso) ma guai a chi tocca l’embrione (che non essendo battezzato rischia di andare all’inferno).
E hai il coraggio barbaro di dire che siamo noi quelli che vogliono schiavizzare la donna?

Francesco

Per alessandro
non sono pro-life sono semplicemente coglixxi

Alecattolico

Il governo ungherese st facendobene,magari si potesse scoprire nel feto la causa o le cause dell’ omosessualit o ,dell’ ateismo ,in quel caso si dovrebbe praticare per forza l’aborto,tanto gay e atei non sono persone.

Kaworu

quindi tu sei favorevole all’aborto?

guarda che è peccato mortale, la tua chiesa è contro…

(prevedo una deflagrazione tra i tuoi due poveri e solitari neuroni…)

fab

Mmmm, quindi, non avendo anima, non possono andare all’inferno. Ale, hai un ulteriore evidente problema.

Kaworu

guarda che la tua chiesa ha decretato che tutti gli esseri umani hanno l’anima.

ma a te forse manca il cervello…

Diocleziano

ale, se ti avessero esaminato quando eri un feto, saresti finito immediatamente nel sacco dell’umido.

Federico Tonizzo

@ Alecatt.:

Ti rendi conto che, “mutatis mutandis”, saresti stato un perfetto sterminatore nazista???
Dovresti vergognarti terribilmente di quello che hai detto, confessarti dal tuo prete e dal tuo vescovo (sperando che non siano nazistoidi anche loro, visto che secondo te “dicono” che ti stimano, nel qual caso ti consiglio di cambiare parrocchia e vescovado) e poi trascorrere il resto della tua vita nascosto in un buco di talpa, per penitenza!

Da un altro punto di vista: se pensi che “gay e atei non sono persone”, ma perchè cavolo insisti a perdere il tuo tempo qui??? Se per te noi non siamo persone, non hai nessun motivo di cercare di “redimerci”.
Piuttosto, dovresti innanzitutto farti redimere TU da un prete e un vescovo “umani”, FALSO CRISTIANO!

teologo cattolico

non capisco perchè l’ateo debba essere necessariamente necrofilo

goim

è che il bimbo morto fa meno rumore di quello vivo. quindi, vuoi mettere tu l’opportunità di avere bimbi morti,che bimbi vivi, piangenti, che mangiano,che hanno bisogno di amore?
se preferisci quelli vivi, cioè, sei proprio out, un troglodita pazzesco.

alessandro

p.s. non so se sai che un abortista può anche essere contrario all’aborto in sè.

Federico Tonizzo

@ teologo cattolico
@ goim
Il vostro guaio è che non vi accorgete che state delirando.

fab

I cristiani credono nella vita eterna, quindi quelli che condannano l’aborto non sono cristiani.
goim e teologo cattolico, chiaritevi le idee o ammettete il vostro scetticismo.

FSMosconi

@goim

Perché un bimbo vivo anche se non ha cibo, vestiario e genitori che non lo possono mantenere è sempre preferibile a un aborto che scientificamente parlando non è neanche un bimbo… 🙄
Ma ti leggi quando scrivi?

Kaworu

uahahahaha che linguaggio da bimbominkia XD

cioè oh bella zio sei troppo out 😆

vabbè

Kaworu

poi diciamocelo…

ai pro life dei bimbi vivi, piangenti non frega una beata cippa.

frase molto vera, che rispecchia il modus operandi di certi mostri:

I bambini morti e quelli mai nati vengono universalmente amati e compianti, solo la sofferenza dei bambini vivi è di continuo, stranamente, minimizzata.
Alice Miller

se i cosiddetti pro life si occupassero dei suddetti bambini veri, vivi, che piangono eccetera, anzichè semplicemente occuparsi di rovinare la vita alle donne, sarebbe molto meglio.

casualmente poi, molti pro life sono uomini. io faccio semplici collegamenti tra questo e il voler controllare il corpo delle donne, non so voi.

Francesco

Teologo ti hanno piu’ volte spiegato cosa significa necrofilo, teologo non puoi costringere una donna (almeno in paese civile) a portare avanti ma anche a non portare avanti una gravidanza. Se poi devi sempre fare finta di non capire e a ripetere sempre le stesse cose non capisco cosa intervieni a fare qui.

teologo cattolico

@francesco

Credo di aver già speigato che intendo biofilia e necrofilia nel senso usato da Fromm

Francesco

Teologo le parole le devi utilizzare nel senso piu’ comune non in quello che ti fa piu’ comodo, perche’ si capisce che lo fai apposta per nascondere la tua ipocrisia, a parte che questa tua patetica spiegazione l’hai usata meno volte di quando usi il termine perche’ l’avrei gia’ letto da qualche parte, ti ricordo che il numero di esseri umani che muoiono di fame e malattie e’ superiore agli aborti volontari, quindi il necrofilo nel senso usato da Fromm con l’aggiunta di sadismo sembresti tu e quelli che la pensano come te.

Kaworu

purtroppo secondo il vocabolario comune di psicologi, psichiatri e psicoterapeuti, la definizione è un’altra.

e siccome ci vuole un vocabolario comune… sai com’è…

(ma pure secondo fromm mi pare che quelli che si animano – ahahhahahah – per cadaveri e funerali siate voi)

Kaworu

non saprei, ma in effetti non ho visto atei adorare dei cadaveri putrefatti ricorperti d’oro (o recentemente, di maschere di silicone).

non è che ti confondi con i tuoi correligionari?

guarda che ale lo specifica nel nick di che religione è.

Kaworu

comunque teologo dovrebbe imparare i significati delle parole che usa a casaccio http://it.wikipedia.org/wiki/Necrofilia

capisco che sia un grande sforzo, ma il linguaggio serve per comunicare, e la comunicazione avviene solo se le parole hanno lo stesso significato per tutti.

teologo cattolico

@Kaworu

Forse non mi ripeto sempre, ma probabilmente in un paio di occasioni ho già avuto modo di precisare che intendo per biofilia e necrofilia quanto ne pensa Fromm (The heart of man: its genius for good and evil (1964), trad.it. Psicoanalisi dell’amore. Necrofilia e biofilia nell’uomo, Roma, 1971)

Kaworu

fromm sinceramente non l’ho mai letto.
ma ho letto la sua definizione che mi sembra leggermente sui generis.

e resta comunque la sua definizione personale, visto che quella unanimamente accettata è un’altra.

(in ogni caso, a costo di ripetermi, chi adora cadaveri o pezzi di cadaveri non sono certo gli atei. così come quelli che si interessano ossessivamente alla morte)

il DSM IV (appena uscirà il V ti farò sapere) inserisce la necrofilia nella categoria delle parafilie non altrimenti specificate e la descrive come un desiderio di preferire il rapporto sessuale con cadaveri, piuttosto che con esseri viventi.

considerando che il DSM è sostanzialmente la lingua comune in campo psichiatrico e psicoterapeutico…

l’idea personale di fromm mi tange poco.

Dalila

Kaworu, stavolta mi deludi 😉

teologo ma non eravate voi a correre dietro le reliquie di defunti?

Kaworu

su fromm dici?

prima o poi mi studierò il pensiero di tutti i vari principali psicoterapeuti, per ora mi concentro più su quelli in cui mi sono imbattuta e che considero più “sensati” (ciò non toglie che magari alcuni che non conosco lo siano altrettanto eh) 😉

giuseppe

alessandro risponde:

lunedì 13 giugno 2011 alle 21:49

p.s. non so se sai che un abortista può anche essere contrario all’aborto in sè.

Questa é bella. Una contraddizione in termini. Che ipocrisia per mettere a tacere la coscienza!

FSMosconi

Non ti è chiaro?
Abortista: chi combatte perché le donne possano decidere della propria gravidanza.
Ciò non toglie che nel caso la cosa capitasse a lui potrebbe anche voler rifiutare l’aborto, giacché è una questione di scelta non di imposizione

Kaworu

sarebbe più esatto parlare di “pro choice” più che di abortista.

infatti come ho provato senza successo a spiegare a goim, un pro choice non è interessato tanto al fatto che le donne abortiscano, quanto al fatto che abbiano libertà di scegliere consapevolmente la soluzione migliore per loro.

che non deve necessariamente essere l’aborto, è chiaro.

mi rendo conto che siano pensieri complessi per gente che ragiona in termini di bianco e nero, ma fortunatamente la gamma cromatica che l’essere umano può percepire è più ampia.

anche se chiaramente qualcuno con acromatopsia esiste sempre eh.

kleber al salim jones

La capacità di percezione dei considerati super dotati intelettualmente è scarsa di fronte alla realta nascosta. Lo spetro elettromagnetico è molto più ampio della capacita di ricessione dei nostri organi di scansione, cervello compreso. Percio quello che vedi è parte della realtà. I tuoi organi di percezzione e il tuo intelletto pensano di capire la realte ma non capiscono un ketzy perche non riesci a vedere l’invisibile! Il conto dei bambini non nati verra’ presentato a chi lo sostiene appunto e a chi lo ha praticato tramite un conto salatissimo proveniente perlappunto da questo mondo invisibile! Cominciate a tremare ho “saggi ed intelettuali” di questo mondo!

Kaworu

il mio principale organo sta generando erp a manetta di fronte a tanti strafalcioni.

comunque…

cosa c’entra il fatto che non riusciamo a vedere l’invisibile? che poi, cosa intendi per invisibile? infrarossi? o altro?

va beh quando (e se) verranno presentati dei conti, ci penseremo.

al momento preferisco occuparmi della realtà.

chiaramente tu occupati con comodo della fuffa eh.

alessandro

@goim: ci hanno pensato gli altri a risponderti ; se continui a non capire il problema è tuo.
Ma perchè poi gli ANTI-CHOICE ( altro che pro life…) non manifestano cosi veementemente contro la pena di morte?

Kaworu

beh sono mica embrioni…

delle persone in atto non gliene frega assolutamente nulla, lo dimostrano ogni giorno.

ma in realtà non gli importa molto nemmeno delle persone in potenza, gli importa solo poter esercitare il loro potere sul corpo di altre persone (come ho detto, curiosamente ci sono molti uomini cosiddetti pro – life… altro che invidia del pene… il caro zio Sigmund avrebbe dovuto concentrarsi sull’invidia dell’utero)

Commenti chiusi.