Le associazioni cristiane del lavoro presentano il “manifesto per la buona politica”

Cisl, Movimento cristiano lavoratori, Acli, Confcooperative, Confartigianato, Cdo (Compagnia delle opere), Coldiretti: sono i soggetti promotori del Forum delle persone e delle associazioni d’ispirazione cattolica nel mondo del lavoro, che intende “cogliere i ripetuti appelli del Papa Benedetto XVI rivolti alla classe dirigente che ispira la sua azione agli orientamenti della dottrina sociale della Chiesa, affinché si rafforzino e rendano visibile il loro impegno in favore della rinascita morale, economico e sociale italiana”.
Ieri il Forum ha presentato il Manifesto per la buona politica e per il bene comune, un progetto che ha come obbiettivo dichiarato “il ripensamento dello Stato per renderlo più snello ed autorevole, valorizzando le autonomie e la sussidiarietà nell’ambito di un Federalismo solidale”. Il Forum si propone anche di “migliorare il sistema di istruzione valorizzando la pluralità delle offerte formative” e “favorire la crescita di un mercato di servizi sociali di qualità, con politiche che mettano al centro il ruolo delle famiglie nella crescita dei figli, nell’accesso ai servizi di cura e di conciliazione con il lavoro, per la scelta di percorsi educativi e promuova la crescita di un’offerta di servizi, e di beni relazionali, fatta di imprese, profit e no profit, e di volontariato”. Il Forum chiede infine “l’adozione di una legge elettorale su base proporzionale”. Il documento si conclude sostenendo che “le Encicliche papali hanno accompagnato il protagonismo dei cattolici in campo politico e sociale, e l’impegno ad affrontare le grandi questioni sociali del proprio tempo in modo coerente con i valori cristiani e l’aspirazione a realizzare un umanesimo universale. Lo vogliamo fare insieme, credenti e non credenti, convinti che i valori, ed i contenuti che ispirano questo manifesto possano costituire un punto di riferimento per l’intera comunità nazionale”.
Secondo Avvenire il portavoce del Forum Natale Forlani (attualmente direttore generale dell’immigrazione presso il ministero del lavoro) ha sostenuto che, più che a un partito cattolico, la proposta mira alla “costruzione delle condizioni per coalizione politiche più omogenee”, perché “c’è uno spazio per il protagonismo dei cattolici nella politica”. Il Forum si è comunque detto disponibile “a fare fronte a un eventuale vuoto politico”.

Raffaele Carcano

Archiviato in: Senza categoria

33 commenti

Diocleziano

Piccole metastasi crescono… che carini! cosa non farebbero per il bene del ‘loro’ paese!

Florenskij

@ Diocleziano. Già fatto. La sciagurata DC, con tutte le sue magagne, condusse la rinascita del paese nel dopoguerra e salvò l’Italia da Baffone Stalin, di cui si diceva “addavenì”, ma che non venne. Questo anche se a De Gasperi veniva detto: “E vattene, e vattene, schifoso cancelliere; / se non te ne vai subito son calci nel sedere !”
Quando percorre in auto l’Autostrada del Sole pensi per un attimo allo scudo crociato…

PS Sotto Diocleziano il diacono ( san ) Lorenzo venne cotto alla graticola. Era lui che teneva la cassa ( molto fornita ) della Chiesa di Roma. Che fosse un fatto di corruzione?

Stefano Grassino

La rinascita del paese fu fatta dagli americani che sganciarono soldi a palate. Lo fecero grazie al fatto che in Italia esisteva il più forte partito comunista dell’Europa ed il nostro paese era in una posizione strategica troppo importante per lo status quo occidentale. Molti di quei soldi, purtroppo, non andarono alle imprese che avrebbero rilanciato l’economia come reclamava il PCI di allora e come avvenne in Germania, ma finirono nelle tasche della Democrazia Cristiana e dei suoi amici mafiosi.
Florenskij, su questo sito non hai a che fare con i ragazzini della parrocchia. Saluti.

fab

Florenskij, anche ammesso e per nulla concesso che gli unici capaci di costruire autostrade fossero gli incorruttibili democristiani d’annata (ma perfino un bonaccione come Alberto Sordi raccontava una realtà più variegata), che c’entra De Gasperi con Casini?

Francesco

Avanti Florenskij cerca di darti da fare meglio non puoi ritirarti l’assegno con cosi’ poco.

Ferrer

@ fascistello

Guardi che queste bufale colossali: “se vinceva il Fronte Popolare nel ’48 l’Italia diventava comunista” o “Fronte Popolare = Stalin”, usate a scopo propagandistico dalla D.C. e dagli U.S.A. che la finanziavano, ormai le ripetono solo fascisti e fascistelli vecchi e nuovi….
P.C.I. e P.S.I. avevano sottoscritto la Costituzione repubblicana e, in caso di vittoria elettorale, avrebbero governato nei limiti di questa. Probabilmente l’Italia non sarebbe diventata la lecchina di U.S.A. e N.A.T.O. ma non sarebbe certo stata governata peggio di quanto abbiano fatto la D.C. e i suoi sodali…

Ferrer

CVD

Il fatto che lei continui a citare queste bufale sul fatto che la DC avrebbe “salvato” l’Italia da due partiti che avevano sottoscritto la Costituzione democratica repubblicana (PCI e PSI) conferma il suo essere un misero fascistello…

firestarter

@ Ferrer

il misero fascistello si scorda che i cattivissimi comunisti italiani non solo hanno sottoscritto la costituzione repubblicana, ma hanno lasciato che il documento fosse contaminato dagli ignobili patti lateranensi grazie ai quali il cancro vaticano ha metastatizzato l’Italia postbellica.

spapicchio

Di nuovo si confondono i cristiani (evangelici) con i cattolici (romani – CCAR): il solito giochetto giustapposto con gli aggettivi sostantivati, che ho spiegato in precedenti Ultimissime.

spapicchio

Ed è chiaro che in questa maniera anche l’UAAR diventa complice del Vaticano.

Nathan

Berlusconi è finito, bisogna occupare al più presto il posto che lascerà libero. Il resto è la solita fuffa. Da notare come, di fronte al massacro della scuola pubblica operato dal cainano, loro pensano solo alle scuole loro.

Roberto Grendene

pensano alle scuole loro da finaziare con i soldi di tutti

curioso come reclamino la libertà di scelta per la scuola privata cattolicamente orientata (intendendo la vogliamo pagata dallo stato) e neghino la libertà di scelta sui trattamenti medici nel fine vita (perche’ la nostra vita non e’ disponibile a noi stessi ma a loro)

denis

Ho il sospetto che lentamente vogliano “inglobare” la scuola italiana e veicolare tutta la cultura nel rispetto della cultura prevalente che ovviamente è quella cattolica. Della serie “FACCIAMO I PICCOLI CATTOLICI FIN DA PICCOLI” Si stanno mangiano gia la sanità che cosa ci vuole a fare altrettanto con l’istruzione? Tanto i ministri italiani sono gia ai loro ordini.. 🙂

Federico Tonizzo

” (…) il ripensamento dello Stato per renderlo più snello ed autorevole…” chissà perchè’, come obiettivo mi ricorda preoccupantemente il “Piano per la rinascita democratica” di Licio Gelli (ma questa volta in favore della chiesa!!!) 👿
“… valorizzando le autonomie e la sussidiarietà nell’ambito di un Federalismo solidale” è il regalo alla Lega 👿
Saremmo proprio “a posto”! Perfino peggio di adesso! 👿

Roberto Grendene

“valorizzare la sussidiarietà”

questi vogliono soldi pubblici per gestire come pare a loro servizi educativi e sociali strategici per il controllo dello stato

una volta che si sono infiltrati, vogliono sempre piu’ soldi e minacciano di mettere in gionocchio il servizio su cui hanno messo le mani
a Bologna lo abbiamo visto con le scuole dell’infanzia private cattoliche, che Stato, Regione, Comune finanziano sempre piu’ e che gerarchi ecclesiastici minacciano di chiudere se non gli arrivano finanziamenti pubblici

marcigno

Non occorre appartenere a qualche chiesa per essere dei “buoni politici”, basta essere dei buoni cittadini al servizio del proprio Paese!

FSMosconi

“migliorare il sistema di istruzione valorizzando la pluralità delle offerte formative”

Pluralità delle offerte? Intende? Ora alternativa (se… 🙄 )? Più soldi alle private (più probabile 🙁 )? Uno spazietto al creazionismo (così l’intendono i TeoCon americani… 🙁 🙁 )?

“favorire la crescita di un mercato di servizi sociali di qualità, con politiche che mettano al centro il ruolo delle famiglie nella crescita dei figli, nell’accesso ai servizi di cura e di conciliazione con il lavoro

Partono con l’Armata Brancaleone. visto che la quasi totalità di politici cattolici italiani è stata quella c’ha dato MENO soldi alle famiglie… 🙄

“le Encicliche papali hanno accompagnato il protagonismo dei cattolici in campo politico e sociale, e l’impegno ad affrontare le grandi questioni sociali del proprio tempo in modo coerente con i valori cristiani e l’aspirazione a realizzare un umanesimo universale. Lo vogliamo fare insieme, credenti e non credenti, convinti che i valori, ed i contenuti che ispirano questo manifesto possano costituire un punto di riferimento per l’intera comunità nazionale”.

Vorrei commentare, solo che è incommentabile…

Secondo Avvenire il portavoce del Forum Natale Forlani (attualmente direttore generale dell’immigrazione presso il ministero del lavoro) ha sostenuto che, più che a un partito cattolico, la proposta mira alla “costruzione delle condizioni per coalizione politiche più omogenee”, perché “c’è uno spazio per il protagonismo dei cattolici nella politica”. Il Forum si è comunque detto disponibile “a fare fronte a un eventuale vuoto politico”.

Se sarà (se sarà) come la DC… come dire qualcosa di cattivo e vero sulla DC che non sia già stato detto e avvenuto? 😐 😉

Perchè?

straquoto, FSMosconi.

“favorire la crescita di un mercato di servizi sociali di qualità, con politiche che mettano al centro il ruolo delle famiglie nella crescita dei figli, nell’accesso ai servizi di cura e di conciliazione con il lavoro”

cioè a cura della Compagnia delle Opere? Cioè a cura dei sindacati che hanno firmato contratti separatamente invece di essere uniti agli altri sindacati rappresentativi di più della metà delgi italiani?

Che dire delle manovre cattoliche contro le informazioni di cui i cittadini han diritto sulla sanità e sulla scuola? Cosa vogliono cambiare? Parlano di offerte fomative, ma queste presagiscono ad un multiculturalismo che in UK ha fallito il suo intento? Oppure presagiscono ad una serie di veti delle familgie pilotate dal vaticano contro l’informazione ed educazione sessuale o contro l’ora alternativa o contro una giusta ioformazione sull’AIDS?

che ne dici?

FSMosconi

Molto più esteso e preciso. Per me è sì 😉 😀 🙁 …

Perchè?

Il documento si conclude sostenendo che “le Encicliche papali hanno accompagnato il protagonismo dei cattolici in campo politico e sociale, e l’impegno ad affrontare le grandi questioni sociali del proprio tempo in modo coerente con i valori cristiani e l’aspirazione a realizzare un umanesimo universale.

Cioè, più interferenza da parte del vaticano nelle questioni politiche e sociali, ma non solo, più privilegi al vaticano e più spazia ai suoi finanzieri.

Cioè, l’Italia è ancora terreno di pascolo per il papa e per i sioi subalterni cardinali, vescovi e parroci, abati e priori.

Cioè, più discriminazione nei confronti dei cittadini che non sottoscrivono i valori monarchici-teocratici delle encicliche

Cioè, più aggressioni ai gay, più sondino di stato contro la libertà di scelta di fine vita.

Cioè, meno informazione sull’AIDS, più antiabortisti, meno soldi al terzo mondo (e già sono bricciole con questo gpvenro cattolico attuale), più pro-vita nelle strutture ospedaliere, più obiettori di coscienza o meglion dire senza una coscienza laica.

Cioè, più catto telabani e più clerico-fascisti.

天路 tianlu

“il loro impegno in favore della rinascita dell’Italia” – chissà perchè la cosa mi suona vagamente come la storia del “piano di rinascita democratica” sequestrato a Maria Grazia Gelli nel Luglio 1982 …

Gianluca

“Lo vogliamo fare insieme, credenti e non credenti, convinti che i valori, ed i contenuti che ispirano questo manifesto possano costituire un punto di riferimento per l’intera comunità nazionale”

Le solite assurddità: o intendono che nelle associazioni cattoliche ci sono credenti e non credentii (poco probabile…), oppure parlano anche per me. Non mi sento rappresentato da questi individui!

spapicchio

Le uniche cose in cui credono sono il lucro, il profitto, ed il privilegio esclusivo.

Fred

Ho frequentato una scuola cattolica abbastanza rigida ai miei tempi e vi posso assicurare che investire in scuole cattoliche spesso significa sfornare generazioni di giovani atei. A parte una ragazza che si e’ fatta suora, dalla mia classe sono uscite principalmente persone non credenti che hanno capito le sconciatezze della religione perche’ l’hanno vissuta sulla loro pelle! Sara’ un caso forse. Boh.

eleuterio

Fred scrive:
21 luglio 2011 alle 12:05

“Ho frequentato una scuola cattolica abbastanza rigida ai miei tempi e vi posso assicurare che investire in scuole cattoliche spesso significa sfornare generazioni di giovani atei.”

Quoto al 101%.
Ho frequentato anch’io una scuola cattolica, (5 anni).
Al mattino, (TUTTE le MATTINE), prima delle lezioni, era obbligatorio andare in chiesa a sorbire la messa.
Ebbene, mai sentito da altre parti i moccoli che si tiravano in quel posto.
E per fortuna, viste le ataviche inclinazioni dei neri scarafaggi, ho salvato quel punto dove la schiena cambia nome!

Southsun

Tre parole e nemmeno un errore!

Bravo! Stai migliorando. Ancora un po’ e ti fanno smorzacandele ufficiale.

Paul Manoni

Io non penso che questo sia il tentativo di creare una nuova DC. Soprattutto perche’ i soggetti promotori di questo forum e di questo manifesto, sono sostanzialmente associazioni.

Oltretutto ritengo che una “nuova DC”, non faccia affatto il gioco della CCAR. Se ci pensate bene, all’epoca della DC, il partito in questione aveva degli oppositori seri negli altri partiti, quel tanto che basta da condurre una politica molto piu’ laica di quella di adesso, ed abastanza da incappare, di tanto in tanto, in sostanziali fallimenti (divorzio, aborto, ecc, ecc).

Oggi cio’ che manca in Italia, e’ proprio un partito che possa opporsi ai politici genuflessi, sparsi in TUTTI gli schieramenti. Ora, se si venisse a creare un partito di centro ispirato alla vecchia DC, con all’interno tutti i politici cattolici (da Gasparri e Giovanardi a Fioroni e Binetti), ora seduti nelle fila del PDL, del PD, dell’UDC, della Lega, e via dicendo, i restanti politici nei restanti partiti politici, potrebbero portare avanti una politica abbastanza laica da risultare perfino controproducente alle ingerenze della CCAR.

Oggi, essendo tutti gli schieramenti dotati di politici genuflessi, la CCAR ha il coltello dalla parte del manico perche’ nella peggiore delle ipotesi di un governo che non li accontenta, li accontenterebbe l’opposizione. Un domani che ci fosse una “nuova DC”, non godrebbero del giusto spazio di manovra troverebbero comunque degli oppositori, in tutti gli altri partiti.

Per fare un esempio: DDL Calabro’. La legge scellerata sul biotestamento passata la settimana scorsa alla camera, e’ passata perche’ oltre al governo (maggioranza risicata), c’erano politici favorevoli anche in partiti di opposizione (UDC e PD). Con tutta probabilità, una “nuova DC” con la maggioranza dei deputati, sarebbe comunque riuscita a far passare la legge, ma sicuramente non tutti gli emendamenti, sarebbero stati respinti, e la legge sarebbe passata di sicuro con maggiore fatica.

Di sicuro, questo forum risulta essere un bel agglomerato di associazioni e soggetti cattolici che faranno sentire il loro peso, nelle legislature e nei programmi politici di qualsivoglia governo futuro. Un vero e proprio muro che terrà lontana la laicità dello Stato, e contribuirà ad una maggiore incisività delle ingerenze della CCAR, purtroppo. 🙁

Commenti chiusi.