Archivi Giornalieri: martedì, luglio 26, 2011

Intese, emendamenti Lega Nord rallentano iter con buddisti e altri culti

Ancora difficoltà per l’Intesa con lo Stato per alcune confessioni religiose di minoranza come ortodossi, mormoni, Chiesa Apostolica in Italia, induisti, Testimoni di Geova e buddisti. Ne tratta un articolo su The Front Page, che ripercorre l’iter parlamentare degli accordi. In particolare l’Ubi (Unione Buddista Italiana) firmò per la prima volta l’Intesa nel 2000, col governo D’Alema, ma poi la discussione naufragò a causa dell’ostruzionismo dei parlamentari cattolici e in particolare del ministro Patrizia Toia; stessa sorte per l’Intesa coi… Leggi tutto »

Arcigay: dal Parlamento via libera l’omofobia. Deriva pericolosissima

L’approvazione delle pregiudiziali di costituzionalità e il conseguente affossamento della legge contro l’omofobia è l’ultimo oltraggio che una maggioranza fatta da uomini mediocri e di bassissimo profilo umano, politico e culturale ha voluto consapevolmente rivolgere alle persone lgbt e a tutto il Paese. L’Italia è stata spremuta senza pietà da questi mentecatti senza rispetto per la vita e i diritti della gente. Denunciamo all’ Europa ed al mondo civile che in Italia esiste un’autentica emergenza democratica e che in questo… Leggi tutto »

World Trade Center, American Atheists chiede memoriale anche per atei: “Solo una croce è discriminazione”

L’associazione statunitense American Atheists, riporta l’Examiner, ha presentato un esposto alla Corte Suprema dello Stato di New York chiedendo un trattamento equo da parte del National September 11 Memorial and Museum. In sostanza, se nel memoriale con annesso museo sarà posizionata solo una croce, domandano che si debba inserire anche un memoriale dedicato ai non credenti morti nell’attentato, stimati a circa 500. L’associazione aveva proposto di finanziare il memoriale per i non credenti, ma non ha ricevuto riscontri: per questo… Leggi tutto »

Stragi in Norvegia: nuove reazioni cattoliche

I quotidiani italiani hanno ospitato anche oggi diversi commenti cattolici. Il giornale dei vescovi italiani, Avvenire, ha dato spazio al giurista Carlo Cardia, secondo cui “il ricorso alla violenza ha base nell’assenza di una tensione etica fondata su principi fondamentali, alla radice dei quali è una legge, quella del Sinai, che espungiamo di continuo dal nostro orizzonte”. “Da tempo un po’ dovunque si esalta il soggettivismo assoluto, il relativismo totale”, continua Cardia, “e questi suggeriscono all’uomo un drammatico senso di… Leggi tutto »

San Raffaele: continua il confronto tra don Verzé e il Vaticano

Al San Raffaele continua la guerra di logoramento tra la vecchia dirigenza, legata a don Verzé, e quella nuova, sostenuta dal Vaticano. Su MF di oggi è comparsa un’intervista sul “ruolo bifronte del Vaticano” al commercialista Giovanni La Croce: il quale ha dato voce, si scrive, “all’ira degli advisor”. Della Croce afferma di non capire perché “il nuovo cda del San Raffaele abbia deciso di prendere altro tempo per cercare di trovare quello che gli advisor del vecchio cda non… Leggi tutto »

Mancini su caso Orlandi: per giudice Imposimato “balle”, ma per fratello di Emanuela “contatti tra Banda della Magliana e prelati”

Diversi i commenti sulle recenti dichiarazioni di Antonio Mancini, ex componente della Banda della Magliana, sul rapimento di Emanuela Orlandi (Ultimissima di ieri). L’ex presidente onorario della Corte di Cassazione Ferdinando Imposimato, già giudice istruttore per il caso e legale della famiglia Orlandi, etichetta la confessione di Mancini così: “fumosa”, “tardiva”, “in una parola, ridicola”. “Sono tutte sciocchezze”, “le balle sul Vaticano nessuno le contrasta”, sostiene, “il Vaticano assorbe le cose e non replica”. Ma parla anche Pietro Orlandi, fratello… Leggi tutto »

Giornata mondiale della gioventù a rischio flop

Secondo Adista sono appena 440 mila, alla data del 18 luglio, i pellegrini iscritti alla Giornata Mondiale della Gioventù del prossimo 16-21 agosto che si celebrerà a Madrid alla presenza di papa Benedetto XVI. Pochi, se si considera che tra essi almeno 25 mila sono religiosi e sacerdoti provenienti da tutto il mondo, 774 i vescovi concelebranti, 4 mila i giornalisti accreditati. Pochi, poi, confrontando il dato con le precedenti Giornate a Manila nel 1995 (cinque milioni di persone) e… Leggi tutto »

South Australia, il senatore Xenophon: “preti non possono nascondere abusi nel segreto confessionale”

Il senatore indipendente Nick Xenophon, membro del Parlamento dello stato del South Australia, in un recente dibattito in aula ha sostenuto che i sacerdoti cattolici dovrebbero essere obbligati a denunciare casi di abusi, anche se venissero resi noti durante la confessione. Il segreto confessionale, a detta di Xenophon, non può essere una motivazione sufficiente per nascondere reati, visto che qualsiasi altro cittadino è tenuto a denunciare reati di cui venisse a conoscenza. Xenophon aveva già fatto una proposta simile nel… Leggi tutto »