Prima campagna atea in Brasile

L’Associação Brasileira de Ateus e Agnósticos ha dato vita a una campagna pubblicitaria facendo affiggere manifesti nella città di Porto Alegre. Il sito Sul21 già li definisce “controversi”, in particolare quello con il credente Adolf Hitler e il non credente Charlie Chaplin. Anche gli slogan utilizzati non sono da meno: da “siamo tutti atei – riguardo agli dei degli altri” a “la religione non dà risposte, impedisce soltanto le domande”, fino a “se Dio esiste, tutto è permesso”.

Raffaele Carcano

Archiviato in: Generale, Notizie

162 commenti

giuseppe

L’accostamento di Hitler con i credenti é una insulsa e volgare calunnia, tipica di un certo ateismo autoritario e bugiardo che usa la calunnia come arma per demonizzare l’avversario. Il demonio é all’opera ovunque; non mi stupisce che anche in Brasile si dia da fare.

lumen rationis

Non è vero: ex falso quodlibet sequitur diceva Seneca. 😉

Nightshade90

Giuseppe
Considerato che tu sei uno dei primi ad accostare gli stalinisti agli atei, direi che c’e’ una certa ipocrisia nel tuo post….

Senjin

Eh certo “Gott mit uns” (dio è con noi) è un tipico slogan ateo, per non parlare di esprimere nei propri diari tutta la propria fede e ammirazione per Gesù… tipico comportamento ateo.
Basta poi leggersi un po’ di cronaca recente: pestaggi agli immigrati, pestaggi ai gay, chiusura di scuole frequentate da “troppi figli di immigrati”, leggi liberticide, ecc…. dal ’40 ad oggi non siete cambiati molto.

giuseppe

Il fatto che uno utilizzi il nome di Dio per i suoi loschi fini non significa che sia credente. Del resto, é risaputo l’odio di Hitler per i cattolici, molti dei quali furono anche sue vittime.

FSMosconi

@giuseppe

Già. E quelli da allora lo odiarono così tanto da offrire a lui e ai suoi collaboratori un comodo passaporto per il Sud America.

Roberto Grendene

@ giuseppe

Hitler era battezzato, non e’ mai stato scomunicato, dunque formalmente cattolico

Con Hitler la Chiesa ha firmato concordati

perche’ poi dalla tua ipotedi che non fosse cattolico deduci che non era nemmeno credente? non poteva essere protestante o di una delle tante varianti del cristianesimo?

fab

giuseppe, TUTTI i politici che si dichiarano credenti e buona parte degli ecclesiastici, bavarese compreso, usano “il nome di Dio” per i loro sporchi fini. E’ il motivo per cui la religione è tutelata dalle autorità.

teologo cattolico

@giuseppe

In effetti il messaggio si auto-squalifica culturalmente. Peccato, un’occasione mancata per gli atei che appaiono così anti-teisti (solo loro) in quanto anti-nazisti (come tutti). Un vero ateo avrebbe da ridire per quello spot, ma sono loro problemi interni… ma siamo sicuri che sia fatto da atei e non religiosi estremisti che vogliono ridicolizzare l’ateismo anticlericale?

Stefano

@ teologo

una persona mediamente intelligente capisce immediatamente che il messaggio intende associare l’essere ateo ad una persona apprezzata e verso la quale il pubblico è ben disposto e – allo stesso tempo – chiarire che il credere in dio non è garanzia di rettitudine morale.
Si auto-squalifica chi non ci arriva e ritiene che il messaggio si autosqualifichi.
Che non piaccia è altra cosa.

Francesco

Teologo

Se leggi bene il testo del manifesto si comprende il messaggio che la religione non definisce il carattere e che un non credente puo’ essere buono mentre un credente puo’ essere malvagio e che quindi non bisogna avere preconcetti contro gli atei.

P.s.
“La somiglianza di Charlot personaggio di Chaplin con Hitler fu lo spunto iniziale per la realizzazione del film Il grande dittatore”

lumen rationis

Gli spot religiosi che solitamente si vedono non hanno di questi problemi.
Infatti “ex falso quodlibet sequitur”

MASSIMO

@ teologo cattolico

Non mi sembra che Hitler abbia mai fatto concordati con la Chiesa.
Ma sicuramente tra i vostri amici ci sta Mussolini, Pinochet e Francisco Franco.
Un tris d’assi di tutto rispetto!

teologo cattolico

@francesco

il messaggio si autosqualifica per l’affermazione – preconcetta, questa si – che un Hitler fosse un credente, magari nel Dio cristiano. Se poi confondi l’essere con il dichiararsi – credente nel Dio di Gesù Cristo o in qualsiasi altra cosa -, basta che fai l’esperimento di dichiararti ricco e verificare se il tuo conto in banca proporzionalmente cresce.

bardhi

@ teologo cattolico

“che un Hitler fosse un credente, magari nel Dio cristiano” scusami ma tu come fai a sapere in cosa credeva Hitler, riesci a leggerli il pensiero anche adesso??
secondo quale criterio tu escludi che Hitler poteva essere un vero credente nel Dio di Gesù Cristo???

Francesco

Teologo mi dispiace dirtelo ma e’ troppo comodo dire che una persona non sia veramente un credente se si comporta male ricordati che anche nel vangelo esistono episodi dove in nome di dio vengono puniti anche con la morte delle persone ad esempio l’episodio di Anania e Saffira negli atti degli apostoli.

Nathan

Ma occorre ancora ripostare le foto dei vescovi che fanno il saluto romano, gli scritti di adolfo, le lettere di Pacelli al suddetto, il fatto inoppugnabile che adolfo ha preso legalmente il potere nel 1933 grazie all’appoggio del Zentrum cattolico (franz Von Papen), che ruppe il patto antinazista tra tutti gli altri partiti tedeschi, anche di destra, per capire che la Chiesa cattolica appoggiò il nazismo, come aveva appoggiato entusiasticamente tutte le dittature di destra dell’epoca? Certo che poi Hitler esagerò, e si vantò poi di essere tra i pochi politici al mondo che erano riusciti a fregare il Vaticano, ma certamente non era ateo, come adesso la propaganda cattolicista cerca di far credere.

FSMosconi

tipica di un certo ateismo autoritario e bugiardo che usa la calunnia come arma per demonizzare l’avversario.

vs.

Il demonio é all’opera ovunque; non mi stupisce che anche in Brasile si dia da fare.

:roll:

giuseppe

Se é ironia ben venga. L’accetto. E mi ha fatto pure sorridere. Quando é tua é tua.

FSMosconi

@giuseppe

No: è una semplice considerazione sulla tua dialettica. O vuoi lasciar intendere che demonizzare ha senso solo nel senso più ampio ma non in quello letterale e che soprattutto vale solo se lo fanno (o presumi lo facciano) gli altri?

FSMosconi

Volontariamente? Se vogliono.
Di certo molto di più di chi crede che le divisioni etniche antiche siano ancora valide. E quello non fa ridere apposta.

Mannaz

D’altronde voi volete un’Europa simile al Brasile: Terzo Mondo, popolazione “colorata”, carnevalate e balli caraibici, tette e culi al vento… un’Europa ridicola!

FSMosconi

Vivi di stereotipi…
Ah, è un’altra cosa: il Sud America è a maggioranza cattolica principalmente. Quindi se non ti sta bene la cultura di quei paesi vatti a lamentare con i tuoi correligionari di là. Sempre che tu possa farlo, data la facilità con cui lì si instaurano regimi autoritari…

FSMosconi

@Mannaz

Allora spiega perché gli atei dovrebbero volere una cultura altrui a maggioranza cristiana? :roll:

Mannaz

Non credo che la cultura mulatta e degenerata brasileira sia solo legata a fattori religiosi.

Ti sei pronunciato tu stesso nel post sopra contro le divisioni etniche e a favore della mescolanza.

Dato che voi uaarini sinistroidi siete favorevoli all’invasione dell’Europa da parte di genti di ogni genere, mi sembra chiaro guardiate favorevolmente a una società “colorata”, sradicata e perversa come quella do Brasil.

FSMosconi

@Mannaz

In realtà la caratteristica delle società Sud Americane di generare dittatori l’ho implicitamente collegata al suo essere formata da uomini-pecora.

Dato che voi uaarini sinistroidi siete favorevoli all’invasione dell’Europa da parte di genti di ogni genere, mi sembra chiaro guardiate favorevolmente a una società “colorata”, sradicata e perversa come quella do Brasil.

Sei incommentabile. Verdano puritano mio.

Mannaz

Sbagliato parola: meticcia, cioè spagnola + indigena, anche se una forte componente nera è presente.

CosmoGioioso un Giorno

Che ci fai su questo sito Mannaz? fammi capire. Perchè per quanto mi riguarda, dopo tutte le tue menate, non sei ben accetto, anzi. Senza contare che sei continuamente off-topic.

fab

Mannaz, il Brasile, con la sua “cultura meticcia”, qualunque cosa sia, sta diventando una delle massime potenze mondiali. Fai due più due, va’.

Mannaz

Anche la Cina e il Giappone, dove il 100% della popolazione è di razza mongiola e tutte le etnie hanno conservato le loro identità e tradizioni, sono potenze la prima economica e in ascesa, e la seconda tecnologica.

Ho ragione ad affermare (come ho fatto tra i commenti di un altro articolo) che l’ateismo, o almeno il vostro ateismo uaariano, è la quarta religione abramitica: in voi è insito il germe cristiano della società progressiva, della crescita economica, del consumo, contrapposta alla società tradizionale; concezione della società che è una derivazione della visione del tempo lineare delle religioni abramitiche.

CosmoGioioso un Giorno

ma la fai finita di parlare di razze, non ti si regge proprio. Facciamo che ti studi pure un po’ di biologia e di evoluzione. Tra un anno ne riparliamo. Nel mentre smettila di dire cavolate.

Mannaz

Le ho già studiate “biologia” ed “evoluzione” caro Cosmo Gioioso.

fab

Mannaz, la Cina ha ricominciato a contare nel mondo quando, dopo secoli di isolamento, ha deciso di aprirsi ad esso.
Ma per carità, puoi sempre fare come i giapponesi, che non comprano titoli di credito esteri nemmeno se sono più affidabili e rendono di più. Non saranno abramitici, ma sono scemi mitici.
In ogni caso, sono proprio quelli che hanno avuto un po’ di crescita della conoscenza che hanno capito che la crescita economica sta finendo e forse è già cominciata la decrescita. I piccolo-borghesi e i contadini, che si tengono aggrappati alla loro asfittica cultura tradizionale con inserti monoteisti (e poco importa se insegnano macroeconomia all’università, non vedono oltre il loro naso lo stesso), sono quelli ancora convinti che è meglio fare la TAV. Fra vent’anni, voglio vedere chi ci passa.
Guarda che lo so anch’io che una società che campa su automobili e magliette non ha futuro. Non per questo ignoro, come fai tu, l’aurea legge secondo cui ogni complesso bloccato tende a diventare una debolezza (Nimzowitsch).

Luigi P

Confermo che questo tizio è visibilmente danneggiato nelle sue funzioni cognitive

CosmoGioioso un Giorno

e dove? sul manuale delle giovani marmotte?

CosmoGioioso un Giorno

@Mannaz

comunque voglio ricordarti che questo è un sito che ha poco a che vedere con le tue fisse. E quindi vedi se riesci a rimanere “in topic”.

@Luigi P
basta mettere il suo nick in google per capire di che soggetto si tratta.

Mannaz

Che hai contro la cultura e la runa Mannaz “CosmoGioioso un Giorno” del mio piffero? Urtano la tua sensibilità politically correct? Okay, vorrà dire che prossimamente mi firmerò “Diversamente Emme”.

Ridicolo!

CosmoGioioso un Giorno

Ma vai a mangiare il gelatino coi tuoi amici della curva sud va e lascia i ragionamenti alle persone mature.

Mannaz

Non ho letto ancora un “ragionamento” complesso da parte tua, solo piagnistei da sinistrino buonista e politically correct.

CosmoGioioso un Giorno

Non spenderò certo energie per spiegarti concetti che sono già da tempo patrimonio comune della civiltà moderna.

Comunque se preferisci vivere nel passato, intanto ti consiglierei di tenere in considerazione la legislazione prima di cominciare a farneticare. Sai com’è la legge cambia, il problema è che quella che ti riguarda c’è da parecchi decenni.

CosmoGioioso un Giorno

-Quanto al buonista, sappi che se fosse per me una bella gattabuia non ti verrebbe negata a scopo ri-educativo (cosa credevi? che chiunque non sia un razzista come te sia un buonista? non sai quanto ti sbagli).
-Quanto al sinistrino, pensa per te va, radical chic al contrario. Il paradosso in italia è che molti di destra debbano definirsi di sinistra! questo dovrebbe essere noto.
-Quanto al politically correct, fai un buco nell’acqua. Non so proprio a cosa ti riferisci.

Lasciamo stare a questo punto l’idea che mi sono fatto di te, è abbastanza ripugnante e rimarrebbe comunque un’ipotesi, esattamente come le tue: fai schifo a fare ipotesi…

Mannaz

“Civiltà moderna”? Quale civiltà? Io vedo una società senza valori e senza radici in completo disfacimento.

Non si tratta di vivere nel passato, ma di recuperare le proprie radici, e rivitalizzarle affinché l’albero torni a innervare le nostre società e produca frutti in questo presente fatto di superficialità, perversione, consumismo, e smog.

Il PROGRESSO MATERIALE, la CRESCITA ECONOMICA, il CONSUMO sono i fondamenti di questa malata “civiltà dei diritti” ma NON DEI DOVERI, cioè “civiltà dell’INDIVIDUALISMO”.

La tua ultima frase poi evidenzia molto bene quali sono i meccanismi subdoli e censorii che utilizzate contro coloro che osano mettere in dubbio il vostro individualismo e la vostra “civiltà del faccio quel cazzo che mi pare”.

Mannaz

Io non sono un razzista (altra bella etichetta che appiccicate su chiunque non sia mondialista al 100%), sono contro il mescolazionismo, incoraggiato da coloro che le diversità etniche e culturali le vogliono ANNIENTARE!

CosmoGioioso un Giorno

Ma dove vivi nel mondo delle fiabe? credi veramente che se la passavano meglio in passato? la modernità ha eliminato delle difficoltà (per dirne una, sembrerebbe che abbiamo smesso di farci la guerra in zona), ne ha portate di nuove però. E il meglio che riesci a escogitare per scavalcare i nuovi ostacoli, è di rievocare concetti che sono direttamente o indirettamente collegabili a tutte le stragi della storia. Sarà che sono un inguaribile ottimista, perchè abbiamo delle prospettive di sviluppo tecnologico e scientifico mastodontiche, potenzialmente capaci di guarire tutti i mali cui siamo attualmente soggetti. Il fatto è che queste prospettive bisogna conoscerle per essere ottimisti e per sostenerne l’evoluzione.

E poi, faccio una certa difficoltà, onestamente, a capire il modo in cui riesci a dare addosso all’individualismo per poi barricarti in casa italia a serrande serrate. Il tuo è individualismo di collettività ah ah. Cioè fai gruppo, questo è l’unico modo in cui riesci a vivere? nel branco? e poi cosa succede quando due branchi si affrontano? la guerra, la morte, la distruzione. Proprio non riesci a vederlo è?

Il passato è costellato di conflitti su larga scala causati proprio da quello stato di cose che tu vai propagandando. Quando due persone si scontrano, al massimo ci scappa un cazzotto, a volte il morto. Ma quando due leader di due paesi, di due etnie, si scontrano, ci vanno di mezzo tutti e non ci se la cava con un cazzotto.

Facciamo così, facciamo un branco mondiale, ci mettiamo anche gli animali domestici, così siamo contenti tutti.

CosmoGioioso un Giorno

Comunque è bene fare un po’ di chiarezza: non che me ne fregherebbe un granchè se dovesse nascere una nuova razza ibrida italo-ungherese, comunque non vivrei con ogni probabilità abbastanza a lungo per vederla (e manco tu, quindi non capisco perchè ti scaldi tanto su questo argomento); d’altro canto è una realtà che molte terre del pianeta non siano attualmente adatte a sostenere una vita dignitosa, pertanto è un forte INDIVIDUALISMO (si proprio quello che tu disprezzi) quello di non cedere un po’ del nostro benessere a chi la vita di certo non se la passa sugli allori. Tanto come già ti è stato spiegato, è fuffa che esistano una cultura e una razza italiana ferma e immutabile. Questo è un mondo dinamico; l’unica cosa che è statica al momento, è l’idea che ne hai.

Gargiulo

Mannaz scrive:
2 agosto 2011 alle 17:06
Gli atei sono comici (ridicoli) come Charlie Chaplin?

Glia atei possono essere comici, ridicoli nello stesso modo dei credenti ma di sicuro sono PIù LIBERI di quest’ultimi. Mannaz, vedo che hai una certa curiosità e perfino una certa attrazione per l’ateismo. Non essere timido, questo è un forum LIBERO

Mannaz

Per chi mi hai preso? Per uno che crede in Gesù Bambino e nella Madonnina Vergine?

No grazie! E no grazie anche al tuo proselitismo! Per il dogma ateo, materialista e sradicato ci sono già passato.

FSMosconi

@Mannaz

Già: l’hai sostituito con le menate leghiste.
Non dirmelo: sei uno di quei “poveri di spirito” che credeva a Zeitgeist?…

Mannaz

Non sono né leghista (anche se simpatizzerei se la lega fosse cosa seria) né uno di quei bambocci New Age che credono alle sciocchezze di Zeitgeist.

FSMosconi

@Mannaz

Riguardo la Lega: a me pare che tu ne condivida la idee, però. :roll:
Riguardo Zeitgeist: appunto non t’ho chiesto se ci credi, ho chiesto se ci credevi:roll:

Odinn

Mannaz, sara’ qualche pseudo-satanista blackster, con simpatie verso la cultura norrena…

Mannaz

Non mi insulti Odinn, metallaro darkettone satanista che abusa dei nomi degli dèi germanici (e non necessariamente “norreni” [semmai “nordici”, bello leggere su Wikipedia eh?]) sarà lei.

Odinn

Ah quindi ci ho preso in pieno! 😉

P.s. Ribadisco CULTURA NORRENA e rifiuto il termine “divinita’ germanica”. E’ meglio se ti fai una cultura prima di parlare per bocca di Burzum! 😉

FSMosconi

@Oddin

In effetti il Germanico (aka proprio della Germania) di Odin è Wotan. O perlomeno è una variante abbastanza frequente. 😉

Odinn

Lo so Mosconi, il problema e’ che la cultura germanica e’ un derivato di quella norrena scandinava, trascritta pero’ da un cristiano. Le radici sono molto diverse, come anche le divinta’ e tutto quello che ne consegue.

Mannaz

No, non hai preso in pieno un tubo, ho detto che non ho nulla a che vedere con l’ambiente metal, anzi il metal mi fa proprio schifo. E non illuderti di aver voce in capitolo su quell’argomento con la tua cultura da Wikipedia.

“Norreno” è un termine linguistico, non etno-culturale. Si riferisce alla lingua norrena dalla quale discendono gli idiomi scandinavi moderni. Il termine etno-culturale-geografico è “nordico”. La cultura e quindi è “nordica”, non “norrena”, e le culture nordiche sono solo un ramo della macro-etnia germanica.

Vero che l’Edda originale è in lingua norrena, ma di fonti sulla cultura e sulla religione germaniche ce ne sono molte altre, anche riguardanti gli altri rami della cultura germanica, ovverosia quelli continentali e quello anglosassone.

Mannaz

Odinn, con il tuo ultimo commento dimostri tutta la tua ignoranza wikipediana: la cultura norrena è un ramo (recentissimo rispetto a tutti gli altri!) della macro-cultura germanica (che non è nemmeno sinonimo di “tedesca”, essendo quella tedesca un altro ramo), non viceversa.

FSMosconi

@mannaz
@Odinn

E limitarsi a chiamarla “Nord Europea” così la piantiamo?!

Piuttosto, Mannaz, non hai ancora risposto alla mia domanda…

Odinn

L’Edda per l’appunto te la leggi tu, io ribadisco, non sono un appassionato della domenica e mi documento con quel poco che ce’ rimasto di ORIGINALE! Le religioni germaniche proto-norrene o nordiche (come preferisci) non mi interessano!
Comunque stiamo spammando…

Quindi gli atei sono ridicoli, i cristiani pure, quindi tu cosa professi di grazia?

FSMosconi

@Mannaz

E a proposito di tornare all’argomento principe: tu credevi si o non nelle idiozie di Zeitgeist? Non mi hai ancora risposto…

Odinn

No Mosconi, la mitologia germanica e’ una cosa a se stante, ha poco a che vedere con quella norrena, anche se Mannaz crede siano la stessa cosa…

Mannaz

@Mosconi: alla tua domanda ho già risposto, scrivendo che per la Lega simpatizzerei se fosse un partito serio, non cattolico (come era in origine), e portasse avanti davvero le sue battaglie. Purtroppo non è così!

Per il resto che io abbia idee conservative, etnicistiche e “di destra” mi sembra di averlo espresso chiaramente.

FSMosconi

@Oddin

Vabbe’ che sono entrambe di origine Indo-Europea quindi le somiglianze ci possono essere, ma a furia di bisticciare sulla cosa si arriva quasi al livello di spam: non era quello l’argomento principale. Il nostro trolletto qui sta tentando di sviare l’attenzione e andare OT (oltre che per non rispondermi)… :roll:

FSMosconi

@mannaz

Non mi hai risposto sul fatto che credevi o meno a Zeitgeist. Che fai, svii?

Mannaz

@Odinn, è chiaro come ti abbia messo con le spalle al muro e tu non sappia più come rispondere.

La cultura medievale norrena, così come quella tedesca, così come quella anglosassone, eccetera, sono tutti rami di un’originale cultura proto-germanica situata nel Nord della Germania e sulle coste meridionali della Scandnavia.

Questo nucleo originale, così come tutte le altre culture in Europa, nacque dalla fusione di vari elementi e nuclei culturali elementi pre-indoeuropei con elementi portati dall’arrivo degli Indoeuropei.

FSMosconi

@Mannaz

Basta andare OT!!! 👿
Tra l’altro non mi hai ancora risposto…

Mannaz

@Mosconi: non portare la discussione in sciocchezze, nelle panzane di Zeitgeist sul 25 dicembre non ho mai creduto, conoscendo discretamente molte culture del mondo.

Odinn

Mannaz la cultura norrena non deriva assolutamente dal medioevo, ma da molto prima, lo capisci questo?? La cultura germanica che intendi tu, si basa quasi esclusivamente su un libro scritto quasi mille anni dopo la nascita di quella norrena e per di piu’ scritto da un cristiano, con l’intento di modificarne le tracce, rendendole piu simili al cristianesimo, per semplificare la conversione dei popoli.!
Che poi tutte le religioni sono derivate dalle culture indo-europee e’ un dato di fatto e non a caso sono tutte fasulle! Io analizzo i dati storici e culturali! Detto questo mi ripeto che stiamo spammando. Oltre a delle critiche sai anche esprimere qualche concetto sul argomento di partenza?

FSMosconi

@Mannaz

Certo: uno che non sa che nega siano esistiti popoli misti nonostante l’evidenza dei persiano-babilonesi, Indo-Dravidici e Indo-Thailandesi ha una gran conoscenza… :roll:
Non me la dia bere: ‘ste cose le ha “studiate” dopo in ben altri ambienti (presumibilmente filo-leghisti)…

Mannaz

Ultima cosa per Odinn: Odhinn (norreno; anticamente Wodin), Wotan (tedesco), Wuodan (alemanno), Woden (inglese), Godan (longobardo), discendono TUTTI dal proto-germanico *Wodanaz.

Odinn

nella fretta sto anche scrivendo cazzate io stesso… Piu’ di mille anni dopo!

FSMosconi

@Mannaz

Come diceva Odinn: tu in che credi, a proposito?

FSMosconi

Errata corrige:

O

Certo: uno che nega siano esistiti popoli misti

O

Certo: uno che non sa che siano esistiti popoli misti

In quanto salto dal medesimo al medesimo (dal punto di vista concettuali) van bene entrambi.

Mannaz

@Odinn: stai raccontando una montagna di sciocchezze.

Io non ho parlato dell’Edda come fonte di tutta la cultura germanica, l’ho menzionata dato che tu hai scritto “la cultura germanica deriva da quella norrena” (cazzata).

In secondo luogo che “tutte le religioni derivano dalle culture indoeuropee” è un’altra assurdità: semmai si può dire che le religioni pagane europee derivano da un nucleo indoeuropeo innestatosi su caratteri religiosi preesistenti (la religione dei Baschi è un chiaro esempio di religione pre-indoeuropea).

Il Cristianesimo e l’Islam derivano dall’Ebraismo, emerso a sua volta dalla religiosità cananea (semitica).

FSMosconi

@Mannaz

Torniamo OT?
Comunque tu stavolta stai scrivendo cazzate (ammesso che Odinn ne abbai scritte 😐 ):

Il Cristianesimo e l’Islam derivano dall’Ebraismo, emerso a sua volta dalla religiosità cananea (semitica).

Innanzitutto il cristianesimo ha delle fortissime analogia con i culti misterici e con l’Essenismo (talmente intriso di Mazdaismo che è difficile dire se sia ancora una setta ebraica o una cosa del tutto originale).

In secondo luogo l’ebraismo ha delle somiglianze con le religioni Cananee ma solo per influsso. E’ assai più frobabile che derivi dalla religione hapiru (indi per cui Eber), i quali veneravano Yaw e Ashera. Il che, se conosci i culti limitrofi successivi alla conquista di tale popoli e li confronti con l’Ebraismo, è tutto un dire…

Ora basta andare OT, ok?

Odinn

senti mi sono stancato di dover mettere sempre i puntini sulle i… Hai capito benissimo i soggetti che intendevo con tutte, ovvero le uniche di cui stiamo parlando! E ti faccio notare che sia l edda che sia wikipedia sono fonti che hai tirato in ballo tu per primo. Comunque facciamo che hai ragione tu così sei felice e magari si può proseguire con l argomentare il tuo illuminato modo di vedere le cose, visto che ancora nei fatti non hai detto nulla oltre a dire che sono tutti degli imbecilli e che tu sei un fascistello!

Mannaz

@Mosconi: che gli Ebrei fossero gli Hapiru è una delle tante teorie sulla loro etnogenesi. C’è anche chi sostiene che l’Ebraismo sia venuto fuori dall’Atonismo e gli Ebrei fossero gli atonisti fuggiti dall’Egitto.

Comunque, gli Hapiru giravano nei pressi della Mesopotamia, o tra la Mesopotamia e il Levante. Yaw è un dio cananeo, quindi semitico al 100%, Asherah è attestata sia tra gli Accadi (semiti) che tra gli Ugariti (semiti)… era una dea semitica, e semiti erano anche gli Hapiru a questo punto.

Mannaz

Io non “credo”, ad essere “credenti” in cose soprannaturali sono i cristiani e gli altri seguaci di “religioni” rivelate (“religioni” tra arentesi perché quelle rivelate sono in contrasto con il significato originale ed etimologico della parola; non a caso i Latini le chiamavano “super-stitio”).

Mannaz

Per il resto, non sono disposto ad approfondire in questa sede le mie posizioni in materia religiosa.

FSMosconi

@Mannaz

In definitiva? Detto così si potrebbe affermare tanto che sei “pagano” quanto agnostico…

claudio285

certo. Favorevole al meticciato, alla confusione delle culture, alla mescolanza…per me il meticciato è un valore sociale. L’incrocio tra diversi pacifica, distrugge gli odii che le religioni coltivano come armi principali per la loro autoreplicazione.
Amo le società che disperdono le loro tradizioni, e con le Tradizioni, i semi dell’aggressione. Amo le società che perdono la loro memoria, che infrangono le identità, che le stravolgono fino a frantumarle in mille schegge nelle quali riflettersi brevemente, per poi ritrovarsi sempre diversi, ed infividualmente irripetibili.

Mannaz

Un individualista sradicato del cazzo in poche parole. Degno rappresentante della contemporanea società del denaro, della globalizzazione economica, del materialismo e della perdizione; società per altro figlia del Cristianesimo.

Perirai con essa.

Mannaz

La società cui auspichi per altro, senza memoria, senza valori, senza ethos, è già stata creata: gli Stati Uniti d’America.
Non si sarebbe potuta realizzare altrove un’abominazione simile, dal momento che gli altri popoli, le altre nazioni, sono Civiltà, avendo storia e culture millenarie. Persino lo stesso Brasile che ho criticato è terra di nuove etnogenesi, formazione di nuove etnie locali con proprie tradizioni.

La società dello sradicamento cui auspichi, la società dell’individualismo, dell’egoismo, del consumo sfrenato, in poche parole il Sogno Americano oggi purtroppo appestante tutte le civiltà del globo con poche eccezioni, ha dato ampiamente prova delle uniche cose alle quali può condurre: la malattia mentale e il distacco definitivo dell’uomo dalla natura (sua e del mondo).

Nathan

Si, gli atei possiedono la capacità comica, e pure il senso dell’ironia, che pero hanno anche i credenti veramente illuminati. I fanatici religiosi, al contrario, non ridono mai,soprattutto di se stessi, e odiano il riso. Questa è una delle caratteristiche che permette di distinguerli ed individuarli.
Ricordate Jorge da Burgos, il personaggio creato da Umberto Eco nel nome della rosa? Beh, la tipologia umana e quella.

claudio285

Caro il mio porco nazista. Gli insulti tieniteli per te.
1) Non esistono società senza valori, poichè i valori morali si generano spontaneamente, così come le regole del vivere. Essi sono condizioni psicobiologiche di possibilità della società umana, non frutto di un atto del volere o di una decisione. Essi cioè rientrano nell’ambito di ciò che chiamiamo naturale in seso scientifico del termine. E’ solo perchè abbiamo innestati nelle nostre menti dei rilevatori emotivi di eticità che riusciamo a dare un giudizio morale su una situazione. L’illusione che la morale necessiti di un fondamento va di pari passo con l’illusione che il mondo fisico necessiti di un fondamento metafisico di tipo trascendente.
2) Esistono società che minimizzano la violenza e massimizzano la libertà, e società che massimizzano la violenza e minimizzano le libertà. Le prime sono quelle liberal-democraiche, le seconde quelle dittatoriali o teocratiche come da te auspicate. Io preferisco le prime alle secode, tu no, perchè così potrsti sfogare le tue frustrazioni di sadico fanatico.

Mannaz

“Esistono società che minimizzano la violenza e massimizzano la libertà”… proprio come gli USA.

Immagino tu sia cresciuto nella bambagia del Sogno Americano.

Mannaz

Inoltre la massimizzazione della libertà stiamo vedendo dove sta conducendo l’Europa: all’annichilimento etnico e culturale, con una popolazione arabo-islamica che cresce a ritmi notevolmente superiori a quelli della popolazione complessiva.

Rotterdam è già a maggioranza islamica, tra poco lo sarà anche Amsterdam, e una ad una tutte le metropoli europee. Tra qualche anno sputerai sulla tua democazzia liberale e sul maledetto political correctness.

bardhi

@ Mannaz
Si ma caro Mannaz ci hai rotto con il tuo, non sono cosi e non sono cosa, e con “non sono disposto ad approfondire in questa sede”, ti sfoghi come un disperato come se fossimo la causa del tuo male, abbiamo capito che hai letto un sacco di libri e libricini ma perche fai l’enigmatico speri che qualcuno fra di noi si innamori di te bello????

p.s non mi offendo se qualcuno mi da del “comico come Charlie Chaplin”, pero ci vuole tanto a chiamare Charlie Chaplin e i comici del “ridicoli”. Fatti un giro tristezza cosmica e quando sarai un po piu grande forse capirai

giuseppe

Non vedo alcuna contraddizione. Quando accosto gli stalinisti agli atei non faccio altro che constatare quello che é accaduto nei paesi a regime comunista. La persecuzione religiosa in quei paesi é stata feroce e i morti non si contano più. Non dico che ateismo=stalinismo, ma che in quel contesto le due ideologie si sono fuse. Del resto, non sono io che ho ispirato il principio che “la religione é oppio dei popoli”.
Quanto ai cattocomunisti mi fanno ribrezzo quanto gli altri, con l’aggiunta che sono pure traditori.
Che uno che si dichiara comunista si sieda in cattedra per disprezzare i suoi simili mi pare eccessivo.

Francesco

Allora devi anche accettare l’accostamento credenti (cattolici) e nazzisti, sempre se hai un minimo di coerenza.

Odinn

Mi spieghi allora la differenza fra accostare il comunismo all’ateismo, e l’accostare il cristianesimo al nazifascismo? Vedi che ti contraddici da solo… Il comunismo stava all’ateismo, come il nazifascismo alla tua religione. La differenza e’ semplicemente che oggi nel mondo pseudo-libero e civile, gli atei non fanno del male a nessuno, mentre i credenti di qualsiasi religione continuano ad ammazzare….

Luigi P

Gli atei non seguono una morale comune, non si può far di loro un gregge e identificarli con un altro gruppo. In pratica se è vero che gli stalinisti erano atei non si può dire che gli atei siano tutti stalinisti.
Diverso e il discorso dei religiosi, spesso comandati e senza alcun tipo di idea propria con una morale falsata da imposizioni altrui, facilitati a seguire qualunque tipo di idea senza alcuna prova pensano di essere superiori a tutti gli altri perchè loro detengono la verità e qualunque altrà opinione e recepita come un attacco a cui rispondere con altra ingoranza.
Per prevenire chi dirà “ma siete voi che pensate di avere il monopolio della verità” dico che e il concetto di verità assoluta non ci appartiene

giuseppe

FSMosconi risponde:

martedì 2 agosto 2011 alle 17:14

@giuseppe

No: è una semplice considerazione sulla tua dialettica. O vuoi lasciar intendere che demonizzare ha senso solo nel senso più ampio ma non in quello letterale e che soprattutto vale solo se lo fanno (o presumi lo facciano) gli altri?

Mi pareva abbastanza charo che mi riferissi al senso più generale. E non metto in dubbio il fatto che tu l’abbia capito.

FSMosconi

Ebbene mo’ passiamo alla contraddizione insita nelle parole: hai dimostrato ipocrisia. E come se io avessi detto: “Non credete che le fate facciano crescere i fiori! Oh, cavolo: i fiori del mio giardino si sono appassiti! Dove sta una fata quando serve?”
Non ci fai granché bella figura, e la figura è il lato meno importante della sostanza in sé. Comprendi?

giuseppe

Vabbé, se vuoi la polemica a tutti i costi, lasciamo stare. Continua pure a dire implicitamente che non comprendo. Non mi voglio lasciare trascinare in polemiche sterili. Ti credevo un tantino più aperto, ma mi sono illuso.

FSMosconi

Colpa mia se prima indichi la pagliuzza (vera o presunta) e dopo sfoggi una trave grossa come una casa? :roll:
Il Rigor Logico e il Buon Senso vorrebbe che non si tacciasse qualcuno per poi replicare la stessa cosa tacciata. :roll:

justin

io non sono democratico,la democrazie e’ una balla ed una manna per sbrodolare[o vomitare] tutta un’altra serie di balle criminose:l’aids non esiste,il cancro e’ un fungo e lo curo col bicarbonato,woytila era una brava persona,pinochet era un pacifista,dio esiste,jim morrison e’ vivo,iln 9/11 e’ colpa del mossad e via dicendo.per cui,ripeto,siccome a me la demo fa schifo,rimpiango stalin e la sua lungimiranza.s’e’ dimenticato un sacco di preti e chiese.ma proprio un sacco.

[sto scherzando…]

Stefano Grassino

Il Brasile non meno di 50 anni fa era sotto una terribile dittatura militare. Esportava maestri torturatori in tutto il sud america ed il suo attuale presidente ha conosciuto le carceri di quel periodo. La chiesa dei cardinali andava a braccetto con il potere fascista dei militari mentre molti poveri sacerdoti delle favelas, rischiavano la vita per difendere chi viveva in condizioni di profonda miseria. Oggi, dopo anni di lotte e prese di coscienza, il paese si è emancipato e tra poco diventerà la terza potenza economica mondiale.
La secolarizzazione, a seguito dell’avanzamento culturale ed economico, si sta facendo strada nelle menti di quella popolazione che fino ad ieri relegava alla speranza ed alla carità, l’unica via di scampo alla miseria.
Fermo restando il mio apprezzamento per molti bravi ed eroici missionari, sono felice che la chiesa ufficiale, quella dei pranzi di gala con i grassi generali appesantiti da decine di medaglie e accompagnati da mogli ricoperte di gioielli sfarzosi, stia subendo grosse bordate sul piano della credibilità.
Come disse un grande presidente americano:
“Puoi ingannare molti per poco tempo, pochi per molto tempo ma non potrai mai ingannare tutti per sempre”.
I Bagnasco ed i Babini di tutto il sud america hanno iniziato a versare le loro lacrime: quando avranno finito, un grande lago si sarà formato.

giuseppe

La secolarizzazione, a seguito dell’avanzamento culturale ed economico, si sta facendo strada nelle menti di quella popolazione che fino ad ieri relegava alla speranza ed alla carità, l’unica via di scampo alla miseria.

Veramente gli indici economici di tutto il mondo dicono che ci stiamo imporendo, altro che avanzamento culturale ed economico. Forse é proprio il contrario : più avanza il secolarismo più aumentano sorprusi e ingiustizie. Se si crede che la vita finisce qui e non ci sarà da rendere conto a nessuno, l’egoismo, con i suoi figli e figliastri, cresce a dismisura.

FSMosconi

Crisi economica dice nulla? :roll:
Dice nulla anche il fatto che stranamente siano i paesi più religiosi a finire inevitabilmente sotto una dittatura (vedasi Iran e Cile)?

Un po’ di cognizione di causa per favore: tutto ‘sto mortemiseriadistruzione alla lunga stanca!

Stefano

@ giuseppe

” Se si crede che la vita finisce qui e non ci sarà da rendere conto a nessuno, l’egoismo, con i suoi figli e figliastri, cresce a dismisura”

dillo una volta per tutte: tu non sei egoista perché qualcuno te lo comanda?

E se non ci fosse qualcuno a comandarlo lo saresti?

Sii chiaro e trai le conclusioni, ammesso tu ci riesca.

firestarter

questo poveretto trae la sua morale dalla voce dell’uomo invisibile che gli parla nella sua testa. E vuole essere preso sul serio

FSMosconi

@giuseppe

Se si crede che la vita finisce qui e non ci sarà da rendere conto a nessuno, l’egoismo […] cresce a dismisura.

A me pare invece che non dovendo rendere conto post-mortem (l’anticipazione per antonomasia) si cominci a pensare a non fare idiozie, e di conseguenza a pensare alla responsabilità di queste, subito.
Stesso non si può dire di chi affibbia a un essere “indefinibile” le proprie idee e caratteristiche, tu che dici?

DanieleSafidy

Evviva, queste manifestazioni sataniche in Brasile sono una vera sorpresa!
Vuoi vedere che l’umanità ce la farà davvero a divenire migliore?
Robe da NON CREDERE !

Ratio

Ottima notizia e ottimi anche gli slogan, l’arretramento del cattolicesimo non può che far progredire la società brasiliana.

Mannaz

Sì eh, peccato che il 25% dei brasiliani siano evangelici, saliti dal 15% appena 10 anni fa.

Paul Manoni

Evidentemente, prima di risalire bisogna toccare il fondo… 😉

MarcoSanna

Riporto da Wiki, inglese:

“Roman Catholicism is the country’s predominant faith. Brazil has the world’s largest Catholic population. According to the 2000 Demographic Census (the PNAD survey does not inquire about religion), 73.57% of the population followed Roman Catholicism; 15.41% Protestantism; 1.33% Kardecist spiritism; 1.22% other Christian denominations; 0.31% Afro-Brazilian religions; 0.13% Buddhism; 0.05% Judaism; 0.02% Islam; 0.01% Amerindian religions; 0.59% other religions, undeclared or undetermined; while 7.35% have no religion.”

bruno gualerzi

Come testimonial (in positivo e in negativo) dell’ateismo, Chaplin e Hitler mi vanno benissimo. In particolare, come testimonial negativo, Hitler, che qui e altrove si continua a ritenere ateo solo perchè – per altro quando gli faceva comodo – ha avuto rapporti conflittuali con il vaticano e altre religioni… come Stalin li ebbe con la chiesa ortodossa, cioè solo perchè considerata un potere concorrente.
Ma ammettiamo pure, per amor di tesi, che Hitler non credesse in nessuna delle religioni storiche (per la verità era affascinato da certo esoterismo) ma cosa c’è di meno ateo di chi punta sul ‘fhurer prinzip’, sul culto del capo da seguire sempre e ovunque e comunque, il cui verbo è sacro e in sostanza si pone come una sorta di dio in terra che richiede una FEDE assoluta nella sua figura? Ciò al di là, da questo punto di vista, della infame ideologia nazista.
Si dirà, si dice, ma Hitler, appunto, non era dio e il credersi (o il volersi far credere) tale significa che era a-teo in quanto si sotituisce a dio e conseguentemente lo nega, gli ‘usurpa’, per cos’ dire, il ruolo. Per niente! Si tratta solo – come per ogni totalitarismo (ma col nazismo si raggiunge il punto limite) – di una concezione rigidamente gerarchica della società che ha nelle varie chiese il vero modello. Voler realizzare questo disegno significa ritenere quel modello l’deale per forgiare un’umanità perfetta… e quindi credervi. Quindi essere credente.
Al di là, ripeto, che poi (ma le due cose si rimandano necessariamente) ci siano innumerevoli testimonianze della fede di Hitler in certi culti pagani o paganeggianti, che non credo abbiano qualcosa a che fare con l’ateismo.
Almeno come l’intendo io. Ma evidentemente come l’hanno inteso anche i promotori di quella campagna e gli autori di quel manifesto.
In quanto a Chaplin… è d’obbligo il rimando al suo capolavoro ‘Il dittatore’, che forse è richiamato anche qui (non ho letto tutto) e che deve aver ispirato questo accostamento.

Elvetico

Hitler è nato in una famiglia cattolica in una paese cattolico e ha frequentato anche una scuola cattolica ma non credo si possa andare oltre e dire che lui fosse cattolico o cristiano.
Che fosse un credente mi pare che risulti dal Main Kampf dove ripetutamente parla di Signore, di Onnipotente, di Creatore… ma non credo (posso sbagliare) che menzioni Gesù.
Forse gli faceva schifo perché era ebreo ?

flavio

Elvetico, Hitler menzioni Gesù en discurso que ha proferito in 1939. In quel oportunità dice que ‘credo facere la vontade del Signore eliminando il judeo’. I apresenta su campanhe come similare a de Geú. Perdona mio parco italiani.

Perchè?

lo credo che sono controversi, Hitler è stato messo come esempio di come Dio vorrebbe i suoi fedeli, più o meno come quando aveva unto Davide per massacrare i bambini e le donne dei Filistei che Saul si era rifiutato di uccidere, disobbedendo ad un ordine criminale dettato dal dio del profeta Samuele.

Quando Dio e Hitler ordinavano massacri contro innocenti, i fanatici ebrei ultraortodossi al tempo di Davide e i soldati tedeschi al tempo di Hitler obbedivano ciecamente agli ordini.

Hitler è il migior esempio di come si deve obbedire a Dio senza discutere il suo progetto sadico e crominale, tutti gli altri cristiani e cattolici tentatno di ricontestualizzare Dio e di adattarlo ai tempi moderni, ma all’interno della chiesa cattolica stessa ci sono rigurgiti di nostalgici dei tempi in cui si facevano guerre sante, persecuzioni e torture, roghi e inquisiziini ingiuste ecc….eccc…..Pontifex in prima linea.

Rocordo ai cattolici che scrivono nel sito UAAR che il padre di Dracula (non il vampiro ma il principe Vladislav) era appartenenete ad un ordine satanico, quello del Dragone, ed era impegnato a difendere la chiesa cattolica apostolica romana dalle incursioni islamice che premevano ad Est. Come ce lo spiegate? Hitler addirittura per punire gli ebrei rei di deicidio, e tante altre personalità della vecchia guardia medioevale che appoggiava la chiesa.

E’ una buona campagna atea, si deve sottolineare, con enfasi e con ottimo humor, come è il vero Dio Yahvé, un mito criminale, degno di Davide e di Hitler, degno di Torquemada e dei peggiori boia della cristianità tutta e della ccar in particolare. Dio Yahavè non lo si può adattare ai temp e farlo apparire buono, egli stesso è fuori tempo, non era potenzialmente buono 2000 anni fa e non lo è ancora oggi mentre lo si continia ad obbedire in base alle sue stesse parole, le quali sono nella Bibbia una istigazione al crimine più efferato.

L’Adattare Dio ai tempi nostri è pura ipocrisia frisaica, non lo si può fare, non si può giustificare l’istigazione al crimine in nome di Dio facendolo apparire un bene per la salvezza delle anime.

Senjin

Ehm ordine satanico? L’ordine del drago è stato forndato dall’imperatore Sigismondo, figlio di Carlo IV, per COMBATTERE L’ERESIA è uno dei molti ordini militari cristiani attivi nel tardo medioevo e rinascimente. Il nome deriva dalla leggenda di S.Giorgio (quello che ha sconfitto il drago). Era un ordine PIENAMENTE CRISTIANO la cui attività principale non era difendere l’Europa dai Turchi (quello fù fatto da Tepest con il suo esercito nazionale), ma quello di cacciare e massacrare gli eretici. Dall’est europeo (Transilvania, Ungheria) si espanse anche Germania, Austria e Italia mietendo diverse migliaia di vittime civili. Fortunatamente non ebbe vita lunga e si estinse in poco più di una generazione.

Per il resto concordo con il tuo commento nei su per giù 1600 anni in cui i cristiani hanno denetuto il petere assoluto lo hanno usato per massacrare chiunque non la pensasse come loro e nell’islam hanno trovato semplicemente il loro riflesso allo specchio.

Perchè?

Il drago è sempre stato il simbolo del diavolo, potevano chiamarlo l’ordine di San Giorgio, perchè non l’han fatto? Il drago è fin dagli albori dlela mitologia un simbolo diaoblico, visto che il cristianesimo ha adottato molti simboli dal paganesimo, non vedo perchè, visto come l’ordine si è comportato, non possa essere equiparto ad un ordine segreto satanico.

Giorgi brunel

Boa noite Italia, não se assustem, o inferno esta ai pertinho, Vaticano, junto Bento XVI, membro da juventude hitlerista. O Vaticano fez Guerras santas, Inquisições, Cruzadas, traições e desmandos…Deus tambem é Ateu, um rei não pode acreditar que existe outro rei em suas terras (reino).Vaticano e a biblia, um livro menturoso, cheio de plagios,…Adão e Eva, Abel e Caim…logo um matou o outro, quem era o ateu? Eva e Adão tiveram que ter filha para povoar o mundo, e o pai ir para a cama com a filha, o irmão com a irmã e com a mãe, logo temos de inicio Incesto, Assassinato, e luxuria…deus não controlou 4 pessoas, como controlar 6 bilhoes??
Alias adão teve que repovoar com a filha tambem por que um filho foi expulso, eese é o encinamento???? Viva a Italia, a Deusa Informação existe, e o Deus Exercicio tambem, portanto filhos fortes e inteligentes de agora em diante.

rolling stone

saco,
o que vai ser do Rio
se eles derrubarem a estatua do Cristo no Corcovado?

CosmoGioioso un Giorno

Si comunque a fianco delle immagini ci sarebbe pure una scritta, che mi pare di capire dica “la religione non definisce il carattere. Dì no ai preconcetti nei confronti degli atei”. In questo modo la campagna è sicuramente scioccante di primo acchito, poi viene alleggerita.

giancarlo bonini

Chaplin èstato un grande comico; non è stato certamente ” ridicolo”.

Giorgio Pozzo

Vedo che il messaggio brasiliano è stato allegramente frainteso. Il nucleo del concetto prescinde totalmente dall’esempio particolare di Hitler, sul quale molti amano scrivere centinaia di parole. Non mi interessa minimamente di quale religione fosse Hitler: il messaggio dice di non correlare la religione di un individuo al suo carattere (la religione non definisce il carattere).
Questo è il messaggio forte. Come controesempio a quelli che tale messaggio non vogliono recepirlo (e insistono nel non volerlo recepire, a quanto leggo qui) è che nell’esempio specifico viene accostato un non credente “buono” con un credente “cattivo”. Qualunque altro controesempio sarebbe stato efficace, ma non va preso dogmaticamente. Si tratta di un controesempio, ripeto, che vuole falsificare il dogma di molti fondamentalisti ATEO = RIPROVEVOLE. Nessun controesempio va mai preso come assoluto (in questo caso CREDENTE= RIPROVEVOLE).

enrico

Sarebbe interessante che il manifesto riportasse anche qualche testo di Dietrich Eckart o Alfred Rosenberg.

Rievocando le sue chiacchierate con Hitler, in un dramma intitolato Il bolscevismo da Mosè a Lenin Eckart riporta alcune invettive dell’amico Adolf contro la pratica delle indulgenze, le crociate e la Chiesa cattolica in generale: «Questo rotolarsi nella sporcizia, questo odio, questa malignità, questa arroganza, questa ipocrisia, questa meschinità, questo incitamento all’inganno e all’omicidio… e questa è una religione? Allora non c’è mai stato nessuno più religioso del demonio stesso. È l’essenza ebraica, il carattere ebraico, punto e basta».

E ancora: «Il colpo peggiore mai subito dall’umanità è il cristianesimo. Il bolscevismo è figlio illegittimo del cristianesimo. Tutti e due sono conseguenze dell’ebraismo. Attraverso il cristianesimo il mondo è stato riempito con una consapevole menzogna nelle questioni di religione».

Scrive Rosenberg in un passo del Mythus:

«La nostra anima è stata contaminata dall’ebraismo; i mezzi per fare questo sono stati la Bibbia e la Chiesa di Roma. Con il loro aiuto il demone del deserto è diventato il “dio” dell’Europa».

Oppure sempre Rosenberg

«Da Bonifacio fino a Ludovico il Pio, che si sforzò di estirpare radicalmente tutto ciò che era germanico, fino ai nove milioni (sic) di eretici trucidati, si sviluppa sino al Concilio Vaticano, sino a oggi, un unico tentativo di affermare una inesorabile fede unitaria, e di diffondere una forma, un articolo di fede coercitivo, una lingua e un rito per uomini nordici, levantini, negri, cinesi ed esquimesi (si confronti il Congresso Eucaristico di Chicago del 1926, ove vescovi negri celebrarono la Messa). Da duemila anni l’eterno sangue di tutti i popoli e razze si indigna contro di ciò»

Sempre Rosenberg tracciando il peccato originale con cui il cristianesimo avrebbe deturpato l’europa

«La società europea si è senz’altro “sviluppata” come protettrice di ciò che è deteriore, malato, deforme, marcio e criminale. L’“Amore” con l’aggiunta dell’“Umanità” è diventato una dottrina disgregatrice di tutti i comandamenti e di tutte le forme vitali di un popolo e di uno stato, e si è quindi ribellata in tal modo contro la Natura che oggi si vendica. Una Nazione, il cui centro rappresentasse l’onore e il dovere, non manterrebbe delinquenti e fannulloni, ma li eliminerebbe».

Mannaz

Cose che sono sotto gli occhi di tutti e che nessuno può negare. Ringraziamo la morale suicida del Cristianesimo se gli Europei hanno perso le loro identità etniche, l’ethos originale (non tutti per fortuna, vedi Balti e Slavi, e anche nei Paesi più debosciati c’è chi cerca di recuperare le sue radici), e oggi l’Europa rischia di essere trasformata in un paio di generazioni in Eurabia ed Eurafrica.

bruno gualerzi

Ma quando vi entrerà in testa che tutto quanto riporti non fa assolutamente di Hitler un ateo?
(Se ti va, ribatti a quanto ho scritto in un intervento delle 20.52 di ieri.)

Mannaz

Cosa m ne può importare di quale fosse la religiosità di Hitler? Io ho scritto che condivido le frasi di Dietrich Eckart (che non era nazista, idiota di un Enrico; a questo punto potevi citare pure Nietzsche per demonizzare tutta la filosofia tedesca) e Alfred Rosenberg sopra riportate.

Per cronaca comunque, Partito Nazista aveva sviluppato una religione cristiana nazionalistica, basata su teorie esoteriche come l’arianità di Gesù, che avrebbe dovuto sostituire sia il Cattolicesimo che il Protestantesimo in Germania. Si chiamava “Cristianesimo Positivo”.

enrico

E questo cosa c’entra.
Ideologicamente il nazismo si contrappone, anche se si mimetizza talvolta come tale, al cristianesimo ed in particolare al cattolicesimo.
Anche l’UAAR lo fa a quanto leggo in altri siti e “scomunica” i dissidenti…
Il nazismo si contrappone sul piano precisamente ideologico e programmatico, come l’intervento dimostra.
Dunque andrebbe precisato non genericamente il fatto che uno creda, ma in cosa crede.
E quale tipo di cultura voglia sradicare dall’europa.

Comunque dal vostro sito UAAR trovo fa famosi non credenti

Benito Mussolini

oppure

Oriana Fallaci .. che Borghezio aveva citato fra le persone con idee vicine a quelle di Breivik…

Li preferisce come testimonial?

enrico

@ Mannaz

Non sono meravigliato che lei condivida tali opinioni….non si preoccupi.

enrico

Figlio di un notaio della casa reale nonché consigliere legale, sua madre morì quando lui aveva dieci anni e nel 1895 perse anche il padre dal quale ereditò un ingente patrimonio.

Eckart iniziò gli studi di medicina a Monaco di Baviera, abbandonandoli però nel 1891, iniziando quindi a lavorare come poeta, drammaturgo e giornalista. Trasferitosi nel 1899 a Berlino, scrisse vari drammi, spesso dai tratti autobiografici; comunque, nonostante fosse il protetto del conte Georg von Hülsen-Haeseler, direttore artistico dei teatri regi, non ebbe mai un grande successo quale drammaturgo, un fallimento del quale incolpava la società.

Più tardi si sviluppò in lui un’ideologia sul genio umano superiore, influenzata dai primi scritti di Lanz von Liebenfels; si sentì altresì a suo agio sulla scia della tradizione di Schopenhauer e di Angelus Silesius, rimanendo affascinato anche dal pensiero di Mayan sebbene il metodo scientifico non ebbe mai su di lui un grande ascendente. Eckart mostrò una forte passione, identificasi talvolta per il Peer Gynt di Henrik Ibsen.

Tornato a Monaco di Baviera, Eckart si unì alla Società Thule di Rudolf von Sebottendorff nel 1913 nella quale divenne politicamente attivo; nel 1915 scrisse il dramma nazionalista Heinrich der Hohenstaufe, in cui espose la necessità che il popolo germanico dominasse il mondo.

Più tardi, tra il 1918 ed il 1920, Eckart fu redattore del periodico antisemita Auf gut Deutsch che pubblicò con l’aiuto di Alfred Rosenberg e Gottfried Feder. Criticò ferocemente la Repubblica di Weimar appena costituita, si oppose veementemente al Trattato di Versailles che vide come tradimento, e propagò il cosiddetto mito della “pugnalata alla schiena” secondo la quale i democratici sociali e gli ebrei erano i principali responsabili della disfatta tedesca nella Prima guerra mondiale.

Eckart fu nel 1919, insieme a Gottfried Feder ed Anton Drexler, tra i fondatori del Deutsche Arbeiterpartei, che in seguito avrebbe cambiato nome in Nationalsozialistische deutsche Arbeiterpartei (NSDAP); inventò e pubblicò il periodico dello NSDAP, Völkischer Beobachter, e compose il testo di Deutschland erwache che divenne la musica di fondo del partito nazionalsocialista.

Eckart incontrò Adolf Hitler il 14 agosto del 1919 durante un discorso che questi diede di fronte a membri del partito ed esercitò su questi una forte influenza negli anni a seguire venendo definito dal futuro Führer come l’amico paterno.

Eckart si trovò nei guai quando nel 1923 il pubblico ministero decise di accusare lo scrittore per diffamazioni verso l’allora presidente della repubblica Friedrich Ebert in concorso con i suoi costanti attacchi antisemiti. Il 12 marzo del 1923 fu quindi emessa da Ebert stesso un’ordinanza di carcerazione. Verso la fine di aprile diventò chiaro che la polizia criminale di Lipsia stesse ricercando Dietrich Eckart per condurlo agli arresti. Adolf Hitler ordinò quindi agli uomini delle SA di vigilare di fronte alla casa del suo amico ma l’arresto era solo questione di tempo.

Christian Weber, uno dei pochi amici intimi di Adolf Hitler ed uno dei primi combattenti dello NSDAP – con il numero di tessera 15 – aveva un amico, Bruno Buchirer, che era un affittuario della pensione Moritz, che sarebbe poi divenuta il Platerhof all’Obersalzberg sopra Berchtesgaden, in cui il ricercato Eckart avrebbe potuto trovare rifugio. Il capo dello staff delle SA, Ernst Röhm, organizzò quindi segretamente il trasferimento a Berchtesgaden. Alcuni giorni dopo Adolf Hitler gli andò a far visita. Durante la guerra, nel 1941, in uno dei suoi monologhi al vespro, Hitler ricordò quella prima volta all’Obersalzberg. Eckart rimase lì con il falso nome di Dottor Hoffman.

Il 9 novembre del 1923 fu coinvolto nel fallito Colpo di stato in seguito al quale, il giorno dopo, venne arrestato e condotto, assieme ad Hitler e altri notabili del partito, nella prigione di Landsberg, da cui venne presto rilasciato a causa della malattia al cuore che lo affliggeva. Il 26 dicembre del 1923 Eckart moriva all’età di 55 anni, lasciando incompleto il suo ultimo lavoro, Dialoghi tra Hitler e me: Il Bolscevismo da Mosè a Lenin. Venne seppellito il 30 dicembre nel cimitero della montagna a Berchtesgaden.

Nel Mein Kampf Dietrich Eckart venne definito letteralmente un martire e a lui Hitler dedicò la frase finale: Ed in mezzo a loro potei anche riconoscere quell’uomo

Mannaz

@Enrico: voi cristiani con la vostra morale globalista e perversa siete nemici dell’Europa e quando i popoli europei si risveglieranno sarete messi in riga come si deve o cacciati a calci in culo nelle vostre desertiche terre sante. Intanto siete già minoranza in gran parte del continente.

enrico

@ Mannaz

Spero lei sia un fake, normalmente chi interviene in questo forum sia esso credente ateo agnostico mostra una certa ragionevolezza.

Altrimenti mi dispiace per lei….

enrico

@ Gualerzi

Per il dottor Gualerzi

E questo cosa c’entra.
Ideologicamente il nazismo si contrappone, anche se si mimetizza talvolta come tale, al cristianesimo ed in particolare al cattolicesimo.
Anche l’UAAR lo fa a quanto leggo in altri siti e “scomunica” i dissidenti…
Il nazismo si contrappone sul piano precisamente ideologico e programmatico, come l’intervento dimostra.
Dunque andrebbe precisato non genericamente il fatto che uno creda, ma in cosa crede.
E quale tipo di cultura voglia sradicare dall’europa.

Comunque dal vostro sito UAAR trovo fa famosi non credenti

Benito Mussolini

oppure

Oriana Fallaci .. che Borghezio aveva citato fra le persone con idee vicine a quelle di Breivik…

Li preferisce come testimonial?

bruno gualerzi

.ò enrico
“E questo cosa c’entra.
Ideologicamente il nazismo si contrappone, anche se si mimetizza talvolta come tale, al cristianesimo ed in particolare al cattolicesimo.”

Ma credi davvero che basti contrapporsi al cristianesimo, al cattolicaesimo o a qualsiasi altra istituzione religiosa per essere atei? In ogni caso, sbaglio, o si stava discutendo se Hitler era o non era ateo, cioè se la collocazione nel manifesto come credente era o non era plausibile? Per me è plausibilissima.
Non è che mi piaccia molto citare me stesso, ma si può dire che da quando frequento questo blog non ho fatto che argomentare su come ogni ideologia vissuta religiosamente (ad esempio il comunismo nella vrsione stalinista, ovviamemte il nazismo, il franchismo, il castrismo, il maoismo e così via, in sostanza ogni regime totalitario)… cioè un regime basato su un’ideologia che esige dai suoi aderenti una fede cieca e assoluta, che impone il pensiero unico, che alimenta ogni forma di culto per esaltare il ‘capo’, che stronca ogni dissenso, che, col consenso o meno, costringe i ‘sudditi’ ad alienare la propria umanità, quale che sia l’etichetta che applica a se stesso, di fatto è una teocrazia che ha come modello storico ideale l’istituzione religiosa. Dell’ateismo – ripeto, quale che sia l’etichetta che si appiccica o gli viene appiccicata – è quanto di più antitetico si possa immaginare.
In cosa ‘crede’ Hitler’? In cosa veramente credesse lui non lo so, ma sicuramente impone un regime di cui – qui addirittura esplicitamente, col ‘fhurer prinzip’ – si pone come capo supremo in cui tutti debbono credere, debbono AVERE FEDE, fino al totale sacrificio di sè, fino al martirio.
E’ ateismo tutto questo, o non una semplice sostituzione di dio con qualcosa o qualcuno che ne svolge integralmente le stesse funzioni? Naturalmente per te non è così… e anzi vedi in questo proprio la realizzazione dell’ateismo… ma cambiare nome a dio non significa essere a-teo, cioè senza dio. Significa essere comunque credente in senso religioso.

antoniadess

“siamo tutti atei – riguardo agli dei degli altri”:
mi piace questo slogan, in effetti non ci si pensa mai, ma se ateo vuol dire “senza dio”, se credente vuol dire credere in Un dio (il proprio), se ogni religione ha un Suo (unico) dio, logicamente un credente di una specifica religione è “senza dio altrui” 🙂
qualcuno risponderà naturalmente che il dio è uno, ma può sinceramente sostenere che il dio degli altri è lo stesso?

MASSIMO

Beh, io come esempio di credente negativo avrei preso Breivik.
Sicuramente è più di attualità.

Giorgio Pozzo

Sì, ma Breivik ha fatto circa un centinaio di morti, mentre Hitler qualcuno di più…

Comunque, scusate se insisto, ma essere credenti non significa essere psicopatici e viceversa.

Fin qui ci siamo, spero. Il grosso problema è che (soprattutto negli USA) per molti credenti bigotti un ateo non ha morale e addirittura non ha dignità. Questa è la vera schifezza che gli amici atei brasiliani stanno stigmatizzando.

Tra l’altro, vorrei far notare che hanno scelto due persone con lo stesso tipo di baffetti. Altro messaggio (per chi vuole capire), più nascosto, che significa “attenzione che due persone con una caratteristica comune non significa che abbiano per forza di cose anche la morale in comune”! Errore logico che, sto notando, risulta piuttosto comune sia tra credenti che non.

Commenti chiusi.