Trento: mamma cattolica e padre ateo davanti al giudice per figlia al catechismo

E’ finito in tribunale il caso di una coppia di ex conviventi di Trento, in contrasto su chi debba accompagnare al catechismo la loro figlia. Fa il resoconto della diatriba, tra gli altri, il Trentino. La coppia, dopo aver troncato la relazione, si è accordata per l’affidamento congiunto. La bambina, di nove anni, è stata iscritta dalla madre, cattolica praticante, al catechismo in vista della comunione. Il padre, che non ha interferito sull’educazione religiosa imposta dalla madre, da non credente si rifiuta però di accompagnare la figlia al catechismo. Il giorno stabilito per la catechesi però coincide proprio con quello in cui il padre ha in affido la bambina.
La madre per questo si è rivolta al giudice, che potrà decidere di cambiare il giorno di affidamento o costringere il padre a condurre la piccola in chiesa. I giudici sono portati a favorire in casi analoghi la tradizione religiosa.

Valentino Salvatore

Archiviato in: Generale, Notizie