Camera, passa ordine del giorno Raisi (Fli) per revisione privilegi fiscali della Chiesa

Il 14 settembre è passato alla Camera, con 259 sì, 185 no e 137 astenuti, un ordine del giorno del deputato Enzo Raisi (Fli) per la revisione dei privilegi fiscali alla Chiesa, sebbene non sia stato sostenuto dal governo.
“La correzione dei conti pubblici”, si legge, “ha sollevato un acceso dibattito pubblico sulla necessità di eliminare alcuni dei privilegi fiscali riconosciuti alla Chiesa cattolica e, più in generale, alle confessioni religiose relativamente agli immobili di proprietà” con caratteristiche commerciali. Inoltre, il “doveroso contrasto all’evasione fiscale” “impone l’apertura di un tavolo di discussione con la Santa Sede, con particolare riferimento alla governance e alle procedure adottate dallo Ior”.
Per questo si chiede che il governo si impegni a intervenire, in particolare dando una “interpretazione precisa del concetto di ‘pertinenza’, al fine di restringere il campo di applicazione” della normativa sull’esenzione fiscale solo “ai fabbricati direttamente connessi all’attività di culto”. Inoltre, si chiede di “escludere dalle esenzioni fiscali sugli immobili le attività commerciali, anche se esercitate non in via esclusiva, facendo salve solo quelle accessorie fino ad un fatturato massimo di diecimila euro annui”. Oltre ad “attivarsi in via diplomatica presso la Santa Sede per la piena adesione dello IOR alle norme in materia di evasione ed elusione fiscale, riciclaggio e frodi vigenti nell’Unione Europea”.

Valentino Salvatore

Archiviato in: Senza categoria

80 commenti

Federico Tonizzo

Cavolo, questo sembrava fantapolitica…
Ora speriamo che si concretizzi, cioè non sia solo un’uscita di Enzo Raisi per farsi pubblicità!

teologo cattolico

Si, almeno si fa chiarezza, o almeno la fanno chi tale chiarezza ancora non la possiede.

faccio solo notare che
1. l’apertura dell’ordine del giorno è superflua. Cosa c’azzecca nominare l’esenzione della Santa sede? Al pari di ogni altro Stato estero non paga. Far pagare al vaticano tasse all’italia, aprirebbe il precedente di far pagare le tasse all’Italia anche ad ogni altro Stato (per quali ragioni la Francia dovrebbe pagare le tasse all’italia??)

2. Se per alcuni può essere utile chiarire la differenza tra attività ricettive e quelle adibite a finalità commerciali, ben venga.
Vi è comunqune una circolare del ministero delle finanze su tale punto, ma se per alcuni lascia alcune ambiguità, ben venga il chiarimento.

la circolare è quella del ministero delle finanze 26 GENNAIO 2009, N. 2

Non la posso linkare perchè l’amminstrazione uaar me lo impedisce, ma potete cercarla su google.

Kaworu

se è un solo link, tranquillo che appare normalmente e subito. a meno che ci siano all’interno parole bloccate dal filtro.

Francesco

“Si, almeno si fa chiarezza, o almeno la fanno chi tale chiarezza ancora non la possiede.”

Quindi a te teologo.

Arnaldo

Rimango pessimista, però osservo. “Fusse che fusse la vorta bbona”.

tommaso

L’ importante è cominciare.

Ora “preghiamo” perchè la cosa vada avanti ! 🙂

Federico Tonizzo

Ogni lungo viaggio comincia sempre con un piccolo passo.
Il primo passo lo fece recentemente il radicale Staderini (seguito da diversa stampa, peraltro); questo di Raisi dovrebbe quindi essere già il secondo… 🙂

Paul Manoni

Veramente, senza nulla togliere a Staderini ed ai Radicali che si concentrano su queste tematiche da oltre 30 anni, secondo me questo OdG di Raisi, viene piu’ dalle proteste dei Social Network, dalle manifestazioni e dalla mobilitazione dei cittadini che sono stati informati sui privilegi della CCAR.
Insomma, se si esercitano le dovute pressioni sulla politica, poi e’ ovvio che alla fine la politica cede. Perchè dopotutto, c’e’ da considerare che quelli lavorano GRAZIE a noi, mica noi per loro! 😉
Quando si parla di voti e di poltrone, c’e’ sempre qualcuno di questi che i suoi conti comincia a farseli. 😉

Francesco S.

Spero che riescano ad approvare qualcosa, non importa da che parte politica venga è ora che i laicisti facciano fronte comune, almeno in temi di laicità

Federico Tonizzo

@ Paul:
Effettivamente, i Social Network sono utili ai politici per sapere cosa vuole veramente la gente (posto che poi il politico lo voglia veramente realizzare, e non voglia solo usare l’informazione per farsi la campagna elettorale): prima, i congressi di partito, i comizi e i sondaggi erano, appunto, troppo poco perché la gente potesse comunicare esplicitamente con chi la gente stessa ha eletto.
Internet può avvicinare la società a quello che viene chiamato “democrazia diretta” e che fino ad ora era considerata un’utopia.

Michele Gaismayr, lo scresimato

Non capisco una cosa. Gli “immobili dedicati al culto”, veri o fasulli che siano, dobbiamo comunque pagarli noi?!?

Paul Manoni

Anche a me…Per quanto non sono pochi, e molti di questi siano sostanzialmente inutili vista l’assenza di preti (calo vocazioni) e l’assenza di fedeli. Dovrebbero decidersi una volta per tutte a cominciare a chiudere cappelle e chisette che non trovano nessn motivo per rimanere aperte.

Michele Gaismayr, lo scresimato

Dunque se l’ICI serve ai comuni per fare fronte alle spese di gestione e manutenzione delle strutture urbane di contorno agli edifici, per te gli oneri relativi agli “edifici di culto” li devono sostenere anche i non credenti. Per me no.

Roberto Grendene

@ Michele Gaismayr

hai capito male
mai affermato che gli oneri di urbanizzazione per edifici di culto li debba sostenere il Comune

sono anzi tra i fondatori della campagna oneri:
http://www.uaar.it/uaar/campagne/oneri/

ho solo detto che edifici di culto, come di associazioni di volontariato, come biblioteche anche private ed altre attività pubbliche realmente senza scopo di lucro possono essere esentati dal pagamento dell’ICI

Paul Manoni

Finalmente si smuove qualcosa…! 😉
Ci voleva la crisi economica, la manovra finanziaria “del cuore che gronda sangue”, per SVEGLIARE gli italioti e fargli esercitare l’opportuna pressione sulla politica, affinchè cominciasse a provvedere a queste ingiustizie ed inciviltà!
Ora la speranza e’ che le cose proseguano su questo piano…E fino in fondo!
Arriveremo mai ad una seria revisione del concordato (o della Costituzione!), che prenda in seria considerazione la cancellazione dei privilegi alla CCAR???
Serviranno lotte, sacrifici e mobilitazioni, ma alla fine ci riusciremo, ne sono certo! 😉

Federico Tonizzo

Prevedi che la crisi pazzesca che si preannuncia in questi giorni faccia da pulsante d’accensione per una “primavera italiana”? 😉

Paul Manoni

Più che “prevedo”, auspico semmai…Ma l’italiano medio e’ esageratamente menefreghista rispetto ad altri cittadini di altri paesi. Qua la primavera non arriverà mai perche’ siamo troppo abituati ad adattarci alle situazioni pessime, e siamo a corto di coraggio per certe cose…!

Mi riferivo esplicitamente alla questione dei privilegi della Chiesa. Ormai e’ chiaro che la gente comincia a capirlo quanto ci costa mammona!…E molti ne sono schifiti! 😉

Stefano Grassino

Roma non fu fatta in un giorno. Intanto si sta facendo strada tra molte persone (altrimenti i politici non inizierebbero a muoversi) che i peti dei preti non profumano; con il tempo, una volta messa la zeppa sulla enorme porta della basilica di san Pietro, vedrete che quest’ultima si aprirà sempre più sotto la spinta popolare.

Roberto Grendene

e’ comunque allucinante che ci troviamo a manifestare apprezzamento per un odg (un semplice odg!) che in un paese normale sembrerebbe una cronaca dal medioevo

Paul Manoni

Guarda che NON siamo mica un paese normale…Assange piu’ indietro ci definisce “Assurdistan”…Rende abbastanza l’idea, non ti pare??? 😉

Cartman666

anche se secondo me lasciare l’esenzione per le attività commerciali accessorie sotto i 10.000 e’ ingiusto, in quanto capace di aumentare l’evasione fiscale, se c’e’ la partita iva, devono pagare l’ici e basta.

Diocleziano

Giusto. Altrimenti assisteremo a una proliferazione esponenziale di micro-attività commerciali esenti. I preti ne sanno una più di dio…

neverclean

Diamo ai radicali il loro merito, ma intanto, come associazione e social network, continuiamo a martellare tutto il centro-sinistra e la sinistra sulla questione della laicita’: diritti civili, taglio dei privilegi economici alla CCAR, scuola e sanita’.
Ho visto che, finalmente, SEL e IdV sembra che abbiano capito (gli altri della sinistra lo avevano gia’ capito) che la laicita’ e’ un elemento di battaglia politica importante nel rapporto con il centro cattolico-clericale. Ora da fattore puramente tattico, legato alla contingenza politica, deve diventare un elemento della strategia di questi due partiti: devono scriverlo nei loro programmi e farlo diventare elemento di governo in tutti gli enti locali dove sono in giunta:
Roma – giustamente – non fu fatta in un giorno, ma a piccoli passi!

crebs

Gli elettori di FLI e di destra si segnino il nome di Enzo Raisi, oltre a quello di Della Vedova (oltre a quello di Fini se Gasparri dice il vero quando afferma che è ateo).
Per quanto riguarda Sel e IDV non concordo: per SEL ricordiamoci quanto detto e FATTO dal suo leader con la Chiesa; per IDV ricordiamoci che Di Pietro è un ex seminarista e che, alle ultime elezioni, a mia precisa domanda scritta sulla laicità del partito, ha risposto in politichese.
Concentriamoci sulle singole persone nei partiti, non sui partiti.
A questo proposito, ho firmato per il referendum sull’abolizione dell’attuale legge elettorale; se dovesse vincere il referendum, la legge elettorale risultante non mi piacerebbe, ma mi sono convinto che nessun partito ora è disposto realmente a modificare il PORCELLUM…

neverclean

ok: pungoliamo i singoli e chiediamo primarie di coalizione in ogni collegio per portare la laicita’ nei programmi/impegni dei vari contendenti.

franco.c

Cosa avrebbero dovuto scrivere? Proponiti con addetto all’ufficio stampa del SEL. Siete incredibili.

Paul Manoni

@franco.c
Ti sfugge che a causa di quel manifesto, nella sezione locale del partito in questione sia successo un pandemonio, vero?
Magari sono proprio le parole usate e la “marchetta” in se di quel manifesto che hanno spinto l’elettorato di base di SEL a criticare aspramente la sezione locale del partito.
Quando ti indicano la luna, non guardare il dito, grazie.

Cartman666

tra le altre cose si dovrebbero vietare i contributi regionali e comunali destinati al restauro delle chiese, Cuffaro Vasa Vasa a quanto pare pagava 100 milioni di euro annui destinati alla riparazione di chiese e edifici religiosi vari.

franco.c

BENE! Ulteriore legittimazione della Chiesa; insomma nel futuro prossimo saremo legittimati a dire <>

Paul Manoni

Qualsiasi cosa, sarete legittimati a dirla solo ed esclusivamente quando comincerete a pagarvi di tasca vostra la predicazione degli insegnamenti di Gesu’. Fino a quando sarà lo Stato a finanziarvi, anche in minima parte, una qualsiasi delle vostre attività, non corrisponderete affattto agli insegnamenti del vostro idolo, quindi non pienamente allineati al concetto di Cristianesimo.
Gesu’ non chiedeva ne soldi ne appoggio ad Ebrei o ai Romani, per annunciare la sua “lieta novella”. Adeguatevi a lui fino in fondo.
“Soltanto la pratica cristiana, una vita come la visse colui che morì sulla croce, soltanto questo è cristiano…” (Cit. Nietzsche)

franco.c

Hai ragione “Gesu'” chiedeva e chiede “anime” , pure la tua. Bravo, da oggi considerati ribattezzato.

Paul Manoni

@franco.c
Che se la venga a riprendere se vuole…Sono qui che lo aspetto a braccia aperte, anche perchè prima dovrà spiegarmi un sacco di cosuccie che i suoi rappresentanti non sono mai stati in grado di spiegare. 😉

Federico Tonizzo

Mah? Per quello che ho letto dei suoi interventi, questo franco.c mi parrebbe più superficiale, gretto e fascista del “teologo cattolico”…

Alterego

Fino a non molto tempo fa la chiesa poteva contare sulla lentezza della diffusione delle notizie, oggi con internet, molto più velocemente e molta più gente accede alle informazioni che dovrebbero far cambiare i millenari e radicati convincimenti della gente e questo mi conforta un po’, perchè la vedo comunque dura e lunga la battaglia.
Per parte nostra, forse, dovremmo cominciare ad essere più presenti nei forum dei credenti, anche se come già detto in altri nostri commenti, non c’è da aspettarsi la stessa tollerenza che dimostriamo noi.
Un’altra cosa a cui sto pensando è il fatto che, almeno a me, non giungono notizie dei medesimi reati di santa romana, fatti anche da esponenti di altre confessioni religiose sparse nel mondo.
Se così fosse e cioè che gli stessi reati si riscontrano in altre confessioni diverse dalla cattolica, sarebbe giusto che noi evidenziassimo con la stessa attenzione anche queste notizie a riprova del fatto che non ce la prendiamo solo con lo SCV, ma con chiunque vestendo i panni dell’agnello si comporta poi da maiale (senza offesa per i maiali).

Paul Manoni

Il fatto che ad esempio su Ultimissime siano maggiormente presenti notizie relative alla CCAR, e’ derivante dal contesto in cui viviamo. Siamo in Italia ed e’ abbastanza normale che ad essere messa di piu’ sotto schiaffo, sia la CCAR. 😉

Riguardo ai forum dei credenti a cui dovremmo partecipare, ti invito a fare la prova come in qualche modo abbiamo fatto tutti qui. Sono certo ti accadrà cio’ che e’ sempre accaduto a noi e che il 90% di questi forum, non pubblicheranno i tuoi eventuali commenti critici. 😉

Provare per credere! 😉

Alterego

….e allora cercherò di essere:
“Puro come una colomba ed astuto come un serpente”

…..psiii, astuto poi, ma quando mai!

il parroco di Funo

che problema c’è?

si aumenteranno i prezzi
e si diminuirà l’assistenza.

Paul Manoni

Aumentando i prezzi dei conventi/alberghi finalmente entrerete a tutti gli effetti nelle logiche del mercato e della concorrenza con chi l’albergo lo ha aperto in modo legale e pagando le imposte.
Sull’assitenza o sulla “sussidiarietà della Chiesa”, finalmente comincerete a prendere coscienza che viene abbondantemente pagata con i soldi pubblici, non con quelli vostri.

il parroco di Funo

sto parlando di soldi nostri,
sai, quelli raccolti in chiesa ecc

Diocleziano

parroco

”…si aumenteranno i prezzi
e si diminuirà l’assistenza…”

”…sto parlando di soldi nostri,
sai, quelli raccolti in chiesa ecc…”

Stai dicendo che che raccogliete soldi per fare della ‘beneficenza’ a pagamento?
Sbaglio o i soldi , alla fine, rimangono nelle vostre saccocce?

Fabio

Oh, finalmente anche dall’interno della CC si ammette che l’assistenza fatta e’ solo un reinvestire una (piccola) parte dei soldi elargiti dallo stato.
Come se io dicessi: ehi, se tu mi regali 100 milioni di euro, io 50 li do’ in beneficienza…

alessandro

chiamasi truffa…se lo fa la chiesa invece è beneficenza e cosa buona e giusta 🙂

gibbon

@parroco

si aumenteranno i prezzi
e si diminuirà l’assistenza.

Sui prezzi non saprei dire, sull’assistenza ecco un caso fra i tanti (teniamo conto del fatto che qualche decennio fa casi del genere non sarebbero neanche venuti fuori, solo chiacchiericcio)

“Sette anni di reclusione: è questa la condanna inflitta dal gup del Tribunale di Paola all’ex sacerdote don Alfredo Luberto, imputato nel processo con rito abbreviato per le irregolarità nella gestione dell’Istituto Papa Giovanni XXIII di Serra D’Aiello, in provincia di Cosenza.
Don Luberto fu arrestato con l’accusa di aver sottratto ingenti somme di denaro dall’Istituto.
Adesso, è oggetto anche di un’altra inchiesta: sarebbero un centinaio i casi di lesione aggravata e quindici i presunti omicidi di cui dovranno rispondere il sacerdote e i suoi probabili complici.”
http://laici.forumcommunity.net/?t=32921540&st=15

gibbon

Non credo sia il caso di ripercorrere la storia della horror-assistenza clericale (a spese della societa’ civile)
da suor Diletta Pagliuca:
13 gennaio 1972
A Roma, la Corte di assise ha comminato 4 anni di reclusione a Diletta Pagliuca, direttrice del Santa Rita di Grottaferrata, dove sono morti 13 ricoverati in seguito a maltrattamenti ricevuti. Il Pm aveva chiesto 24 anni (che strana questa differenza abissale tra richiesta del P.M e verdetto della giuria…)
All’istitito per sordomuti di Provolo…
Massimo Polidoro, segretario nazionale e cofondatore del CICAP, ha scritto un libro sull’argomento: “Eravamo solo bambini”.
Basti il pensiero di un mostro: ” come ha detto sempre mons. Gobbi per giustificare quella suora a cui scappi di dare uno schiaffo a un bambino: »Le bistecche diventano più buone, battendole un poco ” Silvio Pergameno

Francesco

Non e’ vero parroco, e’ inutile che rinfacciate voi rappresentanti della chiesa una diminuzione di solidarieta’ ogni volta che qualcuno vuole intaccare i vostri privilegi, perche’ i soldi che si risparmiano andranno direttamente proprio ai bisognosi e senza subire “la scrematura” che avviene quando prima devono passafre da voi.

Alterego

La prontezza e la leggerezza della tua affermazione conferma due cose principalmente:
– lo spirito con cui vi approcciate e gestite queste attività;
– che ammetete che anche e principalmente per voi non sono altro che attività commerciali.

Sai! Non che hai detto: “Vorrà dire che continueremo a dare la nostra assistenza con maggior sacrificio ed impegno così come vuole Nostro Signore”.
No! Poco ci mancava che rispondessi: ” e sti c…apperi, aumenteremo ecc, ecc….”

Apprezzo la spontaneità, ma deve essere dura mantenere sempre la guardia alta per i bugiardi che non dimentichiamo mai devono sempre avere buona memoria.

Davide

Ottima notizia, solo vorrei capire da tutte quelle persone che hanno votato no, che motivazione possano addurre a supporto della loro scelta, sono proprio curioso…

faidate

Finalmente un segnale che le proteste qualche volta vengono ascoltate: visto che ha fatto bene Bagnasco a protestare contro l’evasione? Ma forse non è tutto merito suo. Naturalmente 259 Deputati andranno all’inferno, 185 in paradiso. Ma gli astenuti? O hanno rimesso il purgatorio?

giancarlo bonini

Attenti a non commettere grossolani errori, che poi i cattotrols ci accusano di ignoranza: è il Limbo ad essere stato abolito, non il purgatorio. Non che me ne pessa fr.gare di meno…

Maurizio_ds

E’ un piccolissimo passo. Anche perché un ordine del giorno non è vincolante per nessuno, è un po’ come dire: “sentite, non sarebbe carino fare anche così?”, e tutti a rispondere: “sì, sarebbe carino”. Per cui sarà difficile arrivare a combinare qualcosa di concreto.

Alessio

Dubito che facciano sul serio. Comunque è già importante che se ne parli, che la notizia venga pubblicata.

giosse

NON E’ POSSIBILE!
Nel leggere questa notizia mi sono strappato a lungo i peli delle gambe per accertarmi di essere sveglio.
Non credo ai miracoli,ma questa notizia,se vera!,ha veramente del miracoloso!
Ma vuoi vedere che il Padreterno c’é veramente?
giosse

spapicchio

Potevano considerare i provilegi fiscali della sola CCAR: essendo noto che dispone di ingenti finanziamenti e privilegi, rispetto alle altre confessioni minoritarie, anche se più importanti per il presente ed futuro del Pese (come quelle evangeliche, che non hanno alcun privilegio fiscale) e considerati i gravissimi misfatti di cui si è resa artefice la CCAR recentemente, che confermano con molta evidenza l’attuale grado di depravazione del clero, delle gerarchie cattoliche e dei clericali in generale.

spapicchio

corrige

Potevano considerare i privilegi fiscali della sola CCAR: essendo noto che dispone di ingenti finanziamenti e privilegi, rispetto alle altre confessioni minoritarie, anche se più importanti per il presente ed il futuro del Paese.

Murdega

il parroco di Funo risponde:
sabato 17 settembre 2011 alle 15:36

sto parlando di soldi nostri,
sai, quelli raccolti in chiesa ecc

Molto bene , nel senso che dei soldi propri ognuno fà quel che vuole.
Caro don alla fine l’hai capito.

Bismarck

Un ordine del giorno vale come una scorreggia nel vento.
Non bastano dichiarazioni draconiane a solo uso e cosumo dei media per farsi pubblicità, ci vogliono i fatti. Quando realmente sapremo quante e dove sono le proprietà della ccar, quante le attività e i relativi importi, che siano stati determinati in maniera certa e non fraudolenta, quella volta si potranno fare i calcoli. Seriamente. Il resto sono stronzate, si deve partire da dati certi per sapere quanto la ccar non paga.
Ci vuole un inventario pubblico delle proprietà della chiesa ecc., ma non deve essere lei a fornire i dati ma lo stato a verificare le cose altrimenti siamo punto e a capo.

Federico Tonizzo

URCA!!! 😀

La domanda è:

“Il Papa denunciato alla Corte dell’Aja perché «tollerò la protezione di chi abusò dei minori». Siete d’accordo?”

Attualmente ci sono 5482 voti espressi, con il 77,8% a favore e il 22,2% contro!!! :mrgreen:

天路 tianlu

La montagna potrebbe partorire un topolino. I parlamentari si sono fatti uno sconticino minimo. Fumo negli occhi. Potrebbero togliere pochi spiccioli alla chiesa tanto per dire che si fà. Bisogna stare in guardia.

Federico Tonizzo

“Potrebbero togliere pochi spiccioli alla chiesa tanto per dire che si fà.” e poi anche restituirglieli, con gli interessi, per altre vie! 🙁
Sì, bisogna stare in guardia!

†Arch.Marcinkus IV Patriarca di Ciaparat

Le truppe papaline del Papa Boia Pio IX furono sbaragliate a Porta Pia centocinquantanni fa.
E’ prassi internazionale da sempre che chi soccombe paghi i “danni di guerra” Noi nella seconda guerra mondiale con la Francia abbiamo perduto Tenda,la Val Roja, Il Lago del Moncenisio,Valle Stretta a Bardonecchia ecc.
Con il vaticano bisogna seguire un’altra procedura?Chiedere scusa che siamo sul baratro e non possiamo regalare ulteriori TRE MILIARDI DI €uro ogni anno allo stato canaglia più ricco del Mondo!
Facciamolo capire ai politici carognoni in difficoltà a spremere i poveracci.
Avanti popolo è giunta l’ora chi non lavora non mangerà
Sempre attuali le parole di Sir Winston Churchill 1939
……..Gli stati canaglia teocratici devono essere abbattuti con la violenza. 
E’ inutile tentare di cambiarli con la democrazia……..
La Pace del Signore sia sempre con Voi e vi benedica tutti.
†Arch.Marcinkus IV Patriarca di Ciaparat

Alecattolico

Prima si riducano le provigioni i parlamentari, servi inutili,poi forse si possono tassare gli esercizi commerciali del Vaticano in Italia.

Commenti chiusi.