Archivi Giornalieri: domenica, ottobre 9, 2011

Tunisia, assalto a tv “colpevole” di aver trasmesso Persepolis

La sede della televisione privata tunisina Nessma, a Tunisi, è stata attaccata da trecento facinorosi, di cui almeno duecento appartenenti a gruppi salafiti, che hanno tentato di darle fuoco. A scatenare l’ira degli estremisti islamici è stata la proiezione, il giorno prima, del film a cartoni animati Persepolis, basata sull’opera di Marjane Satrapi, e di un dibattito sull’integralismo religioso. E’ intervenuta la polizia operando un centinaio di arresti. L’episodio, scrive L’Express, fa seguito all’invasione da parte di uomini armati della… Leggi tutto »

Tre arresti in Ohio per attacco contro Amish con taglio di barba

Tre uomini appartenenti ad una comunità Amish dissidente sono stati arrestati ieri mattina dallo sceriffo della contea di Jefferson, Fred Abdalla. Secondo quanto pubblicato dal sito philly.com due degli uomini, Johnny e Lester Mullet, sono figli del fondatore di un gruppo Amish che si è staccato dalla comunità di origine ed è andato a vivere in un villaggio nella zona di Bergholtz con case, fienili, e una scuola, mentre il terzo, Levi Miller, è un altro membro della comunità già… Leggi tutto »

India, Kerala: le Chiese premiano le famiglie numerose

L’introduzione di una stretta linea politica volta a non superare i due figli per coppia ha suscitato vivaci reazioni nello stato indiano del  Kerala. Mentre gruppi induisti si sono dichiarati d’accordo, cristiani e islamici hanno contestato il provvedimento: alcune chiese cristiane hanno inoltre cominciato a offrire incentivi alle famiglie numerose, nell’ordine di 200 dollari USA per un figlio successivo al secondo. La cifra corrisponde esattamente alla penalità eventualmente inflitta per ogni nascita supplementare. La BBC rileva come l’iniziativa coincide con… Leggi tutto »

Brasile: cala il numero dei cattolici, aumentano i non credenti

Secondo una recente inchiesta che ha coinvolto duecentomila intervistati, il numero di cattolici in Brasile è sceso al 68%: è la percentuale più bassa dal 1872, da quando cioè si rilevano dati sulla religione. Il secondo elemento di novità è che i fedeli in fuga dalla Chiesa romana non si rivolgono più soltanto ai pentecostali, ma in numero crescente, soprattutto tra i più giovani, smettono di essere credenti. “Una parte considerevole della gioventù brasiliana odierna è agnostica”, ammette Fernando Altemeyer,… Leggi tutto »

Una pagina su Facebook per gli Afghan Atheists

Si propongono di costituire “una piattaforma per la comunità di liberi pensatori in Afghanistan e nelle comunità di afghani all’estero”. Gli Afghan Atheists hanno dato vita, per ora, a una pagina Facebook: la loro base è l’Olanda, e intendono operare per “costruire una cultura laica” e “promuovere i principi di eguaglianza, armonia comunitaria e diritti umani fondamentali in Afghanistan”. Raffaele Carcano

Performance sull’islam, polemiche a Parigi

Il coreografo Lloyd Newson ha creato una performance che, fin dal titolo, riprende la polemica domanda di Martin Amis di qualche anno fa: Can we talk about this? (Possiamo parlare di questo?) Rappresentata a Parigi, ha scritto Laura Putti su Repubblica, le polemiche non sono mancate. Lo spettacolo comincia con la domanda al pubblico: “Vi sentite moralmente superiori ai talebani?” L’autore è di questa opinione, ma non ritiene che lo spettacolo sia anti-islamico: “è contro l’intolleranza religiosa, contro la mancanza… Leggi tutto »

Israele, profanazione di cimiteri arabi

Due cimiteri arabi, uno musulmano, l’altro cristiano-ortodosso, sono stati profanati nella notte a Jaffa, vicino a Tel Aviv. Sulle tombe sono state lasciate scritte minacciose in ebraico. La polizia attribuisce la responsabilità del gesto a estremisti ebrei. Il fatto giunge al termine di una settimana che ha visto l’incendio doloso di una moschea in Galilea e la profanazione con svastiche naziste della cosiddetta “Tomba di Giuseppe” a Nablus. Luciano Vanciu

Lamezia: il papa interviene sull’impegno dei cattolici

Nel corso della sua visita a Lamezia Terme, Benedetto XVI ha espresso apprezzamento per gli incontri mensili organizzati in diversi centri della diocesi, per la “diffusione della pratica della Lectio divina” e per la “Scuola di Dottrina Sociale della Chiesa”, e ha auspicato “che da tali iniziative scaturisca una nuova generazione di uomini e donne capaci di promuovere non tanto interessi di parte, ma il bene comune”. Dichiarazioni che, da parte di alcuni commentatori (cfr. Repubblica), sono state riferite al… Leggi tutto »