Archivi Giornalieri: martedì, novembre 8, 2011

Regione Lombardia, Consiglio impone crocifisso negli uffici pubblici

Il Consiglio regionale della Lombardia ha approvato il progetto di legge presentato dalla Lega Nord per imporre il crocifisso in tutte le sale d’ingresso degli uffici della Regione. Il leghista Alessanfro Marelli, relatore del provvedimento, parla di misura per la “salvaguardia della nostra storia e della nostra identità”. Il vicepresidente della Regione Roberto Alboni (Pdl) sostiene che tale provvedimento non intende “imporre il cristianesimo”. Per Gabriele Sola (Idv), è invece “curioso” che la proposta si arrivata da “una forza politica… Leggi tutto »

Uganda, qualche speranza per la legalizzazione dell’aborto

Il Globe and Mail ha raccolto la voce di Denis Kibera, un attivista che combatte la piaga degli aborti clandestini in Uganda. Benché cristiano, non può esprimersi troppo a favore della legalizzazione dell’aborto, perché teme “di diventare il bersaglio dei credenti”. Anche Asuman Lukwago, numero uno della sanità ugandese, benché a favore dell’ospedalizzazione dell’aborto e della sua decriminalizzazione non può essere troppo esplicito, perché i cristiani lo odierebbero. Nel frattempo, in Uganda 1.500 donne muoiono ogni anno a causa di… Leggi tutto »

Poiché viviamo in tempi di crisi, ci sarà una ripresa della religiosità?

Numerosi studi hanno accertato che bassi livelli di benessere e di sicurezza sono quasi sempre associati ad alti livelli di religiosità. In tempi di crisi, ci si aspetterebbe una ripresa della fede. Uno studio realizzato da Tim Immerzeel and Frank van Tubergen, dell’università olandese di Utrecht, ha cercato di comprendere meglio le implicazioni del fenomeno analizzando i dati di 26 diversi paesi europei. Non sarebbe tanto la crisi di una nazione ad avere effetti sulla religiosità individuale, sostengono i ricercatori,… Leggi tutto »

Eutanasia, il Nordest è d’accordo

Un sondaggio dell’Osservatorio sul Nord Est di Demos & Pi, pubblicato oggi dal Gazzettino, ha rilevato che il 62% del campione si è dichiarato molto o moltissimo d’accordo con l’affermazione “quando una persona ha una malattia incurabile, e vive con gravi sofferenze fisiche, è giusto che i medici possano aiutarla a morire se il paziente lo richiede”. La percentuale si riduce al 40% tra chi frequenta assiduamente la messa. In base all’appartenenza politica, si dichiarano favorevoli all’eutanasia il 94% degli… Leggi tutto »

Mons. Crociata si chiede perché così tanti funerali religiosi

Intervenendo all’apertura dei lavori della Consulta dell’Ufficio liturgico nazionale, il segretario generale della Cei, mons. Mariano Crociata, ha osservato che “il mutamento culturale in corso non ha prodotto nel nostro Paese una riduzione nella diffusa richiesta di funerali rivolta alla Chiesa cattolica. Forse non siamo lontani dalla realtà, se diciamo che quella di celebrazioni funebri resta la richiesta più alta in percentuale rispetto a quella avanzata per altri – esprimiamoci così – servizi religiosi”. E si è quindi chiesto, riporta… Leggi tutto »

Iran, esultanza ‘immorale’ durante partita: calciatori rischiano frustate

Potrebbero essere duramente puniti i calciatori iraniani Mohammad Nosrati e Sheys Rezaei, protagonisti di una esultanza giudicata ‘immorale’ durante una partita. Dopo essere stati multati e squalificati dalla Federcalcio locale, i due potrebbero anche subire una condanna a 74 frustate per aver violato le leggi sulla morale sessuale, scrive anche La Gazzetta dello Sport. Luciano Vanciu

York, arcivescovo: “sistema sanitario deve rispondere anche a bisogni spirituali”

L’arcivescovo anglicano di York, John Sentamu, ha detto che il sistema sanitario nazionale inglese (National Health Service) dovrebbe occuparsi anche dei “bisogni spirituali” dei degenti. Lo ha fatto durante un dibattito presso la Camera dei Lord sulla riforma del sistema sanitario. E ha citato il caso di una bambina, a detta del prelato rimasta traumatizzata dopo aver visto l’uccisione di una capra durante un coven (raduno ‘pagano’). Sentamu l’avrebbe ‘curata’ grazie ad un rito, di fatto simile ad un esorcismo,… Leggi tutto »

Caso Claps: al via processo, diocesi non potrà costituirsi parte civile

Oggi è iniziato il processo per l’omicidio di Elisa Claps, il cui corpo è stato ritrovato nel sottotetto della chiesa della Trinità a Potenza. La diocesi di Potenza voleva costituirsi parte civile nel processo che vede come unico imputato Danilo Restivo, suscitando le critiche dei familiari di Elisa. Si sospetta che i sacerdoti della chiesa e i loro superiori sapessero che il corpo della ragazza era stato nascosto nella chiesa ben prima che fosse rinvenuto dagli inquirenti. Il gup Elisabetta Boccassini… Leggi tutto »