Oltre sei miliardi di euro: sono i costi pubblici della Chiesa

L’UAAR ha realizzato la prima inchiesta dettagliata sull’impatto sulle casse pubbliche dei contributi erogati e dei privilegi fiscali di cui gode la Chiesa cattolica. E l’ha messa a disposizione di tutti: basta andare sul portale icostidellachiesa.it. Si scoprirà che tali costi sono ragguardevoli: oltre sei miliardi di euro.

Se fossero stati cancellati, la manovra economica varata dal governo Monti sarebbe stata sensibilmente più leggera, risparmiando così le fasce della popolazione più svantaggiate, come giovani e disoccupati. Quelle che hanno patito la concorrenza ‘sleale’ di alberghi e tour operator cattolici. Quelle già colpite in anni recenti. A differenza della Chiesa cattolica, sempre uscita indenne dalle tante manovre degli ultimi tempi, compresa quella di ieri. «Sei miliardi di euro all’anno sono veramente tanti», commenta Raffaele Carcano, segretario UAAR: «e meno male che Monti aveva promesso sacrifici per tutti. Con questo studio gli stiamo comunque indicando costi e sprechi su cui sarà agevole intervenire, se vorrà».

Lo studio realizzato dall’UAAR ha richiesto un notevole impegno: orientarsi tra leggi e leggine, spulciare il lavoro di tante amministrazioni locali non è stato affatto semplice. Ma ha permesso di scoprire che contributi dello stesso tipo, per esempio a favore della costruzione o ristrutturazione di chiese, sono erogati a più livelli: comuni, province, regioni, stato, diversi organismi dello stato. E questo provoca sicuramente inefficienze, sprechi e contribuzioni a pioggia. Di cui, come si sa, riesce a beneficiare soprattutto chi più è vicino al potere. Come le gerarchie ecclesiastiche.

La scelta di mettere a disposizione online il progetto I costi della Chiesa è voluta: in tal modo il sito diverrà sempre più preciso col passare del tempo, perché potrà essere affinato grazie alle osservazioni che potrà inviare all’UAAR qualunque navigatore. Anche il cardinale Bagnasco. «Invitiamo la Conferenza episcopale a realizzare un progetto simile», rilancia Carcano: «ne guadagneranno la trasparenza, il confronto, i cittadini. E i bilanci pubblici».

Sito della campagna: www.icostidellachiesa.it
Presentazione del progetto a RaiTre: www.youtube.com/watch?v=tELFA-7UWpE

Comunicato stampa UAAR