Lecce, provincia stanzia quasi 300mila euro per oratori

Non bastavano i 190mila euro già stanziati. La Provincia di Lecce ha deciso di aggiungere, a fine anno, altri 93mila euro a favore delle parrocchie, degli oratori e centri aggregativi di altre confessioni, includendo anche le chiese rimaste fuori dalla prima graduatoria.

Il presidente della provincia, l’ex democristiano ora al centro-destra Alessandro Gabellone, rivendica la scelta e annuncia cercherà di ampliare il progetto nei prossimi anni. Per favorire la formazione e l’aggregazione dei giovani “di qualsiasi nazionalità”, combattendo il “disagio”, sostiene.

Ma Gabellone critica anche la Regione, dove questi orientamenti non hanno trovato molto spazio nel corso dell’approvazione del bilancio di previsione 2012. Anzi, in Regione c’è un serrato confronto con l’Udc, che suscita le reazioni dei cattolici. Il coordinatore regionale Udc Angelo Sanza appoggia Gabellone e lamenta che “è faticoso portare avanti politiche sociali con la cultura dell’attuale maggioranza di centrosinistra”. Cultura che, manco a dirlo, “di fronte agli atteggiamenti umanitari che spesso esprime il presidente Vendola, si scontra con un’area laicista del più vetero comunismo difficile a morire”. Il capogruppo Udc, Salvatore Negro, arriva a dire che “quando si parla di oratori il governo Vendola si fa rosso in viso e lascia intravedere la sua insofferenza verso l’argomento”.

Contributi agli oratori, nuove scintille tra Provincia e Regione

Archiviato in: Generale, Notizie