Monti destina l’Otto per Mille statale a carceri e prevenzione incendi

Una nota pubblicata oggi sul sito del governo ha reso noto che per l’anno 2011 “non è stato predisposto il decreto di ripartizione della quota relativa all’otto per mille dell’Irpef a diretta gestione statale”. La decisione è stata motivata con la “mancanza di disponibilità finanziaria”. Ne consegue che “nessuno dei progetti presentati con scadenza 15 marzo 2011 è stato ammesso a contributo”, evitando “interventi a pioggia”.
La nota continua spiegando che, “dell’importo totale relativo all’otto per mille dell’Irpef a gestione statale per il 2011, pari inizialmente a circa 145 milioni di euro, più della metà del fondo (64 milioni di euro) è stato destinato alla Protezione civile per le esigenze della flotta aerea antincendi durante il precedente Governo. I rimanenti 57 milioni sono stati destinati dall’attuale Esecutivo alle esigenze dell’edilizia carceraria e per il miglioramento delle condizioni di vita nelle prigioni”.
Lo scorso anno, gli “interventi a pioggia” della presidenza Berlusconi avevano bagnato soprattutto gli edifici ecclesiastici, destinatari di ben 66.307.085,17 euro, secondo i calcoli realizzati dall’Uaar e pubblicati sul sito I costi della Chiesa. Nella sua lettera a Monti dello scorso 9 dicembre, l’Uaar aveva chiesto che i fondi “a risanare il bilancio dello Stato e a fronteggiare le calamità naturali, sia quelle recenti (come quelle in Abruzzo o in Liguria) sia quelle future (attraverso un’adeguata opera di prevenzione su un territorio disastrato)”.

Archiviato in: Generale, Notizie