Archivi Giornalieri: sabato, gennaio 21, 2012

Iran, attrice posa nuda e il governo le intima di non tornare

L’attrice iraniana Golshifteh Farahani, nota di recente per il film premio Golden Globe Una separazione, non potrà più tornare nel suo Paese. Perché ha posato nuda per la rivista francese Madame Le Figaro. E il governo islamico dell’Iran non ha gradito, inviando un messaggio firmato dal ministero della Cultura in cui le intima di non ritornare. Farahani ha lasciato l’Iran l’anno scorso, contro la repressione governativa nei confronti del cinema. Il regime degli ayatollah ha colpito ad esempio su Jafar… Leggi tutto »

Francia, sondaggio su elezioni presidenziali: voto cattolico si sposta verso estrema destra

Secondo un recente sondaggio, commissionato alla TNS-Sofres dalla rivista cattolica Le Pèlerin ed il Centre Sèvres, Facoltà gesuite di Parigi, alle prossime elezioni presidenziali, i cattolici voterebbero per destra ed estrema destra. Scrive Le Monde: “Al primo turno delle presidenziali, 33% dei credenti darebbe il voto a Nicolas Sarkozy (contro il 25% dell’insieme dei francesi), mentre il 21% sceglierebbe Marine Le Pen, (contro il 18% del totale)”. Il Fronte Nazionale (FN) otterrebbe pertanto un incremento del voto cattolico pari al… Leggi tutto »

L’Aquila, truffa post-terremoto: mons. D’Ercole rischia processo

Il vescovo ausiliare de L’Aquila, mons. Giovanni D’Ercole, rischia di essere processato. Da tempo un’inchiesta sulla sospetta truffa sui fondi ‘Giovanardi’ del dopo-terremoto in Abruzzo, messa in evidenza dal giornale Il Centro, si interessa anche al ruolo del prelato. Dalle intercettazioni è emerso infatti che il monsignore era molto attivo con alcuni personaggi in “affanni poco spirituali e molto temporali“. E aveva tentato di avviare una campagna mediatica proprio per screditare Il Centro, tramite i suoi contatti. Tutto ciò aveva destato dubbi… Leggi tutto »

Yemen, al-Qaeda occupa la città di Radda

La scorsa settimana circa duecento miliziani di al-Qaeda, al comando dello sceicco Tareq al-Dhahab, hanno preso il controllo della città di Radda (Rida), nello Yemen, instaurando la sharia. La cittadina si trova a circa cento chilometri dalla capitale San’a’. Lo ha annunciato lo stesso leader fondamentalista con un videomessaggio su Youtube, in cui promette l’instaurazione di “un nuovo califfato islamico” su tutta la penisola arabica. Al giornale Al-Masadr, riporta AdnKronos, il capo islamista ha raccontato che “la nostra avventura” è… Leggi tutto »