Milano, spettacolo quaresimale finanziato dalla IgpDecaux

Vi ricordate la campagna ateobus dell’Uaar? Fu bloccata, e per ben due volte, dalla IgpDecaux, concessionaria-monopolista della pubblicità in Italia. Con la motivazione che il messaggio avrebbe potuto “essere offensivo per gli appartenenti alle grandi religioni monoteiste”.

Bene, quella stessa IgpDecaux ha deciso di finanziarie un “gioco di luci” di fronte sul duomo di Milano. Scrive Repubblica che in occasione “dell’apertura del cammino quaresimale” si potranno vedere “statue che si animano, il marmo che si colora e la sensazione di essere dentro il Duomo pur restandone all’esterno”. Secondo mons. Luigi Manganini, arciprete del Duomo, lo scopo è quello “di offrire tante intensità multisensoriali, in maniera che ciascuno colga la sua”.

Anche la sensazione di soffrire censure clericali può essere molto intensa, in Italia. E pure frequente.