Indagine del ministero dell’Istruzione: “scuole paritarie dieci anni indietro rispetto a pubbliche”

Uno studio, voluto proprio dall’ex ministro dell’Istruzione Maria Stella Gelmini, mette in evidenza la situazione di pesante arretratezza delle scuole paritarie, già emersa dai giudizi dell’Ocse. Più della metà, vale la pena di ricordarlo, sono private cattoliche. Tra l’altro recentemente in prima linea proprio contro l’introduzione dell’imposta sugli immobili da parte del governo Monti. Istituti che, in barba al dettato costituzionale, possono ricevere anche lauti finanziamenti pubblici. Ma che nonostante le laute rette forniscono, come reso noto dalla stampa in parecchie occasioni, un servizio scadente e servono di fatto da ‘diplomifici’. Dove la promozione è assicurata, basta pagare.

A confermare la situazione di arretratezza delle paritarie,anche il ministero dell’Istruzione. Le paritarie italiane sono indietro di dieci anni rispetto alle scuole statali, per quanto riguarda le tecnologie multimediali. A smentire “clamorosamente”, scrive Repubblica, “il luogo comune che vuole gli alunni delle scuole private italiane con più opportunità rispetto ai compagni delle scuole pubbliche”.

Alcune cifre. Mentre il 99,3% delle scuole pubbliche – tra quelle dell’infanzia, primarie e secondarie di primo grado – è dotata di laboratori tecnologici e multimediali, la percentuale crolla al 48,6% per quelle paritarie. Le scuole private sono anche meno connesse con Adsl rispetto alle pubbliche: 78% contro 90%. Le paritarie sono indietro anche per le lavagne interattive multimediali (lim), solo una su cinque ne è dotata, rispetto all’82% di quelle pubbliche. Ma anche sotto altri aspetti le scuole paritarie sono indietro rispetto a quelle pubbliche. Nonostante i cospicui finanziamenti pubblici che arrivano ad esempio alle private cattoliche, documentati anche dall’inchiesta Uaar I Costi della Chiesa, in nome di quella “libertà di insegnamento” spesso proclamata da alti prelati. E i tagli pesanti, invece, che devono subire gli istituti statali che non hanno santi in paradiso.

AGGIORNAMENTO DEL 5 APRILE. Un’ulteriore conferma è venuta da uno studio della Fondazione Agnelli di cui dà notizia Il Fatto Quotidiano.

Archiviato in: Generale, Notizie