Gran Bretagna e Gates Foundation: “aiuti per garantire contraccezione a donne nei paesi poveri”

Nei paesi in via di sviluppo, scrive The Independent, circa 215 milioni di donne non hanno accesso alla contraccezione né ad alcuna forma di family planning. Sono costrette quindi ad avere delle gravidanze, spesso loro stesse poco più che bambine e condannate ad una situazione di minorità, povertà e disagio. Non aiuta certo l’atteggiamento delle religioni più influenti, come cristianesimo e islam, che condannano il controllo delle nascite e il ricorso a metodi contraccettivi e spingono ad una iper-natalità che non fa altro che aggravare la situazione di certi paesi.

Queste donne, che sono tra le più povere al mondo, incidono per circa l’82% su 75 milioni di gravidanze non volute stimate in tutto il pianeta ogni anno. Per aiutarle e garantire loro il diritto ad una scelta responsabile, il governo britannico e la Bill and Melinda Gates Foundation hanno intenzione di organizzare un summit sul tema il mese prossimo. E di donare circa 120 milioni di sterline l’anno, per favorire l’accesso alla contraccezione per i prossimi otto anni. Ma l’ammontare totale dei fondi stanziati sarebbe di circa 2,6 miliardi. Per attivare cliniche e centri medici capaci di fornire supporto e assistenza.

Un report diffuso al Parlamento inglese da Andrew Mitchell dell’International Development Secretary ha snocciolato dati preoccupanti sulla condizione delle donne, specie nell’Africa sub-sahariana e nell’Asia del Sud. Dana Hovig, della Marie Stopes International, ricorda che ogni anno 358mila donne – la maggior parte delle quali non ha scelto di rimanere incinta – muoiono in gravidanza o durante il parto. Altre 47mila muoiono a causa di aborti praticati in maniera non sicura. In particolare in Uganda circa il 10% delle nascite riguarda ragazze sotto i 15 anni, in un paese dove il tasso di crescita demografica è tra i più alti al mondo (circa il 3,3% annuo).

Mentre l’amministrazione Bush ha ritirato nel 2002 i fondi Usa per lo United Nation Population Fund perché si riteneva che sostenesse gli aborti forzati, Obama ha ripristinato l’erogazione di denaro. Si stima che circa altre 90mila donne potrebbero essere salvate ogni anno se venisse implementato nel mondo il servizio di controllo medico. E Babatunde Osotimehin, direttore esecutivo del fondo Onu, ribadisce che garantisce che il “family planning è il più importante intervento per lo sviluppo umano in quelle aree” perché “permette ai giovani di fare scelte sulle loro vite” e “consente alle donne di avere il numero di bambini che vogliono e che possono accudire”, dando la “possibilità di proteggersi da malattie infettive”.

Archiviato in: Generale, Notizie

33 commenti

alessandro pendesini

OTTIMA INIZIATIVA !!! Meglio tardi che mai…Sperando che non venga ostacolata dalle religioni monoteiste, nemiche N°1 della pianificazione demografica e..….rispetto della libertà di scelta delle donne !

antoniadess

ottima veramente, d´ora in poi io sosterro´ soltanto chi si impegna su questo fronte: promuovere una natalita´ responsabile non e´ condizione sufficiente per migliorare la qualita´ della vita di questo pianeta, ma assolutamente necessario, condizione sine qua non

Giovanni Duovi

Spero che quei fondi siano davvero spesi per acquistare i mezzi contraccettivi,ma che sopratutto vengano consegnati direttamente ai destinatari,questo dopo che il ministro dell’istruzione del paese in questione svolga un minimo di campagna informativa.
Basta anche solo smentire alcune legende,messe in giro dagli stessi religiosi, per non far usare gli anticoncezionali.

Mi pare che ,nonostante la scarsità dei commenti ricevuti da questa notizia,molti hanno capito che adesso il principale campo di battaglia è diventata la demografia dei paesi poveri,senza il quale i nostri gonnelloni non avrebbero più i ricambi per continuare a diffondere le loro favolette.

DucaLamberti74

@Giovanni_Duovi:

…Il principale campo di battaglia è diventata la demografia dei paesi poveri…

Ed anche su questo punto i comunistoidi italioti NON hanno mai detto nulla.

Forse che forse speravano in un esodo di milioni di nuovi proletari per poter prenderne i voti fregandosene in tutto e per tutto dei problemi possibili..ma si sa per loro la colpa è tutta della società borghese e delle multinazionali…una volta abbattuto il sistema (dato che NON si può cambiare) tutto cambia come per magia.

Sul tema invece che il pianeta Terra sta per “esplodere” e sul discorso di ridurre i consumi Beppe Grillo ha insistito diverse volte.

…senza il quale i nostri gonnelloni non avrebbero più i ricambi per continuare a diffondere le loro favolette…

NON sono soltanto i nostri gonnelloni (presumo ti riferivi ai preti cattocolici) ma anche gli imam barbitti e barbuti che a migliaia vengono continuamente sfornati e formati dalle madrasse che si nutrono di ignoranza e miseria umana.

DucaLamberti74

Batrakos

Non ho capito cosa dovrebbero dire i ‘comunistoidi’ italiani sulla demografia di Paesi che non sono di loro competenza politica…si confonde ancorfa la sinistra italiana col Papa che parla urbi et orbi?

Quello che dice Grillo è lodevole; faccio però presente che è stato già detto da un quindicennio dai teorici della decrescita (e prima ancora da Ivan Illich), decrescita che oltre a Latouche comprende un filone marxista (vedi, ad esempio http://www.sinistrainrete.info/marxismo/801-marx-e-la-decrescita-per-un-buon-uso-del-pensiero-di-marx.html) e che è alla base della concezione economica di SeL e di quasi tutta la sinistra europea postfordista, così, tanto per ribadire che per dare giudizi su argomenti abbastanza complessi bisogna conoscerli bene.

Giovanni Duovi

Latouche

bhuahahahaahahahahahahah

quello che ha detto che si starebbe bene anche con 30 miliardi di esseri umani.

Se sono questi i nuovi “teorici della decrescita” …ahh bonanotte ar secchio.

Gianc

@DucaLamberti74
“Ed anche su questo punto i comunistoidi italioti NON hanno mai detto nulla.”
Posso solo consigliare una visita da un buon otorino (ma che sia buono!).
Contro la contraccezione e il controllo demografico ho sempre sentito nazzistoidi del ca**o perfattamente alleati con clericali (“più siete meglio stiamo”) e liberisti (“più siete meno vi paghiamo”), e anche fascistelli moltoitaliani… ma quelli non se li filava nessuno.
Ricordo ancora, ma io sono vecchio, infinite discussioni in cui avevo tutti contro perché difendevo le scelte demografiche cinesi… pensa un po’

Batrakos

Duovi.

Infatti ho detto ‘oltre a Latouche’… è in tutto una decina di righe, si dovrebbe riuscire a leggere per intero senza sbagliarsi, ma forse d’estate l’attenzione cala 😉 .

Ciò non toglie peraltro che una decrescita dei consumi sia fondamentale, al di là di questa sparata che non conoscevo e di cui non mi curo molto, essendo io a favore della decrescita ma non sulla linea di Latouche (non credo allo spontaneismo virtuoso ma alla necessità di una parallela coercizione legale sugli sprechi individuali e soprattutto industriali).

DucaLamberti74

@Batrakos:

…Non ho capito cosa dovrebbero dire i ‘comunistoidi’ italiani sulla demografia di Paesi che non sono di loro competenza politica…

Semplice … dato che danno la colpa alle multinazionali di TUTTI i crimini del mondo (e le multinazionali di crimini ne hanno commessi) dovrebbero altresi condannare dittatorucoli, costumi religiosi e culturali che con il discorso… il NUMERO E’ POTENZA non fanno altro che aumentare la miseria umana.

… alla base della concezione economica di SeL …

Ed allora mi spieghi come mai il signor Vendola NON ha tolgo l’acquedotto di puglia da una gestioen aziendalista (è ancora una SPA) ?

@Gianc:

…. Ricordo ancora, ma io sono vecchio, infinite discussioni in cui avevo tutti contro perché difendevo le scelte demografiche cinesi… pensa un po’…

Guarda forse mi hai classificato male fra fascistelli nazistelli et similia ma anche io approvo il comportamento dei cinesi di fare un solo figlio per famiglia e poi basta .. in modo da garantire ai nipoti e pronipoti un maggior benessere.

Noto con piacere invece che i miei commenti fanno reagire in modo vivace e sincero ed intelligente le persone di sinistra come me.
Quindi sto raggiungendo il mio scopo qui sul forum dell’UAAR.

DucaLamberti74

Giovanni Duovi

Batrakos

guarda che la decrescita non è possibile,altrimenti come fai a mandare avanti l’attuale sistema di Credito/debito?

L’unica decrescita è quella della popolazione,perchè 5 miliardi di persone,in un modo o nell’altro riusciamo a sfamarle,ma il problema è quando questo numero cresce in maniera costante…e lì ti voglio a ridurre consumi…puoi ridurti a consumare un pugno di chicchi di riso e una ciotola d’acqua,ma arriva il momento che non basta manco più quello.

Batrakos

Che i comunisti diano la colpa di tutti i mali del mondo (comprese le verruche e l’alopecia?) al capitalismo e alle multinazionali è un tuo assioma, ,. peraltro superato dal discorso della finanziarizzazione dell’economia e delle banche di affari…per cui aggiornati se vuoi fare la parodia 😉
Che il capitalismo, oggi turbocapitalismo sia l’assetto strutturale dei rapporti sociali è invece evidente, per cui un comunista può certo criticare l’economia ma non può fare la predica ai maghrebini perchè facciano meno figli…mi pare un’offesa al tuo intelletto insisterci oltre.

Fatto provato è che tu dai la colpa di tutto sempre e comunque ai comunisti…la famosa proiezione che commento dopo commento si esponenzializza.

Io nella mia città (Senigallia), coi compagni del comitato dell’acqua, sono fortemente critico verso la Giunta che ha lasciato la Spa, anche se a capitale interamente pubblico, perchè vogliamo la consortile…cosa che hanno fatto in pochissimi in Italia.
Quindi la tua critica a Vendola su questo la condivido, anche se non vedo il legame tra riduzione dei consumi e Spa a capitale pubblico o consortile che sia, quindi spiegamela che proprio mi sfugge, visto che nell’acqua i consumi si pagano in bolletta e dunque mi sfugge il rapporto produzione/consumo.

Batrakos

Duovi,

Senza decrescita in pochi decenni il mondo non avrà più risorse e purtroppo non c’entra la demografia in questo senso, visto che la stragrande maggioranza dei paesi ad alto tasso demografico sono morti di fame e non hanno praticamente impatto ambientale, mentre è proprio lo sviluppo indotto nei paesi a capitalismo avanzato a mettere a rischio risorse e poter avvicinarci al crack energetico.

Il discorso debito/credito è proprio quello che non upò continuare così, visto che anzichè servire per prestare soldi alla produzione orienta la produzione stessa (la finanziarizzazione).

Per cui, o si ritorna ad un’economia reale -dove appunto una decrescita ragionata è possibile- o è impossibile andare ancora avanti, a meno che tu non sia tra quelli che considerano le leggi finanziarie (cosa diversa da quelle conomiche) una sorta di volontà divina.

Batrakos

Ovviamente, Duovi, sono d’accordissimo sulla necessità di un contenimento demografico e critico io per primo la sinistra di non averlo capito, rimasta ancorata ad una concezione scientista del marxismo che, se ai tempi della polemica Marx-Malthus (in cui aveva ragione Malthus sul discorso della sovrappopolazione, non dei sussidi, ma Marx liquidò come ‘robinsonata’ una riflessione malthusiana molto intelligente proprio perchè superava il mito positivista dello sviluppo a cui Marx era ancorato) fece sbagliare Marx con l’attenuante dell’epoca, oggi questa non c’è più, e che la sinistra anzichè stare dala parte degli sfruttati come individui e classi sociali asseconda le culture tradizionaliste assumeno un concetto buonista e paternalista di internazionalismo (che secondo me era tuttaltro) l’ho detto molte volte.
Ovviamente una sovrappopolazione enorme genera anche grosse migrazioni e lotte sui territori

Ma da qui a pensare che il solo contenimento demografico risolva il problema, quando la gran parte dei bisogni (vecchi e nuovi, più o meno indotti) per cui si produce e straproduce (consumando energia in modo allucinante) vengono dai paesi ricchi e non da quelli a rischio di bomba demografica, mi sembra ingenuo.

DucaLamberti74

Bill Gates (e non Fidel Castro) utilizza i suoi soldi in modo intelligente per migliorare il pianeta Terra e NON ci si sarebbe da stupire da una persona che prova interesse per Star Trek:

http://voices.yahoo.com/newsweek-writer-calls-star-trek-fans-weird-while-interviewing-1358077.html

Del resto la tematica del controllare le nascite perchè tutti vivino meglio è ben evidenziata in un episodio: Star Trek serie classica 3a stagione – Il marchio di Gideon.

Viene da chiedersi se Bill Gates avrebbe agito allo stesso modo se il suo background culturale fossero stati i libri di Marx oppure bibbie, corani et similia.

Alla facciazza di chi dice che la fantascienza è propagandista e cattiva mentre il comunismo è bello e simpatico perchè esprime valori di solidarietà e libertà (peccato che quando si è arrivati ad un regime comunista nessun popolo abbia mai goudto di questo..anzi tutto il contrario).

La partita così si chiude.

Star Trek & Nerd (Bill Gates) – 1
Marxisti e barbitti – 0

DucaLamberti74

francesco s.

In realtà quella che applica Bill Gates è una tecnica di marketing si chiama Propaganda, cito da un libro:”Stimolo impersonale alla domanda di un prodotto attraverso la diffusione di informazioni rilevanti, ad esempio contributi per opere assistenziali e di pubblico interesse”

Altro che Star trek (per inciso vado pazzo per la serie classica che vien trasmessa su rai4), quindi.

Che poi ne possa venire qualcosa di buono dalla propaganda ai fini pratici posso anche essere d’accordo.

Ps. cosa c’entrino i marxisti lo sai solo tu.

alessandro pendesini

@Francesco S:
Che Bill Gate abbia un tornaconto (interesse) per avere deciso di aiutare persone bisognose, non ci sono dubbi ! Ma questo interesse potrebbe essere di natura totalmente diversa da quello relativo al comportamento che molti considerano (a torto) « altruista » -ultramediatico- di una certa suor Teresa !!! e non solo… Per potere evitare amalgame, è necessario distinguere l’« egoismo egocentrico », dall’ « egoismo ragionevole » ! Confondere queste due forme antagoniste d’egoismo potrebbe significare non aver capito chi è egocentricamente interessato (narcisismo primario) da chi non lo è (mente equilibrata e razionale) !

Batrakos

Sui miliardari io penso che a livello morale non sia fondamentale quanto donano una volta ricchi, ma come hanno fatto i soldi.
Se li hanno fatti attraverso uno sfruttamento atroce ed ingiusto, la frode fiscale e lo spionaggio industriale, poi possono fare tutta la beneficenza che vogliono ma restano dei pescecani…non parlo direttamente di Gates (di cui so poco), ma, a livello di principio, e in generale dei cosidetti filantropi, che spesso lo diventano solo quando hanno soldi in avanzo, comunque utili come ritorno di immagine per la ditta nel senso in cui dice Francesco S.

Che poi i comunisti debbano dedicarsi alla beneficenza…mi ricorda quando i credenti vengono sull’UAAR ad accusarla di non fare beneficenza: in tutti i due casi si pretendono come dovute attività che non sono tra i principi costituenti, visto che una forza politica non è un ente di beneficenza, così come non lo è un’associazione…se poi i singoli la fanno va benone, ma spesso c’è chi la fa senza dirlo e noi non lo sapremo mai…mica tutti sono come Gates, nè sono obbligati a dover dichiarare a chi donano i soldi, al di là della valutazione di Castro, che non è l’unico comunista esistente al mondo, e soprattutto non fa parte della ‘sinistra comunistoide italiota’, a meno che non abbia preso la cittadinanza di recente ;).

Che poi siano stati associati i musulmani anche qua che non c’entrano nulla, indica che l’ossessione sta raggiungendo livelli patologici, evidenziati dalla proiezione, ovvero Lamberti dice sempre ‘i comunisti altro che dicono male di capitalismo e multinazionali e non affrontano i problemi’ mentre in questo sito si vede che molti che siamo di sinistra parliamo d’altro e valutiamo i problemi senza tirar sempre fuori ‘il malvagio capitalismo’ ma è invece Lamberti a tirare sempre fuori comunisti e musulmani…insomma, qualcosa non quadra!

cesares

In Africa o in qualche altra parte di questo mondo meraviglioso che dio ha donato all’uomo ogni giorno una bambina di 10 anni viene ingravidata e da lì in avanti, in breve volgere di tempo, sfornerà una serie di marmocchi che continueranno a vivere nella sua stessa miseria e ignoranza. A 30 anni la poveretta, completamente sfibrata, malandata, con le tette come ciabatte che le arrivano alle ginocchia, priva di ogni prospettiva di vita, probabilmente morirà di stenti o di AIDS, magari con la benedizione di qualche missionario. Ma vuoi mettere? Avrà sentito palpitare dentro di sè il mistero della vita, avrà vissuto con ogoglio il suo ruolo di madre scelto da altri, non avrà ceduto alle lusinghe del relativismo che la volevano omicida delle piccole e innocenti creature che portava in grembo, avrà pensato al luminoso avvenire dei suoi piccoli che cresceranno e faranno strada nella malavita, nel terrorismo, nelle carceri, e qualcuno anche nel seminario della missione cattolica. In confronto a tutto questo che importa se non ha mai studiato, ma che dico?, se non ha mai letto un libro, ma che dico?, se non sa nemmeno leggere. Ha assolto al suo compito primario di fattrice per il suo maschio e per il suo dio.

Francesco

Speriamo che la Bill and Melissa Gates Foundation non li produca direttamente loro i contraccettivi, perche’ se li fa come “Windows” siamo messi male. 😆

Francesco

“non li produca direttamente “lei” non loro (ho pensato ai due coniugi Gates)”

Marco C.

Ottima iniziativa, ma i cattoliconi falliti non dicono nulla?

diego

è strano in effetti che non si gridi alla cultura della morte… boh, avranno altro da fare!!!

alessandro pendesini

…« Sui miliardari io penso che a livello morale non sia fondamentale quanto donano una volta ricchi, ma come hanno fatto i soldi.
Se li hanno fatti attraverso uno sfruttamento atroce ed ingiusto, la frode fiscale e lo spionaggio industriale, poi possono fare tutta la beneficenza che vogliono ma restano dei pescecani…non parlo direttamente di Gates (di cui so poco), ma, a livello di principio, e in generale dei cosidetti filantropi, che spesso lo diventano solo quando hanno soldi in avanzo, comunque utili come ritorno di immagine per la ditta nel senso in cui dice Francesco S. »…. @Batrakos : Condivido pienamente il tuo commento ! Ritengo pero’ che non sono le opinioni, ma i fatti che definiscono le persone. Il percorso ascenzionale di Bill Gate risulta (fino prova contraria) trasparente, anche se ha potuto favorire del nepotismo materno e non solo. Non mi risulta che sia un megalomane arrivista, o che abbia sfruttato gente ingenua per arrivare ad ottenere un capitale che lo classifica tra gli uomini più ricchi del mondo.
Tutto il contrario di un certo Berlusconi and C° ! Nessuno ha potuto spiegare come una persona, da semplice rappresentante di commercio e promotore immobiliare, abbia potuto diventare l’uomo più « potente » e ricco d’Italia, e che abbia potuto far votare a diverse riprese delle leggi scellerate ecc…ecc…! Su di questo ne sai molto più di mè.
P.S. Per un megalomane (cioè squilibrato mentale), essere ricco « significa » essere il più alto possibile nella gerarchia sociale ; dominare gli altri è il suo obiettivo principale ! E’ cosi che nasce il desiderio di possedere di più e meglio degli altri….
Pero’ sappiamo che il valore e la ricchezza di una persona -come di un paese- non consiste nel poter fare cio’ che si vuole, bensi fare tutto cio’ che è possibile nel rispetto del benessere collettivo, della libertà e del diritto alla vita e dignità per tutti compreso le generazioni future. NB Possiamo immaginare che Bill Gate (e non solo) lo abbia capito ? O, al contrario, che sia un possibile strumento occulto ad hoc della finanza e mafia ?

DucaLamberti74

@alessandro_pendesini:

Su Bill Gates alcune precisazioni:

01) Diciamo i suoi sgambetti economici con tanto di condanne di risarcimento li ha fatti a danni di potenziali concorrenti.

02) E’ stato fortunato a nascere in una famiglia agiata.

03) Di contro a 01) e 02) di fatto lo ha messo in quel posto ad un azienda elefantiaca ma potente ed enorme (la IBM).

Approvo in pieno il tuo confronto con Berlusconi.

Per la serie c’è un capitalismo americano degno di tale nome (con molto SE e molti MA) che pero’ crea valore, nuovi prodotti ed innovazione e cambiamenti sostanziali alla vita di due miliardi di persone (i più benestanti) e idealmente cerca di cambiare tutto il pianeta terra (se vai sul sito della sua fondazione vedi che di iniziative oltre a questa ce ne son oaltre)…

E poi un capitalismo italiota fatto di prezzemoline, veline, bunga-bunga, preghiere alla madonna, ed imprese costruite in modo poco chiaro.

UNA bella differenza…mentre per i comunistoidi italioti è tutto uguale ed i problemi del pianeta Terra si risolvono con un social forum multietnico suonando i bonghi multiculturali al parco sempione.

Su Berlusconi posso dire che è diventato il più potente e più votato perchè il popolino in PIENA LIBERTA’ E COSCIENZA lo ha votato in quanto ha dato loro quello che volevano… berlusconi è quello che vorrebbe essere l’elettore medio italiota.

Se c’è berlusconi lo ha consentito la democrazia e NON occulte manovre di controllo mediatico o manovre del WTO in combutta con la loggia massonica dei rettiliani.

I suoi canali TV da quel che so io le controlla ancora per cui se fosse come sostengono i comunistoidi adesso la % dei voti al suo partito (vedere ultime elezioni) NON sarebbe quasi dimezzata.

DucaLamberti74

Batrakos

Lamberti.

—–UNA bella differenza…mentre per i comunistoidi italioti è tutto uguale ed i problemi del pianeta Terra si risolvono con un social forum multietnico suonando i bonghi multiculturali al parco sempione.—-

Che ci siano delle differenze è ovvio; che Berlusconi sia il male e il capitalismo americano (non parlo di Gates che ripeto non conosco) il bene un altro paio di maniche.

Di nuovo, parlare senza sapere di che si parla…mai sentito nessuno a sinistra che pensa che i problemi del capitale si risolvano con le feste multietniche; queste si fanno perchè sono piacevoli.
Che poi uno odia la multietnicità (la ripeti ad ogni piè sospsinto come fanno i cornuti) non capisca che può essere piacevole…nulla di cui stupirsi: siamo tra ‘italioti’ 😉 !

alessandro pendesini

….«Se c’è berlusconi lo ha consentito la democrazia »….
@Duca Lamberti :
Si ; questo sarebbe assurdo negarlo !
Ma siamo proprio sicuri che senza una « SPINTARELLA » delle mafie italiane e di un certo Vaticano, Berlusconi avrebbe potuto essere rieletto TRE’ VOLTE presidente del consiglio (anche se il record assoluto lo detiene la dea DC ! un certo Andreotti…) ed arrivare all’apice del suo dominio ? Credi nei miracoli ?
Ritengo pertinente le tue critiche su Bill Gate, anche perché sarebbe assurdo immaginare che l’uomo possa essere solo ed esclusivamente « angelo % », escludendo il lato « demonio %», due elementi indissociabili ma variabili % a seconda delle persone…. Una cosa sembra certa : non possiamo paragonare un Berlusconi, un W. Bush, un Blair and C°, includendo anche (sotto un profilo psichiatrico) un certo BXVI e non solo…a…. Bill Gate ! Ma forse esagero o mi sbaglio ?

DucaLamberti74

@Batrakos:

Per me parole come multiculturalità e multietnicità sono degne del più profondo rispetto perchè mai dovrei odiare la multietnicità ?

Diciamo che gente che suona i bonghi al parco sempione (era una citazione di Elio 🙂 🙂 🙂 ) dubito che come me e te si faccia domande su decrescita e su pensare a soluzioni perchè tutti si viva in un mondo migliore.

Se hai visto i film Ovosodo l’alternativo figlio dell’industriale ed i suoi degni amici ricconi sono la massima rappresntazione di tale cultura di sinistra italiota.

Infinite combinazioni in infinite diversità è il motto dell’accademia delle scienze vulcaniana (concetti molto fascisti e reazionari…vero ? 🙂 ).

NON ho detto che Bill Gates sia il bene assoluto ma concorderai con me che un conto è un esaltato nazista come Hitler o Goebbels i cui ideali sono i Nibelunghi, le Valchirie uccidere e sterminare tutti…ed un altro è prendere l’aristocratico prussiano Otto Von Bismarck. Saranno entrambi generati dalla stessa “matrice culturale” ma il secondo direi è di gran lunga meglio…lungi da me provare nostalgia per l’Europa devastata da guerre civili di ogni tipo ed ammirare Otto von Bismarck.

@ alessandro_pendesini.

Basta credere a questa favoletta dei “poteri forti”…la gente nella maggior parte di Italia vota libera e consapevole…

Altrimenti NON si spiegherebbe un risultato elettorale come Parma e il partito di berlusconi NON avrebbe il consenso dimezzato.

Ci sono i “poteri forti” (mass media, chiesa, mafia, stampa ed altri) ma è la gente che davanti ad una scheda elettorale decide. Se poi invece il nostro voto è influenzato dai raggi gamma del cattivo Vega che ha visto NON potrebbe conquistarci dato che Goldrake ci difende e sta cercando un metodo alternativo usando l’Italai come cavia che dirti…sia lode a Vega ed a Berlusconi suo rappresentante in Terra,

Mi spiace ma io alla favoletta del popolo bello e buono NON ci credo…

Ogni nazione ha la classe politica che si merita ed il popolino italiota ha visto i politici dal vespone, si sono divertiti, hanno riso e si sono imbeotiti e li hanno votati…prova a fare un tolksciò italiota in spagna come quello del vespone e vedi poi la gente come si inkazzerebbe !!!

DucaLamberti74

Priapus

So ben poco di B. Gates; di Berlusconi so che il padre lavorava nella Banca Rasini, Piccola banca
con un solo sportello, fondata a Milano dal conte Rasini, con capitali sicilani e che ebbe subito co
me clienti trafficanti siciliani. Ripeto quello che ho letto, di preciso non so nulla e mi chiedo spes
so come mai la Procura di Milano non abbia controllato.
Pare appunto che sia stato il padre che era diventato prima funzionario e poi direttore a far ave
re a Chiagnolo i primi soldi per i suoi traffici.
Mi permetto di pensar male, perchè mi sembra troppo veloce la carriera, se non ha lavorato in
modo “molto disinvolto”, cioè agganciando i più ricchi boss della mafia e perchè non mi risulta
che le banche prestino capitali senza garanzie patrimoniali neanche a funzionari o direttori, a
meno che non condividano segreti molto scottanti.

diego

eppure dovrebbe essere semplice:

meno nati -> meno persone in ambienti ostili
-> meno possibilità di sviluppo malattie
-> più possibilità di sviluppo civile, sociale, scientifico
-> l’ecosistema mondo e l’umanità ne guadagna.

invece i cristiani sono proprio a favore dell’estinzione umana. Ma che gli ha fatto la vita??

Kaworu

molto semplicemente…

+ persone ==> meno risorse, più ignoranza, meno benessere ==> maggiore necessità di credere che dopo una vita infame avrai il biscottino nell’aldilà ==> più guadagni per i religiosi che stanno ai vertici sulle spalle dei poveracci.

RobertoV

Un tasso di natalità del 3,3% (Uganda) significa un raddoppio della popolazione in circa 22 anni, una vera follia. L’Africa raddoppierà la propria popolazione nei prossimi 40 anni.
Se guardiamo i tassi di mortalità dei bambini vediamo che ai primi posti ci sono tutte nazioni africane e povere, cioè quelle che hanno anche elevati tassi di natalità, in modo particolare quelle centro-africane con alcune nazioni che superano il 10% di morti nel 1° anno di età, ai quali vanno aggiunte percentuali simili per i bambini fino a 5 anni di età, una vera strage: per confronto nel mondo occidentale siamo a 0,5% di bambini morti o anche meno (i tassi dei paesi sottosviluppati che stanno peggio erano i tassi dell’Italia di fine ‘800).

Nel 2008 secondo l’Unicef sono morte 358 mila donne, il 99% nei paesi in via di sviluppo, il 57% del totale nell’Africa sub sahariana, il 30% nell’Asia meridionale (dove si hanno le massime densità abitative). Ma a queste vanno aggiunte milioni di donne (erano 10 milioni nel 2005) che patiscono lesioni, malattie e infezioni che possono provocare sofferenze per tutto l’arco della vita.
Una donna in un paese sottosviluppato ha mediamente 36 volte il rischio di morire per cause connesse alla gravidanza rispetto ad una donna dei paesi sviluppati.

Un’elevato tasso di crescita demografica erode qualsiasi miglioramento economico vanificando gli sforzi, quindi la nazione farà fatica ad uscire dalla povertà, ad avere cibo e medicine sufficienti ed infatti sono le nazioni dove i miglioramenti nei tassi di mortalità sono inferiori e dove la vita media è più bassa.

Essere contro la contraccezione, il controllo delle nascite e la genitorialità consapevole significa essere contro la vita e contro un miglioramento delle condizioni di vita in queste nazioni (ma condizioni favorevoli per le religioni)

RobertoV

Ovviamente i dati Unicef del 2008 e del 2005 si riferivano alle donne in gravidanza e agli effetti sul resto della vita delle donne delle troppe gravidanze.

Commenti chiusi.