“Questo matrimonio non s’ha da fare”: partiti e unioni gay, un promemoria in vista delle elezioni

A Ferragosto fa sempre caldo. Ma mai quanto potrebbe essere caldo il dibattito sulle unioni gay nel corso della prossima campagna elettorale. E’ per questo che l’Uaar ha deciso di realizzare questo piccolo promemoria. Non dimenticando di ricordare che il tema è inevitabilmente intrecciato a un’altra grande questione laica irrisolta: il riconoscimento dei diritti delle coppie di fatto, che sono in maggioranza eterosessuali. L’Italia è l’unico paese dell’Europa occidentale a non aver ancora provveduto a tutelarle con una legge  specifica.

Che il tema sia caldo l’hanno mostrato molto bene i 173 parlamentari Pdl (ma non solo) che hanno sottoscritto nei giorni scorsi un documento per dire “no” a qualunque riconoscimento alle coppie gay: matrimonio o “pacs” non fa differenza, al Pdl non piace. O meglio: l’argomento piace comunque parecchio, perché è quello che più sta spaccando il Pd, eternamente diviso tra la maggioranza laica e la minoranza popolare di provata obbedienza ecclesiale. Pier Luigi Bersani cerca una (probabilmente) impossibile quadratura del cerchio: raccogliere il maggior numero di voti laici pur presentando alcuni candidati clericali. La posizione ufficiale del Partito Democratico è dunque quella del “no” al matrimonio omosessuale, “no” al riconoscimento dei diritti delle coppie di fatto, “sì” al riconoscimento dei diritti individuali dei componenti delle coppie di fatto. Ovvero quanto già inserito nel programma elettorale 2006 dell’Unione (i Dico), e che non divenne mai legge. Paola Concia, unico parlamentare omosessuale, non si fida granchè e ieri, sull’Unità, ha chiesto che le unioni gay siano inserite nel prossimo programma elettorale.

Molto dipenderà dalla coalizione: con chi si alleerà il Pd? Con l’Udc ci sarebbero seri problemi:  il leader Udc Pierferdinando Casini ha recentemente affermato che i matrimoni gay sono “incivili”, “una distorsione della natura”. Un’affermazione forte e provocatoria che he indignato le associazioni Lgbt, ma che è perfettamente in linea col Catechismo cattolico, che definisce le relazioni omosessuali come “gravi depravazioni”, “intrinsecamente disordinate”, contrarie “alla legge naturale”. Casini ha mitigato la dichiarazione sostenendo che “stabilire garanzie giuridiche per una coppia di conviventi anche dello stesso sesso è un fatto di civiltà”, ma si è guardato bene di precisare a quali “garanzie giuridiche” sta pensando. Il suo alleato Gianfranco Fini è invece favorevole ai matrimoni gay.

L’impervia strada dei matrimoni gay potrebbe risultare molto più percorribile se il Pd guarderà a sinistra. A favore si sono infatti espressi Nichi Vendola (Sinistra Ecologia Libertà), l’Italia dei Valori, la Federazione della Sinistra, il Partito Socialista. Anche i radicali sono favorevoli (con l’eccezione di Marco Pannella, che vorrebbe limitare il riconoscimento alle famiglie di fatto), così come Beppe Grillo si è espresso in questa direzione nelle scorse settimane. Per quanto riguarda le altre formazioni politiche italiane, la Lega Nord è invece decisamente contraria a ogni riconoscimento. Ignota l’opinione dei futuribili protagonisti del “Grande centro” (Montezemolo, Passera, gli altri montiani).

Come si vede, la situazione non è affatto chiara. Lo sarebbe molto di più se i politici laici non cedessero tanto spesso alla “ragion di Stato” dell’alleanza con politici eterodiretti dal Vaticano. Ma lo sarebbe di più anche se i tanti elettori laici facessero scelte coerenti, e se i tanti militanti laici dei vari partiti si facessero sentire più spesso: la base di ogni partito, in Italia, è quasi sempre più laica dei suoi vertici. Anche a causa della distanza che li divide.

L’Uaar si attende un parlamento più laico dell’attuale. Molto più laico: perché l’Italia non deve più essere l’eccezione clericale in Europa. Per quanto è nelle sue possibilità si batterà con convinzione per raggiungere questo obbiettivo, sollecitando e informando. Continuate a seguirci su questi monitor.

L’associazione

Archiviato in: Generale, Notizie

171 commenti

Matteo

Ma i problemi che deve pensare l’Italia sono quelli delle coppie di fatto?
Io penso che ci siano cose molto piu importanti.

Kaworu

ah, il benaltrismo.

e dimmi, cosa impedisce di occuparsi delle coppie di fatto (problema tutt’altro che marginale, dato che abbiamo persone che di fatto non godono di tutti i diritti – e doveri, chiaramente – sanciti dalla costituzione) E “delle cose molto più importanti”?

forse ci sono problemi di attenzione divisa?

Beatrice

Giusta osservazione, per il momento mi accontenderi che l’Italia facesse una legge di due sole righe che dica: “Tutti i matrimoni e le coabitazioni legali registrate presso uno degli stati menbri dell’Unione europea sono automaticamente validi anche in Italia.”.

(In realtà secondo me i trattati già obbligano l’Italia a riconoscere i matrimoni che le piacciano o meno, è l’Italia che come al suo solito non applica i trattati quando non le fa comodo: ma la discussione si farebbe lunga).

Il fatto che, non si voglia fare una legge così semplice di due sole righe, è un manometro che misura l’indipendenza dal Vaticano dei politici italiani.

Nightshade90

Visto che ci sono cose ben più importanti, allora voi cattolici non avrete problemi ad acconsentire a dico e matrimoni gay, che di fatto sono cose che non vi toccano manco di striscio, pur di velocizzare la cosa e poter passare a cose più importanti, vero?

O la tua e’ solo l’ipocrisia del benaltrista che semplicemente non vuole che una legge che non gli piace ma desiderata dal popolo si faccia, e allora cerca di deviare l’attenzione su altri argomenti?

antoniadess

@matteo: appunto! visto che ci sono problemi più importanti, come mai spendete tante energie ad opporvi con accanimento inaudito ad una cosa così poco importante? e se applicaste il saggio motto “vivi e lascia vivere”?
sarebbe tutto più semplice, meno conflitti e convivenza pacifica tra le posizioni più diverse, e anche noi avremmo più tempo per occuparci di altri problemi. Non è che riconoscere un diritto alle coppie omosessuali tolga qualcosa a te, perchè siete così ottusi?

maxalber

@ matteo,
pensi la stessa cosa anche di quello che sta facendo il governo Rajoy in Spagna, naturalmente…

Simone

il 25 % dei figli nati l´anno scorso in Italia e´nato da coppie di fatto…se non ti vuoi occupare delle coppie vuoi forse occuparti di questi figli??

maxalber

@matteo
e poi ve la prendete se qui vi pigliamo per il culo?
I casi sono due: o sei un ingenuo o sei un troll provocatore senza argomenti.
Ovviamente propendo per la seconda.

Near

Già Matteo, in effetti il problema dell’euro è ben più grave, se andiamo a vedere chi veramente l’ha voluto e per quali scopi (vedere anche link sotto):
“http://storiasoppressa.over-blog.it/article-cristianesimo-reale-thierry-meyssan-l-opus-dei-et-l-europe-du-recyclage-des-fascistes-au-controle-des-democraties-1995-45947756.html”
Tutavia riflettiamo sul triste stato delle cose odierno, in cui non si può nemmeno dare priorità ai diritti umani in quanto sembra che siamo tornati indietri ai tempi in cui la prima priorità era riuscire a non morire di fame…

francesco s.

@Matteo

Almeno sii sincero a te non interessa affatto che in Italia ci siano cose più importanti da fare a te da fastidio che 2 persone dello stesso sesso possano amarsi.

Ti faccio una domanda che ti frega a te di chi uno si innamora?

Matteo

Piuttosto il governo sia piú severo con gli immigrati, emani delle leggi piú severe in tema di immigrazione, aesempio controllare gli immigrati che vengono quí in Italia.

Kaworu

Il giudizio

31 “Quando il Figlio dell’uomo verrà nella sua gloria con tutti gli angeli, allora siederà sul suo trono di gloria.

32 E tutte le nazioni saranno convocate davanti a lui. Separerà le persone come un pastore separa le pecore dalle capre,

33 e metterà le pecore alla sua destra e le capre alla sua sinistra.

34 “Poi il Re dirà a quelli della sua destra: “Venite, benedetti da mio Padre, entrate nel Regno preparato per voi fin dall’inizio del mondo.

35 Perché avevo fame, e voi mi avete dato da mangiare, avevo sete e mi avete dato dell’acqua, ero straniero e mi avete ospitato nella vostra casa,

36 ero nudo e mi avete dato dei vestiti, ero malato ed in prigione e siete venuti a trovarmi!”

37 “Queste persone giuste risponderanno: “Signore, quando mai ti abbiamo visto affamato e ti abbiamo dato da mangiare? O assetato e ti abbiamo dato da bere?

38 Quando mai eri straniero e ti abbiamo aiutato? O eri nudo e ti abbiamo dato degli abiti?

39 E quando mai ti abbiamo visto ammalato o in prigione e siamo venuti a trovarti?”

40 “Ed il Re risponderà loro: “Quando lo avete fatto anche per l’ultimo di questi miei fratelli, lo avete fatto per me!”

41 “Poi dirà ai malvagi alla sua sinistra: “Andatevene, maledetti, nel fuoco eterno preparato per il diavolo e per i suoi angeli;

42 perché avevo fame e non mi avete dato da mangiare, avevo sete e non mi avete dato da bere,

43 ero straniero e non mi avete dato ospitalità, ero nudo e non mi avete dato dei vestiti, ero malato e in prigione e non siete mai venuti a farmi visita!”

44 “Allora quelli risponderanno: “Signore, quando mai ti abbiamo visto affamato o assetato, straniero o nudo, malato o in prigione, e non ti abbiamo aiutato?”

45 “Ed egli risponderà: “Tutto quello che non avete fatto per aiutare anche l’ultimo di questi miei fratelli, non l’avete fatto neanche per me!”

46 “E questi se ne andranno nella punizione eterna, mentre i giusti entreranno nella vita eterna”.

Kaworu

e meno male che hai fatto il chierichetto, hai fatto religione a scuola e con tutta probabilità hai fatto catechismo.

complimenti per la coerenza e la conoscenza di quanto disse il TUO dio.

Nightshade90

Quando feci catechismo, ne sapevo più io sulla Bibbia che tutti i catechisti messi insieme. E fino alla cresima non siamo mai andati oltre ai dieci comandamenti (ma senza quello che accadde prima, salvo un accenno alla fuga dall’Egitto senza menzionare le piaghe, e senza nulla di nulla di quello che accadde dopo) e qualche storielle delle parabole e miracoli di Gesù. Nessuno dei cresimandi del mio anno sa Nulla di nulla su quali siano i dogmi della religione cattolica, o anche solo in cosa consista esattamente la transustanziazione o l’immacolata concezione. Chi siano e cosa abbiano fatto insacco ed Abramo non lo sanno minimamente, salvo forse magari essersi sentiti una versione deformata del sacrificio di insacco, di Giacobbe, Giuseppe o Davide non sanno nulla salvo magari le storielle che sanno tutti (ma non certo raccontate in catechismo), di tutto ciò che avvenne dopo i dieci comandamenti c’è il più assoluto vuoto completo, probabilmente non sanno neanche che Israele ha avuto dei re o anche chi diavolo siano Saul o salomone il nome di qualche profeta.

E questo vale anche per l’ora di religione (io me le feci tutte).

L’ignoranza di Matteo (o dei vari cattoleghisti che, dopo aver adorato il dio Po, fanno i difensori del cristianesimo e poi violano allegramente due terzi degli insegnamenti del loro Gesù) non deve sorprendere in questa ottica. Probabilmente l’apocalisse non l’ha mai neanche letta e crede ancora che Davide sia stato il primo ed unico re di Israele, o magari succeduto da Sansone…

Kaworu

io ho sempre avuto la brutta abitudine di essere curiosa. che, unita ad altre brutte abitudini come “ascoltare”, “ragionare” e “approfondire” mi rendevano di fatto l’unica che faceva qualcosa più che stare lì a occupare i banchi come una placida mucca.

Sandra

Giusto, basta suore filippine che rubano il posto di lavoro a giovani laureate, facendo le educatrici in scuole materne parrocchiali. Maggiore controllo su chi lavora nelle scuole delle suore e dei preti, i bambini sono troppo importanti per affidarli a gente non qualificata!

MASSIMO

Appunto. Il Vaticano è uno stato estero ed i preti sono extracomunitari appartenenti a questo stato.
Fuori questa gentaglia dall’Italia.

Simone

i preti sono cittadini italiani o di altri paesi non certo dello stato della citta’ del vaticano non diciamo fesserie

Federico Tonizzo

@ Simone
“i preti sono cittadini italiani o di altri paesi” VENDUTISI (più o meno consapevolmente) allo stato estero del Vaticano per vaticanizzare (e pure a nostre spese) l’Italia e altri paesi del mondo.

manimal

se non ricordo male uno dei modi per perdere la cittadinanza italiana, è quello di prestare servizio per stati esteri…
ovviamente posso ricordare male, e ovviamente la cosa non riguarderà i sacerdoti, ma credo possa indurre in riflessioni…

fab

I governi italiani trattano già gli immigrati nel peggior modo possibile, ad esempio facendo sostenere l’esame di terza media a studenti dell’ultimo anno delle superiori o facendo perdere giornate intere per il vessante permesso di soggiorno, anche a quelli che meriterebbero l’invito di soggiorno.
In ogni caso, se Matteo è convinto che gli immigrati siano privilegiati, può facilmente rinunciare alla cittadinanza italiana. Immagino che secondo lui il massimo della vita sia essere apolide, quindi non deve nemmeno chiederne un’altra.

diego

controllerei anche i preti e i vescovi!! Perchè qui in italia non si fa come in Cina??? Non è giusto che chi possa influenzare le masse sia nominato in uno stato estero!!!

Cesare b

@diego, che ha scritto “Controllerei anche i preti e i vescovi!! Perchè qui in italia non si fa come in Cina??? Non è giusto che chi possa influenzare le masse sia nominato in uno stato estero!!!”.
Ma se il Cattolicesimo e’ quell’insieme di stupidaggini che voi dite, come e’ possibile che le masse ne siano influenzate? E se e’ stato ovunque imposto con la prepotenza,, come qui abitualmente si sostiene, quale esercito, quale Inquisizione lo ha imposto a un numero non trascurabile di Cinesi? E se si mantiene – come non vi stancate di affermare – a furia di propaganda mediatica, di meschini interessi personali dei sedicenti fedeli e di condizionamento sociale, com’e’ che continua ad esistere in Cina, dove la propaganda mediatica filocattolca non c’e’, l’interesse personale ad essere cattolici neppure (anzi …) e la societa’ in maggioranza, non essendo cristiana, non condiziona nessuno in questo senso?
Comnque complmenti per lo spirito liberale.
Saluti.

fab

Com’è che il ferro nel piombo fuso riesce a galleggiare? Perché, per quanto pesante, il piombo lo è di più.

Beatrice

Mi sembra che l’opinione di Marco Pannella non sia stata correttamente riportata. Seguendo il link sembrerebbe che Marco Pannella voglia l’equiparazione delle coppie registrate o di fatto ai matrimoni, intendendolo come una estensione di diritti.
Pannella a volte è criptico e ama formulare le sue tesi in modo volutamente provocatorio, e mi fa arrabbiare.

«“sì” al riconoscimento dei diritti individuali dei componenti delle coppie di fatto.»

In questo modo non si va da nessuna parte, non scattano i diritti che si hanno per il fatto di essere una coppia.
Mi sembra evidente che i vari Bersani, Casini, Bindi stiano agendo sotto dettatura del Vaticano, che vuole riservarsi il monopolio della definizione di matrimonio.

Una volta ho letto un libro acquistato presso la Claudiana (spero di non fare scandalizzare per questo alcun lettore, mi piace leggere da varie fonti) che parlava delle liti fra cattolici e protestanti sulla validità dei matrimoni: ecco, non ne ricordo il titolo (e mi scuso per la citazione incompleta), ma mi sembra di sentire in queste discussioni fra Bersani, Casini, Bindi, e altri la ripetizione di queste discussioni del periodo della Contro-riforma se il matrimonio dei protestanti fosse “ordinato” pur non essendo un sacramento.

Fino che non si chiarisce bene che Benedetto 2**4 e Bagnasco non devono avere il “copyright” della parola matrimonio, non si andra da nessuna parte.

In un modo o nell’altro se due persone non possono produrre uno stato di famiglia dove compaiono insieme, (con qualunque procedura siano stati registrati insieme)non si superano le discriminazioni.
Ricordo ai lettori di questo spettabile sito che molti trattati internazionali, prevedono dei diritti per i coniugi e figli dipendenti o a carico, ad es. permessi di soggiorno.
Se, comunque i rapporti si vogliano chiamare, matrimoni, coppie di fatti, partnership registrate, coabitazione legale, due persone presentano uno stato di famiglia le clausole dei trattati possono scattare, altrimenti se due persone hanno due stati di famiglia separati, non scattano.

Preciso che una lodevole eccezione a questa regola viene applicata dalla Commissione europea nella gestione del suo personale: una coppia omosessuale che non potesse farsi registrare come coppia da qualche ufficio pubblico perché nel suo paese non è ammesso, potrebbe presentare una dichiarazione sostitutiva ed accedere alle indennità previste per le coppie.
Se qualcuno conosce il modo di funzionamento della Commissione europea, (cioè che vuole pezze giustificative per tutto e le conserva o vi chiede di conservarle per 7 anni), già questo “scavalcare” le registrazioni degli stati membri, (visto che alcuni stati membri non ammettono queste registrazioni) è un segnale che c’è un problema e si è cercato di trovare una soluzione pratica per non discriminare nessuno.

Folletto Baldanzoso

Il commento di Beatrice è illuminante, soprattutto l’ultima parte, per provare a risolvere qualcosa.

alle

In realtà quello che dice pannella qui riportato, mi trova d’accordo. La questione del matrimonio gay mi lascia molto fredda, e non certo perchè turbi l’ordine naturale delle cose (forse è il matrimonio a turbarlo!).
Sono per l’abolizione del concetto di matrimonio come fonte di diritti a favore dei diritti prettamente individuali. O di diritti (tipo l’assistenza in ospedale) derivanti da semplice convivenza certificabile da anagrafe.
Esempio eclatante: no alla reversibilità e pensione minima veramente decente per chiunque, solo o accompagnato. Utopia? può darsi. Ma credo sia questa la via.

SilviaBO

Sono d’accordo.
Intanto sono contraria alle discriminazioni nei confronti delle zitelle e degli zitelloni (ad esempio mi risulta che certi tipi di aiuti pubblici vengano elargiti a titolo preferenziale alle coppie). Già, per certi versi, chi non ha un parner è svantaggiato nella vita, anche dal punto di vista economico. Perché penalizzarlo ulteriormente?
Poi non vedo perché debba importare il motivo per cui due o più persone vivono insieme e si considerano una famiglia. Perché due fratelli che vivono insieme dovrebbero essere considerati meno meritevoli di tutela rispetto a marito e moglie? O due amiche di vecchia data? Sembra che dove non c’è un rapporto sessuale non ci possa essere una famiglia degna di questo nome. Ma perché?

diego

certo che questi qui sono ossessionati dalle coppie gay!! Ma non riescono a spiegare il loro disappunto…

makkè

forse otterremmo di più se tutta la sinistra cercasse di tutelare la stragrande maggioranza delle famiglie -come dire?- “non gay con figli” (io sono un ateo senza lavoro proveniente da una famiglia tradizionale numerosissima), che aspettano pazientemente la realizzazione dell’art. 31 della Costituzione Italiana: “La Repubblica agevola con misure economiche e altre provvidenze la formazione della famiglia e l’adempimento dei compiti relativi, con particolare riguardo alle famiglie numerose. Protegge la maternità, l’infanzia e la gioventù, favorendo gli istituti necessari a tale scopo”.
A parte il fatto che trasmigrazioni epocali andrebbero evitate, sopratutto per le sofferenze di chi si sposta, altrimenti suona ipocrita appellarsi al vangelo.

Simone

ma non si puo´fare l’uno e l´altro…per i diritti dei gay basta una legge di una riga: ” il matrimonio ha gli stessi effetti civili quando contratto da persone dello stesso sesso”, tempo neceesario al massimo una paio di sedute di camera e senato.

Folletto Baldanzoso

Non possiamo appellarci alla Costituzione a metà. Per accedere alle garanzie del 31 bisogna guardare il 29.
“La Repubblica riconosce i diritti della famiglia come società naturale fondata sul matrimonio. // Il matrimonio è ordinato sull’uguaglianza morale e giuridica dei coniugi, con i limiti stabiliti dalla legge a garanzia dell’unità familiare.”
Se non c’è matrimonio, non c’è famiglia: questo è il problema costituzionale.

Bisogna ABOLIRE la parola “matrimonio”. Io farei così: “La Repubblica riconosce i diritti della famiglia come società naturale fondata sull’amore, ordinata sull’uguaglianza morale e giuridica dei membri, con i limiti stabiliti dalla legge a garanzia dell’unità familiare.”
Sicuramente non esente da errori, ma meglio dell’orribile matrimonio!

Simone

E’ un problema solo a meta’. Non sta scritto da nessuna parte che lo stato debba tutelare solo la famiglia puo´tutelare anche altre formazioni sociali e gia’ lo fa. Fosse per me l´articolo 29 lo riscrivere da cima a fondo ma non facciamo come la Bindi la costituzione non vieta nulla. Se lo stato vuole trattare allo stesso modo la coppia sposate e quella non sposato lo puo´fare tranquillamente!

Beatrice

Quando hanno messo questo articolo 29 nel 1947 è stato inserita questa definizione “naturale” e i cattolici la interpretano come il loro “naturale”, definizione del cattolicesimo.
Se se usa la loro definizione di “naturale” i matrimoni degli altri (eterosessuali, omosessuali, protestanti) non sono ‘ordinati”, e quindi se non sono per i cattolici “ordinati” non meriterebbero la sptessa protezione dagli stati.

Evidentemente la Bindi, magari anche in buona fede, sta cercando di fare quadrare il cerchio cioè di dare dei diritti ma senza rinuciare a questa definizione truccata di “naturale”.

Non è necessario “abolire il matrimonio” ma bisogna ridiscutere oppure abolire la parola “naturale” che è il link di collegamento alla teologia cattolica, che blocca: a) la registrazione automatica dei matrimoni eterossessuali contratti all’estero (l’Italia interpreta i trattati come se le dessero il diritto di fare un filtro basato sul suo ordine pubblico interno); b) la registrazione dei matrimoni omosessuali contratti all’estero (come al punto a); c) la creazione di quache forma di coabitazione registrata o convivenza registrata, e la registrazione delle forme analoghe emesse da paesi dell’unione europea.

simone

i cattolici la possono interpretare come vogliono…chi interpreta la costituzione in Italia e’ la corte costituzionae e “naturale” non vuol dire affatto natualre in senso cattolici e il “naturale” della costiuzione nn vieta affatto il matrimonio tra persone dello stesso sesso anzi lo consente!

Folletto Baldanzoso

“Naturale” è straarcinoto che vuol dire “preesistente al diritto”, lo stabilisce la Corte Costituzionale che i teodem/teocon/teocazz ignorano volutamente.
L’organismo preposto all’interpretazione della Costituzione NON è la chiesa cattolica apostolica romana ma la Corte Costituzionale.
I matrimoni gay in Italia non sono costituzionalmente permessi, sono addirittura GARANTITI dallo stesso articolo (parità tra coniugi), art. 3 e altri ancora…

So schierarmi nella battaglia per i matrimoni gay e per l’adozione dei bambini da parte di coppie omosessuali. Però secondo me l’articolo 29 della Costituzione va modificato perché è totalmente falso che la famiglia sia fondata su un matrimonio. Una famiglia è fondata sull’amore, Mefistofele!

Simone

“non dimenticando di ricordare che il tema è inevitabilmente intrecciato a un’altra grande questione laica irrisolta”

Falso e questo e’ lo strumento retorico utilizzato dai contrario a qualsiasi riforma per non fare nulla: da una parte abbiamo delle coppie che non vogliono sposarsi ma che hanno un accettazione sociale amplissima e tutele giuridiche scarse e dall’altra persone che vogliono sposarsi ma non possono farlo e oltre a questo hanno un livello di accettazione sociale scarso.

Io sono favorevolissimo alla riforma in toto del nostro diritto di famiglia ma e´sbagliato dire che i diritti delle coppie etero non coniugate abbiamo qualcosa a che vedere con quelli delle coppie gay!

Folletto Baldanzoso

Ecco perché sono per l’abolizione del matrimonio.

Folletto Baldanzoso

Stai sicuro che dopo che i gay avranno ottenuto il matrimonio (e che io aiuterò) sarò il primo a chiedere esplicita abolizione della “famiglia fondata sul matrimonio” dalla Costituzione.

Matteo

Come potete vedere sono intervenuto educatamente, senza offendere nessuno.

Francesco

Tu offendi milioni di persone, ma sei troppo stupido per accorgetene.

Matteo

Ma non riuscite a fare un discorso senza dover ricorrere a insulti ed offerte varie?
Sembrate degli ultras da stadio.

maxalber

Intervenire educatamente, senza offendere nessuno è condizione necessaria ma non sufficiente.

Kaworu

hai bellamente ignorato la parte dove ti facevo notare il contrasto tra quanto tu dici e quel che dice(va) teoricamente il figlio del tuo dio, ma fa nulla.

manimal

buffi, ridicoli, polemici, lo dici, per simpatia, anche ai padroni di casa, quando ti invitano a cena?

Matteo

Forse non ci siamo capito, forse parlo in arabo, ma a me non interessa fare polemiche, anche perchè non è nel mio carattere.
Quello che non riesco a capire il vostro accanimento, o se vogliamo dire meglio ossessione verso il Cristianesimo, verso la Chiesa e i Cristiani.

maxalber

Se non riesci a capire è:
1) perchè non ci arrivi (problema tuo)
2) perchè non hai fatto il compitino a casa di informarti: hai provato a visitare il sito?
In particolare qui:
http://www.uaar.it/ateismo/dicono-di-noi

Quando hai finito torna qui e prova a risparare le tue sentenze così capiamo fino che punto trolli.

fab

Anch’io sono uno che non sta scrivendo alla tastiera, anche perché non è nel mio carattere. E quello che non riesco a capire è l’accanimento, anzi l’ossessione, della gente scippata nel voler denunciare gli scippatori. E lasciamo perdere l’odio veramente immotivato della guardia forestale verso i piromani.

Reiuky

😆 😆 😆 😆 😆 😆 😆 😆 😆 😆 😆 😆 😆 😆 😆 😆 😆 😆 😆 😆 😆 😆 😆 😆 😆 😆 😆 😆 😆 😆 😆 😆 😆 😆 😆 😆 😆 😆 😆 😆 😆 😆 😆 😆 😆 😆 😆 😆 😆 😆 😆 😆 😆 😆 😆 😆 😆 😆 😆 😆 😆 😆 😆

Non riesci a capirlo!!!!

Uaho! Un altro comico!

Stefano

@ Matteo

Matteo scrive:
15 agosto 2012 alle 9:08
Ma i problemi che deve pensare l’Italia sono quelli delle coppie di fatto?

Kaworu

quando i cristiani (cattolici, anzi. sono cose diverse. a catechismo e a religione cattolica dovrebbero spiegarlo) la smetteranno di ficcare il naso negli affari degli stati e di chi non crede, magari la smetteremo di occuparci delle loro ingerenze e imposizioni.

Federico Tonizzo

I cattolici la smetteranno di interferire con la legislazione degli altri stati solo quando si saranno estinti…
“Interferire” è quello che hanno sempre fatto.

Folletto Baldanzoso

Sei OT e non hai letto il regolamento che accetti in calce ad ogni inserimento di commento.

Roberto Grendene

Quello che non riesco a capire il vostro accanimento, o se vogliamo dire meglio ossessione verso il Cristianesimo, verso la Chiesa e i Cristiani.

ommamma, non è così, cerca di capire
io non sono affatto ossessionato da queste cose, voglio e ho voluto pure molto bene a persone cattoliche, porto rispetto per molte di esse

quello che non ci sta bene sono le discriminazioni a danno degli atei e degli agnostici, basate su leggi, regolamenti, atteggiamenti, tradizioni che dovrebbero essere osteggiati anche dai cattolici (e spesso lo sono, come quando molti di essi votarono per l’aborto e il divorzio)

gmd85

@Matteo

1) Matteo scrive:
15 agosto 2012 alle 13:20

Forse non ci siamo capito, forse parlo in arabo, ma a me non interessa fare polemiche, anche perchè non è nel mio carattere.

2) Matteo scrive:
16 agosto 2012 alle 10:05

Vi mancava la rubrica dove pubblicare una sorta di albumino che serve ad incollare le figurine stickers, con raffigurati tutti i profili vostri.
Proprio come i bambini.

Non so se considerarti affetto da sindrome crepuscolare o semplicemente idiota.

gmd85

Anche io, ma volevo concedergli il beneficio del dubbio. Insomma, viste le esibizioni di questi tre giorni non è che ci sia molto da dubitare, ma tant’è…

Stefano

@ gmd85

Ogni suo intervento fa propendere per la seconda. E ne va fiero. Altrimenti al primo avrebbe smesso

Tristan&Isolde

riguardo l’articolo 29

“La Repubblica riconosce i diritti della famiglia come società naturale fondata sul matrimonio. // Il matrimonio è ordinato sull’uguaglianza morale e giuridica dei coniugi, con i limiti stabiliti dalla legge a garanzia dell’unità familiare.”
.
A meno che non abbiano cambiato le regole piu’ elementari della grammatica italiana, “naturale” e’ attributo di “societa’ “, non di “famiglia”. Pertanto l’articolo non pone in contrapposizione la “famiglia naturale” con una fantomatica “famiglia innaturale”, ma pone in contrapposizione la “Repubblica”, cioe’ la “societa’ formale”, complessa, di cui se stanno definendo le regole generali attraverso la scrittura della Costituzione, con la
“famiglia” (la “societa’ naturale”, cioe’ spontanea, immediata, che pertiene ai singoli individui).

Ovvero, attraverso l’articolo 29, lo Stato riconosce e rispetta i diritti della famiglia, poiche’ l’aggregazione familiare precede quella dello stato (cioe’, non siamo uno stato Maoista, dove e’ il potere centrale che si arroga il diritto di decidere se/dove/come ti sposi, quanti figli avrai etc…).
L’articolo chiude dichiarando che l’isituto giuridico che determina la famiglia e’ il matrimonio, demandando alla legislazione ordinaria la definizione e regolamentazione di esso.

Quindi il 29 e’ tutto tranne che in contrapposizione con matrimoni omosessuali (o fantomatiche “famiglie innaturali”), e sicuramente non e’ “esclusivo”, ma “inclusivo”. Cioe’, lo Stato DEVE definire legistlativamente l’istituto matrimoniale, e dotarlo di diritti, ma non vieta l’attuazione di altre forme di convivenza. Insomma, per aver matrimoni omosessuali o convivenze civili (omo o etero) non e’ affatto necessario cambiare la costituzione, ma e’ sufficiente che siano definiti attraverso legge ordinaria.

Near

Anche perchè la scienza stessa dimostra che l’omosessualità non è affatto un fenomeno innaturale, in quanto riscontrato in svariate occasoni anche nel regno animale.

Near

La scienza si occupa della verità delle cose, i giudici di applicare leggi che spesso non derivano dalla realtà di fatto e spesso, ahimè, interpretandole…

Simone

La scienza dimostra anche che moltissimi mammiferi uccidono la prima cucciolata a volte mangiandola (lascio daparte che la maggior parte degli animali non ha la minima idea di cosa siano le cure parentali): dobbiamo legalizzare il cannibalismo e l’infanticidio del primogenito?
Da biologo cosa c’entri il fatto che i pinguini si accoppiano anche tra maschi con il fatto che uno stato di diritto basato sull’uguaglianza dei cittadini debba riconoscere il diritto di sposare una persona dello stesso sesso mi sfugge.

Near se lei riesce ad applicare una legge senza intepretarla (e poi una “legge” come una costituzione) credo abbia risolto il problema che attanaglia giuristi di tutto il mondo da almeno 2000 anni: complimenti!

Near

Comunque Simone se fari riferimento alle sentenza 15/03/2012 si dice che: “La coppia omosessuale è “titolare del diritto alla vita famigliare” come qualsiasi altra coppia coniugata formata da marito e moglie […]. I componenti della coppia omosessuale, conviventi in stabile relazione di fatto, se secondo la legislazione italiana non possono far valere né il diritto a contrarre matrimonio né il diritto alla trascrizione del matrimonio contratto all’estero, tuttavia […] possono adire i giudici comuni per far valere, in presenza di specifiche situazioni, il diritto ad un trattamento omogeneo a quello assicurato dalla legge alla coppia coniugata”
Pian piano ma ci stiamo arrivando e lo dico proprio io eterosessuale felicissimo…

Near

Simone, ma non siete voi quelli che si lamentano contro le toghe rosse perchè interpretano la legge ? Due pesi e due misure quindi…
Non dobbiamo legalizzare l’infanticidio e il cannibalismo in quanto data la struttura della nostra società e il nostro livello intellettivo sono cose totalmente inutili, mentre mi sfugge l’utilità del negare agli omosessuali una vita serena, con doveri e diritti come tutti gli altri…
Poi se per argomentare non siete capaci di far altro che usare paragoni che non stanno in piedi fate un danno alla vostra credibilità e onestà intellettuale, quindi solo a voi stessi.
Ci sono comunque anche giudici onesti che applicano la legge.

Simone

Caro Near,
facciamo finta che lei abbia capito male: io sono gay, ateo, biologo e guardi un po´pure favorevole al matrimonio tra persone dello stesso sesso e non nemmeno mai votato Berlusconi. Questo per caso c’entra qualcosa con il fatto
1. che i giudici da che mondo e mondo devono interpretare la legge (ripeto se lei riesce ad applicarla senza interpretarla si faccia avanti che aspettiamo da 2000 anni)
2. che la corte costiuzionale abbia deciso che vietare il matrimonio gay non viola la costituzione
non mi risulta…
Il paragone e’ idiota solo perche lei e´ignorante: l’infanticidio era pratica corrente ed e’ pratica corrente in moltissime civilta umane molte delle quali possiamo pure defini sviluppate intellettualmente . Sinceramente trovo idiota pensare che io abbia il diritto di sposare chi voglio perche i bonomo scopano qualsiasi cosa gli capiti a tiro!

Near

Che sappia io l’infanticidio è considerato uno dei reati peggiori nelle civiltà moderne ed era permesso solo nelle società passate come forma di sacrificio rituale o a causa di deformità.
Poi se riesci a smentirmi, accetto volentieri un confronto sulle fonti di cui immagino sarai pieno.
Il paragone con gli animali l’ho solo fatto per negare che l’omosessualità sia una cosa contro natura, non perchè di sè stesso sia motivo sufficiente per permetterlo, a buon intenditor…
Per i giudici, che il loro dovere sia quelle di essere obbiettivi e offrire un servizio imparziale ai cittadini non lo dice quell’ignorante di Near che non capisce niente, ma il codice etico stabilito col dlgs 29/1993.
Sulla sentenza del 15/03/2012 non ho fatto altro che copiarla paro paro.

Simone

interessante pare che le scuse sia andate fuori moda
1. che i giudice sia obiettivo non implica che non interpreti la legge…non citi codi etici che non c’entrano nulla! io posso esse obiettivo quando voglio ma quando ho un articolo che dice ” Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione” vale anche per la diffamazione? chissa’ non si deve intepretare, ” mezzo di diffusione” nel 1947 non esisteva internet quindi internet non e´protetto?? mistero non si deve interpretare….
2. Sulla sentenza del 15/03/2012: rilegga (o meglio legga perche non l´ha fatto) la parte in cui la corte di cassazione dice espressamente che la sentenza della Corte costituzionale 138/2010 e´perfettamente giusta e che non deve essere rivista (se non lo sa gli avvocati degli sposi avevano chiesto la rimissione degli atti alla Corte: rifiutato)
3. infaticidio: mai sentito parlare della Cina? (di oggi)
oppure del fatto che nella patria del diritto europeo il pater familias aveva diritto insindacabile di vita sui figli?

Near

Simone.
Mi risulta che il problema del diritto a manifestare le proprie idee sia in carico alla contraddizione con altri atti normativi, anche costituzionali. L’interpretazione dei giudici non c’entra, ad esempio se non si cancellano le norme relative ai patti Lateranensi ci sarà sempre qualche zelante giudice che su quelle potrà fare riferimento, senza per questo che abbia interpretato qualcosa.
Sulla sentenza del 15/03/2012 ho io stesso affermato quanto riportato, cioè che ufficialmente non si parla di matrimonio, ma si parla però di situazioni in cui si può prefigurare un trattamento omogeneo a quello della coppia eterosessuale e si dice che sussiste la titolarità al diritto alla vita famigliare, di qui il passo è breve.
Per la Cina, è vero che ci fu un report in cui in alcuni casi alcuni governanti locali sembra che avessero fatto uccidere dei bambini subito dopo la nascita, ma questa politica così come quella dell’aborto forzato non facevano parte della politica di contenimento ed erano violazioni di legge.
Per il pater familias, perfettamente d’accordo con te ma non aveva comunque il diritto di uccidere i figli e ora per fortuna questo istituto è decaduto.

Reiuky

Vediamo se ci arrivi…

Tizio A: L’omosessualità è contro natura
Tizio B: L’omosessualità è riscontrata in natura
Tizio A: Anche il cannibalismo. Dobbiamo permetterlo per legge?
Tizio B: ‘AZZO C’entra?

giuseppe

«i cittadini gay trascorrono la maggior parte della loro vita adulta in relazioni transitorie o impegni a breve termine, della durata di meno di sei mesi» (Edward Laumann).

Nel 2003 durante una conferenza della “American Sociological Association”, è emerso che il 75% degli omosessuali canadesi ha più partner contemporaneamente.

Nel 2003-2004 il “Gay/Lesbian Consumer Online Census”, valutando gli stili di vita di 7.862 omosessuali, ha rilevato che di coloro che erano coinvolti in una “relazione attuale”, per il 40% durava da meno di 10 anni e solo per il 5% durava da oltre venti anni (“Largest Gay Study Examines 2004 Relationships” GayWire Latest Breaking Releases).

E di questi giorni la notizia che la prima coppia gay italiana ad aver ottenuto il certificato di famiglia anagrafica basata su vincoli affettivi e di convivenza si è già separata. Durata del rapporto? Tre anni.

Uno studio di Gunnar Anderson, docente di demografia dell’Università di Stoccolma, quale ha scoperto che in Norvegia (dove le unioni civili sono legali dal 1993) i matrimoni tra maschi dello stesso sesso hanno il 50% di probabilità in più di finire in divorzio, rispetto ai matrimoni eterosessuali. Le coppie di lesbiche “sposate”, hanno invece mostrato il 167% di probabilità in più di divorziare rispetto alle coppie eterosessuali; in Svezia (dove le unioni civili sono legali dal 1995) i dati sono simili per i maschi, mentre il tasso di divorzio per le coppie di sesso femminile è risultato essere addirittura il doppio rispetto ai matrimoni di sesso maschile.

Nei Paesi Bassi, dove la «durata media di una partnership stabile» è di 1,5 anni, il “matrimonio” dello stesso sesso è in declino di popolarità : 2.500 coppie gay sposate nel 2001 ( l’anno in cui è stato legalizzato), 1.800 nel 2002, 1.200 nel 2004 e 1.100 nel 2005. Nel 2009, ultimo anno per il quale sono disponibili i dati, c’è stato un altro calo del 2%.

A U G U R I E F I G L I M A S C H I 🙂 😀 🙂 😀

Kaworu

e la cosa ti importa perchè…?

anche se il 100% dei gay fosse promiscuo, cosa non vera, dovrebbero comunque avere il diritto di sposarsi.

non mi risulta che gli etero sposati che frequentano club di scambisti (e non sono pochi) vedano automaticamente annullare il loro matrimonio.

comunque, tu parli di coppie di maschi.

è una novità il fatto che tendenzialmente i maschi (etero od omo che siano) siano più per “l’impollinazione plurima”?

le coppie lesbiche per contro sono assai più stabili di quelle etero.

Simone

è una novità il fatto che tendenzialmente i maschi (etero od omo che siano) siano più per “l’impollinazione plurima”?

questo puo´essere vero ma sta di fatto che almeno in scandinavia: le coppie lesbiche sono meno stabili di quelle gay (=omosessuali maschi)
che questo non sia un argomento contro il matrimonio tra persone dello stesso sesso e’ un altro discorso.

E’ interessante pero’ l´argomento per cui i matrimoni (gay) sono pochi e in calo:
1. ma non avevo detto che il matrimonio gay avrebbe deviato la gioventu’ che sarebbe diventata tutta gay portandoci all´estinzione?
2 e se son pochi mi domanda: in Italia ci sono al massimo una 30.000 ebrei molto meno dell’ 1% della popolazione ma se gli togliessimo tutti ii diritti che faremmo poi di male son cosi pochi…i gay son di sicuro di piu’…

Kaworu

“mediamente è così” non significa “sempre e ovunque è così” 😉

poi è ovvio che questi non sono argomenti pro o contro.

Kaworu

o meglio, scusa… è ovvio per tutti quelli messi leggermente meglio di giuseppe.

più o meno dai saprofiti in su.

Stefano

@ Simone e Kaworu

Aveste seguito giuseppe nel thread sulla Verità vi sareste accorti che non è in grado di produrre molto di più.

manimal qua sotto può darvi conferma.

Ebbene il tapino se ne è uscito dal thread con:

Mi sono stancato di giocare a briscola al tavolo di chi gioca a scopa, torno a divertirmi un po’ con le vostre lagne.

Eccolo qua. Magari chiede rispetto.

Per quanto mi riguarda non ne avrà nessuno. E’ un cialtrone in palese malafede.

Kaworu

informazione inutile alla discussione.

@stefano

a me sinceramente fa abbastanza pena, come quell’altro soggetto che appare solo dove si parla di figli (o potenziali tali), coppie, rapporti affettivi…
traspaiono tante cose.
poi certo, fanno anche schifo per molti altri motivi, una cosa non esclude l’altra.

Simone

@ Kaworu/stefano
Io non ho ho risposto a Giuseppe perche’ non e’ possibili il dialogo quinidi non mi interessa.
Kaworu
mediamente i matrimoni gay durano di piu di quelli lesbici che e’ l’esatto contrario della vulgata popolare a me pare molto rilevante…le femministe che sostituiscono le madonne a modelli di alta moralita e organizzazione dei conflitti sono seccamente smentite dai fatti!

Kaworu

uhm… dov’è che ho detto che “mediamente” significa “universalmente”?

(poi se hai intenzione di iniziare una guerra fra poveri, fai sapere subito eh, che la cosa non mi interessa particolarmente)

Simone

medialmente i matrimoni gay durano piu’ di quelli lesbici
…universalmente te lo sei intentato te per giustificare la tua “svista”…

Kaworu

mi posti qualche studio?

senza polemica, dato che personalmente me ne frega poco (perchè credo che, stabili o meno, tutti debbano avere diritto di sposarsi. o meglio, che tutti debbano avere gli stessi diritti).

se vuoi postami solo gli autori e i titoli che poi gli studi me li recupero io

Roberto Grendene

le coppie lesbiche per contro sono assai più stabili di quelle etero.

in pratica giuseppe è a favore delle coppie lesbiche e vorrebbe discriminare le coppie etero

Stefano

@ giuseppe

Matrimoni religiosi in Italia
1990 = 266.084
1991 = 257.555
1994 = 235.990
1995 = 232.065
1996 = 222.086
1997 = 220.351
1998 = 219.581
1999 = 215.743
2000 = 214.255
2001 = 192.558
2002 = 192.006
2003 = 186.489
2004 = 169.637
2005 = 166.431
2006 = 162.364
2007 = 163.721
2008 = 156.031
2009 = 144.384
2010 = 137.075

Se ne deduce cosa, genio?

giuseppe

e all’ora e all’ora, sessanta minuti fanno un’ora,
Sarà un ragionamento abbastanza ateo?

Near

Auguri a te e figli nè maschi, nè femmine, ma semplicemente rispettosi di chi non la pensa come loro e disposti magari anche a consultare le fonti a loro avverse.
Per le separazioni, mi ruslta che queste abbiano tassi altissimi anche per le coppie eterosessuali e comunque il paragone è improponibile, perchè stiamo confrontando una cerchia assai minoritaria della popolazione con tutti gli altri e quindi i ragionamenti in percentile non hanno alcun senso.

giuseppe

“Auguri e figli maschi” è un modo dire. Ti da fastidio anche quello?
Sei ridotto veramente male…

Stefano

@ gouseppe

Chi sia ridotto male possono leggerlo tutti.
Non credo tu sia nella posizione di fare lo spocchioso.
Almeno se non vuoi risultare ancora più ridicolo.

giuseppe

Ho sempre sognato di fare il buffone: grazie per il complimento.

Near

E’ un modo di dire che ritengo un pò misogeno, ma, figurati, c’è di peggio…

manimal

buffone=giullare.
fa ridere con l’intelligenza.

ridicolo=chi fa ridere di se.
e se meritevole di pietà farebbe piangere.

credi di meritare pietà?

fab

Spero anch’io che i figli dei creduli siano tutti maschi. E che abbiano una certa ritrosia verso le figlie degli scettici.

Near

Ragazzi, diamo al buon Giuseppe un altro pò di materiale con il quale si potrà rosicare il fegato (ovviamente detto in maniera bonaria, non gli auguro alcun male, per carità):
L’American Psychological Association, l’American Psychiatric Association, e la National Association of Social Workers affermano che “Le abilità delle persone gay e lesbiche e i risultati positivi per i loro figli non sono aree in cui ricercatori scientifici credibili possono dissentire. Affermazioni delle principali associazioni di esperti in quest’area riflettono un consenso professionale per cui i figli cresciuti da genitori lesbiche o gay non differiscono in alcuna considerazione importante da coloro che sono cresciuti da genitori eterosessuali. Nessuna ricerca empirica suggerisce il contrario.”[10] Come notato dalla Professoressa Judith Stacey, della New York University: “Raramente si è avuto un consenso tale in una qualsiasi altra area delle scienze sociali come nel caso dell’omogenitorialità, motivo per il quale l’American Academy of Pediatrics e tutte le maggiori organizzazioni professionali con esperienza nel benessere del bambino hanno proposto rapporti e risoluzioni in sostegno ai diritti dei genitori gay e lesbiche”.[51] Tra queste principali organizzazioni ricordiamo, negli Stati Uniti l’American Psychiatric Association, la National Association of Social Workers, la Child Welfare League of America, l’American Bar Association, il North American Council on Adoptable Children, l’American Academy of Pediatrics, l’American Psychoanalytic Association, l’American Academy of Family Physicians,[52] nel Regno Unito, il Royal College of Psychiatrists,[53] e in Canada, la Canadian Psychological Association.[48]

Una statistica del 2009 riscontra che il 52,5% della popolazione ritiene l’amore omosessuale eguale a quello eterosessuale, il 33,3% crede invece che l’omosessualità debba essere tollerata tanto quanto essa non debba essere ostentata, mentre il 9,3 % la definisce immorale. Queste statistiche si ottengono da sostanziali differenze tra le categorie di età: mentre il 62,1 % delle persone tra i 25 e i 34 anni ritiene l’amore omosessuale eguale a quello eterosessuale, solo il 33,9 % di coloro che superano i 65 anni sono dello stesso parere.[93]

Stefano

@ giuseppe

Tu avessi un minimo di intelligenza dovresti aver capito che non ce la puoi fare neanche con gli sfottò. Vai ai thread passati e rinfrescati la memoria.
Considerati i risultati della tua presenza qui anche quelli ti nobiliterebbero…

Osvaldo

Grazie dei dati.
Alla fine sono queste le informazioni che ci aiutano a capire.

Kaworu

ho smesso intorno ai cinque anni, e già allora lo trovavo idiota.

ma se lo senti come un gioco adatto a te, continua pure.

Near

“Sai dove te le puoi mettere quelle statistiche?”
Non le mette dove intendi tu, almeno finchè non le avrai smentite. Buon lavoro.

giuseppe

Mica sono quì per dare smentite, io sono qui solo per giocare.
Se l’ateismo non è un gioco per bambini capricciosi e viziati, cos’altro è?

Near

“Se l’ateismo non è un gioco per bambini capricciosi e viziati, cos’altro è?”
E il credere alle favole ?

manimal

se l’ateismo non è un gioco per bambini capricciosi e viziati, cos’altro è?

buon senso, cocco.

Near

Sullo studio di Svezia e Norvegia comunque (io ho sempre il vizio di verificare le fonti prima di accettare quello che mi si dice, chiamami Tommanso, he he he…) non hai detto che gli alti tassi potrebbero essere dovuti nel non coinvolgimento in vincoli genitoriali e più bassa esposizione alla pressione normativa circa la necessità di unioni a lungo termine, come affermano gli stessi autori.
Comunque uno studio eseguito in Danimarca nel 1997 ha riscontrato tassi di separazione significativamente più bassi tra le unioni omosessuali, rispetto a quelle eterosessuali:
http://www.psychologytoday.com/articles/199705/lessons-gay-marriage
In Inghilterra 30 mesi dopo l’introduzione della legge sulle unioni gay il tasso di separazione era al di sotto dell’1%:
http://www.pinknews.co.uk/2008/08/07/less-than-1-of-civil-partnerships-ending-in-divorce/

fab

giuseppe, spiace che tu abbia speso tutto quel tempo a postare qualcosa di irrilevante.

manimal

spiace che abbia deciso di essere irrilevante.
saranno le altezze dei suoi panorami meravigliosi che gli danno ebbrezza…

Federico Tonizzo

Consiglio a tutti di lasciar perdere giuseppe.
Non vale la pena perdere tempo con lui: quando gli si domostra che ha torto, non ammette mai di avere torto e piuttosto cambia discorso, facendo perdere tempo all’infinito.
Lui si “diverte” così (finchè gli si dà corda).

Laverdure

@Giuseppe
“A U G U R I E F I G L I M A S C H I 🙂 😀 🙂 😀 ”
Giuseppe, mi meraviglio di te !
Hai dimenticato di aggiungere :
“O ALMENO FEMMINE !! “

manimal

è un pezzo che non vomito.

ho scoperto che è molto più piacevole bestemmiare in faccia ai bigottini travestiti da liberi pensatori.

manimal

sembra che li faccia schiumare di rabbia…

saluti al bianco vestito.

Osvaldo

Articolo intelligente e gustoso.
Un esercizio di inversione dei ruoli che andrebbe fatto più spesso.

Anubi

@ Osvaldo

Proprio così! Un esercizio del genere andrebbe fatto spesso, soprattutto da alcune persone che scrivono qui 😉

fab

E’ bello leggere con quanta dovizia di argomenti ingegnosi il paride riesce a sostenere le sue ben ponderate tesi.

moltostanco

Conosce anche la parola “GAY”.
Aspettiamo di vederlo passare dallo stampatello al corsivo.

Francesco

“Questo matrimonio non s’ha da fare”

Papa: Ma allora Don Rodrigo era innammoraten di Renzen non di Lucia?
Segretario: Sua Santità, finisca di leggere l’articolo prima di trarre conclusioni.

makkè

ho dato una scorsa alla discussione.
Nessuno spiega, almeno credo, perchè la famiglia gay senza figli debba ottenere qui e subito quello che la famiglia non gay con figli aspetta pazientemente da 60 anni e più.
Aiutiamo la famiglia largamente prevalente non gay con figli e insieme a questa, anche se in subordine (per via del numero), anche le unioni gay senza figli.
Aiutare le unioni gay senza figli prima delle famiglie non gay con figli significa mutare surrettiziamente la Costituzione.
Ricordarsi di Pecoraro Scanio e Bertinotti, per favore: hanno danneggiato la sinistra e si sono condannati politicamente alla scomparsa!

Kaworu

cos’è che la famiglia non gay con figli aspetta pazientemente da 60 anni e più?

e la famiglia gay con figli invece che deve fare, secondo te?

in che modo l’apertura del matrimonio anche alle famiglie omosessuali (con o senza figli) può danneggiare o togliere qualcosa alla famiglia etero con figli?

no perchè rifletti… una coppia lesbica con figli passerà avanti alla tua famiglia etero con figli per l’assegnazione del posto all’asilo per i figli, per esempio. perchè verrebbero considerati figli di madre single. mi rendo conto che sia paradossale dover far riflettere su queste cose per ottenere diritti (e doveri), ma va beh.

Alex

Scusami ma quali sarebbero i diritti “in più” che la famiglia gay senza figli vuole ottenere qui e subito e che invece la famiglia etero con figli aspetta da 60 anni?
A me non risulta che chiedano delle tutele in più rispetto a quelle garantite attualmente per le coppie eteosessuali, puoi fornire qualche esempio in proposito?
Non pensi che eventualmente sarebbe più giusto aiutare TUTTE le famiglie con figli indipendentemente dall’orientamento sessuale dei componenti?

makkè

io proponevo di più sopra:
“Aiutiamo la famiglia largamente prevalente non gay con figli e insieme a questa, anche se in subordine (per via del numero), anche le unioni gay senza figli.”
Ma concordo benissimo con te, anche se non vedo bene come una famiglia gay con genitori unisex possa portare figli.

makkè

@Kaworu,
Non faccio il ragionamento di sopra per difendere i, per altro legittimi, miei interessi politici di ateo disoccupato appartenente a famiglia numerosissima.
Lo faccio anche per tentare di tutelare la forza della sinistra tutta. Oppure tu pensi che Bertinotti e Pecoraro siano scomparsi per mero caso dalla scena politica, e i Pacs non c’entrano nulla?

Kaworu

(usare il tasto “rispondi” risulta così ostico?)

sinceramente, se sparissero anche altri soggetti non sarebbe male.

per esempio le varie zavorre cattobigotte della cosiddetta “sinistra” (che deve aver capito male, dato che stanno facendo il giro per cercare di piazzarsi a destra della destra)

ancora non ho capito come una cosa escluda l’altra, comunque.

ah, sono anche per una seria educazione sessuale

makkè

se non ti importa che pezzi della sinistra scompaiano con disonore dalla scena politica dopo aver affondato il governo Prodi e spianata la via a Berlusconi vuol dire che sei figlio\a unico\a di padre ricco?
Sono contento per te.

Kaworu

io al momento non vedo sinistra, ad essere sincera.

forse c’è qualche parlamentare mancino, ma non saprei.

francesco s.

Bertinotti è scomparso perchè si è comportato da borghesuccio e ora si è riciclato a scrittore.

Non c’entrano nulla i diritti delle persone omosessuali con gli insuccessi della sinistra, dovuti al fatto che ha perso i suoi valori fondamentali.

Va bene se questo te lo dice il figlio di un vigile urbano o sono troppo ricco?

Kaworu

troppo boVghese, amico mio…

(che poi i miei semplicemente non hanno fatto più figli di quelli che pensavano di poter mantenere secondo uno standard da loro ritenuto “sufficiente”. è abbastanza semplice, con delle basi di educazione sessuale)

Kaworu

trovo queste guerre tra poveri veramente idiote e controproducenti, tra l’altro.

intendo “tra poveri” sia in senso proprio che in senso figurato, ovviamente.

Ateonontroppo

Ennesimo post UAAR che stabilisce la linea ideologica per i cosidetti liberi pensatori.
Sotto sotto è solo nostalgia del COMINTERM

Saluti

Kaworu

stai bene?

hai passato il ferragosto sotto al sole dopo l’impepata di cozze?

Costantino Rossi

@cattolicoparecchio
E da quali passaggi trarresti queste conclusioni? A me è parso utile, elencando partiti di destra, centro e sinistra che sono favorevoli ai matrimoni gay.

stefano

un paio di cosette dopo una bella giornata di sole passata al mare, dunque primo nessuna legge tutelare pro gay e lesbiche sarà mai adottata spontaneamente in questo paesello di cacca se non dopo seri interventi Ue che ci obbligheranno ad adeguarci, secondo dite alla Concia che il suo non partito spasimante di Casini e Fini brrrrrrrrrrrrr non può sotto diktat vaticano permettere le unioni gay, pena la scomunica di tutti i deputati pd (partito democristiano) ad opera del santo pater benedikt 16 con conseguente mal di pancia di suor Bindy 🙂 l’italietta di cacca è questa e noi pensanti siamo purtroppo un’esigua minoranza.

giuseppe

Ora le ferie, per me, sono veramente finite e, con rammarico, vi debbo lasciare.
Debbo dirvi che mi sono veramente divertito e spero sia così anche per voi ( J 😀 )
Baci e abbracci, senza alcun rancore, a tutti indistintamente.

P.S. Siete troppo divertenti e vi prometto che, se avrò bisogno di rilassarmi e gli impegni me lo permetteranno, non mi scorderò di voi.

pastore tedesco

Il problema è che il tuo cervello è in ferie dalla nascita.
Qui non sei il benvenuto ma ti è consentito di scrivere qualcosa (argomentare non è un verbo che si può affiancare al tuo nome) contraria alle idee della maggioranza dei frequentatori. Nel tuo ambiente naturale (parrocchia o aggregazione simil-cattolica) o sei fedele alla linea o sei fuori.
In ogni caso se vuoi divertirti realmente, ti consiglio di leggerti i bollettini parrocchiali, uno qualsiasi, ne sfornano a migliaia, grazie alle estorsioni ad anziani celebrolesi o a finanziamenti di enti pubblici.
Da li si capisce, il livello culturale ed intelletuale del cattolico medio. E le analisi della società fatte dai vari vescovi e parroci sono veramente esilaranti.
Evita di mettere faccine divertite nei tuoi post, non sei divertente e non sei capace di fare battute. Le tue uscite valgono come battute solo tra preti, chierichetti e scout.
Qui sono solo figure ridicole.
So già che risponderai con lo stile dello “specchio riflesso”.
Buon ritorno al lavoro. A proposito quale farmaco sperimentale da testare ti stanno somministrando?

Osvaldo

“il riconoscimento dei diritti delle coppie di fatto, che sono in maggioranza eterosessuali. L’Italia è l’unico paese dell’Europa occidentale a non aver ancora provveduto a tutelarle con una legge specifica.”

Per quanto tempo ancora l’Italia potrà ignorare ciò che le accade intorno? Certo, se gli italiani fossero più e meglio informati sulla situazione internazionale il proesso di adeguamento sarebbe più spedito. Tuttavia credo che sia davvero solo una questione di tempo.

Dino

Nell’articolo è scritto: “Paola Concia, unico parlamentare omosessuale, non si fida […].” Evidentemente c’è un errore: al momento, FORSE, è l’unico parlamentare dichiaratamente omosessuale; ma, CERTAMENTE, non è l’unico parlamentare omosessuale. Altrimenti il parlamento sarebbe davvero contro natura.

spapicchio

La realtà in Italia è che tanti giovani coppie si sino affidate e sono colluse con i magnaccia clericali del centro destra, ossia PSI, PDL, Lega Nord, PD, eccetera come strumento ideologico discriminatori per acquisire regali, privilegi, trattamenti di favore, soldi, coperture politiche, in cambio del voto e della propaganda omo-xenofobica sul territorio.

Per cui queste coppie cattoliche, anche giovani, si sentirebbero orfane dei loro protettori politici cattolici della CCAR.

Tutto questo però avviene a prescindere dalla realtà concreta, ossia la xenofobia, la omofobia eccetera, essendo strumentali non sono nemmeno supportate da motivazioni concrete, reali, ma perlopiù fasulle, cattonaziste, clericotalebane, eccetera, come spiegava painkiller tempi fa, certo spesso anche dettata e determinata dalla ingnoranza sosoenuta dalla CCAR – CEI – Vaticano e dalla disperazione e rasegnazione alla distruzione dello stato di diritto a favore delle mafie ndranghete e camorre locali gestite a livello famigliare, che controllano condizionando in modo decisivo molte amministrazioni pubbliche.

A peggiorare le cose anche una crisi economica, e i fenomeni di migrazione fuori controllo che le amminmistrazioni pubbliche statali stentano a governare.

spapicchio

scrivo meglio:

xenofobia, omofobia, prevaricazione, ottusità, sopruso, violazioni gravi dello Stato di Diritto Costituzionale, presunzione, protervia, sbando ideologico, violenza, discriminazione, intolleranza, eccetera sono comportamenti che traggono origine dalla ignoranza e dall’ottusità religiosa dettata e nutrita dalla dottrina e dagli esponenti del cattolicesimo romano – CCAR – CL – Comunità delle Opere – Lega Nord – maggioranza del PDL – gran parte del PD – PSI, eccetera.

spapicchio

* Tante giovani coppie si sono parecchio colluse, per poter discriminare e ricevere privilegi rispetto agli altri cittadini italiani come loro che resistono a un fascismo clericale, con gli esponenti del centrodestra PSI-PDL – Lega Nord – parti del PD, eccetera, come strumento ideologico politico discriminatorio per acquisire denaro, trattamenti di favore, tangenti, finanziamenti pubblici senza averne né merito, né diritto, coperture, protezioni, eccetera.

makkè

@spapicchio,
cosa intendi quando parli delle giovani coppie colluse senza possedere coperture e protezioni?
non è chiaro, credo.

spapicchio

@ makkè

no, io non ho scritto l’espressione che riporti: hai letto male o hai frainteso.

dico che ci sono parecchie giovani coppie le quali per ottenere privilegi dai politici cattolici conservatori e non, basta siano in partitocrazia cattolica, SONO COLLUSE CON I SOPRADESCRITTI MAGNACCIA PARTITOCRATI dei vari maggiori partiti sopra elencati (non ho usato il verbo “possedere” come lo scrivi tu) per mantenere od acquisire privilegi immeritati e discriminatori, e per farsi proteggere e coprire nelle violazioni dello stato di diritto, come prevaricazioni e azioni lesive dei diritti dei loro consimili, aventi gli stessi diritti.

Vedasi per esempio le numerose amministrazioni pubbliche condizionate dalle mafie camorre ndranghete, le quali hanno una gestione di tipo famigliare, od interessate dal malaffare e dalla incapacità di governare il territorio.

vime

In effetti mi mancava proprio la SOLITA risposta :
Matteo: 15 ago 9:08 : “Ma i problemi che deve pensare l’Italia sono quelli delle coppie di fatto?
Io penso che ci siano cose molto piu importanti.”

Caro Matteo seguendo la tua logica ci saranno SEMPRE problemi più importanti e continuando a rimandare non si arriverebbe mai a una soluzione… In ogni caso (sempre seguendo la tua logica) non si capisce per quale motivo hanno approvato delle leggi contro le barriere architettoniche o contro lo stalking… eppure anche i portatori di handicap e le donne minacciate sono una minoranza… e pure inferiore ai cittadini omosessuali.

Commenti chiusi.