Mostra del cinema, al film di Bellocchio il premio dell’Uaar

L’Unione degli Atei e degli Agnostici Razionalisti ha assegnato anche quest’anno il premio Brian (dal titolo della commedia dei Monty Python, Life of Brian).

Il premio viene attribuito a un film, presentato alla mostra del cinema di Venezia, “che evidenzi ed esalti i valori dal laicismo, cioè la razionalità, il rispetto dei diritti umani, la democrazia, il pluralismo, la valorizzazione delle individualità, le libertà di coscienza, di espressione e di ricerca, il principio di pari opportunità nelle istituzioni pubbliche per tutti i cittadini, senza le frequenti distinzioni basate sul sesso, sull’identità di genere, sull’orientamento sessuale, sulle concezioni filosofiche o religiose”.

Giunto alla sua settima edizione, il premio è stato attribuito al film Bella addormentata di Marco Bellocchio.

La pellicola, scrive la giuria, “affronta il tema del ‘fine-vita’ con spirito laico, sottolineando l’importanza del rispetto delle scelte individuali. Mette in luce l’arroganza del potere politico e la grettezza dei pregiudizi religiosi nei confronti di scelte che devono essere improntate al principio dell’autodeterminazione. La rappresentazione rende conto della complessità del problema del termine della vita in maniera non riduttiva né ideologica”.

Marco Bellocchio, a cui è stata comunicata la vittoria, ha ringraziato l’Uaar per l’attribuzione del premio.

Comunicato stampa UAAR