Archivi Mensili: aprile 2013

Petizione internazionale per la liberazione dei blogger atei bangladesi

Stiamo seguendo in queste settimane la situazione critica sul fronte dei diritti umani in Bangladesh: un attivista ucciso, quattro blogger atei arrestati con l’accusa di blasfemia per aver semplicemente espresso il loro pensiero. L’Uaar ha scritto al governo affinché intervenga per denunciare queste violazioni della libertà dalla religione e ha scritto anche alle principali associazioni islamiche italiane perché si uniscano al nostro appello. Oggi lanciamo una petizione su Change.org in cui chiediamo libertà e sicurezza per i blogger arrestati ingiustamente:… Leggi tutto »

Ateismo e internet

L’intento di questo blog è anche quello di favorire la riflessione su cosa va e su cosa non va nel mondo dell’attivismo laico e non credente. Recentemente, per esempio, l’abbiamo fatto a proposito della cosiddetta “chiesa per atei”, dei non credenti che hanno seguito il digiuno quaresimale e delle controversie scaturite dall’ultimo libro di Frans de Waal. Atei e agnostici sono enormemente eterogenei quanto a posizioni e atteggiamenti, ma spesso non sembrano essere consapevoli di questa realtà, tanto da sorprendersi… Leggi tutto »

La diplomazia Usa, l’ascesa di Comunione e liberazione e il Vaticano vicino alle dittature

All’epoca era soltanto un movimento studentesco cattolico di belle speranze (integraliste). Nel giro di pochi anni diede vita a una formazione politica, il Movimento Popolare, e divenne una realtà ecclesiale di primo piano con il riconoscimento ufficiale da parte di Giovanni Paolo II per decreto nel 1982. Un’ascesa apparentemente inarrestabile. Tutto merito della fede in Dio? Un’inchiesta de L’Espresso, che pubblica i Kissinger cables di Wikileaks, rivela i rapporti tra le autorità statunitensi e Comunione e liberazione fin dagli anni… Leggi tutto »

Blogger atei bangladesi: l’Uaar scrive alle organizzazioni islamiche italiane

Gentili rappresentanti dell’Unione delle Comunità Islamiche d’Italia (Ucoii), della Comunità Religiosa Islamica (Coreis), dell’Associazione Musulmani Italiani (Ami) e della Lega Musulmana Mondiale, la situazione in Bangladesh sta precipitando: diversi blogger atei sono stati arrestati e una folla enorme, circa mezzo milione di persone, ha chiesto la loro impiccagione. Apprendiamo queste notizie con orrore. L’applicazione delle leggi sulla “blasfemia” si rivela ancora una volta uno strumento liberticida che mette in serio pericolo giovani vite umane, dentro e fuori dal carcere. Tutto ciò… Leggi tutto »

Blogger atei bangladesi, l’Uaar scrive al governo

Presidente Monti, quale ministro degli affari esteri ad interim ha senz’altro già avuto modo di essere aggiornato sulla situazione in Bangladesh. All’arresto di diversi blogger atei ha fatto seguito un’imponente manifestazione islamista, a cui hanno partecipato alcune centinaia di migliaia di persone, che ha chiesto la loro impiccagione. Lo scorso febbraio un altro blogger, Ahmed Rajib, venne ucciso a colpi di machete. Le vittime di tale furia sono giovani colpevoli soltanto di pensarla diversamente dalla maggioranza della popolazione, e di… Leggi tutto »

I blogger atei del Bangladesh, che gli islamisti vogliono impiccare

Ne abbiamo parlato recentemente, domandandoci se non fosse in corso un’altra primavera. Gli sviluppi della crisi in Bangladesh sembrano purtroppo andare, anche qui, in direzione di un nuovo inverno. Se non peggio: di una vera e propria era glaciale. A Dhaka si sono svolte imponenti manifestazioni di giovani pro laicità e democrazia contro il partito islamista Jamaat-e-Islami, coinvolto nei crimini della guerra d’indipendenza nel 1971. La scrittrice Tasmila Nasreen ha appoggiato la mobilitazione paragonandola a quella egiziana di piazza Tahrir…. Leggi tutto »

La clericalata della settimana n. 13: Cesare Prandelli

Ogni settimana pubblichiamo una cartolina dedicata all’affermazione o all’atto più clericale della settimana. La redazione è cosciente che il compito di trovare la clericalata che merita il riconoscimento sarà una impresa ardua, visto l’alto numero di candidati, ma si impegna a fornire anche in questo caso un servizio all’altezza delle aspettative dei suoi lettori. Anzi, ringrazia in anticipo chi le segnalerà eventuali “perle”. Il primo posto, questa settimana, è assegnato al commissario tecnico della nazionale italiana di calcio, Cesare Prandelli,… Leggi tutto »