Manifesti atei per le strade di Milano: “Viviamo bene senza D”

A distanza di quattro anni dalla famosa (e censuratissima) campagna dei cosiddetti “ateobus” l’Uaar torna a proporre messaggi pubblicitari incentrati sui diritti dei non credenti. Lo fa partendo da Milano, ma con l’intento di estenderli presto ad altre città italiane.

Un megaposter di sei per tre metri è stato affisso oggi in piazza Belfanti, seguiranno altre due affissioni in piazza Ospedale Maggiore e via dei Vespri siciliani. I milanesi che vi passano si imbattono in una grande immagine giallo-nera (i colori sociali Uaar) che ricorda loro che “dieci milioni di italiani vivono bene senza D”. E che “quando sono discriminati, c’è l’Uaar al loro fianco”.

Perché questa campagna? “Viviamo in una società in cui i non credenti sono ritenuti pochi, sono presentati negativamente e sono spesso oggetto di disparità di trattamento”, spiega Raffaele Carcano, segretario Uaar. “Con la nostra campagna vogliamo invece ribadire che in Italia vivono (generalmente bene) circa dieci milioni di non credenti, e che c’è chi si impegna per eliminare le discriminazioni nei loro confronti”.

Un messaggio d’impatto, perché non tutti sono disposti ad accettare che si rivendichi orgogliosamente la propria incredulità. Anzi, capita non raramente che non solo religiosi, ma anche politici, opinionisti, addirittura giudici sostengano che persino la semplice, pubblica manifestazione di non credenza in D può costituire un’offesa al sentimento religioso dei credenti. “Forse i credenti sono più permalosi di atei e agnostici”, conclude ironicamente Carcano: “ebbene, questa pubblicità costituisce per loro un’occasione per smentirlo”.

La campagna è stata ideata dalla creative agency Zowart.

La redazione


Affissione in piazza Ospedale Maggiore, Milano.