Archivi Giornalieri: martedì, maggio 28, 2013

La scuola pubblica dopo Bologna

Il referendum di Bologna era già riuscito a riproporre all’attenzione di tutti il destino della scuola pubblica. L’esito del referendum, con la sorprendente (vista la disparità delle forze in campo) affermazione dei sostenitori della scuola per tutti, potrebbe riuscire ad ampliare ulteriormente l’attenzione per questo delicatissimo tema. Scriviamo “potrebbe,” e non “dovrebbe”, perché la classe dirigente sembra rivelarsi sempre più sorda ai segnali che arrivano dalla popolazione. Il 26 maggio hanno votato per il referendum comunale, che era solamente consultivo,… Leggi tutto »

Andremo tutti all’inferno?

L’attenzione di papa Bergoglio si sofferma in particolare su due argomenti: il diavolo e, come abbiamo già scritto, gli atei. Talvolta sono affrontati separatamente, ma non mancano di essere affiancati, com’è accaduto l’indomani stesso della sua elezione. Quando ha detto, citando Léon Bloy, che “chi non prega il Signore, prega il diavolo”, “quando non si confessa Gesù Cristo, si confessa la mondanità del diavolo, la mondanità del demonio”. Gli atei devono andare all’inferno, come duemila anni di dottrina insegnano, o… Leggi tutto »

La disfida del crocifisso di Sulmona

Domenica scorsa la coordinatrice Uaar dell’Aquila, Liana Moca, ha civilmente chiesto e ottenuto che dal seggio di Sulmona in cui votava fosse tolto il crocifisso. Il tutto si è svolto pacificamente e senza alcun clamore. Questo è infatti un diritto degli elettori, ottenuto dopo la lunga battaglia legale del socio Uaar Marcello Montagnana, nominato scrutatore elettorale nel 1994. Montagnana, scomparso nel 2004, si era rifiutato all’epoca di ricoprire l’incarico perché riteneva violato il principio di laicità, vista la presenza del crocifisso al… Leggi tutto »