Archivi Giornalieri: venerdì, giugno 21, 2013

Atti di vandalismo contro i manifesti Uaar ad Ancona

La nostra campagna “Bene senza D” prosegue con affissioni in diverse città. Qualche fondamentalista si è evidentemente sentito in missione per conto di D, incaricato di disturbare la libera espressione, imbrattando e cancellando parte dei cartelli. È successo qualche giorno fa a Cagliari e ora ad Ancona. Il circolo di Ancona dell’Uaar denuncia l’inizio di una campagna di intolleranza e vandalismo nei confronti dei manifesti e dei poster affissi nella città di Ancona. Il senso e lo scopo di tale… Leggi tutto »

Tra anoressia e fame di Dio

Rifiutare le cure mediche nella convinzione che Dio possa guarire e morire. L’ultimo caso che ha destato scalpore è quello di Antonella Mirabelli, una diciannovenne di Rosario del Tala in Argentina. La ragazza, affetta da una grave forma di anoressia, era arrivata a pesare solo 31 kg. Ma sulla base di una fervente fede religiosa rifiutava le cure, con il sostegno della madre e della nonna. Il padre, Cristián Mirabelli, temendo per la sua vita si era invece rivolto al… Leggi tutto »

Non nominare l’Io invano

La semiologa Giovanna Cosenza ha pubblicato sul suo sito un intervento critico nei confronti della nostra campagna pubblicitaria. Sin dal titolo si rivolge a noi con una domanda: Uaar: sicuri che “vivere senza D” sia ridursi a un misero “io”? Una risposta le è senz’altro dovuta. A nostro avviso non c’è proprio nulla di misero nell’io. Vivere senza D significa infatti valorizzarne le potenzialità, che sono inevitabilmente limitate quando si dipende da D, e soprattutto dai dogmi imposti dai suoi… Leggi tutto »