La clericalata della settimana, 39: il premier Matteo Renzi ad Assisi

Ogni settimana pubblichiamo una cartolina dedicata all’affermazione o all’atto più clericale della settimana compiuto da rappresentanti di istituzioni o di funzioni pubbliche. La redazione è cosciente che il compito di trovare la clericalata che merita il riconoscimento sarà una impresa ardua, visto l’alto numero di candidati, ma si impegna a fornire anche in questo caso un servizio all’altezza delle aspettative dei suoi lettori. Ringraziamo in anticipo chi ci segnalerà eventuali “perle”.

La clericalata della settimana è del premier Matteo Renzi, che

ha scelto Assisi e la commemorazione di San Francesco per inviare una sorta di messaggio alla nazione


Renzi-Assisi-2014

Presenti tra gli altri anche il sindaco di Roma Ignazio Marino e il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti.

A seguire le altre segnalazioni.

Pierluigi Tadi, preside di fresca nomina del liceo artistico Munari di Crema (CR), ha cominciato il suo mandato constatando l’assenza di crocifissi ai muri e ha immediatamente provveduto a farli appendere. Ha giustificato la decisione sostenendo, falsamente, che è un obbligo di legge.

Il progetto di legge sul divorzio breve si è arenato al Senato, subito dopo l’intervento negativo della Conferenza Episcopale Italiana.

Venerdì 3 ottobre gli alunni della scuola elementare di Lerici (SP) dell’istituto comprensivo ISA 10 sono stati portati a una messa per l’inizio dell’anno scolastico dagli insegnanti, durante l’orario delle lezioni.

L’Ordine dei Medici e degli Odontoiatri della Provincia Autonoma di Bolzano ha organizzato una messa, preceduta dalla relazione sul tema Perché credere?

La Polizia di Stato ha festeggiato il suo patrono cattolico, San Michele, celebrando tante messe in varie citta, da Alessandria, a Ferrara fino a Ragusa.

È stato reso noto che, con una circolare diramata a luglio, il Ministero della Giustizia ha sostanzialmente abrogato il dovere dei cappellani cattolici di garantire almeno 18 ore settimanali di presenza in carcere.

Ad Andria (BT) sono stati consegnati sedici alloggi ad anziani. Alla cerimonia sono intervenute anche “le autorità religiose”.

La redazione