Archivi Mensili: agosto 2015

India, stupro su due giovani come rivalsa per adulterio del fratello

In India, un uomo ha una relazione con una donna già sposata, appartenente a una casta superiore. Un consiglio autocostituitosi nel suo villaggio lo condanna. Ma visto che si è dato alla fuga, la colpa ricade sulla sue due sorelle, del tutto estranee: il “tribunale” tribale le condanna a essere stuprate e a sfilare nude per strada, oggetto del pubblico ludibrio.

Iran, kolossal su Maometto gradito al regime e sgradito ai sunniti

Il regista iraniano Majid Majidi, già candidato Oscar e di confessione sciita, ha girato un film dedicato alla vita di Maometto, “Muhammad: Messenger of God”. La pellicola, che è la più costosa nella storia dell’Iran ed è stata lodata dall’ayatollah Khamenei, ha destato però le critiche dell’università sunnita di Al-Azhar, che accusa di aver rappresentato il profeta (sebbene si vedano solo mani, i piedi e pochi dettagli) e di aver violato la sharia.

La clericalata della settimana, 35: l’Unione dei Comuni della Valsaviore

Ogni settimana pubblichiamo una cartolina dedicata all’affermazione o all’atto più clericale della settimana compiuto da rappresentanti di istituzioni o di funzioni pubbliche. La redazione è cosciente che il compito di trovare la clericalata che merita il riconoscimento sarà una impresa ardua, visto l’alto numero di candidati, ma si impegna a fornire anche in questo caso un servizio all’altezza delle aspettative dei suoi lettori. Ringraziamo in anticipo chi ci segnalerà eventuali “perle”. La clericalata dell’Unione dei Comuni della Valsaviore

Proposte di lettura

Segnaliamo alcuni libri, usciti negli ultimi mesi, in cui si approfondiscono i temi di cui si interessa l’Uaar. Tutti i testi sono stati acquistati tra luglio e agosto dalla Biblioteca Uaar e sono disponibili per la consultazione. Chi preferisce acquistare i suoi libri preferiti può farlo attraverso il sito Uaar: in tal modo contribuirà a sostenere l’associazione.

L’inevitabile crescita dell’ateismo in sei previsioni

Secondo Daniel Dennett e Linda LaScola sono sei i principali fattori che potrebbero contribuire all’ulteriore diffusione dell’incredulità negli Usa. Le possibilità offerte da internet nel trovare informazioni e aggregare persone; la crescita dei gruppi laici pro-sociali; il declino dell’appartenenza alle confessioni cristiane; il declino dello stigma sociale verso i non credenti; lo spostamento di teologi ed esponenti religiosi su posizioni più laiche; la fede vissuta in maniera più personale, distinta da scienza e politica.

Quel senso del limite applicato sempre agli altri e mai a se stessi

Il passaggio del vescovo Galantino, segretario della Cei, al meeting riminese di Cl segna il ritorno della Chiesa cattolica alla sua vecchia e cara abitudine di accusare mantenendosi sul vago, di lanciare frecciate senza far capire chiaramente a chi sono rivolte, così che ognuno possa fornirne un’interpretazione vantaggiosa per sé e redirigere le velate accuse contro qualcun altro. Con la differenza che stavolta la tecnica non ha funzionato, chi si è sentito toccato dal discorso non ha alzato il naso… Leggi tutto »

La clericalata della settimana, 34: il Friuli-Venezia Giulia

Ogni settimana pubblichiamo una cartolina dedicata all’affermazione o all’atto più clericale della settimana compiuto da rappresentanti di istituzioni o di funzioni pubbliche. La redazione è cosciente che il compito di trovare la clericalata che merita il riconoscimento sarà una impresa ardua, visto l’alto numero di candidati, ma si impegna a fornire anche in questo caso un servizio all’altezza delle aspettative dei suoi lettori. Ringraziamo in anticipo chi ci segnalerà eventuali “perle”. La clericalata della settimana è della Regione Friuli-Venezia Giulia,… Leggi tutto »

Lettera aperta alle autorità del Bangladesh

Al Primo Ministro Sheikh Hasina e al Presidente Abdul Hamid, Noi, membri preoccupati della comunità di blogger e attivisti del Bangladesh e degli altri paesi, insieme ai rappresentanti di organizzazioni per i diritti umani e di altre organizzazioni della società civile, oltre che dei rispettivi sostenitori, intendiamo protestare nella maniera più forte possibile contro l’attacco istituzionale ai cittadini del Bangladesh che professano umanismo, ateismo o una vistione laica della società. Negli ultimi due anni cinque blogger (che si identificavano umanisti,… Leggi tutto »