Ingerenza Cei, Bagnasco pretende voto segreto su unioni civili

Mentre i clericali scatenano la bagarre in Senato per boicottare i diritti civili con toni e scene vergognosi, il cardinale Bagnasco scende (per l’ennesima volta) in campo, stavolta per pretendere il voto segreto sulle unioni civili e più spazio agli ostruzionisti.

L’ennesima ingerenza della Chiesa cattolica che punta a dirigere le istituzioni, persino in spregio a quel Concordato così prodigo di favori e privilegi. Troppo invadente persino per il governo: il sottosegretario ai Rapporti con il Parlamento, Luciano Pizzetti (PD), ha commentato che “le esortazioni sono giuste e condivisibili, ma come regolare il dibattito del Senato lo decide il presidente del Senato. Non il presidente della Cei”.

Unioni civili, Bagnasco: “Voto segreto”. Governo: “Cei non decide calendario del Senato”. Bagarre in aula