Archivi Mensili: ottobre 2017

La clericalata della settimana, 41: Musumeci l’anti “gender”

Ogni settimana pubblichiamo una cartolina dedicata all’affermazione o all’atto più clericale della settimana compiuto da rappresentanti di istituzioni o di funzioni pubbliche. La redazione è cosciente che il compito di trovare la clericalata che merita il riconoscimento sarà una impresa ardua, visto l’alto numero di candidati, ma si impegna a fornire anche in questo caso un servizio all’altezza delle aspettative dei suoi lettori. Ringraziamo in anticipo chi ci segnalerà eventuali “perle”. La clericalata della settimana è del candidato del centrodestra… Leggi tutto »

Buone novelle laiche

Non solo clericalate. Seppur spesso impercettibilmente, qualcosa si muove. Vogliamo darvi anche qualche notizia positiva di agosto e settembre che mostri come, impegnandosi concretamente, sia possibile cambiare in meglio questo Paese. Nella complicata gestione del fenomeno migratorio le istituzioni cercano di prestare attenzione anche al rispetto della laicità e dei diritti, tema particolarmente caldo di fronte alle sfide del multiculturalismo. Il Ministero dell’Interno ha stilato il primo Piano nazionale per l’integrazione, che definisce una serie di doveri e principi che… Leggi tutto »

Sbattezzo: 5 motivi per farlo (e 3 per non farlo)

“Perché sbattezzarsi?” In molti si pongono questa domanda, sia tra i detrattori dello sbattezzo che tra coloro che vorrebbero sbattezzarsi ma ancora esitano a farlo. Rivolgendoci ad entrambi abbiamo deciso di stilare una breve lista di motivi per farlo assieme a quelli per cui non farlo. La data scelta non è casuale. Il 25 ottobre 1958, infatti, la Corte d’appello di Firenze assolse Pietro Fiordelli, vescovo di Prato che aveva pubblicamente messo alla gogna due suoi giovani parrocchiani la cui… Leggi tutto »

I nemici dell’arte religiosa

Potrebbe sembrare paradossale, ma quando si parla di beni interessanti dal punto di vista storico/artistico e con una precisa connotazione religiosa, i principali nemici da cui difendersi sono proprio le religioni. Ovviamente con l’esclusione di quella che ha tutto l’interesse di difendere quel bene. L’ennesima conferma è arrivata recentemente dallo Stato indiano dell’Uttar Pradesh, il più popoloso dell’intera federazione e del mondo, che ha clamorosamente e assurdamente deciso di togliere il Taj Mahal da tutte le sue pubblicazioni turistiche. Il… Leggi tutto »

La forza di un Ave Maria in aula

È accaduto tutto lo scorso venerdì 13 ottobre. Nell’arco di 20 secondi, dicono. Una professoressa raccoglie l’invito di un gruppo mariano e interrompe la lezione che sta tenendo di fronte a circa un centinaio di studenti dell’Università di Macerata, per recitare una preghiera. Tutti in piedi per un pomeridiano “Ave Maria” all’insegna della la pace nel mondo. In piedi anche chi professa religioni diverse e perfino chi non crede. Per rispetto dovuto a chi crede, sia chiaro. Dopotutto il rispetto… Leggi tutto »

La clericalata della settimana, 40: 4600 insegnanti di religione immessi in ruolo

Ogni settimana pubblichiamo una cartolina dedicata all’affermazione o all’atto più clericale della settimana compiuto da rappresentanti di istituzioni o di funzioni pubbliche. La redazione è cosciente che il compito di trovare la clericalata che merita il riconoscimento sarà una impresa ardua, visto l’alto numero di candidati, ma si impegna a fornire anche in questo caso un servizio all’altezza delle aspettative dei suoi lettori. Ringraziamo in anticipo chi ci segnalerà eventuali “perle”. La clericalata della settimana è del Ministero dell’Istruzione che avvierà… Leggi tutto »

La scomparsa di Dio

Pare che Dio faccia un po’ il prezioso, ultimamente. Vien da pensarlo, ascoltando le parole pronunciate qualche settimana fa da un autorevole cristiano: il papa. Bergoglio ha infatti invitato i fedeli a chiedere all’Onnipotente di farsi vedere. Come ha notato Luigi Accattoli, anche il predecessore di Francesco, Benedetto XVI, aveva detto qualcosa di simile (senza apparentemente successo): “Signore Gesù, mostrati di nuovo al mondo in quest’ora”. Secondo il vaticanista del Corriere della Sera, la circostanza sarebbe una dimostrazione che “i… Leggi tutto »

La gravidanza delle altre

Qualunque cosa se ne pensi, sul fatto che la gravidanza sia centrale negli anatemi moralisti cattolici non dovrebbero esserci dubbi; basti pensare alla rigida opposizione all’Ivg. È centrale perfino la fase che vi prelude, dal rapporto sessuale che dovrebbe, secondo la dottrina cattolica, essere visto come mezzo per raggiungere quel fine ultimo che sarebbe la procreazione — quindi no e poi no ai metodi anticoncezionali che non siano basati sull’astensione — al concepimento, che per essere accettabile non deve essere… Leggi tutto »