Proposte di lettura

Segnaliamo alcuni libri usciti recentemente in cui si approfondiscono i temi di cui si interessa l’Uaar. Se pensate di acquistarli potete farlo utilizzando i link a IBS qui sotto: in tal modo contribuirete a sostenere l’associazione. Grazie!

Giovanni Gaetani, Come se Dio fosse antani. Ateismo e filosofia senza supercazzole (Nessun Dogma)
I filosofi amici vostri ma anche tanti filosofi che avete odiato. Tutti alle prese con il problema-Dio, sfornando “soluzioni” molto diverse fra loro. I grandi temi della filosofia atea affrontati in un modo accessibile per chiunque.

Steven Pinker, Enlightenment Now: The Case for Reason, Science, Humanism, and Progress (Penguin)
Forse è sin troppo positivo, Pinker, ma si tratta di un monumentale libro che tutti i laici e gli atei pessimisti dovrebbero leggere. Il mondo odierno è migliore, e lo è anche grazie a loro.

Vera Pegna, Autobiografia del Novecento. Storia di una donna che ha attraversato la Storia (il Saggiatore)
Una vita spesa a creare un futuro diverso, quella di Vera Pegna, che ora ha scritto un libro con lo stesso intento. Un capitolo è dedicato al suo impegno nell’Uaar, per una sempre più indispensabile laicità.

Matteo Mainardi (a cura di), Testamento biologico e consenso informato. Legge 22 dicembre 2017, n. 219 (Giappichelli)
Se la legge sulle direttive di fine vita è una realtà molto merito va attribuito a Mainardi, che coordina il comitato Eutanasia Legale. Il libro aiuta a comprendere i contenuti del provvedimento.

Carlo Tamagnone, Nicolas Condorcet. L’ateismo progressista e femminista (Diderotiana)
L’ultimo degli illuministi fu anche il più moderno di essi. Condorcet fu troppo moderno persino per la Rivoluzione francese. Ed è ancora così moderno da poter rappresentare anche oggi un esempio inimitabile.

Marika McAdam, Freedom from Religion and Human Rights Law. Strengthening the Right to Freedom of Religion and Belief for Non-Religious and Atheist Rights-Holders (Routledge)
La libertà di religione comprende la libertà dalla religione. Facile a dirsi: la pratica si fa beffe dei diritti umani. Come documenta questo ottimo libro accademico.

Filomena Gallo, Mario Perduca (a cura di), Proibisco ergo sum. Dall’embrione al digitale, divieti e proibizioni made in Italy (Fandango)
Tanti contributi per tanti divieti vigenti nel nostro paese (ma non solo). Senza dimenticare che le proibizioni sono spesso di origine religiosa, come ricorda Emma Bonino nella prefazione.

Johannes Agterberg, Libertà di decidere. Fine-vita volontario in Olanda (New Press)
Un olandese che vive in Italia vuol dimostrare che la sua patria non è il regno della morte facile. E ci riesce benissimo, con un testo denso di documentazione. Se solo lo leggessero i clericali…

H.P. Lovecraft, Contro la religione. Gli scritti atei di H.P. Lovecraft (Nessun Dogma)
La fama di Lovecraft è sempre più grande. Aumentano sia le pubblicazioni delle sue opere, sia i commentari, ma mancava una raccolta dei suoi scritti sulla religione. Questo libro colma la lacuna.

Walter Quattrociocchi, Antonella Vicini (a cura di), Liberi di crederci. Informazione, internet e post-verità (Codice)
Internet sta cambiando il mondo. Più per il peggio che per il meglio, viene spesso da pensare, visto il dilagare della disinformazione. Il dialogo e il dubbio sono i migliori antidoti a questa deriva.

Stefano Bigliardi, La mezzaluna e la luna dimezzata. Islam, pseudoscienze e paranormale (Cicap)
Tutto il mondo è paese. Anche perché il genere umano è ovunque vittima di credenze indimostrate, religiose e no (e nello stesso tempo). I musulmani non fanno eccezione, e questa interessante ricerca lo conferma.

Matteo Loconsole, Storia della contraccezione in Italia tra falsi moralisti, scienziati e sessisti (Pendragon)
La vendita di contraccettivi è consentita in Italia soltanto dal 1971. La lotta per ottenerla è stata molto più lunga. Perché si è dovuto combattere non solo i clericali, ma anche alcuni laici, atei, addirittura rivoluzionari.

Michael Shermer, Heavens on Earth: The Scientific Search for the Afterlife, Immortality and Utopia (Holt)
La nostra specie non accetta facilmente la morte. Per sfuggirle è arrivata a crearsi le religioni o a cercare soluzioni tecniche per raggiungere l’immortalità. Michael Shermer ci racconta l’infinita storia di questi tentativi.

Marco Marzano, La Chiesa immobile. Francesco e la rivoluzione mancata (Laterza)
Si può parlare di rivoluzione mancata solo se si crede che la Chiesa possa essere rivoluzionata. Ma quante reali possibilità ci sono? Basterebbe prenderne atto, per evitare illusioni e delusioni.

Tim Crane, The Meaning of Belief: Religion from an Atheist’s Point of View (Harvard University Press)
Un ateo rimbrotta tutti quegli atei che pensano il senso ultimo della religione sia di spiegare l’universo. Ha ragione, ma non deve per questo minimizzare gli aspetti negativi della fede.

Mauro Orletti, Guida alle reliquie miracolose d’Italia (Quodlibet)
Ogni volta che ci si accosta a racconti di reliquie è difficile trattenere un sorriso — e quelli di Orletti sono scritti molto bene. Ma resta come sempre il mistero (della fede): perché tanti fedeli ci credono ancora?

Gabriele Del Grande, Dawla. La storia dello Stato islamico raccontata dai suoi disertori (Mondadori)
Diventato suo malgrado famoso per aver passato due settimane in una prigione turca, Del Grande ha scritto un saggio sotto mentite spoglie narrative, da cui affiorano le motivazioni dell’impegno nell’Isis.

Edoardo Boncinelli, Un futuro da Dio. Così il progresso dei «sapiens» conduce verso l’immortalità (Rizzoli)
Non è per nulla chiaro cosa significhi “progresso”. Ma certo siamo arrivati a un punto che può condurre molto lontano la nostra specie. Troppo lontano? Il dibattito etico è aperto…

Lo staff della Biblioteca Uaar

Archiviato in: Lettura